ABOUT ME
CONTACT ME
ARTICLES

 

 

Bibliography
Bibliografia

Reg Morrison,
"The Spirit in the gene: humanity's proud illusion and the laws of nature" Cornell University Press, 1999, Ithaca, N.Y.

Paul Kennedy, Niall Ferguson, Maxine Singer et al,
The Age of Terror: America and the World after September 11

Basic Books, a member of the Perseus Books Group, 2001, Yale.

Ahmed Rashid,
Taliban, Yale Nota Bene, 2001 New Haven/London.

James F. Hoge, Jr, & Gideon Rose editors,
How did this happen, terrorism and the new war, BBS Public Affairs, 2001, New York.

Related Articles
Articoli in tema
After september eleven
9.11 take3
Utopia

 an important distinction

TITLE: A Project for Peace

TITOLO: Progetto di Pace

Written by: Lorenzo Matteoli

DATE: 13 Dicembre, 2001

Translation edited by: Wendy Charnell

 

A project for peace

 

My comments on the strategic consequences of the WTC attack (After September 11, 9.11 take 2, 9.11 take 3) stirred a flurry of responses and criticisms. Briefly, most critics said that while I accused the pacifists of being without a viable proposal, except self-immolation, I did not suggest any alternative, meaningful plan.

The "ideal place" -, as well as the four "points" of my paper "after September eleven" are non specific and cannot be translated into an effective political proposal. Nor can I defend myself from the accusation of conformity with the utopian alternative that I suggest at the end of "take 3":

"A powerful world energy-saving strategy, associated with a strong oil substitution strategy, set out today and vigorously implemented, could delay the peak production year for some time and help in preparing an easier transition to the new energy/environmental paradigm. Such a strategy could be induced by imposing a price per barrel of 100.00 $ US to affluent countries (lower in purchasing power terms than the 27.00 US$ of 1973 post crisis price). The resulting huge margins could be invested to support the agricultural reconstruction of the poor regions of the World ; a project to be entrusted neither to the IMF nor to the World Bank."

The unfolding of these proposals requires a strong technical background not readily available to the common reader. It may also be necessary for me to underwrite some more clear and demanding ethical responsibility. It is simply not enough to state:

"The core problem will be to acknowledge and face the historic motives of national-terrorist deviations, many of which are understandable, historically originated by specific political responsibilities. To punish terrorism without admitting those original political responsibilities and without opening an effective course of negotiation would not make a lot of sense. This is the challenge which true allies have to confront."

One has to step off the fence, into the "arena" and choose the banner with no second thoughts. For one who thinks that banners should not exist and that any attempt to raise them is the origin of all evil, this is a tough condition and a difficult one to live up to.

WW2 is among the first memories of my generation, the "resistance" a bit more in focus (I was 7-8 years old in 1944-45). These vague memories have subsequently been overwhelmed by a flood of information: partial, sectarian, often instrumental on young minds exposed to manipulation by family ties and social contingencies.

Along with my peers, I was "imprinted", from an early age, with some strong given truths that were to be responsible for quite a few of my mistakes in the following years: America is the place of true democracy and freedom, Russia is the place of totalitarianism and communist subservience; Jews are the historical victims and martyrs of nazi-fascism.

With these ideological tools, and little other critical structure, I accepted half a century of Christian Democrat domination in Italy. I accepted also the interdiction from government of the communist party (PCI) and of the extreme right party (MSI), thus contributing to the cultural environment that gave birth to the Italian Red Brigades. I accepted the socialist party when it was ideologically exhausted and totally "demochristianised". Moreover, it was difficult for me to see the Vietnam war as one of the most tragic mistakes of my idealised America and for many years I was not to see the Israeli-Palestinian conflict as the systematic criminal aggression of Israel supported by US foreign policy dictated by the Jewish lobby.

I betrayed the most important canon of intelligence: the capability to make distinctions. I thought that joining the Radical Party, publicly dissenting from the Christian Democrats and from the Communist Party and keeping a systematic sceptical attitude would have been sufficient countermeasures. I was wrong and it is of no comfort that I acted in the mainstream of the generation. I could supply endless reasons and motivations to justify my choices, an orgy of ideological relativism: best left to the domain of the obvious. Also, I do not wish to diminish my responsibility. Nor do I wish to keep struggling to see in the Afghanistan conflict wider, different and more complex implications than the simple "retribution" for the WTC attack. So much for the slightly stale self criticism. Let me revert to the first person plural and re-join the "generation". To set ourselves free of "truths" that protected us for most of our lives is not a simple matter and it may also be dangerous. A new paradigm could lead us to unknown places, difficult to deal with, perhaps eventually leading to some understanding of the historical motivations of "global terrorism", (i.e. To punish terrorism without admitting those original political responsibilities and without opening an effective course of negotiation would not make a lot of sense ). We cannot abandon everything: Thomas Hobbes, John Stuart Mill, John Dewey, the obscure, but reassuring, Kantian categories, never betrayed us. Maybe we did not read them carefully, or possibly our "critical structure" was not sufficiently sophisticated to open the view on the vast and reliable fields of wisdom beyond. How can we relinquish the America of Martin Luther King, of the Blues, Jazz, Louis Armstrong, Bix Beiderbeke, the Berkeley revolution, Woody and Arlo Guthrie, Bob Dylan, Henry Miller (Valentine), Arthur Miller? The America of the abrasive New York humour, of the Yiddish culture, of William Saroyan and Mark Twain? Eventually even Noam Chomski is part of that America. The America that sent the Marines to Omaha Beach to free us from Hitler and Mussolini cannot be relinquished. Also, because no other shore would be available to the orphans of that idea of America: in no other place in history or geography can we find such values and tools that Western democracy has conquered throughout centuries of battles and revolutions. Not in the Europe of the 15, not Jospin's France, Schroder's Germany, nor Blair's England, Putin's Russia or the remainders of Berlusconi's, Dalema's, Fassino's, Rutelli's, Buttiglione's, Andreotti's, Scalfari's, Agnoletto's, and Dipietro's Italy.

Nevertheless, the betrayal of the "monster" must be exposed: Nixon and the horrible Nobel prize-winner Henry Kissinger, responsible for thousands of deaths in Chile, Vietnam, Palestine and in all the other places where his heinous political schemes were deployed, (never has a Nobel prize award been so ethically offensive), Kennedy (notwithstanding the legend and maybe just on account of it), Johnson, McNamara (his "retrospect" does not save his soul), Reagan, Carter, Bush Sr., Clinton, Bush Jr. These presidents and these secretaries turned the American Dream into a nightmare. They must be stripped of their false legends to allow the re-birth of the "idea of America".

