ABOUT ME
CONTACT ME
ARTICLES

Bibliography
Bibliografia

 


This is war: the horror, the lies

 

 

TITOLO: The foul unmistakable odour of failure, il Disgustoso e inequivocabile odore della sconfitta

WRITTEN BY: Lorenzo Matteoli

DATE: July 10th 2005

edited by Wendy Charnell


The foul and unmistakable odour of failure*
Lorenzo Matteoli
Monday, January 10, 2005

* the title in of a New York Times op-ed by Bob Herbert


“….Something’s got to give. The nation’s locked in a war that’s going badly. The military is strained to the breaking point. And it’s looking more and more like the amateur hour in the places that are supposed to provide leadership in perilous times – the Pentagon and the White House.”
Bob Herbert, New York Times, January 20, 2005
http://www.nytimes.com/2005/01/10/opinion/10herbert.html?oref=login&th


Foreword
Fear is the beginning of wisdom or the road to madness. The following is a possible scenario – lending itself to adjustments and variations.
We all suffer as a result of the monstrous predicament in which we’ve been placed by the leading Nation of the West, brought about by Bush and his arrogant and incompetent accomplices. The years to come will be even worse: it will take generations for America to recover from the trauma and the shame and the process has not yet begun.

Looking ahead...in the dark.


After the January elections (if they are actually to be held in the midst of horrific carnage and whatever their results may be), the control of the country will shift to the Shiites theocrats. The two Islamic sects, the young fanatic radicals (Moqtada al Sadr) and the older fundamentalists (Al Sistani), will fight the Sunni Saddam revanchist insurgents for the treasure chest - Iraqi oil resources. The Shiites will win with the open support of Iran.
The 200,000-strong US Army, devastated by the arrogant incompetence of Rumsfeld and Wolfowitz, militarily and morally defeated, will leave the country as quietly as possible, secretly negotiating humiliating exit conditions. Army personnel will be allowed to leave with what they wear and one change of undies, with all the hardware to remain in Iraq. They will accept anything to avoid the horrible scene of the tragic rush to the last chopper leaving from the US Embassy roof in Saigon.
The official political spin and the subservient US media will hide the blatant evidence of the defeat. W. Bush Jr will mindlessly stammer thuggish lines about victory: the paper bag now on his head will be made of leather with steel buckles. His power syndrome will not allow him to see the tragedy - like a mad Shakespearean character, blindly pouncing about the bloodied stage delivering incoherent lines. A pathetic ”bad” John Wayne, wobbly walk and hands off the hips, in the ready-to-shoot mean posture like in the cow-boy movies worst clichee. Clint would have been a more palatable role model.
Uncertain, wavering, divided, insulted Europe will not intervene. (Bush called the French: “turncoat cheese-eating monkeys”)
The Sunnis will proceed to a few months of systematic carnage of “collaborators” and of Shiite political leaders. The civil war will not last long: Arab culture knows how to deal with the matter.
The Shiite theocracy will control the Sunni resistance in the usual blood-bath “Islamic” style. Thousands will be arrested, tortured and secretly executed. Possibly 5% of them will be militant Sunni insurgents. 95% of them ordinary Sunni Ali Muhammads (Arabic for John Doe), final vindication for all the suffering of the 30 years of Saddam Sunni regime.
The Kurds in Northern Iraq will consolidate their independence and complete the ethnic cleansing of the Sunnis which Saddam Hussein “forcefully” located in their region. With the US Army hardware “surplus” they will set up the most powerful and well equipped fighting outfit in the region. The attempt to control Kurdish Oilfields by the Shiites (or anybody else) will result in a swift, radical reaction (a few thousand throats cut on the first day) by the very well organized and effective Kurdish Army in the sacred name of the heroic “Peshmerga” and for the sacred memory of Commander Massud.
The UN will probably be called in to spend the billions of US Dollars (the price for safe exit) under total Shiite control.
Iraqi oil will be sold (possibly against Euros and not US dollars) to China, France and Germany. Vladimir Putin will negotiate some complicated deal to obtain some of it via obscure triangulations. Italy will be saved by the ENI informal secret diplomacy that has been active on all the possible fronts since the beginning of the war.
The price of the barrel will start the long ascent to 100.00 Euros by 2010 ( 1.5 US $ to the Euro by then).
The American People will believe that the war in Iraq was a great victory of the US “Democracy & Freedom” and will be satisfied that the xx thousand GIs and Marines have died for a noble cause. Guantanamo will be dismantled and all the Taliban and Iraqi prisoners will be sent home (as per exit negotiations), but nobody will ever know that.
There is a chance that the US will start a consistent campaign to induce energy-saving first and, later, the transition to some other source; this will not happen with Bush at the White House, but immediately after.
Hollywood will manufacture hundreds of “Iraqi war” movies that will secure huge profits for the industry for the next 50 years, the profits abundantly covering the huge costs of the war. These costs will be downplayed - after all, you have to have an Army anyway and the difference between keeping it in the US or sending it to Iraq is just the travel costs: a mere pittance! The bombs and arms would have become obsolete in less than 5 years, so it was a good idea to use some of them and have a bit of practice.
The dead GIs and Marines will, of course, have nothing to say about the whole deal. The dead Iraqis may have had something to say, but not many people understand Arabic in the United States! And them there Airakis are dead anyway, as Bush would say.
W. Bush Jr. will go into history as a hero and the great defender of American values. Michael Moore will disappear in some unaccounted-for way.
The financial markets will set the real values and put the right price tags on every item: they are already “calling” and it’s a call that cannot be ignored.
If a tsunami with absolutely zero political or moral motivation can kill 200,000 people in three hours, why the big fuss over the few thousand who died to bring Freedom and Democracy to the oppressed Iraqi people?
Who said that tectonic plates have more authority than the United States of America?

