ABOUT ME
CONTACT ME
ARTICLES

Bibliography
Bibliografia



TITOLO: Bush has lost/Bush ha perso

WRITTEN BY: Lorenzo Matteoli

DATE: November 12th, 2006

Bush has lost*
Lorenzo Matteoli
November 12, 2006

 

What has changed in the US
Control of the US Congress, House and Senate has shifted from the Republicans to the Democrats.
The President is no longer backed by a Congress majority. Virtually all the power is now in the hands of Nancy Pelosi the lady Speaker of the Congress (http://www.house.gov/pelosi/), the office which ranks third in the line of power according to the US Constitution, after the President and the Vice-President, with the very important detail that Nancy has got the votes to approve bills whereas Bush has only the power to veto them.

According to the rules, the American President can veto the laws approved by Congress. However, it is not going to be an easy matter for Bush to implement his veto power. The Congress, now controlled by the Democrats, can hold him in the grip of a possible impeachement, starting the procedure or merely airing the possibility to do so. The claim has been on the cards of the American Left for a while and, against Bush, it does have sound supporting constitutional motivations. In her campaign, the future Speaker, Nancy Pelosi, stated that she has no intentions of doing that but the mere possibility is an uncomfortable limit for Bush. He will have to carefully avoid frontal clashes with the majority and seek bipartisan cooperation; something he has already started to attempt with many statements and blunt, if not vulgar, approaches.

The “political capital” that Bush has shamefully squandered after his November 2004 second term confirmation is now in the hands of the Democrats.
To understand how they will spend it, one has to carefully watch the present internal situation of their Party and its factions:

New Democrats, Centrists and Democratic Leadership Council (DLC) (Senator Joseph Lieberman, Virginia Gvrnr Mike Warner, Iowa Gvrnr. Tom Vilsack, Al From (DLC leader).
Libertarian Democrats
Progressive Democrats (Dennis Kuchinich, James H.Dean, Jim McDermott, John Lewis)
Unions (Sherrod Brown, Byron Dorgan, John Edwards)
Liberal Democrats (Barbara Boxer, Nacy Pelosi, Russ Feingold, Ted Kennedy, Tom Harkin) in this area, also Bill and Hillary Clinton.
Conservative Democrats (Bob Nelson, Ken Salazar, Mary Landrieu, Ike Skelton, Gene Taylor, Jim Marshall, Henry Cuellar, Haorld Ford Jr.) in and out J. Lieberman

This is not a simple asset to manage: from the radical left (a la Noam Chomsky) through the centrist moderates to a conservative fringe (Joseph Lieberman) that on some issues was aligned with the Republicans (the war in Iraq, stem cells, gay marriage)

Nancy Pelosi will have to work very hard in order to bring the various factions together on a line of government that has to tactically and strategically tackle the following problems:

-       a sustainable if not honourable exit from the Iraq quagmire
-       upkeep of American interests in the Middle East
-       upkeep of home security
-       promotion of the Economy (it’s the Economy stupid!)
-       transition to energy independence
-       reconsideration of reactionary bills passed under Bush (Patriot Act renewal, stem cells, aggression of habeas corpus principle)
-       health care reform and welfare services restoration
-       right of immigrants
-       rejection of Bush/Cheney/Rumsfeld/Bolton unilateralism in foreign affairs

Sustainable exit from Iraq
There is no honour in the American defeat in Iraq, and a sustainable exit is not easy to design and implement. This was a war initiated under false premises (Tenet, Powell, Wolfovitz, Cheney, Rumsfeld, Bush), executed by incompetent Generals (Tommy Franks and John Abizaid) subservient to the undeserving arrogance of the Secretary of Defense Donald Rumsfeld. An afterwar managed by the Coalition Authority directed by another pathetically incompetent boy scout Paul Bremer. All in all a disgrace that will not be forgiven by History. The slaughter of Iraqi civilians has been horrendous (and still continues). In fact, collateral damage   has almost always been bordering on criminality.

