ABOUT ME
CONTACT ME
ARTICLES

 

 

Bibliography
Biografia

AAVV a cura di P. Rossi, Modelli di città, Torino, 1987.

B. Bianco, V. Comoli, A. Frisa, A. Marino, Le Città nella Storia d'Italia: Torino. Ed. Laterza, Bari, 1983.

Renato Bordone,
La società cittadina del regno d'Italia, Deputazione Subalpina di Storia Patria (BSS CCII), Torino, 1987.

Città e territorio nell'alto medioevo. La società astigiana dal dominio dei Franchi all'affermazione comunale, Torino 1980 (Biblioteca storica subalpina 200).

La storia urbana nell'Italia comunale (secoli XIXIV), Torino 1984.

Storia urbana e città medievale: prospettive di ricerca in AAVV., La storiografia contemporanea. Indirizzi e problemi, Milano 1987, pp. 301321

Cesare de Seta, Leonardo di Mauro, Le Città nella Storia d'Italia: Palermo. Ed. Laterza, Bari, 1980.

J. Le Goff, L'immaginario urbano nell'Italia medievale, in AAVV Storia d'Italia, Annali, V, Torino Einaudi, 1982. (pp 743)

K. Lynch, The Image of the City, MIT Press, Cambridge, Mass. 1960.

Lewis Mumford, The City in History. Ed. Harcourt, Brace and World, New York, 1961.

E. Panofsky, Gothic architecture and Scholasticism, Meridian Books, New York, 1957.

L. Riessman, The urban process, Free Press, Glencoe Ill. 1964.

M. Roncayolo, voce 'Città', Enciclopedia Einaudi Vol. III.f

Paul Valery, Eupalino o dell'architettura. Ed. Carabba di Lanciano.

Chiara Frugoni, Una lontana città. Sentimenti e immagini del Medioevo, Torino 1983.

TITLE: The city, Its form, Its culture

TITOLO: Forma Urbana e Cultura Insediata

WRITTEN BY: Lorenzo Matteoli

DATE: Torino 1988

TRANSLATION EDITED BY: Wendy Charnell

1999 Comment
The interesting and challenging thing about putting writings on the WEB is the possibility to update them and to add postscripts that this medium allows, and almost invites you to do. My essay on urban form and its corresponding culture is now 11 years old and I have always regretted that I did not expand it into a more comprehensive work. As Northcote Parkinson's third law states:
Action takes the place of inaction. (approximate quotation)

So I read with great pleasure, and some envy, Spiro Kostof's book "The City Shaped: Urban Patterns and Meanings Through History", (Thames&Hudson, London 1991, paperback edition 1999). Here is a quotation from his introduction that is very close to my concept of the "urban mirror". It is interesting that similar ideas occur to different people in different parts of the World at the same time.

"We read [urban] form correctly only to the extent that we are familiar with the precise cultural conditions that generated it. Rather than presume, in other words, as practically everybody in the architectural world wants to presume, that buildings and city-forms are a transparent medium of cultural expression, I am convinced that the relationship only works the other way around,. The more we know about cultures, about the structure of society in various periods of history in different parts of the world, the better we are able to read their built environment." (S.Kostof)

******

It is an old story that form is related to the content of things by complex and abstract interactions. Another reasonable assumption is that the discussion on this matter is worth the effort and the time: in fact this is still one of the main issues of our life and of any social organization. We live comparing consistency between forms and values, fighting for it or against, to understand it, overcome, defy, control or comprehend it. One way to trace the action of our existence is to read it as dialogue between forms and contents, the project of life is to design the way of living which most responds to our values.

While we carry out this design we challenge others, ourselves, the places and the moments in which the project develops and takes place. This notion can be referred to single individuals, groups, social structures and even to the entire nation and it is a field for continuous study and debate of many disciplines.

The city and her growth, the relations between such development and the cultures in the city herself, are a specific peculiar facet of this debate, because the city is the place that embraces the lives of many for generations for hundreds of years, that requires investments of money and work by the size and scopes more historical than economic and financial.

Understanding the City implies the highest expression of the common will or of social identification in that which is assumed or perceived as the dominating social will.

The timing of the two evolutionary processes, urban shaping and the civic values behind, is an element for further complexity and conflict. Impossible to read it in terms of contingency, because the development of cities takes place over generations and urban forms remain for centuries, while we have only one short life.

Each one of us lives in the city that somebody else designed and designs the city where somebody else shall live.

Thus the present form of the city is the subtle but active way through which the past continuously struggles with the project of the future city. It is not simple to learn and understand this historic commitment: we usually say "my city" and we mean by that something much more involving and intimate than the simple possessive pronoun can carry. In fact it is the city of my story, it's the city that, through her history, supports or counters my values. That continuously, though indirectly, induces my behaviours, actions and throbs.

Town planning history is the history of urban form and of the many ways in which such form reacted to geography, social tensions, politics, economy, environment and technology. Every instance is fascinating and the inherent literature is vast. The way in which urban shape and urban values interact suggests a provocative example: as if the city were a mirror of the culture that lives in it and, at the same time, the generating womb of the very same culture. A self referred cycle that can be clearly felt, but not easy to grasp in its qualitative specificity, it may be perceived as a poetical truth.

(Giovanni Battista Vico : '.if you think about it, poetic truth is a metaphysical truth compared to which the physical truth that does not comply has to be retained as false..').

If the city is a mirror of her culture, and that is a provocative assumption, it is indeed a mirror with a lot of suggestive peculiarities. Mirrors reflect sharp and immediate images: even before you can capture it with the eyes the image is flashed back sharp and clear, 'mirror like'. Instead it takes years, ten, twenty, fifty to get back from the city mirror the images of the cultures that wanted and designed it. Such images never have clear contour lines: overlapping, intruded, pasted one over the other, they shape other images and bring other messages along. For centuries they remain chips, debris, fossil pieces, or strong marks of superimposed urban forms, variously associated in a strange and ambiguous figure. This ambiguity is not always simplified by our way of reading it, which is, by necessity, driven by the ideological background of the observer, by his motivations and scope, by the moment in time and by the environment.

An baffling element of the mirror example is the time of interaction between the reflected image and the subject in front of the mirror. When we look at ourselves into a mirror, the image we see is provocative of thoughts and 'reflections', according to intelligence and feeling we react to the provocation: a smile, a touch to the hairdo, an eye comment to the thoughts aroused. In the image we reckon the face and are reminded how it used to be, we see the signs of time and the anticipation of changes yet to come. Out of the intrigue: the city, that certainly has a critical understanding, changes according to the image perceived or, sometimes more dangerously, according to the image imposed or subtly suggested. About this interaction M. Roncayolo, with a privilege for the behavioural pattern, comments: '....behaviours explain territorial composition more than the latter determines them: but at the end the two effects add up..'