We have to ask if that idea of America, or parts of it, are still alive and where are they. Maybe it was the very violent contradiction that we idealised: America is not only this, but also that, and that cannot be if there is not this too. If we cannot relinquish this ideal, we must recover it beyond the present tragedy.

The present danger is that, through the WTC attack, America has received a powerful shot of "fundamentalism" and has lost its ideological asset of secularity. Beyond grief and blame, objective scepticism must be retrieved. The culture of doubt and sedate dialectic procedures must regain control. A future of endless "retribution" would be the worst outcome for Western civilisation and the real heinous success of the WTC attack, as would the failure of just punishment. We have to foster the growth of a new World paradigm that will prevent terror by means of certain civil severity, critical understanding of motivations, inflexible censure of methods and subsequent punctual action. This paradigm will eradicate the motivations of terror before terrorism. It will restrain the likes of arafat, sharon, osama and bush 's retaliation because there will be no provocation.

My question now is whether my four points and my "utopian" alternative are a cause or a consequence of the new paradigm.

The "ideal place" is where the four points can be set out and put into operation; or is it by implementing the four points that we will be able to reach the "ideal place"? In my short exercise on Utopia, future and Technology I wrote:

"Great ideas stem from straightforward simplicity, banality. Great ideas are often the surprising outcome of bare simplification. The paradox of simplicity."

There is a lot we can do. We can describe the ideal place, anxiously awaiting the beginning of the "outcome of the paradox of simplicity". The only basis for any possible project is getting out of the fundamentalist tunnel.

 

Western fundamentalism.

The WTC attack dramatically exposed the fundamentalist culture solidly established in the West: a powerful pervasive, hidden reality, made even more dangerous by our complacent assumption of secularity. We fought for ten centuries against the popes and religious interference in the government. We went through bloody lay revolutions but we did not perceive that we were setting up other gods and had blindly assumed many other acritical religious attitudes. This subject would require volumes, but I will limit myself to a short list and comments on what I perceive to be the most dangerous western "fundamentalist" assumptions:-

Blind faith in the market, capitalist and communist faith, fascist and anti-fascist pride, the reverence for democracy, the creed of development, racist and antiracist rage, radical environmentalism, forced globalisation, antiglobal terror, the global warming frenzy, Ozone hole fever, etc.

Very seldom are the problems listed above discussed in a mature way: the usual mode being to present or oppose them as an absolute certainty: the last bastion of some undefined and unique salvation. Thousands of people engage in bloody and absolutely hopeless battles, as a result. It is clearly a mechanism deeply seated in our genetic program, the anthropological inheritance of millions of years of life where conditions allowed no alternative to survival but the physical destruction of the enemy. Negotiation is impossible with the lion that attacks you: the only defence is to kill him. There is no bargaining with the boar that must feed the tribe: He has to die.

Here are my brief comments:

 

a. Blind faith in the market: Supply and demand in a totally free competitive environment rule the price format. The boundaries which are applicable are very narrow. A totally free, competitive environment is not easily established or controlled, if at all. Very often the market is subject to oligopolies or firmly in the hands of monopoly set ups. Free competition is particularly difficult to grant when the objects of trade are environmental resources with concealed costs, an unknown time-frame and unknown recipients. Because of the extreme difficulties involved in securing a free competitive environment in the market, this law allows a privileged minority to amass enormous wealth, at the expense of the majority.

b. Capitalist and communist faith: The confrontation between these two political, economic and cultural canons has taken almost a century of wars, coups and the destruction of entire populations and is not yet finished. Communism has lost, but capitalism has not won. The high priests of the two churches are still fanning the flames of the argument, the embers still burning. If this impossible mediation had been achieved, neither church would have taken such extreme positions.

c. Fascist and anti-fascist elation: It was once said (purportedly by Leo Longanesi) that Italy had been massacred by twenty years of fascism and fifty years of antifascism. The confrontation between these two paradigms perfectly characterises what I define as "western fundamentalism". The confrontation continues, even if artificially supported. The antifascist faith has been so strong, we have not recognised the totalitarian ideologies that came and went over a lengthy period:- the communists, Christian democrats, Maoists, Red Brigades and Rote Armee in the seventies, no-global fascism, the environmentalist extremists, the US provincial political vision which the CIA and the US Army violently imposed on Vietnam, Cambodia, Laos, Chile, Central America, etc. In this confrontation, one of the worst aspects of western fundamentalism was particularly evident. The proposal of a moderate attitude and invitation to think about specific historic contingencies and motivations, was enough to justify mandatory relegation to the opposite view. There is no intermediate ground for the fundamentalist paradigm. There is no moderate assumption, or possible attenuation. It's a black and white, either/or situation - with me or against me, your life or mine, as was the code of our hunter-ancestors.

d. The reverence of democracy: Democracy, the great political achievement of Western lay culture, has become "democratism". The vote of the people is not a delegation of power and is not accepted as such by the elected ones. The people do not entrust the elected majority which continuously delegitimises with popular demonstrations and riots of the various "peoples" (of Seattle, of Goteborg, of Genoa):- Thousands of demonstrators, amplified by the media, exact command through violence or the threat of violence. The elected ones contrive responsibility through continuous opinion polls, seeking the line of least resistance. Political platforms are hollow and the irresponsible leaders "float" on the demagoguery of the opinion polls. Any attempt to lead or govern is labelled as arrogance or fascism. Democracy, which Churchill defined as "the worst form of government, but better than any possible alternative" is not recognisable in its present day form as a headless, demagogic monstrosity.

e. The creed of development: The capitalistic cycle exacts continuous growth. Anything other than expansion, production increment, sales, profits and increased earnings is unacceptable. In a finite physical environment, exponential growth is not admissible and a limit will have to be found. The search for this limit is challenged by the fundamentalist creed, with growth as the only possible development.

f. Racist and antiracist rage: The fundamentalist position of white supremacy determined the antiracist reaction. A more respectful acknowledgement of complex anthropological reality and of the specific identity of different races and ethnic groups would be more logical. The horror resulting from white supremacy has disfigured the World. The two fundamentalist positions are still firmly established and damaging.

g. Radical environmentalism: For centuries, men have been ruminating over the idea of the end of the world , a constantly recurring notion, probably rooted in our DNA. The speculation on the imminent planetary/universal catastrophe is an eternal theme for religious sects, sometimes with tragic results, (mass suicide ordered by mad preachers to gullible followers). The forecasts of impending oil cessation and catastrophe of global warming are the modern versions of the old millenarian mania. The catastrophe party and its opponents confront each other with numbers, statistics, projections and scenarios. Each one carefully chooses the most significant phenomena to prove a point and to discredit his opponent. Browsing the net, one can find all the necessary data, providing scientific 'proof' for both sides. The debate does not inform and does not allow any other assumption but the extremes. If the catastrophic viewpoint is not embraced, one must be on the payroll of the big Oil Companies. On the other hand, a believer in the catastrophe is considered to be a "green taliban". The moderation of the green creed through the definition of appropriate technologies and planning is dismissed by the green "priests" who prefer the head-on clash, which has been the consistent religious attitude for centuries. Vade retro Satana!