I have not the slightest idea of what kind of exit strategy the Baker Hamilton study-group will suggest. The field record of this Adminstration and of its President does not allow any optimism on their ability to implement whatever proposal should be acceptable to the American voters. I think that no exit path can be tracked without a dialogue with credible Iraqi partners; a condition that implies finding credible American parties. The problem is to convince those who will be sitting at that table of the American credibility after twenty years of systematic betrayal (the Shiites and the Kurds still remember the American treason in 1992 when they were left to the butchers of Saddam who massacred thousands of them). Who will be the broker? Syria? Saudi Arabia? Egypt? Kaddafi’s Lybia? The most credible figures happen to be the least available on account of recent history.
The cost of the war has been of 350 billion dollars ($341,201,644,854 according to Information Clearing House) paid by the American taxpayer. The destruction of the Country and the hundreds of thousands killed have no price tag. Who will foot that bill? It is customary that losers pay. Is that a conceivable option for the American public?

The exit strategy will also have to solve the problem of the huge bases the Americans built in Iraq: totally autonomous fortified cities clearly designed and conceived to last for decades in the future. The idea was to keep the imperial garrisons to guard the “sea of oil”, not so practical after the defeat and certainly to be challenged in the negotiations.

There are some tough problems “to bring the boys home” with very difficult choices to be made and marginal space for negotiation, under the watchful eye of an unsympathetic World Community.
Compared with the Vietnam tragedy, defeat in Iraq is much more serious for its connection with the long term US economic paradigm and for the arrogance with which it was imposed on the rest of the World.

The Vietnam war was an ideological war: One episode of the never-ending “cold war” against the USSR and “Communism” (possibly the tail of Joseph McCarthy’s mad legacy). A huge mistake, in retrospect, to take Vietnamese nationalism for the possible domino that would have brought the whole World into the grips of the Red Empire of Evil. It definitely was a MacCarthyst twist. In Vietnam there was no oil, only ideology. In Iraq there is oil (a sea of oil acording to Rumsfeld’s sick dream) and now there is the ideology too: the rebellion against the Western Empire.

Protection of American Interests in the Middle east
American interests in the Middle East and in central Asia are the control of production and export of crude oil which will be in the hands of who will manage the huge Iraqi and central Asian oil fields in the coming decades. It is a vital issue.
The present huge foreign debt of the United States is only sustainable because it is continuously fed with capital flowing into the country and guaranteed by strategic long-term investments there.
If future energy availability cannot be secured, there will be no guarantee on capital returns with obvious consequences on financial strategies and on the US economy.
The war waged to secure control on Iraqi oil reserves is lost and with the defeat, the idea to control oil markets for the next decades has also vanished. This is the real cost, for the United States, of the defeat in Iraq. Neglecting the hundreds of thousands killed and the destruction of a country: but for Imperial bookkeeping such details would appear to be irrelevant dents.
The present civil war between Sunnis and Shiites in Iraq has nothing to do with subtle religious interpretive differences between Mohamed’s heirs (though shrewdly exploited) but is more related to the control of oil in the Southern fields (Shiites) and in the Northern fields (Kurds). There is no oil in the Sunni triangle around Tikrit. Behind the battling factions one can perceive the attention of China and of Vladimir Putin via Syria and Iran. Europe is not sitting on the fence. France and Germany are in the struggle somewhere and Italy has the ENI gnomes dealing on the wrong side (officially), a continuing heated battle,not reported in the media though minor references are made in the summary record of the Shanghai Group meetings or the press conferences on Sino-Russian plans for trans-Asian pipelines.