More than a sum it is a complicated integration not without contradictions, but, at the end, the culture can be referred to the city to which it does respond in specific, peculiar if not unique ways. Things happen in Turin, Milan, Naples, New York, Bangkok or Jakarta in the Turin, Milan, Naples, New York, Bangkok or Jakarta way and they could not happen in the same way and time, in any other place of the World.

Things, modes and facts, then and through ways which are not indeed simple to describe, shape the city. In this process the dialogue between our action and the time/space frame is enriched by ineffable, but proven complexity. This is why the way of doing things, talking, thinking becomes, by common sense, a distinguished peculiarity of those who live in Turin, Milan, Naples, New York, Bangkok or Jakarta.................

That, which in Rome is currently accepted, may be the cause of fierce opposition in Turin, natural behavioural patterns of the inhabitants of Jakarta are obscure and deceptive to the people of Manado. Examples of local behavioural peculiarities are manifold, and this is not the place to elaborate on the matter: it is a fact of common sense, but seldom clearly referred to the 'form of the city' when we use the term with wide assumption. Notwithstanding the great talks on the fall of local barriers and fifty years of diffused 'globalized' information, to-day, the old saying '...dum Romae, ut Romani...' is true as ever. May be the time is ripe to think again, in a critical way, about 'integration' in local cultures of the vast migratory flows moved by the industrial expansion of the fifties and sixties: it might have been better to try the road of 'comprehension' of differences, instead of their forced removal. Now in Italy we see the strong comeback of 'regionalism' as current of thought that implies respectful expression of local values historical consistency, and that not only in art and humanities, but, at length, in communication, social organization, economy and industrial production as well. Let alone behavioural patterns of the people. Hence the present, increased, interest to study urban form and the self referred cycle that relates it to the hosted culture, for the sake of better understanding and for further interpretation of its creative continuity. One has to be very careful on this specific turf: radical positions usually clash in extravagant and sterile matches. Ignoring local or regional references does not necessarily imply 'modernity' . Fashionable international references are not the only granted and secure way out from the cultural province. Evolutionary, forward, innovation stems from interaction between external values, local values, specific roots and memories, more than from integration. Restrain to external categories only is to be regretted, same as the exclusive retreat to local references.

In Architecture and Townscaping, emphatic initial interpretation of the 'Manifesto of the Modern Movement' yielded losses that we dearly paid: very little audience was given to Pagano and to his appeal for 'indigenous' architecture, that was instead abused from the official governmental culture and thus nullified.

One of the reasons of the failure of what is, somewhat pompously, called 'urban civilization' may very well be the ineptitude in critically tackling the vital relationship between urban development and form and host values. The double dialogue between form-womb and generated culture has not been attended with adequate care. There are no listeners. Too fast and too strong is the growth of the metropolitan megalopolis. The urban explosion driven by industrial expansion after WW2 thrashed the delicate balance attained during the previous few thousand years of gradual settlement. The friendly mirror became a monstrous ghost. What is romantically sought as the 'genius loci' from the design 'Arcadians' of Post-Modern Architecture, in fact became a violent blob of meaningless noises. Every interpretation, even the far-fetched one, is consistent and legitimate: the mirror is to-day a distorting artifact that sends back to her generating culture all kinds of upsetting urges.

The serene conversation between places and objects, warmly fostered by the Hellenistic builder Eupalinon in the dialogue on Architecture written by Paul Valery, once a suggestive reference, has no place. Cannot have a place. Love words whispered in a discotheque ................

The ancient Egyptians would say that...'the Gods of the City ran away from their sanctuaries'... and the city without the founding Lares is a 'non place'.

We have cities to-day, that forgot their roots.

One of the many objectives to study town planning, decision making processes and the design procedures that, from the host culture, lead to the urban form and vice versa, is precisely to search where exactly the roots got lost, where have the Gods of the City fled, how to recover the skills to listen and to understand the overwhelming, yet obscure message that the built city sends. How to look again into the urban mirror, seeking beyond the background noise to re-trace the image and to read the lost outline.

The fleeing of the Gods from post industrial cities was felt by Lewis Mumford who wrote in 1961 (The City in History): "Before modern man can re-win control of the forces that are now threatening his own existence, he has to re-gain control of himself. And that is the first task of the future city: to create a visible, regional and urban structure based on images of togetherness, capable of setting man at ease with his deepest 'self' . Hence ,we have to see the city not as the place of business and government, but rather as the place of the new human identity: the identity of the 'Man of the World'.

Key to the understanding is the intelligence of the 'Man of the World' .

The immediate reaction induced by the deformation of the primitive 'civitas' into the present metropolitan Armageddon is total repulsion. The non city urges the aversion for the city. The horrible image that the urban mirror flashes back on us makes us want to flee. Hence refusal, hostile use (abuse), vandalism, hatred, boredom and alienation. The cycle is clearly perverse: more decay induces stronger rejection, to the worse environment the worst behaviour. In the negative cycle it is difficult to separate the two confronting moments: to know where the causes and where the effects are. This happens also because effects and causes are often far away in time and space. The project dies, future is a nightmare and not an expectation. An answer is to flee from the City, abandon the field or some of her areas, seeking elsewhere a future that in the City appears dangerous and uncertain. The weakness of the project, the uncertain will and the failure of the future, are the negative reactions of the host culture to the message of the ailing City.

Another reaction is the green answer : let us fill the city with parks and gardens. We will recover the environment and the Gods will come back. This is a proposal with direct appeal, but in fact it's not up to the problem: the City has to find her Gods again and they are urban Gods. As Mumford seems to say: ..' it is the Man first that has to return to the City'. The beauty of the City is brought by features which are not the values of the forest. The green in the city is different from the green in the country and of the forest.

To embrace the artificial dimension of the urban artifact is an unconditional demand to tackle the problems of the City. The City is not country and cannot help but being a place of reasonable, but total modification of nature's sovereignty by man. With no dissimulation nor regrets.

The Gods of the Polis did not flee to the forest: they may dream this flight, but it is not to them. The 'urban forest' must be a 'designed forest', its usefulness and beauty precisely linger in design, with the potential to change the City and to make her livable. The City is concentration, functional throng, plurality of initiatives and interests, sum of conflicts and problems: the City must manage congestion, cannot do away with it. Complex systems with controlled congestion, require powerful governing tools: the defined aims have to be pursued with steady endurance. It is easy to apply political strength to land management in totalitarian regimes: great urban landmarks are a current result of central political power not too keen on democratic dialogue, or else they require high and refined intelligence to successfully carry their decisions through such a dialogue.

This comment is just to quote the conflict between democracy and efficient management of urban systems. The manifold interests that are structure of the urban system have to find in the governing body a sophisticated and dynamic balance warrant: maximum expression potential with maximum mutual respect.

