ABOUT ME
CONTACT ME
ARTICLES

Bibliography
Bibliografia/Links

Edward Said in Al-Ahram

Lippman in the Washington Post

Robert Fisk in The Independent

James O. Goldsborough
(highly reccommended)

Kamil Mahdi

Nicholas Kristof in the NYT
feb. 25th, 2003

Paul Krugman in the NYT
feb. 25th, 2003
(highly reccommended)

Barbara Spinelli in Repubblica
23, Febbraio, 2003

New York Times Editorial
25/02/03

Bruno Caudana 28/02/03
mandatory reading only in

Italian for the time being

Thomas Friedmann in the NYT
March 2, 2003 The long Bomb

The kurdish Ghost (NYT)
March 3rd, 03

Al Jazeera/The Guardian
"We left out the nuclear targets...for now"

The Palace of the end
Amis in the Guardian
March 4th, 2003

Krugman: Let them hate as long they fear
March 7, NYT

USA Today after the Azores
March 18th, 2003

TITOLO: War, no war/Guerra, non guerra

WRITTEN BY: Lorenzo Matteoli

DATE: February 18th, 2003

 


War, no war.

Lorenzo Matteoli for his website
February 18th, 2003

 

The rallies against the war in Iraq that took place around the World have been one of the most meaningful expressions of the planetary globalisation of political confrontation. Following the rallies, the positions of the United States and of the United Kingdom have not changed. Neither has much changed in the field of the undecided nor of those ambiguously sitting on the fence.
In the press throughout the World the debate between hawks and doves goes on, with everybody searching for the ultimate, convincing argument to justify a preventive war or for the defence of endless negotiations. While on the streets the passionate opinion of the common people is expressed with ineludible one-liners (without ‘ifs’ or ‘buts’) commentators articulate their thoughts in a very sophisticated way and the ‘ifs’ and ‘buts’ seem to be the most important substance of the matter.
Let us briefly explore the main points of the debate.
Oil war:
A. Lippman, in the Washington Post (January 24th), dismantles this assumption (which I have repeatedly proposed): in the global oil market a war for the control of Iraq is useless. Whoever rules (will rule or should rule) Iraq will have to sell the oil on the market and the possible choice of privileged buyers will only induce meaningless triangulation on present market practices. Plausible.
B. It is true anyway that for some oil companies (not only American ones) being or not being in Iraq (Afghanistan pipelines or Caucasian oil fields) could mean life or death. Even more so if (for internal political reasons) Saudi Arabia should cease to be a privileged supplier to the US. This more limited concept could be consistent with Bush’s culture and with the vision of his oil related entourage.
Security against terrorism:
(Bush’s main thesis: the axis of evil). To propose an annihilating war against Iraq and Saddam Hussein as a means of annihilating Islamic fundamentalist terrorism means not to understand the basics about terrorist structures (Islamic or non-Islamic) and to deny the evidence.
Terrorism has no specific roots, no specific financing sources, no specific sites: it is diffused, pervasive, variable and irrational. The original paradigm is historically justified and each action is psychotically motivated.
A war against Iraq, or any other Islamic country, would boost both historic justifications and psychotic motivation. A huge flow of fresh cash and a crowd of voluntary spirited martyrs would immediately be available for any recruiting organisation operating anywhere. Osama Bin Laden has already started the campaign. This obvious truth is certainly clear to Bush/Cheney/Rumsfeld and the question is, why do they insist on this unsustainable assumption. What are they trying to hide, and why is the hidden agenda "unpresentable"?
Saddam Hussein is a bloodthirsty dangerous dictator: Is that a good motivation for war? Too bad it can suit, in an even more consistent way, at least a dozen other bloodthirsty dictators, some of whom may be more dangerous than Saddam. If the United States had always had this worldwide task, the assumption would bear some credibility. When the US wanted to dispose of corrupt dictators or rightfully elected heads of state that they disliked, they have done it without waging war: Kissinger was a master at that and the list of his mischief is shamefully long. (Soekarno, Diem, Allende, Noriega…)