A recent example of the absurdity of this debate is the one proposed by Bjorn Lomborg, (Professor of statistics at the Aarhus University in Denmark) who recently wrote a book (Sceptical Environmentalist), in which, with carefully chosen data and numbers he demonstrates that the supporting evidence for any environmental concern is at least debatable. Michael Lynch (Professor of geology at MIT) is another interesting author who, with his choice of references and data, alleges that oil resources are practically unlimited.

h. faith in science: The set of circumstances and cultural attitudes that dominated research and the physical study of the Planet during the last four centuries has resulted in the assumption that science identifies with truth and that the "scientific method" is necessarily conducive to true conclusions. We are indebted for this basic assumption to Galileo and indeed this position started a revolution that yielded rich results. Since ancient times, the intuition existed that systematic experience and testing associated with mathematical modelling were formidable tools, but it was only after 1400 that the "scientific method" became an institution of knowledge. It is an impressive assumption supported by centuries of important results but no true scientist actually shares that belief without reservations. Reading Einstein's Memoirs or thinking about some anomalies of quantum physics gives occasion for thought. A classical reading on the matter is Monod's "Case and necessity". Wide public opinion has no such doubts and any position expressed in the "language" of science, supported by a few numbers and equations, is automatically accepted as "true". The literature provides abundant case histories and I, myself, can recall some embarrassing blunders. It may very well be that rigorously applied scientific methods do actually yield truthful results. The fact is that many scientists use the method and its appearances to serve specific agendas or to support personal opinions or the opinions of the Institutions whom they serve. The present debate on "global warming" is a good example. Almost all those who dismiss the problem as not dangerous are in some way connected to oil interests, with those who think it is dramatically dangerous belonging to the opposite field. The ideological nuances are infinite. I leave it to readers to think about the many other ways in which the West gave up the conquest of secularity, so fiercely fought for: The blind no-global terror; the absurd frenzy with which the "managers" and the international banks promote globalisation processes, depriving the Planet of regional identities and amassing wealth in the developed World through cheap labour and environmental exploitation of "guest" countries, and not paid for.

 

Frederick II Hohenstaufen where are you now that we need you!?

 

Let me briefly comment on the last, and possibly the most dangerous, of the "fundamentalist" attitudes of the West.

 

i. Indifference: The indifference and naivety which dominate present day Western thinking and behavioural patterns are the most meaningful aspects of "western fundamentalism". The reasons are many, among them, comfort, frustration and the honest belief that any positive action is useless. While religions and fundamentalist positions are generally strongly promoted and supported by practical, cultural or ideological interests, the religion of indifference has no specific motivation but personal, contingent feelings. Given its huge number of followers the importance of this "movement" is paramount.

 

What to do?

By definition, moderate thought abhors any doctrinal imposition. The revolution of moderate thought must occur spontaneously and grow upwards, overcoming resistance by evidence and necessity - a revolution from within. The only tools of the moderate revolution are the presentation of evidence and of necessity: the description of the "ideal place". This is a very slow, natural process which, in certain circumstances, may be incredibly accelerated . Reg Morrison sets out practical terms and conditions for any project:

1. We are genetically driven just like any other animal. We have no mind other than the body, and we lack behavioural choice.

2. The environment is a chaotic system and is therefore inherently unstable and always has been. If it were not so, evolution could not have occurred. Rebound is not characteristic of the system.

3. Most environmental damage is the inevitable by-product of overpopulation and is a necessary part of the plague cycle.

4. The environmental problems we now face do not have a technological solution. All human activity ; "good" and "bad" ; adds to our environmental debt. The more technological the attempted solution, the greater our environmental debt (Impact = Population x Activity x Technology).

5. The plague cycle is a vital component of the evolutionary process and an essential evolutionary escape clause in the case of a fertile, high-impact species like Homo sapiens.

 

These facts are confronted by our "proud illusions":

 

1. Humans have spiritual autonomy and are therefore accountable for their actions.

2. The environment is inherently stable and will rebound if we give it half a chance.

3. Most environmental damage is the product of human ignorance, greed and technological malpractice and is therefore repairable.

4. Human ingenuity and technology can solve most environmental problems and repair most environmental damage if given enough time, money, education and political will.

5. We will survive, just as we always have, by drawing on our unique ingenuity, resourcefulness, and indomitable spirit.

 

I purposely changed the order in which Morrison presents the two sets of assumptions.

Any project must deal with these two sets of positions and with their argumentative comparison, conflict or confrontation, with the reasonable assumption that neither of them is absolutely true. Morrison's idea is that our "proud illusions" have been the reason for our incredible success on the Planet, but will also be the reason that will start the process of our extinction. Blinded by our feeling of omnipotence; unable to see in our very rationality the origin of our "plague cycle", we march beyond the point of no return, destroying the Planet upon which we depend. According to Morrison, the death trap that we have prepared does not allow us to step back. When we perceive we have fallen into it, it will be too late. The set of events set out by our genetic "plague cycle" will proceed automatically with no way for us to control it.

A new way of thinking

The fascinating aspect of Morrison's assumptions is that neither of them can be proven true (or false), a fact that leaves many options open. We can perceive the limits of our presumption, but there is no supporting evidence for it. The absence of any reliable truth compels us to a new mind-set, different from that typical of the so called scientific canon. Also, the "no rebound" environmental condition deprives us of the customary empirical procedure. There is no more "trial and error", (if there ever was.) We can only try once and proceed to attempt something else on a system that will not be the same. The concept of experience cherished by Galileian empirism has to be abandoned. The chaotic quality of any environmental dynamic sequence also invalidates any "no regret" strategy. We can have no confidence in threshold limits or in global parameters or factors, on account of the complexity of the possible interactions and documented contradictions in behavioural patterns. Good examples of this confusion can be found in the conclusions of many international seminars on "global warming", "the Ozone hole" and "climate change".