A short perusal of what Mumford wrote in 1961 about the ancient Greek City (Polis) may be of some interest, after thirty years and after the crisis that tormented all western democracies in the seventies:

'Many cities in ancient Greece tried to apply direct democracy, and their efforts should teach us something as they have already taught the authors of the Federalist Papers. The Greeks tried to transfer to the complex urban system the direct responsibility and the communal participation that did rule the village. When the young Athenians pledged loyalty to the City/State their commitment was expressed by words of great beauty. On the assumption that all citizens were equal, the minor responsibilities were drawn among everybody and were rotated yearly.......Since judiciary and consulting services were attended by people who had direct relationships, eloquence became an important political means and the ability to control an audience became more important, for the choice of a leader, than the skill in handling the job. So true that the ones too shrewd on the job where distrusted like Themistocles and Aristides. Impeachment and ostracism (exile) of the best leaders was one of the chronic weaknesses of the political system in Athens ...

The trial against Socrates reveals the hostility against those that, with their intelligence, enlivened the opposition against mediocrity and cowardliness...' (Lewis Mumford, The City in History)

The difficulty to shift from direct democracy to delegated representative Government is not a problem limited to ancient Greek Cities: to day it is even more difficult to take up and defend the uncomfortable and narrow space between:....' irresponsible and arrogant dictators and reasonably responsible democracies plagued by incompetence and stupidity..... without surrender to the shame of consensus gained with complacency and demagoguery.' (Lewis Mumford op. cit.).

The image that we have, to day, of the Greek Polis has been suggested by the great monuments: the Greek Polis is for the current opinion the Acropolis of Athens. Nothing is less true! The Acropolis is the standard of the Hellenic ideal: the real city of Athens was quite different. Congested concentration of activities without water, nor sewage. The everyday living dimension was reduced to mere necessity: minimum private space, most of the time dedicated by each individual citizen to communal services. How was it possible for the orderly and clear Classic conception to stem out from such a messy physical organization of the city, how could order, symmetry, self-discipline, global vision, find their roots in that congestion, is a matter for present serious meditation.

Apparently, ideal order and sharpness, deep critical speculation, conception of beauty, the emblems of Classicism, did not derive from a formally consistent environment. Or else, ideal consistency was felt in a different way for our present standards to understand. And that is the least one can say.

Only one place was the symbol, the Acropolis, in a totally different urban environment. Considerable understanding of the Greek Culture may be hidden in this contradiction. There was a clear distinction between the ideal abstraction and the Real World: the wise man points at the sky, the stupid people look at his finger! The Acropolis may be the result of this distinction: the symbol of an unbelievable and clear will to chose great Ends with the sacrifice of the everyday menial objects. The Greek City was a continuous totally participated theater of every activity: the very concept of private space is absent in the urban organization, the concept of freedom and acceptance of nature, dominated behaviours of the Athenians. In the athletic tournaments the naked bodies were shown with pride and every physical need was publicly performed. This was the logical result of the great conceptual freedom upon which rested the Greek culture during the Hellenic years.

The form of the generating city could be perceived in two meaningfully opposed moments: the Acropolis, above and abstract, dominating, over the everyday minute, diffused congestion. This ideal city lasted for a short time: '....the Athens of Themistocles and Solon was not able to transfer her secret to history ...' (Mumford). Not a small loss.

Athens urban form associated the concept of individual freedom and respect for the freedom of others, but did not leave a consistent mark: it may be suggestive to think that it is just on account of the 'weak' urban pattern that the great conceptual 'strength' was achieved. Great concepts entrusted to weak tools, but if you have the strong tool, the great concept may not be there at all.

The subsequent Hellenistic urban form was instead clear, orderly, symmetrical and built to highly rigorous canons and standards: consistent with the inconsistent cultural message or, vice versa, the delayed image of the urban mirror reflecting previous ideals? Or, again, our reading code is blurred by ideological prejudice , and the western culture has always been underestimating the values of Hellenism. Other rigorous cities were designed and built, not far away in space and time, on the vast territories of the Roman Empire: square cities, with two median orthogonal axes, with one Gate on each side of the perfectly oriented walls. The thousand cities built by the Romans on one basic simple layout of Etruscan origin, reflect the conception of military order, or the regard due to a religious canon.

Effective and pragmatic managers of complex phenomena over vast extensions of land and over many different nations and peoples, the Romans observed, absorbed, digested and comprehended the conquered cultures and proposed a blunt simplification of the urban form. The message seems to be clear: complexity is tackled by discrete understandable elements, one by one.

Maybe only in the Far East, and a few centuries before, urban civilization was able to associate such a baffling simplicity to a complex conception of life and its values, but the philosophy behind was altogether different.

Former Roman cities later grew on the specific values and according to the rules of each place. To day the Roman asset is an urban fossil on which local interpretations operated with the most different patterns: Chester, Ljubliana, Narbonne, Nimes, Basel all have used the initial imprinting with their subsequent cultures. That was, at the same time, the evidence of the primitive strength of the Roman simple pattern, and of the vital evolution of the local expression.

The strong will of the central organization, the weakness of the distant regions of the Empire, the efficacy of the pattern and the ease of transfer, were among the motivations of the Roman pattern. The aptitude to accept subsequent deformations and integration were the reasons for continuity.

One thing may be worth the attention: while Romans were casting square cities all over the known World, Rome was growing on a different scheme. The Imperial mind capable of imposing one square urban form to any faraway culture, was fostered in a city almost sexually embraced to the hills and lushly laid along the course of the winding Tiber.

Bottom line: cities imposed on others are different from the city one builds for his own living.

Between the Roman city and present times, the Middle Ages and the Great Monasteries: the true 'embryo' of the modern city, with their artificial, autonomous, multi-functional and vertical integration, built for the service of a religious canon and for the worship of God.

An ideal program set and pursued with absolute firmness, the translation in built forms responding to the religious scope. Rules, canons and determination, set and launched with an ideal Force through centuries of massacres, wars, pestilence, famine and misery, eventually reached our days and here for the future to come, bound, by divine faith to enviable certainties.

While the monasteries were setting the foundations of the modern city the medieval city was shaping up. Naturally bound to her land, on the rivers, highways of trade and motors of early industry, marked by the signs of the merchants and bankers, of the great mercenary, capitanes of venture , dukes, princes, bishops, cardinals, kings and popes. Enclosed in walls that set, with their weight, the limits of urban culture and of its privileges against the empty land outside. Hugged under the towering Gothic Cathedrals, built over the centuries by generations of fervent Christianity. The symbolic value, and the powerful abstraction of these monuments, immediately recall the image of the Acropolis in Athens. The Medieval City heeded and protected in her intimacy every expression of art, humanity, thought, rebellion, heresy , science and magic, that later blossomed into the Great Renaissance.

Loggias, porticoes, piazzas, markets, palaces, cathedrals and churches, towers and fortifications representing all the acting powers of the time are blended together into a unity of impressive power.

Never before the culture of urban complexity had such a compact display, response and picture in the form of the City.

The shaping of the Medieval City responded to the various interactions of power, intelligence and trust, with respect for the freedom of individuals and of the superior communal interest, under the warrant and undaunted charter of those who were appointed to the exercise of Authority.