Credibility of the US:
Zareed Zakarias, Newsweek Foreign Affairs editor, (interview with Mauro Suttora in Il Foglio 15/02/03) says: ..… if instead of waging a war we just send 200 inspectors we will lose our credibility. This is a rather contrived motivation: First you call for a war with logically unsustainable motivations, then, when the whole world gives you flak, you say if we do not wage a war we will lose credibility. Maybe it would have been better to think about that before calling for the "crusade" after the trauma of September 11th!
Bush’s electoral necessities:
Certainly a dominant factor until a few days ago. Since September 11th the strategy of the Bush Administration has been dominated by the need to respond to mainstream America expectations. With the current gradual shift of public opinion, this factor may be scaled down in the priority ranking. When this happens it will be interesting to see how the campaign strategy presidential brain pool will handle the media.
The sore point of Israel:
It is possible that one of the reasons for the war against Iraq is the hope of inducing a chain of events (more or less catastrophic) that will clear the US from a responsible decision on the "thorn" that has, for a very long time, been poisoning American politics and also international relationships. Israel must go back within her boundaries and a new independent Palestine State must be founded. The Palestine/Israeli conflict is the main source of (historically justified) Islamic terrorism and the origin of Bush’s electoral problems, given the significance on US politics of the American-Jewish vote.
Re-designing the geopolitical asset from the Middle East to the Caucasus:
The US now has a clear understanding that the present geopolitical set up from the Middle east to Central Asia is unsustainable and a constant menace to their interests in the "only" huge oil region of the future, (Saudi Arabia, Kuwait, Jordan, Israel, Palestine, Emirates, Yemen, Egypt, Syria, Lebanon, Irak, Iran, Afghanistan, Kurdistan, Turkmenistan, Kashmir, Pakistan, Tchechnia, and former Soviet Caucasian Republics).
The whole region was designed by the League of Nations at the turn of the century and by the British Foreign Office with total disregard for history and ethnical boundaries and it has now become a minefield: corrupt regimes, warlords, drug lords, arms trades, Mafia structures, dictatorships and rogue monarchs - a huge bomb ready to explode and, at present, completely out of control: nominally US control. Let’s start from Iraq and the rest will come easy.
A grand vision, quite plausible if not true: The question is if Bush/Cheney/Rumsfeld are capable of conceiving it. Doubt is mandatory. Another question is if such a grand strategy/vision can be pursued by starting a preventive war that may topple a rogue dictator, but that will also seriously undermine the authority and credibility of the US as the "Master Nation and Leader of the New World Order" and ignite thousands of local conflicts and antagonisms throughout the World.
The "after-war" in Iraq will arguably occur according to the rosy US predictions: US Army occupation and set up of a friendly democratic regime. That was the idea for Afghanistan and we now see what is happening there: warlords, drug lords, talebandits completely out of control. If president Karzai will survive he has no hope of seeing a united, free and democratic Afghanistan republic, and neither have the United States of America. Iraq will be just as bad if not worse.
Tribal and sectarian antagonisms are not easy to integrate into the paradigm of "democracy" made in the USA. Democracy is not an item for export (as Stalin and any others have said). The Grand Utopian Vision of Woodrow Wilson to associate the promotion of democracy in the World to the promotion of American interests, culminated in the failure of the League of Nations and overall many more interests were promoted than democracy. The image of the "Grand Strategy" remained and is still used today as a convincing cover by Bush Sr., Clinton, Bush Jr. As Robert Fisk says: "I am tired of being fooled".


So why?