The United States and US Big Oil Companies do not want a new uncontrolled (by them) “swing producer”, capable of inflating or deflating oil prices by opening or closing the taps of its oil fields. This will be the game Iraq will be able to play when their production capacity is fully restored, a game that Saudi Arabia has been playing until now for the United States, but will be unable to play in the future because their huge oil-fields are on the East side of the Hubbard Bell (i.e. approaching depletion).[1]
It will not be easy for Nancy Pelosi to negotiate an exit strategy from Iraq keeping control on the “sea of oil”. Bush and the US Big Oil will keep flying the flags of freedom and democracy to maintain their grip, and the pressure of Big Money will be on their side.

Upkeep of homeland security
US homeland security can be granted only by a fair pro-active relationship with the Arab World. After years of Muslim bashing and of Islamo-Fascism denunciation during which Bush, his Cabinet and the supporting media continuously evoked the spectre of Jihad’s terrorism, that is not going to be easy. There will be problems of “face” and credibility. The difficult part will also be the radical revision of the US-Israeli relationship: a delicate matter for any political party in the States, given the power of the Israeli Lobby.
The “political capital” available to the Democrats could not be enough for this strategy, but a viable alternative does not seem to be in sight.
The problem with this line is that it will have to be pursued and maintained also if new Islamic jihads terrorist attacks should occur. Extremist factions are out of control (even by the ineffable Osama) and there are too many arms and explosives in Iraq to be sure that none of them will fall, or have already fallen, into the hands of fanatics. The responsibility of the arms and explosives lost in Iraq is one of the many that can be attributed to Rumsfeld and his Generals.

The upkeep of the US Economy
The US economy has continually flourished, first during Clinton’s terms and then with Bush. The markets never seriously considered a possible defeat in Iraq with Big Money only responding to the war economy boost. How the war would end was beyond the time frame of the common investor – another sign of the “denial” syndrome so typical of present day US political culture. Defeat, and the lost control of the oil markets will have a sobering effect and bring short and long term strategic corrections on global investors. The US Dollar will be a challenged currency. If Iran, or some other Government, should carry on the project of a Euro denominated “oil bourse” there could be interesting events in the World money markets. The US will have to deal with Europe to keep the Dollar denomination of oil which will imply a totally different attitude compared to the culture of the Simpsonian line on the French (fucking cheese eating surrender) which became a neocons current pun, so much so that some sources referred to it as a “bushism”. The US will enjoy some support from China, for a while at least, because the Chinese are heavily invested in US bonds and would hate to see their credits vanish in the blow-down. But China could also fall for the Euro charm, especially if this currency would give better long-term guarantees. This could happen as a consequence of wise management of the relationship with Vladimir Putin and his energy powerhouse Gazprom. Berlusconi’s burlesque diplomacy with Putin had some strange foresight.

Revision of recent Republican reactionary legislation
During the Republican watch and, particularly, under the influence of President Bush, using the threat of “the war on terror” a number of Bills have been passed which seriously hurt the fundamental freedom and civil guarantees of American Society. Among them, the blow to the principle of the “habeas corpus” (the right not to be arrested without substantial criminal evidence), police interference with private life, phone tapping without judiciary authorization and the set of rules stated by the infamous Patriot Act.
The Democrats will restore the civil guarantees which have been the symbol of American Democracy since the Founding Fathers - a legislative action that will imply and depend on a consistent change of the American foreign policy paradigm.
This action will be required to “stay the course” resisting the temptations induced by possible future jihad terrorist attacks.
The lesson should have been learned by now: Terror is not defeated by terror and the situation in Iraq is a clear example.
Bush has recently used his veto power to block stem cells legislation, another problem that will demand political attention and some strong management of the factions in the Democratic Party. This action will also be challenged by the powerful moralistic fanatic preachers who dominate the ideologically passive mass of the American voters.

Transition toward energy independence
Republicans have massacred the initiatives of previous US Governments and Presidents in the field of energy saving and environmental wisdom. The incentives for rational energy usage and for alternative energies that President Carter promoted must be re-launched and resumed to recover ten precious years, lost to comply with Big Oil. The United States will have to reconsider their position on the Kyoto Treaty for greenhouse gasses control, with Australia the only nation that did not sign the agreement, and the heaviest World Polluter. On the Democrats’ agenda the first basic step towards the transition is the cancellation of the tax exemptions for the Oil Companies. This was a financial rip-off and one of the many insults of the Bush/Cheney duo to rational environment and energy management, to favour their Oil Rich friends.