To savor the decision making process, or at least a moment of it, among the many documents I chose an excerpt from the 'Statuto del Podestà,' dell'anno 1325' related to the decision of building the square of Santa Maria Novella in Florence:

' We hereby establish and order that in front of the new church of the Preaching Friars be formed a square that will extend from the wall of the church until the Gate of Saint Paul (Porta San Paolo) and on the other side of the land of said Friars along a straight line until the Gate of the Trebbio (Porta del Trebbio). The Priors and the Justice Chancellor who will be in charge will nominate 4 or 6 honest and legitimate men who will with equity estimate the value of the houses, buildings and lots owned inside the above specified limits and that will carry out the construction of the square (Piazza). These men shall then find lots in the Communal domains and give them to the owners of land inside the limits specified: the balance to be paid shall be given them by the treasurers of the City of Florence according to the estimates done by the delegates. These orders must be made executive within the month of February and March by the Podestà (the Mayor) who, in defect will pay 100 liras from his own personal allowance'.

So be done.

The identity, thrust and complexity of thought and the activities that marked the birth of the European Middle Class (Bourgeoisie) are ideally portrayed in the Medieval City.

Highest example in Italy: Venice . The casual texture responds to the political will that was able to conceive the efficient social and functional organization of the Venetian merchant empire: the city is of the citizens, her parts do not alienate, each place is perfectly recognizable for the original building signs and features. Overall unity is achieved through multiple shapes, languages, assets and perspectives and was never paired again in the five following centuries of history.

Continuity with Renaissance suggests a match with the relationship between the Hellenic and the Hellenistic townscape: maybe another example of the deceiving delay with which the 'urban mirror' returns its images.

 

Walls, castles and fortifications crumble under the blows of artillery, of time and of philosophies . The cities of industry are born, functional to production, speculative factors push real estate and building investments. Urban growth processes become fast.

The complexity of urban systems and the speed of change is not supported by consistent governing tools.

Through the 1500, 1600, and 1700 the European urban form, founded on the fossils of the Roman squares and on the mastery of the Great Monasteries in the Middle Ages, faces and goes through all the great revolutions, more or less recorded, in the official History: Renaissance, the Great Monarchies, the Republican Revolution, Napoleon's Imperial Technocracy, the first industrial revolution, the Soviet Revolution, the tormented rise of Western Social Democracies after two World Wars.

The city of the Middle Ages cannot stand the impact of the economic changes that come with industrialization: cities are the place of the maximum privilege of the very rich and of the deepest misery of the very poor, until the new light that begins in the second half of the 1800.

Temporary conclusion

The history of urban form through centuries, wars and revolutions shows one unifying feature: every moment in history was legitimately expressed and had full right to be brought in the design of the city by each responsible generation. Problems, tensions, utopias and dire necessities of the host culture, consistently informed the project. The privilege, time after time, was for the splendid abstraction of the Acropolis, the military diagram of the Roman Castra, the absolute Canon of the sacred Monasteries, the religious ideal of the Gothic Cathedrals, the pride of the Communal towers, the great monumental perspectives of the European Monarchies, the pressure of residential low cost housing demand for the industrial City, environmental quality, traffic and mobility constraints, historical conservation, real estate speculation, and so on.

My personal feeling is that the Gods shall come back to the City when we will be able to see them again...

Lorenzo Matteoli

Commento 1999
La cosa interessante della "pubblicazione" di scritti sul web e' la possibilita' di aggiornamento e di commento successivo che questo supporto ammette e quasi invita a fare. Lo scritto sulle relazioni fra forma urbana e cultura insediata e' oramai di 11 anni fa: devo dire che e' un
"componimento" che mi e' sempre piaciuto e che mi ha sempre provocato qualche rincrescimento perche' e' solo lo spunto per un lavoro assai piu' vasto e impegnativo sul problema. Un lavoro che non ho mai fatto.

Rimandavo sempre a momenti migliori o a qualche plausibile opportunita' futura il compito di svolgere il tema abbozzato in una forma piu' estesa e, forse, in un libro. Come dice la famosa terza legge di Northcote Parkinson: "L'azione occupa lo spazio lasciato libero dalla inadempienza". In altre parole se tu non fai qualcosa qualcun altro la fara'. Ho incrociato e letto con il piacere (e l'invidia) di riconoscere una cosa che avrei voluto fare il libro di Spiro Kostof "The City Shaped: Urban Patterns and Meanings Through History" (Thames & Hudson, 1991 London) che ho trovato in libreria solo pochi mesi fa (Paperback edition in 1999). Voglio riportare come post-messa (typical WEB) una citazione dalla introduzione di Spiro Kostof che mi piace perche' assonante con la mia idea dello "specchio urbano".

La cosa interessante e' che le due idee venivano scritte a pochi mesi di distanza in due paesi diversi, da due persone che avevano in comune forse solo qualche fondamentale lettura sul tema.

"Leggiamo correttamente la forma della citta' solo se conosciamo bene le condizioni culturali che l'hanno generata. Piuttosto che presumere, come praticamente tutti vogliono presumere nel mondo dell'architettura, che gli edifici e le citta' sono un mezzo dal quale traspare l'espressione culturale, io sono convinto che il rapporto funziona solo nella direzione opposta. Quando piu' conosciamo le culture e la struttura di una societa' attraverso la storia in diverse parti del mondo, tanto meglio leggeremo l'ambiente costruito che hanno determinato."
(S.Kostof)

******

Che la forma degli oggetti sia correlata al loro contenuto e che tra forma e contenuto intercorrano complessi e ineffabili rapporti è luogo di antico discorrere.

Che valga la pena di continuare ad approfondire questo discorso o di svolgerlo per specifici luoghi, momenti e casi è una seconda ipotesi di lavoro ovviamente accettabile: si tratta infatti del discorso centrale della vita di ognuno e di ogni organizzazione sociale. Gli uomini vivono confrontandosi sulla coerenza tra forme e valori, lottando per questa o contro di lei, per superarla, adeguarla, comprenderla, impadronirsene e governarla. Un modo di schematizzare l'azione esistenziale è proprio quello di leggerla come dialettica tra forme e contenuti, il progetto esistenziale è il progetto della forma più adatta a riscontrare i nostri valori, disegnando questo progetto ci confrontiamo con gli altri, con noi stessi, con i diversi luoghi e momenti nei quali il progetto si svolge. Il discorso si può fare per gli individui singoli, per i gruppi e per le varie aggregazioni strutturali della società, fino all'interezza della nazione, ed è campo di studio e dibattito continuo di molte discipline.

La città e il suo formarsi, le relazioni tra questo e le culture insediate, sono uno specifico momento di questo dibattito, perchè la città è luogo che coinvolge le vite di molti per generazioni e centinaia di anni, perché richiede investimenti di lavoro e denaro di dimensione storica più che economica e finanziaria, perché la sua comprensione comporta la massima espressione di volontà comune o di identificazione comune nella volontà dominante, assunta o percepita come tale.