Bush and the Americans (at least some of them) are still suffering from the 9/11 trauma. As many stated with an easy truism on September 12th 2001: nothing will ever be the same. What is going on today in America can be qualified as "conjuncture syndrome": thinking and decision-making processes take place under heavy psychological pressure of a trauma that has not yet been dealt with (if it ever will). The outcome is a synthesis of many factors that I will try to compact into one concept:
Whatever strategic projection is made of World scenarios over the next twenty years, present trends (more of the same) converge into the following three main frames:
A. social and economic annihilation of one third of the Planet (Africa, Central America, India)
B. marginal survival of another third of the Planet (South America, Indonesia, Philippines, Central Asia)
C. challenge for the privilege among USA, Europe and China.
American diplomacy since 1943 started foreshadowing an era of "new isolationism" for the US. American interests are too strong and too privileged to avoid conflict and antagonism with the interests of the rest of the Planet. This theory has been the subject of essays by many commentators (Walter Lippman, George Kennan, Charles Krauthammer) and quite meaningfully also recently by Henry Kissinger who, in his book "Diplomacy" (1995), frankly invited those responsible for American foreign policy to give priority to "interests" rather than "ideal values". Knowing what the man has done, this recommendation has a sinister ring to it.
He certainly more than complied with that idea with operations that were on the borders of criminality and sometimes well beyond them. The phase started surreptitiously quite a few years ago (Indonesia, Timor, Central America, Chile) became almost clear with the Gulf War and will become clearer and more specific in the future.
It is not American "Imperialism"; it is the fight to protect the privilege of the USA; the specific American understanding of their own survival. It is possible that Bush perceives this motivation intuitively and expresses it, disguised with a coarse approximation of the language of the Wilsonian "Grand Strategy", lacking the political and cultural standard to express it in actual and presentable terms, or to elaborate in a dignified version, if such a thing is available. In this framework, the rest of the World must seek other strategies: Bush was brutally clear when he stated on September 12th 2001: "Either with us or against us". He thought he was talking of terrorism.
The absolute imperative today for a divided and fragmented Europe is to seek a "third way", dismissing the "more of the same" assumption.
The main difficulties are the scarce intellectual articulation of President Bush Jr, an utterly indefensible Saddam Hussein, the ferocious Israeli hawks, Arafat indulging in terrorist practices, the repelling terrorist danger, military weakness of a divided Europe, the weakness of the United Nations, the obsolete ambiguity of the North Atlantic Treaty, the dialectic impermeability of the Arab World, Europe’s unreadiness to negotiate with Arab culture, and the strength of US interests in Europe.
Above all: Fear!
War in Iraq will be Osama's greatest victory: comparable to a few thousand Twin Towers.
A Great Statesman is urgently needed.

Conclusion
There is no united Europe capable of stopping Bush and all the difficulties listed are far from being solved. Some of them are not even tabled for discussion by a public international debate. The obscenity of "credibility" is growing in the US media and Bush is now stressing the imperative of bombing democracy and freedom into Iraq. The gost of Wilson's "Grand Strategy" is creeping into the "war dance" of the White House. So there will be a war, maybe before a final negative vote by the UN: it is easier for Bush to operate on the assumed non-compliance of Saddam to the present UN resolution (1441) than to challenge a formal negative vote of the Security Council.
I really hope that facts will prove me wrong.

Lorenzo Matteoli

 

 

 

 

 


