ABOUT ME
CONTACT ME
ARTICLES

Bibliography
Bibliografia

TITOLO: About Style and elections in Iraq

WRITTEN BY: Lorenzo Matteoli

DATE: January 2005

Editing: Mrs Wendy Charnell


Two elections, no exit.

On January 14, 2003, The New York Times published an editorial entitled “A Sham Referendum.”, in anticipation of the vote (in Chechnya)
“The idea that a fair test of Chechen opinion can be carried out in the present climate of intimidation is ludicrous,”
On January 31, 2005, The New York Times published an op-ed by Bartle Breese Bull on the Iraqi elections:
“Iraqis have just elected the only legitimate government between Istanbul and New Delhi. The prestige and moral force of popular representation cannot be denied, even by Washington.”
The Russian Army in Chechnya, the US Army in Iraq.
The bad ones there, the good ones here.
I wish the Iraqi people all the good they need and deserve, but let us not be fooled by our wishes.
The “insurgency” after the elections will become the fight of the Sunnis to take back the control that they lost with Saddam’s fall.
The elected members of the new democratic and free Iraq will be threatened, killed, videotape-executed in the name of one of the many Jihads, with the blessing of more than one of the many available Imams.
The free and democratic Parliament of Iraq will approve laws that stand no chance of implementation because the laws will be dictated by suicide attacks and by car bombs.
The behavioral pattern of the US Army that has been responsible for the disastrous about-face of the Iraqi people after the first few days of elated reaction will not change: the Rumsfeld culture will still be there, the modus operandi of the GIs and of the private security details stampeding through the city of Baghdad to avoid attacks and devices will still cause deaths, grief and hate. The suicide bombers and the “devices” will still kill young GIs and civilians, feeding the never-ending spiral of mutual hate and the thirst for biblical retaliation.
The difference will be that the provisional fake “exit strategy” supplied by the elections will no longer be available.
The question is: What is Plan B?
Another election?
The denial of evidence will never bring about any serviceable strategy, let alone an “exit” one.
Does anybody really believe Bush and Rumsfeld will ever “concede”?
The real problem is that they think they are right and that there is nothing to concede. Machiavelli advised the Prince to use lies wisely, but not to lie to himself.
Optimism is mandatory: that is particularly true when things are really bad and getting worse
This is why I sincerely wish to be proved wrong.

Lorenzo Matteoli
February 2nd, 2005


 

 

About style

Bruno Caudana, commenting on my short essay on the elections in Iraq, very kindly asked me if I really believed that the metaphorical Machiavellian Prince was lying to himself.
Bruno teaches the re-assessment of current critical thinking on the basis of “non-ethics” and his essays should be mandatory reading for anybody interested in the illusory concepts of Good and Evil. You can find him at:
http://www.adaptive.it/home.htm
He always calls me to order, with the grace and gentle but firm ways of his Savoy culture, challenging my original sin to look for an “ethical” explanation of the world and of what happens there: whereas, in order to understand, one should apply the ineffable, but rigorous categories of “non-ethics”.
Ethics” is a murky invention that for millennia has been used by the powerful, the priests and the wealthy to control the rest of the population. Which is us.
Let us then see why for “non-ethics” reasons the war in Iraq, and the behaviour of the interested parties, is absolutely revolting.
After some considerable thought I have decided that it is a matter of “style”: what is revolting is the vulgarity of it all.
Basically we all understand that the war is an oil war, necessary to keep the US and all the related economies (ours too) in control and to reward approximately 20% of the inhabitants of the Planet for an unlimited time, with a cosy existence in the warmth of permanent and structural environmental waste.
The remaining 80% can die in the cold, from hunger or whatever sickness arises due to endemic misery in a perfectly consistent “non-ethics” way: any worry or fear is painfully “ethical”. As any indignation for the Tsunami would be.
Wars have always been necessary, they are imbedded phenomena of the evolutionary process and the pacifist scandal is inherently ethic, in fact “path-ethic”. The objective of wars is to define a winner and a loser and when they are fought they are fought with all possible means to bring maximum damage to the enemy (the bad guys) with minimum damage and risk for us (the good guys).
This banal and solid assumption stated, we now have to understand why, in the light of “non-ethics”, Mr Bush’s war is revolting.
Simple: instead of waging war, massacring the enemies, destroying infrastructures and controlling land and the resources within, Bush insists in stuffing us with the “freedom and democracy” codswallop: that is to say peddling an obscene, infantile “ethical” justification for his war, which is instead neatly dictated by pure “non-ethics” reasons.
That is why I am disgusted: to see and hear Bush continuously wash his mouth with ugly and vulgar pseudo heroic moralistic babble, while he is waging a war dictated by precise and clear “non-ethics” motivations.
Make your rotten war and do not bore us with your vain squawks.
Try to wage your war in a military professional clean way, and not as a highway bandit. Fire your incompetent generals, send home the torturers and the Abu Ghraib psychos, do not cheat your subjects with the “freedom and democracy” litter. The world public opinion is mature and capable of understanding the “non-ethics” motivations of your war. There is no need to cheat with ideological Christian-Judaic moralistic junk.
This is the “style” problem that disturbs me.
The World, after millennia of religious and “ethics” fraud, should be able to acknowledge a Chief with the courage of his “non-ethics” choices, who wages the wars he believes necessary to uphold the interests of his subjects, the thirst for power and the greed of his corporations, in the ways that wars dictate as inevitable. These are certainly not pleasant, but are always better said and seen for what they are and not for what current hypocrisy tries to mystify. There are no heroes: only dead persons who did not want to die.
If Bush does not have the courage for this healthy and clear-cut standing he is not entitled to wage a war neither ideologically nor culturally and he has no right to impose a war on us with his bullshit about “freedom and democracy”.