I tempi che impostano le due dinamiche evolutive, quella del progetto e del formarsi urbano e quella dei valori civili che lo sottendono e che la città comprende, sono ulteriore elemento di complessificazione e di provocazione conflittuale quando il problema è trattato in termini congiunturali: le città si svolgono su ritmi che hanno cadenza di generazioni e le forme urbane rimangono per secoli, noi abbiamo una sola, breve, vita. Ognuno vive nella città formata e voluta da altri e concorre a formare e a disegnare una città dove altri vivranno.

La forma urbana presente è, in questo senso, il modo con il quale, sottilmente e attivamente, la città del passato delega continuamente il progetto della città futura. Apprendere e riscontrare questa delega storica non è semplice: è corrente il logismo 'la mia città' che ha implicazioni più segrete e intime del semplice pronome possessivo, è in realtà la città della mia storia, è la città che con la sua storia informa o contrasta i miei valori e che in modo continuo e mediato induce i miei comportamenti, la sinergia, l'antagonismo, l'azione. La storia dell'urbanistica è la storia della forma urbana e di come questa abbia interagito con le condizioni geografiche, politiche, economiche e sociali, di produzione industriale, di contesto ambientale e di strumentazione tecnologica insediate: ogni esempio è affascinante e la letteratura nel campo è immensa.

La complessa interazione fra forma urbana e valori insediati suggerisce l'ipotesi di un riscontro omologo: come se la città fosse uno specchio della volontà sociale che la vive e a sua volta matrice profonda di formazione di questa stessa volontà. Un circuito autoreferenziale intuibile con certezza, ma difficilmente afferrabile nelle sue specificità qualitative se non come verità poetica.

(cfr. Gianbattista Vico:...'..se ben vi si riflette, il vero poetico è un vero metafisico, a petto del quale il vero fisico, che non vi si conforma, dee tenersi a luogo di falso.')

Se la città è specchio della cultura insediata, ed è ipotesi provocatoria, molte, e suggestive, sono le stranezze di questo specchio. Gli specchi riflettono immagini nitidamente e con immediata tempestività: prima ancora che la si possa cogliere con gli occhi l'immagine esatta e 'speculare' dell'oggetto proposto è riflessa. La città impiega anni, a decine e a centinaia, per restituire le immagini delle culture che la hanno voluta e disegnata, immagini che non hanno mai contorni nitidi: si sovrappongono e si elidono o incalzano nel costruito e formano altre immagini portando altri messaggi. Per secoli rimangono frammenti, reperti, fossili, o vigorosi segni di forme urbane sovrapposti, impastati, variamente associati in una figura complessa e sempre ambigua. A questa ambiguità si aggiunge quella della lettura che è sempre, e necessariamente, dominata dalla ideologia che informa l'osservatore, dall'obbiettivo che persegue e dalla sua capacità di leggere, dal momento e dal contesto.

Elemento intrigante della omologia speculare, proposta a titolo di provocazione, è la interazione attiva fra immagine riflessa e figura davanti allo specchio: quando ci si guarda allo specchio l'immagine riflessa induce pensieri e altre 'riflessioni', secondo l'intelligenza critica e la capacità operativa si reagisce alla vista e si interviene rispondendo alle sollecitazioni indotte: un sorriso, un gesto per assestare i capelli, un commento con gli occhi ai pensieri suscitati. Nell'immagine dello specchio si riconoscono i tratti del volto di anni prima e si intravedono i segni, più o meno affettuosi, del tempo e l'anticipazione di altri probabili cambiamenti a venire.

Fuori dall'intrigo: la città, che è dotata di capacità critica e di comprensione, si modifica e si aggiorna in funzione dell'immagine che percepisce di sè, o, più pericoloso, dell'immagine di sè che le viene fatta percepire o che le viene imposta.

Su questa interazione osserva M. Roncayolo, privilegiando il versante comportamentale ...'I comportamenti spiegano la composizione territoriale più di quanto questa non li determini: ma, alla fine i due effetti si sommano.'

Più che una somma è una associazione complicata non priva di contraddizioni, ma, alla fine, la cultura insediata trova matrice e risponde alla città che la ospita, si svolge in modi e forme che sono propri, se non unici. E' una semplice constatazione, per nulla deterministica, che le cose che avvengono a Torino, Milano, Napoli, New York, Bangkok nel modo di Torino, Milano, Napoli, New York, Bangkok, non potrebbero avvenire altrove, in quel modo, in quel momento. Queste cose, modi e fatti a loro volta, e per conseguenze non certo semplici, disegnano la città.

Il discorso tra il nostro operare e il suo luogo spaziale e temporale, si arricchisce di complessità ineffabile, ma certa. Il modo di fare, e il modo di operare, il comportamento e la posizione critica è, per comune assenso, una caratteristica che distingue i cittadini di Genova, da quelli di Torino, quelli di Roma da quelli di Milano ....

Ciò che a Roma è correntemente accettato, a Torino solleva fiera opposizione, comportamenti culturali ovvii ed evidenti per i Milanesi sono oscuri e incomprensibili ai Romani. Gli esempi di connotazione 'topica' dei comportamenti sociali sono tanti e non è questo il luogo per svolgerli: basta l'attenzione del lettore su un elemento comunemente accettato, ma raramente riferito alla 'forma della città' intesa questa nel senso ampio e storico che il termine può avere.

Nonostante il grande superamento di barriere 'locali' che ha segnato gli ultimi cinquanta anni di intensa informazione omologata e diffusa, oggi è ancora, e forse più che mai, vero che ....'dum Romae, ut Romani..'. Qualche riflessione critica deve anche essere svolta sul concetto di 'integrazione' nelle culture locali dei grandi movimenti migratori che hanno caratterizzato l'espansione industriale degli anni 50 e 60: forse sarebbe stato meglio tentare la via della 'comprensione' delle differenze piuttosto che quella del loro superamento per rimozione forzata.

Oggi si ripresenta con forte attualità il 'regionalismo' inteso come corrente o modo di espressione rispettoso della congruenza storica con i valori locali, non solo nell'arte, ma, con grande generalità, in tutte le forme di comunicazione e di organizzazione sociale fino all'economia e alla produzione. Di qui l'interesse di studiare la storia del formarsi urbano e del rapporto autoreferenziale tra questo e la cultura insediata (matrice e generata), per comprenderlo e interpretarlo nella sua continuità.