Rejection of unilateralism
The “Project for the American Century”, the silly neocons “manifesto” that eventually brought to the Iraq war must be denounced with its subscribers. The United States must resume a foreign policy of respect for the International Community. The United Nations must be re-formed to better respond to the present World situation so different from that of their foundation. The US ambassador to the UN, John R. Bolton, must be recalled.

A historic turn-around
These are lines which emerge from the campaign statements of the various Democratic candidates and they will be challenged by a political reality, far from their visions. They will have to be implemented, challenging the office of the President and of his men in power, avoiding possible dissent with the electorate and managing the various internal factions.
Within two years there will be a presidential election and the ground work for a future successful Democratic candidate starts now.
The first signals seem to be the right ones. Rumsfeld has been trashed and John. R Bolton is expecting a similar fate. House Speaker-to-be Nancy Pelosi (D-Calif.) yesterday endorsed Rep. John P. Murtha (D-Pa.) as the next House majority leader. We will see who the new chair-persons of the powerful Committees will be and who will be chosen as financial advisor, (I would like to see Paul Krugman there) and from January we will be able to read the new possible roadmap of this historic turn-around.
According to a campaign statement by Nancy Pelosi, she does not want to make the same mistake Newt Gingrich made when he organized Congress on a monocratic Republican paradigm, setting out the basis of the subsequent involution of the Party and in some way preparing the November 7th turn-around.
Power wears out those who misuse it.
Warm wishes to Nancy and to us.

Lorenzo Matteoli
12 November, 2006

 

 


(English translation by LM edited by W. Charnell)

Bush ha perso*
Lorenzo Matteoli
12, Novembre 2006

 

Cosa è cambiato negli Stati Uniti
Il controllo del Congresso Americano  Camera e Senato è passato dal Repubblicani ai Democratici. Bush è un presidente senza maggioranza parlamentare: il potere è quindi, virtualmente, nelle mani della Speaker del Congresso la signora Nancy Pelosi (http://www.house.gov/pelosi/) la terza carica dello Stato dopo il Presidente Bush e il Vice Presidente Cheney. Con il determinante dettaglio che Nancy dispone dei voti per fare approvare le leggi. Bush solo del potere di bloccarle.
Infatti, secondo l’ordinamento Americano, il Presidente può bloccare le leggi del Parlamento con il suo Veto. L’esercizio del potere di veto da parte di Bush sarà però difficile perchè il Parlamento, adesso dominato dai democratici, lo può mettere sotto schiaffo chiedendone l’impeachment o minacciando di chiederlo. Una misura che da molte parti della sinistra Americana si sta chiedendo da tempo e che, nei confronti di Bush, avrebbe a supporto valide argomentazioni costituzionali.
Nancy Pelosi, in campagna elettorale, ha dichiarato di non avere questa intenzione, ma la sola plausibilità costituisce per Bush un limite serio, Bush dovrà quindi evitare lo scontro muro contro muro e cercare linee di collaborazione e sinergia.
Ha già iniziato questa operazione con una serie di dichiarazioni, approcci e aperture che sono stati quasi volgari.

Il “capitale politico” che Bush ha utilizzato in modo scellerato dopo la sua conferma nel novembre 2004 è ora passato nelle mani dei Democratici.