Lorenzo Matteoli
Scarborough, February 3rd, 2005



Due elezioni, nessuna via d’uscita.

Il 14 Gennaio 2003 il New York Times pubblicò un editoriale di commento preventivo delle elezioni in Chechnya con il titolo: “Un Referendum fraudolento”.
“L’idea che nell’attuale clima di intimidazione si possa effettuare una verifica onesta della pubblica opinione dei Ceceni è grottesca”.
Il 31 Gennaio 2005 il New York Times pubblica un editoriale firmato da Bartle Breese Bull sulle elezioni in Iraq:
“Gli Irakeni hanno eletto l’unico governo legittimo tra Istanbul e Nuova Delhi. Il prestigio e la forza morale della rappresentanza popolare non può essere negato, nemmeno da Washington”.
L’Armata Rossa in Chechnya, la US Army in Iraq.
I cattivi di la, i buoni di qua.
Auguro agli Irakeni tutto il bene del quale hanno bisogno e che si meritano, ma non possiamo lasciarci ingannare dai nostri buoni desideri.
La “insurgency” dopo le elezioni diventerà la lotta dei Sunniti per riprendere il controllo che hanno perso con la caduta di Saddam. I membri eletti del nuovo parlamento libero e democratico dell’Iraq saranno minacciati, uccisi e video-giustiziati nel nome di una delle tante Jihads con la benedizione di più di uno dei molti disponibili Imams.
Il Parlamento libero e democratico dell’Iraq approverà leggi senza nessuna speranza che possano essere applicate perchè la legge sarà dettata dai suicidi-bomba e dalle auto-bomba.
Il modello di comportamento dell’Esercito Americano che ha provocato il drammatico cambiamento nella opinione pubblica Irakena dopo i primi giorni di entusiasmo non cambierà: la cultura di Rumsfeld sarà sempre al potere, il modus operandi dei militari e dei mercenari assoldati per servizi di sicurezza che attraversano Baghdad a tutta velocità per evitare attacchi e “ordigni esplosivi informali” (IED) provocheranno incidenti, morti, dolore, odio e desiderio di vendetta. I suicidi-bomba e gli “ordigni” continueranno a uccidere militari e civili, alimentando la spirale di odio e la sete di rappresaglia.
La differenza sarà che la illusoria ipotesi di “strategia di uscita” fornita dalle elezioni non ci sarà più.
La domanda è “qual’è la strategia di riserva?”
Altre elezioni?
La negazione dell’evidenza non consentirà mai una strategia operabile, men che meno una “strategia di uscita”.
Qualcuno pensa che Bush o Rumsfeld ammetteranno mai i loro errori?
Il vero problema è la loro convinzione di essere nel giusto: Machiavelli consigliava al Principe di usare saggiamente la menzogna, ma non di mentire a se stesso.
L’ottimismo è obbligatorio: ciò è particolarmente vero quando le cose vanno di male in peggio.
Per questo desidero sinceramente venire smentito dai fatti.