In questo discorso è necessario muoversi con qualche prudenza: come sempre tendono ad affrontarsi posizioni radicali in tornei tanto rumorosi quanto sterili. Non è 'moderno' un pensiero o un atteggiamento culturale solo perchè non riscontra riferimenti locali, dalla provincia concettuale non si esce semplicemente scegliendo riferimenti extraprovinciali. E' nella interazione, in quanto diversa dalla integrazione, tra valori locali, radici specifiche e altri valori che si può trovare il superamento evolutivo e l'innovazione: la semplice, assunzione di categorie esterne è tanto involutiva quanto il ripiegamento sui valori locali. Nella architettura e nel formarsi urbano una interpretazione enfatica del 'manifesto del movimento moderno' iniziale ha permesso e sollecitato abbandoni e negazioni che ci sono costate carissime: a nulla valse l'appello di Pagano e la sua attenta proposta di lettura delle forme architettoniche 'autoctone'. Venne usato in modo riduttivo o strumentale alla cultura autarchica e pochi lo colsero.

Nella scarsa capacità di svolgere con rispetto critico il rapporto fra valori insediati e formarsi della città si trova, forse, uno dei nodi della crisi che ha marcato negli ultimi 50 anni quella che, con efficacie, ma ingannevole tautologia, si chiama 'civiltà urbana'.

Il rapporto, doppiamente incrociato, tra formamatrice e culturagenerata non ha avuto sufficiente ascolto. E' stata troppo forte e troppo rapida la crescita dei sistemi metropolitani sotto la spinta dell'espansione industriale degli anni immediatamente seguiti alla seconda guerra mondiale e nei successivi anni 50 e 60 questa crescita rapida ha travolto l'equilibrio risultato dalla millenaria azione di insediamento. Lo specchio affettuoso divenne una genialità mostruosa. Quello che viene inseguito, romanticamente, come il 'genius loci' dalla arcadia progettuale postmoderna, è diventato una congerie di rumori violenti dal messaggio confuso e intraducibile. Ogni interpretazione, anche la più grottesca, diventa legittima e congruente: lo specchio è oggi un deformante artefatto che rilancia alla sua culturamatrice ogni sorta di provocazione. Il colloquio pacato tra i luoghi e il fare, caro al costruttore Eupalino nel dialogo sull'architettura di Valery, un tempo riferimento organico e suggestivo, non si svolge, o non riesce a svolgersi. Impossibile sussurrare parole d'amore in una discoteca. Gli antichi Egizi direbbero che... 'gli Dei sono fuggiti dai loro santuari' e la città senza Lari fondativi è un 'non luogo'. Oggi abbiamo città che hanno dimenticato i loro fondamenti.

Uno scopo, fra i tanti, dello studio su processi decisionali e su percorsi progettuali che, dalla cultura insediata portano alla forma urbana e viceversa, è anche quello di capire dove si sono perduti i fondamenti, dove sono fuggiti gli Dei della città, come recuperare la capacità di ascoltare e attendere ai significati del messaggio travolgente, ma incomprensibile, che la Città costruita ci invia. Come riproporsi allo specchio urbano, cercando attraverso e oltre il rumore di fondo, di riconnettere l'immagine in modo che ne siano leggibili i contorni.

La fuga degli Dei dalle città postindustriali è stata denunciata da tempo, Lewis Mumford scriveva nel 1961 (The City in History): 'Prima che l'uomo moderno riesca ad assicurarsi il controllo di quelle forze che ora minacciano la sua stessa esistenza, deve riconquistare la padronanza di se stesso. E qui è la prima missione della città del futuro: creare una struttura visibile, regionale e civica intesa a metter l'uomo a proprio agio con il suo 'io' più profondo e legata a immagini di solidarietà. Dobbiamo dunque vedere nella città non tanto una sede degli affari e del governo, ma soprattutto un organo essenziale per esprimere e attuare la nuova personalità umana, quella dell''uomo del mondo'.

Chiave per la comprensione del messaggio è l'intelligenza dell''uomo del mondo'.

Una reazione che la deformazione dell'originale 'civitas' nella attuale congerie metropolitana induce è di immediato e totale rifiuto. La 'non città' sollecita il rifiuto della città. L'immagine orrenda che lo specchio ci presenta spinge alla fuga. Di qui la negazione, l'uso antagonista e vandalico, il disamore, la noia e l'alienazione. La spirale è evidentemente perversa: tanto più forte è il degrado dei valori urbani, quanto più cinica la reazione negativa e l'aggressione, l'ambiente peggiore induce comportamenti pessimi. In questo circuito è difficile distinguere i due momenti della dialettica di confronto: dove le cause e quali gli effetti. Anche perché cause ed effetti sono spesso distanti sia nel tempo che nello spazio. Viene a mancare la spinta progettuale, l'idea di futuro è un incubo e non una aspettativa. Una risposta è la fuga dalla Città, l'abbandono del territorio o di sue parti, cercando altrove un futuro che nella congerie metropolitana si legge incerto e pericoloso. La debolezza di progetto, la incertezza di volontà e la conseguente caduta di futuro, sono reazioni negative della cultura insediata al messaggio della Città in crisi.

Altra reazione alla crisi è quella di tipo 'bucolico': riempiamo la città di parchi e di verde. Recupereremo valore ambientale e gli Dei ritorneranno. Questa proposta, di immediata apprezzabilità, in realtà non affronta il problema: la città deve ritrovare i suoi Dei che sono 'urbani' e non bucolici. Come sembra dire Mumford: prima degli Dei sono gli uomini che devono ritornare. La bellezza della città dipende da canoni che non possono essere quelli del bosco. Il verde urbano è diverso dal verde agricolo ed è diverso dal verde. Accettare la dimensione profondamente artificiale del manufatto urbano è premessa ineludibile per affrontarne i problemi: la Città è tale in quanto contrapposizione al vuoto rurale, non può che essere luogo di ragionevole, ma completo dominio della modifica antropica sulla natura. Senza ipocrisie nè recriminazioni. Gli Dei della 'polis' non sono fuggiti nei boschi, possono sognare questa fuga, ma non permettersela. Il bosco urbano non può che essere un bosco 'progettato' ed è in questo essere progettato che consiste la sua poesia e la sua capacità di modifica del disegno di città, la sua vivibilità e utilità di 'bosco urbano'. La città è necessariamente concentrazione, molteplicità funzionale, intersezione di molte attività e di molti servizi, pluralità di iniziative e di interessi, somma di conflitti e di problemi: la città deve gestire la congestione, non può eliminarla.

I sistemi complessi, e quelli a congestione controllata certamente lo sono, richiedono sistemi di guida e governo efficaci e potenti: definiti gli obbiettivi questi vanno perseguiti con forza.

E' facile applicare volontà al territorio nei regimi assoluti e totalitari: i grandi segni urbani quasi sempre conseguono volontà centrali poco disponibili alla dialettica democratica, oppure richiedono grande capacità di gestire in termini di delega la partecipazione a questa dialettica. Questa riflessione introduce il conflitto, che in questa sede non si intende analizzare, tra gestione efficacie del sistema urbano e democrazia.

La molteplicità degli interessi che istruisce un sistema urbano deve trovare nella struttura di governo una articolata, difficile, garanzia: la massima potenzialità di espressione e il massimo rispetto mutuo.