Guerra, non guerra

Lorenzo Matteoli per il suo website
Febbraio 18, 2003


Le manifestazioni in tutto il mondo contro la guerra all’Irak sono state una delle più significative espressioni della globalizzazione del confronto politico planetario. A fronte di queste manifestazioni restano, per ora, inalterate le posizioni degli Stati Uniti e del Regno Unito e poco si è mosso sul fronte opposto e su quello degli incerti o ambigui intermedi. Apparentemente, il giorno dopo.
Continua sulla stampa di tutto il mondo il confronto fra i commentatori e il dibattito fra falchi e colombe alla ricerca di un argomento capace di convincere sui motivi di una guerra "preventiva" o sulle ragioni di una pervicace difesa del negoziato ad oltranza. Mentre la piazza passionale si esprime con slogan fulminanti (Senza se e senza ma) la discussione dei commentatori si articola in modo sempre più sofisticato, dove invece i se e i ma sono decisamente la parte più importante.
Vediamo rapidamente quali sono i poli del dibattito.
Guerra per il petrolio:
A. Lippman sul Washington Post del 24 Gennaio smonta questa tesi (che io ho sempre proposto): nel mercato globale del petrolio una guerra per il controllo dell’Irak non ha senso. Chiunque governi (governerà, governasse) quel paese dovrà comunque vendere il petrolio sul mercato e la eventuale scelta o privilegio di acquirenti determinerà solo "triangolazioni" insignificanti rispetto alle attuali dinamiche commerciali. Plausibile.
B. Resta comunque vero che per alcune compagnie petrolifere (non solo USA) esserci o non esserci in Irak (Afghanistan pipelines e Caucaso) vuol dire vivere o morire specialmente qualora l’Arabia Saudita cessasse per questioni di politica interna di essere il fornitore privilegiato degli Stati Uniti. Questo concetto (più limitato) potrebbe essere consistente con la cultura e la visione di W. Bush e del suo entourage.
Sicurezza contro il terrorismo:
(la tesi principale di Bush: the axis of evil) proporre una guerra di azzeramento dell’Irak di Saddam Hussein come strumento per azzerare il terrorismo di matrice fondamentalista islamica vuol dire avere capito poco di come funzionano le strutture terroristiche (fondamentaliste islamiche e non) e di negare platealmente l’evidenza. Il terrorismo non ha radici specifiche, non ha finanziatori puntuali, non ha luoghi specifici: è diffuso, variabile, pervasivo e irrazionale. La sua matrice originale è in genere giustificata storicamente e motivata psicoticamente. Una guerra all’Irak (o a qualunque altro stato islamico) esalterebbe sia le giustificazioni storiche che le motivazioni psicotiche. Un fiume di denaro fresco e una folla di volontari esaltati sarebbero immediatamente disponibili per qualunque reclutatore operasse su qualunque piazza. E Osama Bin Laden ha già cominciato la campagna. Questa evidenza deve essere chiara anche per Bush/Cheney/Rumsfeld e quindi ci si domanda come mai insistano su un assunto insostenibile. Ovvero cosa nascondono e perché questa cosa nascosta è "impresentabile".
Saddam Hussein è un dittatore sanguinario e pericoloso:
un buon motivo? Peccato che si possa applicare in modo anche più consistente a qualche decina di altri dittatori sanguinari alcuni dei quali molto più pericolosi di Saddam Hussein. Se gli Stati Uniti si fossero da sempre assunti questa responsabilità planetaria, la tesi sarebbe sostenibile. Quando gli Stati Uniti hanno voluto fare fuori dittatori corrotti e sanguinari oppure onesti e regolarmente eletti capi di stato non graditi lo hanno fatto senza fare guerre di azzeramento: Kissinger è stato un maestro e l’elenco è dolorosamente lungo.
Credibilità degli Stati Uniti:
dice Zakarias (intervista con M. Suttora su il Foglio del 15/02) a questo punto se invece di fare la guerra mandiamo 200 ispettori non siamo più credibili. Tesi tortuosa: si proclama l’idea di una guerra con motivazioni fragili, o razionalmente non sostenibili e poi, quando tutto il mondo insorge, si sostiene che se non si fa la guerra ne va della credibilità degli Stati Uniti. Forse bisognava pensarci prima di proclamare la "crociata" sotto il trauma dell’11 Settembre.
Necessità elettorali di W. Bush:
certamente un fattore dominante fino a pochi giorni fa. Dall’11/9 in poi la azione di Bush e’ stata dominata dalla necessità di riscontrare e soddisfare l’opinione del mainstream USA. Con il graduale e travolgente cambiamento dell’opinione pubblica americana attualmente in corso, questo fattore potrebbe scadere nella classifica delle priorità. Se questo avvenisse sarà interessante vedere la manovra dei media al servizio degli strateghi elettorali della Casabianca.
La spina di Israele:
Israele deve tornare nei suoi confini e uno Stato indipendente Palestinese deve essere fondato e riconosciuto. In questo "nodo" si incistano, oltre alla matrice fondamentale del terrorismo islamico (storicamente giustificato) i problemi elettorali di Bush che non ha il coraggio e la forza di liberarsi dal condizionamento sionista sulla politica estera e interna degli Stati Uniti. Forse, con la guerra a Saddam Hussein, Bush spera di provocare una dinamica di eventi che lo esenti in qualche modo (più o meno catastrofico) da una decisione chiara e responsabile su questa "spina" della politica interna degli Stati Uniti che da mezzo secolo avvelena i rapporti internazionali.
Ridisegno della geopolitica dal Medio Oriente al Caucaso:
gli Stati Uniti si sono resi conto della insostenibilità attuale e futura di tutto l’assetto geopolitico dal Medio Oriente al Caucaso (Arabia Saudita, Kuwait, Giordania, Israele, Palestina, Emirati, Yemen, Egitto, Libano, Siria, Irak, Iran, Afghanistan, Kurdistan, Kashmir, Pakistan, Tchechnia, Caucaso ex Sovietico etc.) come determinato dalla Lega delle Nazioni e dal Foreign Office inglese all’inizio del secolo e dagli avvenimenti successivi (WW2, separazione India Pakistan, dissoluzione della USSR, rivoluzione in Iran etc.). Tutto da rifare: confini, competenze, regimi corrotti, monarchie totalitarie, signori della guerra, oppio, commercio di armi. Una enorme vasta polveriera con potenziale esplosivo immane e allo stato attuale assolutamente incontrollata. Cominciamo dall’Irak: chi ben comincia è a metà dell’opera.
Tesi grandiosa e visione molto plausibile se non vera: c’e da domandarsi se Bush/Cheney/Rumsfeld ne siano effettivamente capaci? è legittimo dubitare. Ci si domanda anche se il modo migliore di affrontare questo problema/visione sia quello di fare una guerra settoriale che forse eliminerà un dittatore, ma che comporterà un crollo vero di autorevolezza e di credibilità degli Stati Uniti come "Stato Guida del Nuovo Ordine Mondiale" e innescherà migliaia di antagonismi locali in tutto il mondo.
E’ assai poco probabile che il dopoguerra in Irak si svolga secondo le rosee previsioni USA: occupazione della US Army e quindi instaurazione di un regime democratico "amico". Era l’ipotesi dell’Afghanistan che sta naufragando in un mare di signori della guerra e gruppi di guerriglieri/banditi assolutamente fuori da qualunque controllo. Karzai se sopravvive, non ha speranze di vedere un Afghanistan unito e democratico. E nemmeno l’America. Gli antagonismi tribali e di setta non sono integrabili negli schemi della "democracy" made in USA. La democrazia non è un prodotto che si esporta (lo diceva Stalin, insieme a molti altri). La grande visione utopica di Woodrow Wilson che associava gli interessi degli Stati Uniti alla promozione della democrazia nel mondo, culminata nel clamoroso fallimento della League of Nations, ha di fatto registrato molta più promozione di interessi che di democrazia. Ma è rimasta consolidata l’immagine della "grand strategy" ancora oggi assunta come convincente copertura da Bush Sr, Clinton, Bush Jr. Come dice Fisk: "Non ci credo più."