LM




L’inequivocabile, digustoso odore della sconfitta*
Lorenzo Matteoli
Lunedi, 10 Gennaio 2005.

* il titolo di un editoriale del New York Times firmato da Bob Herbert


… qualcosa deve cedere. Il paese attanagliato in una Guerra che va male. L’esercito al limite di rottura. E nei luoghi dai quali dovrebbe venire la guida in tempi di pericolo, il Pentagono e la Casa Bianca, sembra di essere all’ora del dilettante…”
Bob Herbert, New York Times, 10 Gennaio, 2005.
http://www.nytimes.com/2005/01/10/opinion/10herbert.html?oref=login&th


Premessa
La paura è l’inizio della saggezza o la porta della follia. Quello che segue è uno scenario possibile sul quale fare personali aggiustamenti e variazioni.
Tutti soffriamo per la mostruosa sciagura nella quale Bush e i suoi arroganti e incompetenti complici hanno portato gli Stati Uniti. Gli anni a venire saranno anche peggio: ci vorranno generazioni prima che l’America esca dal trauma e dalla vergogna e il processo non è ancora incominciato.

Guardando avanti ... nel buio.


Dopo le elezioni del 30 Gennaio (se si svolgeranno in mezzo a un orrenda carneficina) e qualunque sia il risultato, il controllo del paese passerà alla “teocrazia” Sciita. Le due sette islamiche, i giovani fanatici radicali con Moqtada el Sadr e i vecchi più pacati e meno apertamente fondamentalisti con Al Sistani si confronteranno con i revanchisti saddamiani Sunni per conquistare il tesoro: le risorse petrolifere dell’Iraq e il loro assoluto controllo. Gli Sciiti vinceranno con l’aperto appoggio dell’Iran.
L’Esercito Americano con i suoi duecentomila uomini, devastato dalla arrogante incompetenza di Rumsfeld e Wolfowitz, moralmente e militarmente sconfitto, lascerà il paese in silenzio trattando segretamente condizioni di ritirata umilianti. Solo gli uomini con i vestiti che indossano e un cambio di mutande potranno uscire: tutti gli armamenti e tutto il materiale dovrà restare in Iraq.
Tutto accetteranno pur di evitare l’incubo della tragica corsa all’ultimo elicottero in partenza dal tetto dell’Ambasciata di Saigon.
La manipolazione politica ufficiale e i media di servizio Americani nasconderanno la pavimentale evidenza della disfatta. W. Bush con ebete arroganza abbaierà insulse battute di vittoria: il sacchetto di carta che ha oggi in testa sarà diventato un pesante cappuccio di cuoio con borchie in ferro. Ubriaco di potere non riuscirà nemmeno a vedere la tragedia: come un folle personaggio Shakespeariano brancolerà cieco sul palcoscenico insanguinato urlando le sue battute incoerenti.
Un patetico finto John Wayne, con l’andatura dondolante e le mani allargate sui fianchi nella posizione di pronto-a-sparare del peggiore cliché “western”. Clint sarebbe stato un modello più palatabile.
L’Europa dubbiosa, divisa, disprezzata e insultata si guarderà bene dall’intervenire (Bush chiamò i Francesi “…scimmie voltagabbana mangia-formaggio”).
I Sunni sconfitti proseguiranno per qualche mese il macello sistematico di “collaboratori” e di rappresentanti politici Sciiti. La Guerra Civile non durerà a lungo: la cultura Araba sa come trattare il problema.
La teocrazia Sciita controllerà la “insurgency” Sunni con il consueto bagno di sangue di stile Islamico. Migliaia di arresti, torture ed esecuzioni segrete: il 5% saranno militanti Sunni e il 95% poveri sfigati qualunque. Sarà la vendetta finale per i trentanni di sofferenze sotto il regime Sunni Saddamiano.