 

The truth

The absence of basic truths is, nevertheless, a "truth" that we must acknowledge. How does one proceed in a "no truths" context? We can substitute the absent truth with "faith", a course which may seem comforting but is, in fact, difficult and dangerous and unacceptable to secular moderate thought. On the other side we have the reality of the infinite ambiguous contingent possible truths. This is also a difficult and dangerous course, and not a comfortable one. A new set of data is required on which to base our thinking, guide our choices and build the scenarios of the physical and ideal World and, in the future, used to design a new possible space and time aggregation of hypothetical truth. It is only through the understanding of this data that we may conceive and operate a project for peace or the foundation of a more or less utopistic "ideal place".

This document is in progress.

Lorenzo Matteoli

Indian Harbour, Nova Scotia, January 10th, 2002

 

 

 

 

 

Progetto di pace e autocritica

Le mie note sulle conseguenze strategiche dell'attacco al WTC (After september 11, 9.11 take 2, 9.11 take 3) hanno provocato critiche e commenti di vario genere. La sintesi delle critiche e dei commenti è che mentre accuso i pacifisti di non avere un progetto e di limitarsi a proporre una inaccettabile autoimmolazione, io stesso non propongo nulla di significativo, né tanto meno di entusiasmante.

Il "luogo ideale" (È un luogo frequentato da sempre, nella storia, da tutti quelli che hanno fatto qualcosa senza massacrare, senza uccidere, senza affamare, rapinare e derubare e senza mandare altri a farsi uccidere.) e i quattro punti programmatici che propongo alla fine di "dopo l'undici settembre":

1. Disinnescare la bomba della fine del petrolio.

2. Disinnescare la bomba della povertà e della marginalità

3. Aprire i termini di uno scambio "eguale" fra primo secondo e terzo mondo

4. Rompere la complicità droga/armi/finanza/politica a tutti i livelli

sono troppo generici e non sono sufficientemente espliciti per venire letti come "proposta politica". Né vale a salvarmi dall'accusa di "conformità" la alternativa "utopica (o no?)" introdotta alla fine di "take 3":

"Una forte strategia mondiale di risparmio prima, e di sostituzione poi, del petrolio impostata e iniziata oggi potrebbe servire a ritardare di qualche anno il picco di produzione e, forse, a facilitare il superamento della fase catastrofica e l'innesco di un nuovo paradigma ambientale. La strategia potrebbe essere innescata dalla imposizione ai paesi affluenti di un prezzo per il barile di 100.00 $ US che sarebbe comunque inferiore o eguale in termini di purchasing power della moneta ai 27.00 $ US del 1973. Gli enormi margini di liquidità risultanti dovrebbero sostenere una campagna di ristrutturazione agricola delle regioni povere del pianeta. Possibilmente non affidata alle logiche della Banca Mondiale e dell'IMF."

La lettura delle implicazioni di queste proposte richiede uno svolgimento non facile per il lettore che manchi di specifica informazione. Forse è anche necessario assumersi qualche responsabilità "etica" più chiara e più scomoda. Non basta cavarsela dicendo:

"Punire il terrorismo senza dare atto delle originali responsabilità politiche e senza aprire un percorso dialettico negoziale efficace non avrebbe molto senso. Su questo difficile terreno si dovranno verificare i "veri" alleati."

Che peraltro è già un programma "forte" rispetto alla ipocrisia corrente delle posizioni "occidentali".

Bisogna "scendere in campo" come si dice con logismo oggi divenuto odioso, e qualificarsi senza veli. Per chi ritiene che i "campi" non esistano e che i tentativi di istituirli siano da sempre l'origine della maggior parte dei guai questa è una operazione faticosa e difficile.

La mia generazione ha fra i ricordi della prima infanzia la seconda guerra mondiale, e con qualche maggiore precisione ricorda la "resistenza" (avevo 7-8 anni nel 44-45). I ricordi sono confusi e sono stati poi travolti dalla marea di informazione successiva: parziale, settaria, spesso volutamente strumentale su menti giovani e manipolabili dagli affetti familiari e dalle contingenze sociali.

Insieme a grande parte della "generazione" sono stato "tarato" fin da piccolo da alcune categorie forti che mi hanno fatto commettere non pochi successivi errori: l'America è il luogo della democrazia e della liberta', la Russia è il luogo della dittatura e dell'asservimento comunista. Gli Ebrei sono vittime/martiri storici del fascismo e del nazismo.

Con questi, e pochi altri, grossolani impianti conoscitivi, ho accettato quasi mezzo secolo di dominio democristiano. Ho accolto come positiva la esclusione dei comunisti e del Movimento Sociale dall'area di governo Italiana. Ho contribuito a creare le condizioni per gli "anni di piombo" Italiani. Ho accettato i socialisti solo quando erano oramai ideologicamente esausti e democristianizzati. Ho fatto fatica a vedere nel conflitto Vietnamita uno dei più tragici errori dell'America idealizzata, per anni non ho visto nel conflitto tra Israele e i Palestinesi l'aggressione sistematica e criminale di Israele, e della politica estera degli Stati Uniti controllata dalla lobby ebraica.

Ho disatteso uno dei canoni fondamentali dell'intelligenza: la capacità di distinguere. Ho creduto che fosse sufficiente la militanza radicale e il dissenso verbale dalla DC, dal PCI e dall'MSI e un generico pervicace scetticismo. Un bilancio triste con l'attenuante (relativa) di avere agito nel "mainstream" della generazione. Potrei elencare, a mia giustificazione pagine di motivi e di ragioni, un'orgia di "pensiero relativo", ma le lascio all'ovvietà e non voglio diminuire più di tanto la mia responsabilità. Allo stesso tempo non voglio fare altra fatica per vedere, nella guerra in Afghanistan, implicazioni più vaste, diverse, complesse e scomode, della "retribution" per l'attacco alle Torri di New York. Per questo l'autocritica dovuta, ma dal sapore antiquato, e ritorno ora alla prima persona plurale per associarmi alla "generazione".