Per capire come questi lo utilizzeranno  bisogna tenere presente la situazione interna al partito dei Democratici Americani e valutare l’equilibrio fra i diversi  gruppi presenti al suo interno:

  1. New Democrats, Centrists and Democratic Leadership Council (DLC) (Senator Joseph Lieberman, Virginia Gvrnr Mike Warner, Iowa Gvrnr. Tom Vilsack, Al From (DLC leader).
  2. Libertarian Democrats
  3. Progressive Democrats (Dennis Kuchinich, James H.Dean, Jim McDermott, John Lewis)
  4. Unions (Sherrod Brown, Byron Dorgan, John Edwards)
  5. Liberal Democrats (Barbara Boxer, Nacy Pelosi, Russ Feingold, Ted Kennedy, Tom Harkin) in questa area anche Bill e Hillary Clinton.
  6. Conservative Democrats (Bob Nelson, Ken Salazar, Mary Landrieu, Ike Skelton, Gene Taylor, Jim Marshall, Henry Cuellar, Haorld Ford Jr.) in and out J. Lieberman.

Uno spettro non facile da sintetizzare: dalla sinistra socialista libertaria e radicale (Noam Chomsky?) alla moderazione centrista con frange che su molti problemi (guerra in Iraq, stem cells) si sono allineate con i Repubblicani di Bush (Joseph Lieberman).
Nancy Pelosi dovrà lavorare per compattare le diverse frange su una linea di governo che persegua strategicamente e tatticamente:

  1. l’uscita “sostenibile” dall’Iraq (se non onorevole),
  2. la tutela degli interessi Americani nel Medio Oriente
  3. la tutela della sicurezza interna
  4. la tutela dell’economia Americana
  5. la transizione verso l’indipendenza energetica
  6. la revisione della legislazione “totalitaria” promossa da Bush (quindi la sospensione del Patriot Act ripristino dell’Habeas Corpus)
  7. la socializzazione dei servizi sanitari,
  8. i diritti degli immigrati,
  9. l’abbandono dell’unilateralismo praticato dal tandem Bush/Cheney.

L’uscita “sostenibile” dall’Iraq.
C’è poco onore nella sconfitta Americana in Iraq, ma anche l’uscita sostenibile non è facile da disegnare: una guerra iniziata su premesse false (Tenet, Wolfovitz, Powell, Rumsfeld, Bush), condotta con incompetenza (Generali Abizaid e Tommy Franks) da un esercito succube dell’arroganza del Segretario alla Difesa Rumsfeld e che ha fatto registrare episodi di incredibile vergogna sotto la gestione della Coaliton Authority guidata da un altro “malvagio” boy scout Jerry Paul Bremer rivelatosi penosamente incapace; un marchio che sarà difficile far dimenticare dalla storia. Il massacro di civili Irakeni è stato spaventoso (ed è in corso): il collateral damage è stato in realtà quasi sempre criminale.
Non ho idea di quale “exit strategy” proponga la commissione presieduta da Baker III, e se le proposte saranno vendibili all’opinione pubblica Americana. A mio avviso non c’è uscita plausibile se non si instaura un dialogo con credibili interlocutori Irakeni.  Una condizione peraltro che richiede interlocutori credibili anche da parte Americana.
Il problema è convincere le controparti della credibilità degli Americani che in Iraq da venti anni hanno sistematicamente tradito (gli Sciiti e i Kurdi nel 1992). Chi si farà mallevadore? L’Iran? La Siria? L’Arabia Saudita? L’Egitto? La Libia di Gheddafi? Le figure ipoteticamente più credibili sono anche quelle meno disponibili per storia recente.
Il costo della guerra per gli Americani è stato di circa 350 miliardi di dollari pagati dai contribuenti ($341,201,644,854 secondo Information Clearing House ad oggi 12 Novembre.
I danni alle infrastrutture del Paese e il costo delle centinaia di migliaia di morti non sono calcolabili: chi li pagherà? In genere chi perde paga e il pagamento fa parte della exit strategy, ma l’opinione pubblica Americana può concepire l’idea?

L’exit strategy dovrà anche risolvere il problema delle immense basi costruite dagli Americani in Iraq: vere città fortificate totalmente autonome, evidentemente progettate con l’ipotesi di utilizzarle per decine di anni a venire. L’idea era di mantenere le guarnigioni imperiali a guardia del “mare di petrolio”, un’idea che, dopo la sconfitta, sembra meno praticabile, e che, certamente, verrà contestata dalla controparte.