I Kurdi nel Nord dell’Iraq consolideranno la loro autonomia e completeranno la pulizia etnica dei Sunni che Saddam aveva forzato nella regione. Con gli avanzi degli armamenti lasciati dall’Esercito Americano organizzeranno il corpo militare più potente e bene equipaggiato della regione. Ogni tentativo di controllare i giacimenti di petrolio in territorio Kurdo da parte degli Sciiti o di chiunque altro verrà risolto con micidiale e rapida efficienza dalle Forze Armate del Kurdistan libero che combatteranno nella tradizione eroica dei “Peshmerga” e per la sacra memoria del Comandante Massud.
Le Nazioni Unite saranno probabilmente chiamate a spendere i miliardi di dollari USA per conto degli Sciiti e sotto il loro controllo. Il petrolio Irakeno verrà venduto contro Euro alla Cina, Germania e Francia. Vladimir Putin tratterà qualche accordo complicato per acquisirne un po’ attraverso oscure triangolazioni. L’Italia verrà salvata dalla diplomazia segreta ufficiosa dell’ENI che ha giocato su tutti i fronti disponibili fin dall’inizio del conflitto.
Il prezzo del barile comincerà la lunga ascesa per arrivare a 100,00 Euro nel 2010, il cambio sarà 1,5 US $ per Euro circa).
Il Popolo Americano crederà che la guerra in Iraq sia finita con una gloriosa vittoria della “Freedom and Democracy” USA e accetterà le xx migliaia di Marines e GI morti per una causa nobile. Guantanamo sarà smantellata e tutti i prigionieri Talebani e Irakeni verranno mandati a casa (come da negoziato per la ritirata dall’Iraq), ma nessuno verrà mai a saperlo.
Ci sono possibilità che gli US inizino una seria campagna per il risparmio energetico e per la transizione a qualche altra fonte di energia, ma questo non succede con Bush alla casa Bianca, subito dopo.
Hollywood produrrà centinaia di film sulla “guerra in Iraq” che assicureranno enormi profitti all’industria per i prossimi 50 anni: i profitti copriranno abbondantemente i costi della guerra. I costi della guerra comunque verranno minimizzati: dopo tutto un esercito si deve avere comunque e la differenza fra tenerlo in America o altrove è solo nel costo del viaggio: una miseria! Le bombe e le armi sarebbero comunque diventate obsolete in meno di 5 anni e quindi è stato bene utilizzarle e fare un po’ di pratica.
I Marines e i GI morti non avranno molto da dire. I morti Irakeni potrebbero avere qualcosa da dire, ma pochi capiscono l’Arabo in America (oltre shakren, insh’Allah e bakshish) e comunque gli Irakeni sono morti. Come direbbe Bush.
Bush Jr., Rumsfeld, Wolfowitz entreranno nella storia come grandi eroi difensore dei “Valori” Americani. Michael Moore sparirà in qualche anonimo modo.
I mercati finanziari stabiliranno i veri valori e metteranno il giusto prezzo su ogni articolo: stanno già mandando segnali che non possono essere ignorati.
Se uno Tsunami privo di qualunque valenza politica o motivazione etica si può permettere di uccidere 200 mila persone in tre ore, perché tante storie per qualche migliaio di morti fra l’altro caduti per portare la libertà e la democrazia al popolo Irakeno oppresso?
Chi ha mai detto che le piattaforme continentali debbano essere più autorevoli degli Stati Uniti d’America?

LM