Abbandonare "verità" con le quali ci siamo protetti per una vita non è semplice ed è anche rischioso: un nuovo paradigma potrebbe portarci in luoghi sconosciuti e difficili da praticare. Magari verso una qualche forma di comprensione dei motivi storici del "terrorismo globale". (i.e.: Punire il terrorismo senza dare atto delle originali responsabilità politiche e senza aprire un percorso dialettico negoziale efficace non avrebbe molto senso.)

Non possiamo abbandonare tutto: Thomas Hobbes, John Stuart Mill, John Dewey le confuse e oscure, ma al tempo stesso rassicuranti, categorie Kantiane, a dire il vero non ci hanno mai tradito. Forse non li abbiamo letti bene o forse i "grossolani impianti conoscitivi" ci hanno impedito di vederne le vaste implicazioni di praticabile saggezza. E come facciamo ad abbandonare l'America di Martin Luther King, del Blues, del Jazz, di Louis Armstrong, Bix Beiderbeke, della primavera di Berkeley, di Woody e Arlo Gutrie, di Bob Dylan, Henry Miller (Valentine), Arthur Miller? L'America dell'umorismo aspro di New York, della cultura Yddish, di William Saroyan e di Mark Twain. In fondo anche Noam Chomski è il prodotto di quella America.

L'America che mandò i Marines in Normandia e che liberò l'Europa da Hitler e l'Italia da Mussolini non può essere abbandonata.

Non può essere abbandonata anche perché agli orfani dell'America ideale non si darebbero sponde alternative: in nessun altro luogo della storia e della geografia possiamo trovare concentrati i valori e gli strumenti che la cultura della democrazia Occidentale in secoli di rivoluzioni e battaglie laiche ha predisposto: non è l'Europa dei 15, non è la Francia di Jospin, né la Germania di Schroder e nemmeno l'Inghilterra di Blair, la Russia di Putin o l'Italia di Berlusconi, Fini, Fassino, Dalema, Rutelli, Buttiglione, Andreotti, Scalfari, Agnoletto, Borrelli e Dipietro.

Ma il tradimento dei "mostri" va denunciato: Nixon, e l'orribile premio Nobel Henry Kissinger (mai un Nobel fu tanto offensivo) responsabile di decine di migliaia di morti in Vietnam, in Cile, e negli altri paesi vittime della sue funeste manovre politiche, Kennedy (nonostante la leggenda e forse proprio a causa della leggenda), Johnson, Mc Namara (non vale la sua "retrospettiva" a salvarlo), Reagan, Carter, Bush Sr, Clinton, Bush Jr.

Questi presidenti e questi segretari che hanno fatto diventare un incubo l'American Dream devono uscire dalla protezione delle loro leggende artificiose per consentire il nuovo corso dell'idea di America.

Dobbiamo chiederci se di quella idea di America sia rimasta una qualche parte e dove sia rimasta. Oppure dobbiamo chiederci se non siano state proprio le violente, dinamiche contraddizioni quelle che noi, inconsciamente, abbiamo idealizzato. L'America è questo, ma è anche quest'altro, e non può essere questo senza essere quest'altro.

Dunque se non si può rinunciare all'ideale è necessario recuperarlo oltre la tragedia contingente, perché attraverso questo recupero passa, senza possibili alternative, ogni ipotesi di progetto di pace.

Oggi c'è il pericolo che attraverso l'attacco alle Torri l'America abbia ricevuto una formidabile iniezione di "fondamentalismo" e abbia perso il suo patrimonio ideologico "laico". Oltre il dolore e oltre la recriminazione per la violenta provocazione deve essere recuperato lo scetticismo obbiettivo, la cultura del dubbio e della verifica dialettica. L'alternativa di perenne "retribution" sarebbe una condanna costosissima per la civiltà occidentale: il vero devastante successo dell'attacco al WTC. Come la mancata punizione.

Deve crescere nel mondo il paradigma nuovo quello che consentirà di superare l'attacco del terrorismo con la ineludibile, civile durezza della critica comprensione dei motivi, della condanna dei metodi e dell'azione conseguente. Il paradigma che stroncherà i motivi del terrorismo prima del terrorismo. Quello che impedirà agli arafat, agli sharon, agli osama, ai bush di rispondere alle provocazioni degli arafat, degli sharon degli osama e dei bush perché le provocazioni non ci saranno.

Mi chiedo a questo punto se i miei quattro punti "utopici" e se la mia alternativa "utopica" siano causa o effetto di questo nuovo paradigma. Il "luogo ideale" è quello capace di concepire e strutturare i quattro punti strategici o è la pratica operazione dei quattro punti strategici che determinerà il "luogo ideale"? Nel mio componimento su l'Utopia scrivevo:

"Una grande idea richiede all'origine un grande cervello o una figura di immagine leggendaria. Non è vero. La grande idea nasce di solito come sublime espressione della banalità. Le grandi visioni sono in genere il risultato di una stupefacente intuitiva semplificazione. Il paradosso del banale."

Ci sono molte cose che possiamo fare. Possiamo descrivere il "luogo ideale" e attendere ansiosamente gli sviluppi del "paradosso del banale". Oppure possiamo scegliere una linea di azione e a questo punto è necessario rispondere alla domanda ineludibile: che fare?

Premessa ad ogni possibile progetto è la uscita dal tunnel dei fondamentalismi.

 

Il fondamentalismo dell'Occidente.

In realtà l'attacco al WTC, più che iniettare fondamentalismo negli Stati Uniti e nella cultura Occidentale, ne ha drammaticamente rivelata la presenza. Una presenza dominante, intima e pervasiva e tanto più pericolosa in quanto subdolamente nascosta dalla nostra presunzione di secolarità. Abbiamo combattuto per dieci secoli contro l'ingerenza dei papi e della religione abbiamo fatto sanguinose rivoluzioni laiche e non ci siamo accorti di avere creato altri simulacri e di essere costantemente disponibili ad atteggiamenti di acritico rispetto fideistico.

L'argomento varrebbe un trattato, ma mi limiterò ad uno schematico elenco e a qualche battuta descrittiva dei principali e più pericolosi "fondamentalismi" occidentali, o, piuttosto, modalità fondamentaliste di considerare i problemi:

la fiducia totale nel mercato, la fede capitalista, la fede comunista, l'esaltazione fascista e antifascista, l'idolatria della democrazia, il dogma dello sviluppo, la ferocia razzista e antirazzista, l'ambientalismo, la globalizzazione forzata, il terrorismo antiglobal, il catastrofismo del global-warming, il fanatismo del buco di ozono etc.