L’America ha qualche problema da risolvere per “portare a casa i ragazzi” con scelte pesanti e scarso margine negoziale.  Seduti dalla parte sbagliata del tavolo, guardati senza simpatia dal resto del mondo.
Rispetto alla sconfitta in Vietnam, quella in Iraq, è molto più grave per il suo pericoloso legame con l’economia a medio-lungo termine degli Stati Uniti e per l’arroganza con la quale è stata imposta al mondo.
La guerra in Vietnam fu una guerra ideologica nel quadro del lungo conflitto con l’Unione Sovietica e contro il “Comunismo”. Un clamoroso errore, in retrospettiva, confondere il nazionalismo Vietnamita con l’innesco di un dòmino mondiale che avrebbe portato i Comunisti all’Impero Planetario. In Vietnam non c’era petrolio, c’era solo l’ideologia. In Iraq c’è il petrolio ( a “sea of oil” secondo la battuta di Rumsfeld) e adesso c’è anche l’ideologia contro l’Impero.

La tutela degli interessi Americani in Medio Oriente.
Gli interessi Americani in Medio Oriente e nell’Asia Centrale sono il controllo della produzione e dei flussi di petrolio che nei prossimi venti anni saranno nelle mani dei gestori delle riserve Irakene e delle  repubbliche ex Sovietiche dell’Asia Centrale (Uzbekistan, Tajikistan, Turkmenistan, Kazachstan).
Si tratta di interessi vitali.
L’attuale enorme debito estero degli Stati Uniti è consentito dal continuo ingresso di denaro da tutto il mondo e garantito dagli investimenti strategici di questo capitale in America.
Se viene a mancare la certezza sulla disponibilità energetica di medio-lungo termine la garanzia del ritorno dal capitale investito in America perde credibilità con immediate conseguenze sull’economia USA.

La guerra, voluta e iniziata per garantire agli Stati Uniti il controllo sulle risorse petrolifere dell’Iraq e del Centro Asia, è stata persa e con la guerra è svanita anche l’ipotesi di governare i mercati del petrolio per i prossimi dieci-venti anni. Questo il costo della sconfitta. Per dimenticare le centinaia di migliaia di morti e la distruzione di un paese: nei bilanci imperiali si tratta di dettagli irrilevanti.

La guerra civile attualmente in corso fra Sciiti e Sunniti in Iraq ha poco a che vedere con differenze religiose fra gli eredi di Maometto (peraltro astutamente sfruttate) e molto a che vedere con il controllo del petrolio nel Sud (Sciiti) e nel Nord (Kurdi). Dietro alle fazioni sul campo si sente l’attenzione della Cina e di Vladinir Putin, tramite l’Iran e la Siria. L’Europa non sta a guardare: certamente Francia e Germania si muovono e l’Italia è presente con gli gnomi dell’ENI, che finora hanno giocato (ufficialmente) dalla parte sbagliata. Una partita in pieno svolgimento, la cui cronaca non si legge sulle pagine dei giornali; qualche indiretta sensazione si ha leggendo i comunicati delle riunioni dello Shangai Group, oppure i comunicati stampa sugli accordi Cino-Russi per la costruzione di oleodotti transuralici o transiberiani.
Gli Stati Uniti, e le grandi aziende petrolifere, non vogliono un nuovo “swing oil producer”, non controllato da loro, capace di far salire e scendere il prezzo del greggio aprendo e chiudendo i rubinetti dei suoi giacimenti.  Questo sarà il gioco che, con le sue enormi riserve, potrà giocare l’Iraq quando la sua capacità di produzione sarà restaurata. Un gioco svolto fino ad oggi dall’Arabia Saudita, di concerto con gli Stati Uniti, ma che i Sauditi non potranno più permettersi di giocare in futuro perchè il loro grandi giacimenti sono in fase di esaurimento.
Non sarà facile per Nancy Pelosi trattare l’uscita dall’Iraq mantenendo il controllo sul “mare di petrolio”. Bush e le grandi compagnie continueranno a sventolare le false bandiere della democrazia e della libertà per non mollare la presa, e la pressione del potere economico sarà dalla sua parte.