Lorenzo Matteoli
2 Febbraio, 2005

 

Dell’eleganza

Bruno Caudana, rispondendo al mio pensierino sulle elezioni in Iraq, mi ha cortesemente ripreso chiedendomi se ero proprio sicuro che il metaforico Principe Machiavellico mentisse a se stesso.
Bruno insegna la rifondazione del pensiero critico corrente sulla base della non-etica e dovrebbe essere attentamente letto da chiunque si interessi alle illusioni di Bene e di Male. Lo trovate a:
http://www.adaptive.it/home.htm
Ogni volta mi richiama, con tratto ed eleganza Sabauda, dal mio peccato originale di voler trovare una spiegazione “etica” al mondo e alle sue vicende: dove invece, per capire, si dovrebbero applicare le ineffabili, ma rigorose categorie della non-etica.
L’Etica è invenzione losca che da millenni serve per consolidare al potere i potenti, i preti e i ricchi e per fottere i quisque de populo. Cioè noi.
Vediamo allora per quale ragione, assolutamente non etica, la Guerra in Iraq mi disgusta e il comportamento delle parti interessate mi disturba profondamente.

Dopo attenta riflessione ho deciso che si tratta di una questione di “eleganza”: mi disgusta la volgarità.
In fondo tutti comprendiamo che la guerra è guerra di petrolio, necessaria per mantenere gli Stati Uniti e le economie occidentali correlate (anche la nostra) in controllo e per garantire al 20% circa degli abitanti del Pianeta, per tempo indefinito, una esistenza agiata nel tepore dello scialo ambientale strutturale, sistematico e permanente. L’80% può morire di freddo, fame e varie malattie conseguenti alla miseria in modo consistente con le categorie della non-etica: ogni preoccupazione o affanno è penosamente etico, anzi patetico (pathos-etico). Come scandalizzarsi per lo Tsunami. Le guerre sono sempre state necessarie, sono ineludibili fenomeni del processo evolutivo e lo scandalo pacifista è solo apprezzabile, appunto, come patetico. Le guerre hanno come scopo quello di definire un vincitore e un perdente e quando si combattono si combattono con ogni sorta di mezzi finalizzati, con il minimo danno e rischio nostro, a produrre il massimo danno alla controparte.
Posta questa banale e solida premessa, resta da capire come mai, alla luce della non-etica, la guerra di Bush è disgustosa.
Semplice: invece di fare la guerra, massacrare i nemici, distruggere infrastrutture e controllare i territori conquistati e le allegate risorse, Bush continua a rompere i coglioni con la fregnaccia della “freedom and democracy”: ovvero proponendo una laida e puerile giustificazione etica per la sua guerra che è invece, pulitamente, dettata da squisite ragioni non-etiche.
Ecco la ragione del mio disgusto: vedere e sentire il Bush sciacquarsi la bocca con sgangherati e volgari vaniloqui di moralismo pseudo-eroico mentre sta conducendo una guerra dettata da precise e chiare ragioni non-etiche.
Faccia la guerra e non rompa i coglioni!
E cerchi di farla in modo militarmente professionale, pulito e non da straccione, bandito di strada. Licenzi i generali incompetenti, i torturatori e gli aguzzini maniaci, non inganni i suoi sudditi con le melensaggini della “freedom and democracy”. Il pubblico mondiale è maturo e capace di comprendere, se non di accettare, le motivazioni nettamente non-etiche della sua guerra, non ha bisogno di inganni e cianfrusaglie ideologiche buoniste, cristiano-giudaiche.
Ecco il problema di “eleganza” che mi disturba.

Il mondo dovrebbe essere capace, dopo millenni di inganni etico-religiosi e preteschi, di apprezzare un capo che ha il coraggio della sua non-etica e fa le guerre che ritiene necessarie per tutelare gli interessi dei suoi sudditi, la sete di potere e l’avidità delle sue imprese e corporazioni, nei modi che le guerre dettano come inevitabili. Che non sono certamente piacevoli, ma che sono sempre meglio detti e visti per quello che sono e non per quello che l’ipocrisia corrente li vuole falsare. Non ci sono eroi: ci sono solo morti che non avevano nessuna voglia di morire.
Se non ha il coraggio di questo sano atteggiamento non-etico, la guerra il Bush non se la può permettere nè culturalmente nè ideologicamente e non ce la deve imporre con le sue stronzate sulla libertà e sulla democrazia.

Lorenzo Matteoli
Scarborough 3 Febbraio, 2005