È difficile che le categorie sopra elencate vengano trattate con moderazione e con obbiettiva pacatezza: in genere sono sostenute, senza la minima ammissione di dubbio, come ultima, disperata trincea di non ben definite uniche salvezze. Spesso in nome di alcune di queste categorie si impegnano centinaia di migliaia di persone in sanguinosi quanto inutili confronti. Si tratta chiaramente di un meccanismo di radicalizzazione che abbiamo nel programma genetico: l'eredità antropologica di qualche milione di anni trascorsi in condizioni che non ammettevano alternative di sopravvivenza se non quella della eliminazione fisica dell'antagonista. Non c'è mediazione con il leone che ti assale: l'unica difesa è l'annientamento. Non c'è mediazione con il cinghiale che deve sfamare la tribù: deve morire.

Ed ecco la mia breve analisi.

 

a. la fiducia nel mercato: la legge della domanda e dell'offerta in regime di assoluta libera concorrenza è la legge che regola la formazione dei prezzi. I campi di validità di questa legge sono però molto limitati: la assoluta libera competizione è una condizione difficile se non impossibile da garantire e da controllare. Il mercato è sempre in qualche modo vincolato da oligopoli quanto non totalmente dominato da detentori di sicuri monopoli. Particolarmente difficile è la garanzia della libera competizione quando gli oggetti di scambio sono "risorse" ambientali che nascondono costi invisibili o che verranno pagati a distanza di tempo enorme (secoli?) da soggetti sconosciuti e lontani. A causa della difficoltà, o impossibilità, di garantire condizioni di competizione libera la legge della domanda e dell'offerta ha consentito, nella storia antica e recente, l'accumulazione di ricchezze immani per pochissimi privilegiati e la condanna alla miseria esistenziale per milioni di soggetti

b. la fede capitalista e la fede comunista: lo scontro fra questi due canoni culturali, economici e politici ha impegnato un secolo di storia moderna e ha provocato guerre, colpi di stato e genocidi. Ancora oggi non siamo usciti completamente dalla fase. Il comunismo ha perso, ma il capitalismo non ha vinto. I sacerdoti delle due chiese discutono ancora, qualche rogo è ancora acceso. La impossibile mediazione forse avrebbe fatto vincere tutte e due le parti moderandone gli opposti massimalismi. Quando Adamo Smith ha scritto "The Wealth of Nations" e Carlo Marx "Il Capitale" i limiti ambientali non erano nemmeno sospettati e le risorse energetiche non erano nelle mani di pochi privilegiati politici o geografici. Le leggi del capitalismo e quelle del comunismo, applicate senza canoni moderatori in una dinamica di scambi globale, tendono a impoverire inesorabilmente una parte del mondo a vantaggio dell'altra e provocano dinamiche di aggressione ambientale il cui esito di medio lungo termine è preoccupante.

c. fascismo e antifascismo: qualcuno disse (forse Leo Longanesi) che l'Italia era stata massacrata da vent'anni di fascismo e da 50 anni di antifascismo. La dialettica fra queste due ideologie è stata emblematica, in Italia, di quello che ho chiamato "fondamentalismo occidentale". Lo scontro è ancora vivo, anche se tenuto in vita artificiosamente. La fede antifascista è stata cosi' forte da impedire di vedere tutte le nuove ideologie totalitarie che si sono via via succedute (il comunismo, il democristianesimo, il maoismo, il terrorismo degli anni 70, il fascismo dei no-global, alcune forme di estremismo ambientalista, la visione provinciale Americana imposta dalla CIA in Vietnam, Cuba, Cambogia, Laos, Cile e Repubbliche CentroAmericane etc. Nella dialettica tra fascismo e antifascismo si è espressa al peggio una caratteristica che è peraltro comune a tutto il dibattito fra i diversi fondamentalismi occidentali: la semplice evocazione di una ipotesi di moderazione, la suggestione di una distinzione nelle responsabilità storiche, l'invito ad una maggiore riflessione provoca inesorabilmente la collocazione, d'imperio, nel campo opposto. Per il modulo fondamentalista non esiste campo intermedio, non esiste una ipotesi moderata, non esiste la considerazione di motivazioni storiche obbiettive: o con me o contro di me, la tua vita per la mia, come nel codice genetico dei nostri antenati cacciatori.

d. l'idolatria della democrazia: la democrazia, grande conquista politica della cultura laica occidentale, è diventata rapidamente democratismo dove il voto non rappresenta delega al comando in nome del popolo e non viene assunto come responsabilità dagli eletti. Il popolo non si riconosce nella maggioranza eletta che viene sistematicamente delegittimata da manifestazioni di piazza dove qualche migliaio di protestatori amplificati dal sistema dei media impongono con il ricatto della violenza la loro volontà, gli eletti tendono a governare interpellando continuamente la base elettorale attraverso indagini d'opinione e cercando sistematicamente la linea di minore resistenza. Il tutto provoca lo svuotamento dei programmi e la deresponsabilizzazione della classe politica che governa galleggiando demagogicamente sugli opinion polls. I tentativi di assumersi responsabilità e di governare secondo i programmi elettorali a suo tempo proposti vengono marcati come decisionismo, arroganza quando non esplicitamente di fascismo. La democrazia che Churchill definiva "sistema di governo pessimo, ma migliore di qualunque alternativa", non è riconoscibile nell'attuale mostro impotente, acefalo e demagogico.

e. il dogma dello sviluppo: la dinamica del capitale impone la crescita continua: chi non si espande, chi non aumenta produzione, vendite, guadagni viene eliminato. In un ambiente fisico "finito" la crescita esponenziale senza fine non è ammissibile, il sistema dovrà trovare un limite. La ricerca di questo limite è virtualmente impedita dalla posizione fondamentalista sullo sviluppo inteso come crescita continua.

f. razzismo e antirazzismo: l'assunzione fondamentalista della superiorità della razza bianca ha provocato la reazione antirazzista. Una ipotesi più rispettosa della realtà antropologica, di comprensione e accoglimento della diversità e della specifica identità di ogni razza ed etnia sarebbe stata più logica. Gli orrori commessi dalla imposizione della superiorità bianca hanno sfigurato il mondo in modo irrecuperabile. Le due posizioni radicali ed estreme sono ancora oggi solidamente insediate nel paradigma ideologico e continuano a provocare danni.