E' interessante ripercorrere, dopo quasi trenta anni e dopo la crisi che nel 1970 ha segnato le democrazie occidentali, le riflessioni di Mumford sulla città della antica Grecia:

'Diverse città greche cercarono di applicare su larga scala la democrazia e i loro sforzi dovrebbero servire di ammaestramento alla nostra epoca come già agli autori dei Federalist Papers. I greci tentarono infatti di restituire al complesso organismo urbano quel senso di responsabilità diretta e di partecipazione collettiva che aveva caratterizzato il governo del villaggio. Il giuramento degli Efebi di Atene esprimeva con non poca bellezza questa consacrazione alla collettività. Partendo dalla teoria che tutti i cittadini erano eguali, gli ateniesi si distribuivano a sorte le cariche minori, con rotazione annuale o per periodi anche più brevi, e prestavano servizio come consiglieri municipali o come giurati. Poiché l'attività consultiva o giudiziaria veniva soprattutto svolta da persone che avevano tra loro rapporti diretti, l'eloquenza divenne un importante strumento politico e la capacità di dominare un pubblico finì per contare, ai fini della scelta di un capo, più della capacità di fare il proprio mestiere. Anzi quelli che lo facevano troppo bene, come Temistocle e Aristide, erano spesso oggetto di diffidenza....La rimozione o l'esilio dei capi più efficienti era una delle debolezze croniche della politica Ateniese....

... Il processo a Socrate rivela una analoga animosità contro coloro che con il loro ingegno fomentavano l'opposizione alla mediocrità astiosa e invidiosa...' (Lewis Mumford, The City in History', cfr bibl.)

La difficoltà di passare dalla democrazia diretta al governo rappresentativo non è stata un difetto solo delle città greche: oggi è difficile, forse più di allora, occupare e difendere lo scomodo e stretto spazio che c'è tra:...' oligarchie e tirannidi irresponsabili e democrazie relativamente responsabili, ma incompetenti e pletoriche.'....(Mumford) senza cedere alla tentazione del consenso facilmente acquisito con la decisione compiacente e demagogica.

La immagine che abbiamo della 'polis' è ricostruita in termini suggestivi sulla iconografia dei grandi monumenti: la città greca 'è', nella corrente attuale opinione, l'Acropoli. Nulla di meno vero. L'Acropoli rappresenta l'emblema della idealità ellenica: la città di Atene era profondamente diversa. Una concentrazione caotica di attività, priva di servizi, senza acqua. Una dimensione esistenziale quotidiana ridotta a termini essenziali: minima l'area privata, dominante il tempo dedicato al servizio comune dai singoli cittadini.

Come si potesse su questa organizzazione fisica della città istruire il pensiero ordinato e rigoroso della classicità: l'ordine, la totalità, la simmetria, l'autodisciplina, è luogo di vitale provocazione, e di intenso contenuto per la nostra riflessione. Il rigore ideale, la forte capacità di elaborazione critica, la concezione e il perseguimento del 'bello' e del 'buono', non derivavano da un ambiente formalmente congruente nella sua complessità a questi ideali, o, quantomeno, la congruenza era sentita in modo assai diverso da come la sentiamo noi oggi.

Solo un luogo, l'Acropoli, ne era emblema in un contesto generale affatto diverso. Molte spiegazioni della cultura greca classica si trovano nella soluzione di questa contraddizione, forse vi era una capacità di distinguere nettamente l'astrazione ideale dalla realtà fisica: il saggio indica il cielo, lo sciocco guarda la mano!

L'Acropoli è il risultato di questa capacità di astrazione: emblema di una incredibile quanto limpida volontà di scegliere le cose grandi sacrificando a questo obbiettivo le cose piccole e il quotidiano.

La città greca era teatro continuo e totalmente partecipato della attività di tutti: il concetto di spazio privato manca completamente nell'organizzazione urbana, la concezione di libertà e l'accettazione della natura dominavano i comportamenti sociali degli ateniesi. Nelle gare atletiche i corpi nudi erano mostrati con orgoglio e tutte le esigenze fisiche erano pubblicamente soddisfatte. A questo portava, o questa era la matrice, della grande libertà concettuale sulla quale si fondava la cultura della Grecia nel periodo ellenico.

La forma della cittàmatrice si leggeva in due momenti significativamente contrapposti: la bellezza pura dell'Acropoli, astratta, staccata, sovrastante, e la congerie del 'quotidiano' diffusa, sotto il simbolo ideale. Durò molto poco nel tempo questa concezione di città: l'Atene di Temistocle e di Solone non riuscì a trasmettere la sua formula alla storia e a perpetuarsi (Mumford). La forma urbana associata a questa grande libertà individuale garantita dal rispetto che ognuno aveva per la libertà altrui non ha lasciato traccia consistente: non è privo di suggestione pensare che proprio in questa 'debole' forma urbana sia radicato il segreto di quella grande 'forza' concettuale. Fu invece rigorosa e precisa la forma della città ellenistica, compatta, igienica, canonica: contenitore simmetricamente adeguato alla leggerezza del messaggio culturale insediato o, viceversa, ritardo nella realizzazione della concezione precedente ?

Oppure ancora sottovalutazione sistematica da parte della cultura occidentale e della critica successiva nei confronti dei valori dell'ellenismo ?

Altre città rigorose si disegnavano e si costruivano, in tempi non distanti, negli sconfinati territori di Roma: quadrate, con due assi ortogonali, con quattro porte sui quattro lati di mura esattamente orientate.

Le mille città fondate dai romani su un unico e semplice modello di origine etrusca, rispecchiano la concezione dell'ordine militare oppure il rispetto di un canone religioso. Controllori efficaci e pragmatici di fenomeni complessi su estensioni di territorio e su nazioni diversissime, metabolizzatori di tutte le culture conquistate e quindi comprese e assorbite, i romani proponevano una semplificazione drastica della forma urbana: la complessità si affronta per suoi elementi semplici e afferrabili, uno per uno. Forse solo nell'estremo oriente e qualche secolo prima la civiltà urbana ha associato una apparente disarmante semplicità canonica ad una concezione profondamente complessa dell'esistenza e dei suoi valori.

Le città romane si sono poi svolte, sui valori locali e specifici. Oggi lo schema romano è un fossile urbano sul quale le interpretazioni autoctone hanno operato nei modi più diversi: Chester e Lubiana, Narbonne, Nimes e Basilea hanno usato l'impronta iniziale secondo le culture originali e successive confermando, ad un tempo, la forza della forma iniziale e il significato della evoluzione espressiva locale. La volontà dell'organizzazione centrale, la debolezza della periferia dell'impero, l'efficacia del modello e la sua trasferibilità sono stati i motivi portanti della città romana, la capacità di accogliere le successive deformazioni e di associare i nuovi Dei a quelli della fondazione sono stati la matrice di continuità. Una riflessione si impone: mentre Roma stampava città quadrate nel mondo, si formava a sua volta su un disegno affatto diverso. Quella stessa mente imperiale, capace di imporre forme urbane alle culture più lontane, aveva la sua sede e la sua matrice in una città modellata su un disegno 'organico', morbido, abbracciato al movimento altimetrico dei colli e appoggiato alle anse del Tevere. Sono diverse le città che si impongono agli altri da quelle nelle quali è insediato il potere per concepire i loro disegni.