Tutela della sicurezza interna.
La sicurezzza interna degli Stati Uniti può essere garantita solo con una convinta politica di distensione con il mondo Arabo: dopo anni nei quali Bush, il suo gabinetto con il concorso di gran parte della stampa Americana, hanno continuato ad agitare lo spettro dell’islamo-fascismo e a dipingere tutti gli arabi come terroristi, istruire una linea diversa, anzi opposta, comporterà qualche problema di “faccia” e di credibilità. Sarà anche necessaria una revisione drastica dei rapporti con Israele: un’area delicata per qualunque partito politico Americano data la potenza della  Lobby Israeliana.
Il “capitale politico” potrebbe essere insufficiente per questa strategia, ma è difficile vedere un’alternativa.
La difficoltà di questa linea è che dovrà essere perseguita  e mantenuta anche i presenza di ulteriori episodi di terrorismo jihadista islamico.  Le frange estreme non sono controllabili da nessuno (nemmeno dall’ineffabile Osama) e ci sono troppe armi e troppi esplosivi a disposizione in Iraq per pensare che non possano arrivare nelle mani di gruppi fanatici. La responsabilità della grande quantità di armi e di esplosivi rimasti fuori controllo in Iraq è una delle tante responsabilità conseguenti alla incompetente gestione della guerra da parte di Rumsfeld e dei Generali Abizaid e Franks.

La tutela dell’economia Americana.
L’economia USA è stata in crescita continua prima con Clinton e poi con Bush; i mercati non hanno mai preso in seria considerazione una ipotesi di sconfitta in Iraq.  La sconfitta, la perdita del dominio sul mercato del petrolio, comporterà correzioni strategiche degli investimenti di medio e lungo termine da parte degli investitori mondiali. Il dollaro USA sarà una valuta combattuta; se l’Iran dovesse insistere e avere successo con la sua “borsa del petrolio”  basata sull’Euro invece che sul Dollaro Americano potrebbero esserci momenti  interessanti. L’America dovrà trattare con l’Europa per mantenere la denominazione del mercato del petrolio nella sua valuta: un atteggiamento diverso quindi da quello della battuta di Bush nei confronti di Chirac e dei Francesi (fucking cheese eating surrender).
C’è da dire che gli Stati Uniti possono contare, per qualche tempo, sulla difesa da parte della Cina che non intende vedere sfumare i suoi enormi crediti in valuta e in titoli di Stato Americani. Ma anche la Cina potrebbe farsi affascinare da ipotesi diverse del “more of the same” e cominciare a investire nell’area dell’Euro, specialmente se questa area desse maggiori garanzie sul medio termine. Cosa che potrebbe avvenire anche grazie a una saggia gestione dei rapporti con la Russia di Vladimir Putin e della sua Gazprom. La buffonesca diplomazia di Berlusconi aveva intuito qualcosa.