g. l'ambientalismo come religione: da sempre gli uomini fantasticano intorno alla fine del mondo e questa fantasia è probabilmente insediata nel codice genetico e si esprime nelle più diverse ricorrenti occasioni. La speculazione sulla imminente catastrofe planetaria/universale esalta da sempre sette religiose e spesso si esprime in tragedie (suicidi di massa ordinati da folli predicatori alle deboli menti degli adepti). La predica della futura "fine" dell'energia e delle risorse, oppure la proiezione catastrofica del global-warming è una versione attuale del "millenarismo" di sempre. Il partito della catastrofe e il partito della sua negazione si confrontano a colpi di numeri, statistiche, proiezioni, scenari. Ognuno scegliendo con accortezza i fenomeni più adatti a dimostrare la sua tesi e a distruggere la tesi opposta. Scorrendo le fonti su internet si scoprono i dati che si vogliono per dimostrare l'una o l'altra cosa con la massima apparente "scientificità". Il dibattito non informa e non ammette ipotesi intermedie, progettuali o distinzioni di sorta: se non sei catastrofico sei un irresponsabile al servizio dei petrolieri, se sei catastrofico sei un fondamentalista verde (green taliban). La moderazione del dogma verde mediante la definizione responsabile delle tecnologie viene esclusa come dialettica accettabile dai sacerdoti verdi che preferiscono uno scontro di annientamento radicale: come da sempre nella logica delle religioni. Il pericolo di questi due fondamentalismi è che impediscono un atteggiamento di valutazione obbiettiva e l'impostazione di strategie consistenti. L'esempio recente della assurdità del dibattito è quello proposto dal Bjorn Lomborg. Lomborg è professore di Statistica ad Aarhus in Danimarca e ha scritto il libro di recente pubblicazione: Skeptical Environmentalist dove, con l'intelligente e accorta scelta di dati e statistiche, si dimostra che tutte le preoccupazioni degli ambientalisti estremi sono infondate o quantomeno discutibili. Un altro interessante autore è Michael Lynch (professore di geologia all'MIT) il quale, sempre con opportune scelte di dati e analisi, dimostra che il petrolio è in pratica una risorsa illimitata. Mentre lo scontro fra gli ambientalisti e Lynch è stato poco produttivo per l'impermeabilità dialettica delle due parti, il libro di Lomborg sta aprendo un fronte alternativo nel dibattito: alcune "falsificazioni" che Lomborg documenta solidamente (come quella relativa alla perdita di topsoil di Pimentel et al.), hanno aperto una breccia nella credibilità del fronte degli hard-core die-offers (Jay Hanson). Anche se contestato irosamente il libro di Lomborg segna una svolta importante nella dialettica ambientale: recupera lo spazio ad una progettualità che i fautori della catastrofe a tutti i costi escludevano drasticamente.

h. la fiducia nella scienza: per una serie di circostanze e di luoghi culturali che hanno caratterizzato la ricerca e l'indagine fisica del Pianeta negli ultimi 4 secoli si è andata formando la convinzione che la scienza si identifichi con la verità e che il metodo scientifico consenta di raggiungere conclusioni vere. Siamo debitori di questa assunzione fondamentale al Rinascimento (Galileo) e a suo tempo la posizione ha innescato una vera e propria rivoluzione metodologica ricca di risultati. L'intuizione che si potesse indagare e sperimentare per conoscere e che la modellazione matematica potesse fornire un formidabile arsenale di strumenti era già presente nell'antichità, ma solo verso il 1400 questa intuizione diventò un istituto della conoscenza. Si tratta di un assunto convincente e suffragato da 4 secoli di indagine scientifica, ma al quale nessun vero scienziato concede molto credito. Una lettura degli scritti di Einstein fornisce abbondante materiale di riflessione come alcune importanti anomalie nella fisica dei quanti. Una lettura classica su questo dibattito è il saggio di Monod "Il caso e la necessità" L'opinione pubblica è però esente da ogni dubbio e qualunque posizione formulata nel "linguaggio" della scienza e corredata da qualche numero o equazione viene automaticamente assunta come necessariamente vera. Ci sono nella letteratura infinite storie e aneddoti che documentano questa affermazione e io stesso ne ricordo parecchi nella mia esperienza personale. Può darsi che il metodo scientifico applicato rigorosamente e sistematicamente possa dare accesso a qualche verità, il fatto è che ci sono molti scienziati disponibili a usare il metodo e le sue apparenze per scopi particolari e per suffragare le loro personali opinioni o le opinioni degli enti dai quali dipendono. Il dibattito attuale sul global warming illustra bene il problema: tutti i sostenitori (o quasi tutti) della improbabilità del fenomeno sono in qualche modo collegati a interessi petroliferi, tutti i sostenitori della drammaticità e rilevanza del fenomeno appartengono al campo opposto. Le sfumature ideologiche sono infinite.

Lascio alla curiosità dei lettori la riflessione su tutte le altre forme nelle quali l'Occidente ha rinunciato alla conquista laica costata tanti sacrifici: la bestialità anarco-nichilista dei no-global, l'assurdo entusiasmo dei managers e delle banche per processi di globalizzazione che spogliano le identità regionali e accumulano ricchezza nei paesi già ricchi speculando sul basso costo del lavoro e sul carico ambientale imposto e non pagato ai paesi "ospiti".

Frederick II Hohenstaufen where are you now that we need you?

Vediamo invece, rapidamente, l'ultima delle modalità fondamentaliste con le quali l'Occidente affronta oggi i problemi del Pianeta, l'ultima e forse la più pericolosa.

i. l'indifferenza: l'indifferenza e il disinteresse che dominano l'opinione e il pensiero corrente sono la manifestazione più significativa del fondamentalismo occidentale. Le matrici del disinteresse sono svariate: la comodità, la frustrazione, la onesta convinzione della inutilità di una qualunque azione positiva. Mentre le religioni e i fondamentalismi precedentemente descritti sono in genere sostenuti da forti motivazioni di interesse pratico, culturale o ideologico, la religione dell'indifferenza non ha una specifica motivazione se non quella congiunturale e privata. Data la enorme massa degli aderenti a questo movimento la sua importanza strategica è determinante. Nessun progetto alternativo può avere successo se non riesce a rompere il muro dell'indifferenza.

 

Che fare?