Tra la città romana e la città moderna, i grandi monasteri: veri embrioni della polifunzionalità artificiale, autonoma, e della integrazione verticale finalizzata al servizio di una 'regola' canonica, di un programma ideale specificato e voluto con fermezza assoluta. Religiosa, quindi, la trascrizione nelle forme costruite. Regole, canoni e volontà posti e lanciati con forza ideale attraverso secoli di pestilenze, guerre, massacri e carestie e ancora oggi solidamente presenti e associate al loro futuro che trae dalla immanenza divina sicurezze invidiabili.

Poi la città del medioevo: la città dove si è formata la cultura profonda dell'Europa. Allacciata al suo territorio con abbandono naturale, percorsa da fiumi, motori della produzione, che ne sono diventati parte essenziale, dominata dai segni di mercanti, capitani di ventura, principi, granduchi, dogi, papi, cardinali e vescovi. Chiusa da mura che rappresentavano concretamente il limite e il privilegio della cultura urbana e che la contrapponevano al vuoto rurale senza sfumature intermedie nè ambiguità. Raccolta sotto cattedrali immense, costruite per secoli da generazioni di convinti cristiani: impossibile non ricollegarle all'Acropoli di Atene per il valore emblematico e la potenza di astrazione.

La città medievale ha custodito e protetto nelle sue parti intime, le intense matrici di arte, umanità, pensiero, ribellione, sregolatezza, eresia, scienza e magia sulle quali si è fondato il rinascimento. Logge, portici, mercati e piazze, torri e sedi dei diversi poteri si sovrappongono, si intersecano, si confrontano: mai come nel medioevo la cultura della complessità urbana ha avuto campo, ruolo e risposta nella forma della città. Il formarsi della città medievale si basava su rapporti di potere, intelligenza e fiducia, nel rispetto della libertà dei singoli e del superiore interesse della collettività garantito questo, ed espresso con indiscutibile autorità, e responsabilità dai delegati al comando: fra le innumerevoli testimonianze si riporta uno stralcio dallo 'Statuto del podestà dell'anno 1325' (Firenze, Ariani, 1921, II, a cura di R. Caggese) stralcio che illumina sulla decisione di fare la piazza di Santa Maria Novella:

'Stabiliamo e ordiniamo che davanti alla nuova chiesa dei Frati predicatori venga fatta una piazza che si protenda dalla parete del muro di detta chiesa dalla parte occidentale, secondo una linea retta fino alla porta di S. Paolo e dall'altra parte del terreno dei predetti Frati, che è presso la via per la quale si va alla porta del Trebbio, secondo una linea retta fino alla detta porta del Trebbio. I priori e il gonfaloniere di giustizia che ci saranno eleggeranno e dovranno eleggere 4 o 6 uomini onesti e legittimi che con giustizia valutino case, edifici, terreni di coloro i quali li posseggono all'interno di tali confini e che facciano realizzare la detta piazza. Tali uomini dovranno poi anche trovare e vendere terreni di proprietà del comune ai proprietari di case e terre comprese fra i detti confini: quanto resterà da pagare ai predetti proprietari di case e terreni verrà versato loro dai tesorieri del comune di Firenze dalle casse del comune in base alla stima fatta dai detti ufficiali deputati a tale incombenza dai priori e dal gonfaloniere di giustizia. E i predetti ordinamenti devono essere mandati ad esecuzione nel mese di febbraio e marzo dal podestà sotto pena di lire 100 detratte dal suo stipendio.'

La complessità e la articolazione del pensiero e delle attività che hanno contraddistinto e marcato la nascita e l'affermazione della classe borghese europea trovano nella forma della città medioevale un momento di eccezionale identità e spinta. Esempio insuperato Venezia. L'apparente casualità del disegno riscontra la volontà che è stata capace di concepire una organizzazione sociale e funzionale efficace: la città è dei cittadini, le sue parti non alienano, il riconoscimento di ogni luogo è inequivoco per segni e originalità, l'unità complessiva è raggiunta attraverso una molteplicità di forme, linguaggi, assetti e prospettive che non è mai stata eguagliata in 5 secoli di storia ulteriore.

Si potrebbe leggere, nella continuità con il Rinascimento, una omologia con il rapporto fra la città ellenica e quella ellenistica e riflettere sul 'ritardo' che connota il funzionamento dello 'specchio urbano'.

Le mura e le fortificazioni crollano sotto i colpi del tempo, delle filosofie e dell'artiglieria, si formano le città dell'industria, le città delle periferie funzionali alla produzione, si innescano i moltiplicatori della rendita immobiliare e fondiaria. La complessità dei sistemi urbani non ha strumenti di controllo consistenti. Attraverso il 500, il 600 e il 700, la forma urbana europea, fondata sui fossili romani nel medioevo, affronta le grandi rivoluzioni, più o meno codificate dalla storia ufficiale: il rinascimento, il dominio delle grandi monarchie, la rivoluzione repubblicana, la tecnocrazia imperiale di Napoleone, le rivoluzioni industriali, la rivoluzione dei Soviet e il contrastato avvento delle democrazie sociali dopo due guerre mondiali.

La città del medioevo e del rinascimento non regge l'impatto delle profonde modifiche alla struttura economica e produttiva che si innescano con l'avvento dell'industria: le città sono luogo del massimo privilegio e della miseria più brutale fino al riscatto che inizia con la metà dell'800.

Un tratto è caratteristico della storia della forma urbana attraverso secoli, guerre e rivoluzioni: ogni momento storico si è espresso con legittimità e con diritto nelle definizioni del disegno urbano, trasferendo in questo problemi, tensioni, utopie e necessità della cultura insediata in funzione della sua capacità di progetto. Privilegiando lo splendore astratto dell'Acropoli, il diagramma militare della città quadrata, la regola assoluta del monastero, l'idealità religiosa della cattedrale, la fierezza delle torri comunali, la pressione quantitativa della domanda residenziale, la qualità ambientale, le grandi prospettive monumentali, le categorie della circolazione e del traffico, le preesistenze storiche, la speculazione fondiaria e immobiliare, la rendita diffusa; secondo gli specifici valori, la capacità di comprenderli e di esprimerli in obbiettivi comuni e la volontà di perseguirli.

Gli Dei ritorneranno quando nella città di oggi sapremo scegliere quale sia l'attuale debito di privilegio e articolare una conseguente strategia complessiva.

Lorenzo Matteoli