La revisione della legislazione “liberticida” promossa da Bush.
Negli anni di governo dominato dai Repubblicani e, in particolare, sotto la spinta di Bush, usando lo spettro della “guerra al terrorismo”, sono state approvate una serie di leggi che hanno seriamente aggredito le libertà fondamentali e le garanzie civili degli Americani: l’aggressione all’”habeas corpus” (il diritto di non essere arrestati senza sostanziale prova di reato), i controlli di polizia, e tutto il complesso di norme contenute nel famigerato Patriot Act.
La gestione Democratica dovrà ristabilire le garanzie che sono state caratteristica fondante della cultura degli Stati Uniti fin dai Padri Fondatori. Una azione legislativa anche questa che imporrà, o dipenderà da, una svolta radicale all’atteggiamento Americano in politica estera.
Bush ha recentemente usato il suo potere di veto per bloccare la legislazione sull’impiego di cellule staminali nella ricerca: un altro problema che richiederà attenzione politica e che non sarà facile da risolvere anche per la variegata composizione del Partito Democratico e per l’influenza nefasta dei predicatori moralisti che dominano la massa ideologicamente passiva dell’elettorato Americano. Anche in questo caso sarà necessario “mantenere la rotta” (stay the course in una diversa accezione) resistendo a tentazioni indotte da possibili ulteriori gesti di terrorismo islamo-jihadista.
Oramai il mondo dovrebbe avere imparato che non si vince il terrorismo con il terrorismo: l’Iraq ha ribadito la lezione.

La transizione verso l’indipendenza energetica
I Repubblicani hanno massacrato le iniziative di precedenti Governi e Presidenti nel campo dell’energia e dell’ambiente. La legislazione di incentivazione del razionale uso dell’energia e delle energie alternative, a suo tempo iniziata dal Presidente Carter, deve essere riesumata e rilanciata per recuperare dieci anni preziosi persi per favorie le grandi compagnie petrolifere.  Gli Stati Uniti dovranno anche rivedere la loro posizione negativa sul Trattato di Kyoto per la riduzione delle emissioni di gas di serra:  insieme all’Australia l’unico paese che non ha firmato e il massimo inquinatore mondiale.
Nel programma dei Democratici è compresa la prima fondamentale misura per questa transizione: togliere le esenzioni fiscali alle compagnie petrolifere, uno dei tanti insulti alla logica gestione energetica e ambientale di Bush/Cheney per favorire gli amici del petrolio.

Abbandono dell’unilateralismo
Il “Progetto per il Secolo Americano”, l’assurdo manifesto neocons che ha informato l’atteggiamento che ha portato alla guerra in Iraq, deve essere denunciato insieme ai suoi sostenitori. Gli Stati Uniti devono riprendere una politica estera di rispetto della Comunità Internazionale nell’ambito degli Istituti e dei Charter delle Nazioni Unite che andranno rilanciate e riformate per poter meglio rispondere ai problemi di un mondo radicalmente cambiato dai tempi della loro fondazione. L’ambasciatore USA alle Nazioni Unite John R. Bolton dovrà essere richiamato.

Una svolta epocale
Queste linee sono quelle che emergono analizzando le dichiarazioni fatte in campagna elettorale dai diversi candidati e si scontreranno con una realtà politica molto lontana dalle loro visioni. Dovranno essere implementate contrastando l’ufficio del Presidente Bush e i suoi uomini/struttura ed evitando lo strappo con la massa degli elettori e con le diverse correnti interne al partito dei Democratici.
Fra due anni ci saranno elezioni presidenziali e le premesse per un presidente o una presidentessa Democratica si pongono adesso.
Dai primi segnali sembra che la svolta sia già iniziata: Rumsfeld è stato finalmente dimissionato e John R. Bolton (ambasciatore Americano alle Nazioni Unite nominato da Bush senza ratifica del Congresso) sente la sedia tremare sotto i pantaloni. Vedremo i nuovi presidenti delle potenti commissioni del Congresso, e vedremo i nuovi advisors economici (mi piacerebbe Paul Krugman fra questi) e da Gennaio si potrà leggere un primo schema di percorso probabile.
Una delle linee politiche dichiarate da Nancy Pelosi è che vuole evitare l’errore fatto a suo tempo dai Repubblicani quando Newt Ginrich organizzò il Congresso in funzione monocratica ponendo le basi della successiva involuzione dei Repubblicani e, in qualche modo, predisponendo la svolta del 7 Novembre. Il potere, in questo caso, ha logorato chi ne ha abusato.
Auguri a Nancy e a noi.

Lorenzo Matteoli
12 Novembre, 2006