Ma allora perché?
Bush e l’America (una parte almeno) sono ancora sotto il trauma dell’11/9. Come si disse con facile profezia il 12 settembre 2001: nulla sarà più come prima. Quello che succede in America oggi è qualificabile come "conjuncture syndrome": si pensa e si decide sotto la pressione psicologica di un trauma che non è stato ancora assorbito (se mai lo sarà). La reazione è una sintesi di molti fattori e provo a riassumerli in uno solo concetto.
In qualunque proiezione strategica di scenari mondiali per i prossimi vent’anni (more of the same) si vede che le tendenze attuali convergono su tre punti fondamentali:
A. l’azzeramento socio-economico di un terzo del pianeta (Africa, Centro America, India)
B. la sopravvivenza marginale di un terzo del pianeta (America del Sud, Indonesia, Filippine, Asia Centrale)
C. lotta per il privilegio tra USA, Europa e Cina
La diplomazia americana aveva previsto fin dal 1943 l’avvento di un nuovo isolazionismo: gli interessi dell’America sono troppo forti e troppo privilegiati per non essere radicalmente antagonisti (inconciliabili) con quelli del resto del pianeta. Hanno teorizzato questa ipotesi molti commentatori (Walter Lippman, George Kennan, Charles Krauthammer) e, significativamente ultimo e recente Henry Kissinger (nel volume Diplomacy, 1995) che ha invitato esplicitamente i responsabili della politica estera americana a rispettare di più gli interessi effettivi rispetto ai valori ideali. Conoscendo le sue imprese il suggerimento ha un suono sinistro. Certamente lui lo ha applicato rasentando, e spesso oltrepassando, il margine della criminalità. La fase è iniziata ufficiosamente molti anni fa e ha avuto una prima clamorosa manifestazione con la guerra del Golfo e andrà via via definendosi in modo sempre più specifico. Non è l’imperialismo americano: è la lotta per la tutela del privilegio USA e cioè della "loro" visione di sopravvivenza. Bush forse intuisce questa motivazione e la esprime ancora confusamente travestita nel linguaggio della "Grand Strategy" Wilsoniana, non avendo la strumentazione culturale e politica per esprimerla in termini attuali e presentabili. O per svolgerla in termini dignitosamente praticabili. Se ve ne sono.
In questo quadro il resto del mondo deve cercare altre strategie: nella brutalità dialettica di Bush il concetto è stato enunciato in chiare lettere il 12 settembre: o con noi o contro di noi. Lui credeva di riferirsi al terrorismo.
L’imperativo categorico dell’Europa sfrangiata e divisa di oggi è quello della ricerca di una terza via: aggredire il "more of the same".
Le difficoltà principali sono la scarsa articolazione intellettuale di Bush Jr, la totale indifendibilità di Saddam Hussein, la ferocia dei falchi israeliani, la disponibilità alle pratiche terroristiche di Arafat, il condizionamento sulla politica interna americana delle lobby di Israele, la realtà imprendibile del pericolo terroristico, la debolezza militare dell’Europa disunita, la debolezza delle Nazioni Unite, la attuale ambiguità del contratto NATO, la impermeabilità dialettica del mondo arabo, la impreparazione Europea a negoziare con la cultura araba, la forza degli interessi economici USA in Europa.
Sopratutto: la paura!
La guerra all'Irak sara' la piu' grande vittoria di Osama: paragonabile a qualche migliaio di Twin Towers.
C’è urgente bisogno di un Grande Statista.

Conclusione
Al momento non si vedono condizioni che consentano alcun ottimismo. L'Europa unita capace di fermare Bush non c'e' e tutti gli altri problemi elencati in chiusura sono molto lontani dall'essere risolti. Alcuni non sono ancora espressi all'opinione pubblica. L'oscenità della "credibilità" cresce negli articoli dei commentatori "falchi" Americani, Bush ha cominciato a svolgere l'idea di imporre con le bombe all'Irak la democrazia e la libertà made in USA e nella danza di guerra della Casa Bianca spunta il fantasma della "Grande Strategia" di Wilson. Quindi la guerra ci sara', forse prima che le Nazioni Unite esprimano un voto negativo: infatti e' piu' facile per Bush sostenere l'inadempienza di Saddam Hussein alla attuale risoluzione (1441) ONU che sfidare un veto esplicito del Consiglio di Sicurezza.
Io spero di essere smentito dai fatti.

Lorenzo Matteoli