Un pensiero moderato per definizione rifiuta qualunque imposizione dottrinale. La rivoluzione del pensiero moderato deve avvenire spontaneamente e nascere dal basso conquistando solo per la evidenza e per la necessità ogni opposizione e ogni resistenza. La conquista avviene dall'interno. La rivoluzione della moderazione ha come solo strumento accettabile quello della presentazione della evidenza e della necessità: la descrizione del "luogo ideale". Un processo naturale molto lento, ma che può avere incredibili accelerazioni congiunturali. Reg Morrison termini pratici pone le condizioni di partenza di qualunque progetto operativo:

1. Siamo motivati geneticamente come tutti gli altri animali. Non abbiamo altra mente se non il nostro corpo e non abbiamo nessuna opzione comportamentale se non quella del dettato genetico.

2. L'ambiente è un sistema caotico e quindi da sempre essenzialmente instabile. Se cosi non fosse nessun processo evolutivo avrebbe potuto svolgersi. Il sistema ambientale non ammette dinamiche di "ritorno a stati precedenti".

3. La maggior parte del danno ambientale è la inevitabile conseguenza della sovrappopolazione ed elemento strutturante del ciclo di riduzione patologica.

4. I problemi ambientali che abbiamo di fronte non hanno soluzione tecnologica. Qualunque attività antropica - "buona" o "cattiva" che sia ; aumenta il nostro debito ambientale. Aumentando la intensità tecnologica dei tentativi di soluzione si aumenta il debito ambientale. (Impatto = Popolazione + Attività + Tecnologia).

5. Il ciclo di riduzione patologica è una fase vitale del processo di evoluzione e costituisce una clausola essenziale di soluzione per una specie fertile e ad elevato impatto come quella dell'Homo Sapiens.

Di fronte a questi elementi di fatto stanno le nostre fantasiose presunzioni:

1. Gli umani hanno una autonomia spirituale e quindi sono coscientemente responsabili delle loro azioni.

2. L'ambiente è caratterizzato da stabilita' e quindi recupererà le condizioni pristine qualora gli si conceda una minima possibilità.

3. La maggior parte del danno ambientale è provocato dall'ignoranza, dall'avidità, e dalla cattiva pratica tecnologica ed è quindi riparabile.

4. L'intelligenza degli uomini e la tecnologia possono risolvere la maggior parte dei problemi ambientali qualora ci siano il tempo, il denaro, l'educazione e la volontà politica.

5. Sopravvivremo, come siamo sempre sopravvissuti, facendo ricorso alla nostra eccezionale genialità e al nostro spirito indomabile.

Di proposito ho cambiato l'ordine nel quale Reg Morrison presenta i due quadri.

Qualunque progetto deve fare i conti con questi due schemi e con la loro dialettica interazione, confronto o conflitto, nella ragionevole ipotesi che nessuno dei due sia assolutamente e compiutamente vero. La ipotesi di Morrison è che le nostre fantasiose presunzioni sono state la matrice e il motore della nostra eccezionale affermazione sul Pianeta, ma sono anche la matrice e il motore della nostra fine. Accecati dalla presunzione di onnipotenza, incapaci di vedere nella nostra stessa razionalità la origine e la dinamica di innesco del processo di estinzione, procediamo armati di fondamentali fiducie oltre il punto di non ritorno, distruggendo il Pianeta dal quale dipende la nostra esistenza. Sempre secondo Reg Morrison la trappola mortale che ci siamo predisposti è pensata in modo da non ammettere ritirata: quando ci accorgeremo di essere nella trappola sarà oramai troppo tardi per uscire e gli avvenimenti innescati dal nostro programma genetico di autoestinzione procederanno automaticamente senza possibile governo da parte nostra.

 

Una nuova forma mentale

L'aspetto interessante dei due schemi proposti da Morrison è che nessuno dei due è compiutamente verificabile (o falsificabile) fatto che lascia aperte molte opzioni. Si intuiscono i limiti della presunzione nel primo e nel secondo, ma la certezza di questa presunzione non è supportata da evidenza. L'assenza di una qualunque affidabile verità costringe ad acquisire una forma mentale diversa da quella canonica nel procedere cosiddetto scientifico, cosi come la connotazione di non ritorno della dinamica ambientale fa mancare la condizione essenziale della verifica a qualunque procedura sperimentale. Non abbiamo più a disposizione il ciclo prova ed errore. Se mai lo abbiamo avuto. Possiamo solo provare e andare avanti per provare qualcos'altro su un sistema che non sarà comunque quello di prima. Lo stesso concetto di esperienza, così caro all'empirismo galileiano, viene a mancare. La elevata incertezza della dinamica ambientale, conseguente alla enorme complessità, ci vieta anche opzioni e percorsi cosiddetti senza pentimento. È crollata la fiducia negli indici o parametri globali (CO2, temperature tipiche, livelli limite di determinati elementi), per la elevata complessità delle interazioni plausibili e per documentate dinamiche contraddittorie storicamente accertate. Un esempio della totale mancanza di orientamento che caratterizza la cultura scientifica corrente lo si trova nelle conclusioni dei diversi seminari internazionali sul global warming o sull' Ozone hole.

 

La verità.

L'assenza di verità fondamentali è a sua volta una verità della quale si deve prendere atto. Come si procede in un contesto privo di verità? Da una parte c'è la fede: un percorso solo apparentemente comodo, ma obbiettivamente difficile e pericoloso. Dall'altra c'è la realtà molteplice delle infinite ambigue verità contingenti plausibili. Un percorso altrettanto difficile e pericoloso e, altrettanto scomodo. Un dato nuovo al quale formare il nostro pensiero, sul quale orientare le nostre scelte e con il quale ricostruire gli scenari del mondo fisico e ideale ed, eventualmente in futuro, una possibile superiore aggregazione spaziale e temporale per una ipotesi di vero. Attraverso la comprensione di questo dato passa, ineludibilmente, la concezione e la realizzazione di qualunque progetto di pace o la fondazione di qualunque, più o meno utopico, luogo ideale.

La posizione della "assenza di verità" come base per un atteggiamento di indagine più ricco di potenzialità è a mio avviso valida anche per coloro che invece presumono che la verità esista. È infatti più probabile trovare risposte a domande che ancora non ne hanno, piuttosto che verificare l'attendibilità di presunzioni di vero. Dove il primo atteggiamento ha anche il vantaggio di ammettere una pluralità di scenari rispetto allo scenario unico che caratterizza il secondo. La modifica dell'atteggiamento mentale non è però cosi semplice da praticare.

 

Lorenzo Matteoli