ABOUT ME
CONTACT ME
ARTICLES
    

Bibliography
Bibliografia

Aberley, D.,
(editor), 1994, Futures by Design: the practice of ecological planning, Sydney, Envirobook Publishing.

Benyus, J. M., 1997, Biomimicry: innovation inspired by nature, New York, William Morrow and Company.

Campbell, C.J., 1997, The coming oil crisis, Geneva, Multiscience Publishing Company & Petroconsultants, ISBN 0-9065-2211-0

Cipolla, Carlo Maria, 1965, Guns, sails, and Empires: technological innovation and the early phases of European expansion, 1400-1700, New York, Funk & Wagnalls.

Daly, E. H., 1996, Beyond Growth: the economics of sustainable development, Boston, Beacon Press.

Daly, E. H., Cobb, B. John Jr, 1994, For the common good: redirecting the economy toward community, the environment, and a sustainable future, Boston, Beacon Press.

Diamond, J., 1992, The third Chimpanzee: the evolution and future of the human animal, New York, HarperPerennial (a division of Harpers Collins Publishers).

Diamond, J., 1997, Guns, Germs, and steel: the fates of human societies, New York & London, W.W. Norton & Company.

Ehrlich, P, Ehrlich A.H., 1996, Betrayal of science and reason: how antienvironmental rhetoric threatens our future, Washington DC, Island Press.

Flannery, T., 1994, The future eaters: an ecological history of the Australasian lands and people, Chatswood NSW, Reed Books.

Hawken, P., Lovins, A., Hunter, L., 1999, Natural capitalism: creating the next industrial revolution, Boston, New York, London, Little, Brown and Company.

Krugman, P., 1997, Earth in the balance sheet, in Slate, April 17, also in Accidental theorist, page 167, New York, W.W. Norton & Company

Jacobs, J., 1992, Systems of survival: a dialogue on the moral foundations of commerce and politics, London, Sydney, Auckland, Hodder & Stoughton.

Morrison, R., 2000, The spirit in the gene: humanity's proud illusion and the laws of nature, Ithaca & London, Cornell University Press.

Odum, H.T., 1996, Environmental accounting: emergy and environmental decision making, New York, John Wiley & Sons, Inc.

Rogers, R., 1997, Cities for a small planet, London, Faber & Faber Ltd.

Willis, D., 1995, The sand dollar and the slide rule: drawing blueprints from nature, Reading, Menlo Park, New York, Addison-Wesley Publishing Company.

Youngquist, W., 1997, Geodestinies: the inevitable control of Earth resources over nations and individuals, Portland Ore., National Book Company.

TITLE: Crude and Dangerous

TITOLO: Greggio e Pericoloso

WRITTEN BY: Lorenzo Matteoli

DATE: April 2000

TRANSLATION EDITED BY: Wendy Charnell

The future
Curiosity about the future and desire for certainty have been a constant drama in the history of Mankind. That curiosity has been the founding structure of all religions and the impossibility to satisfy it has made fortunes for Insurance Companies since their invention. The future is the most, simple and logical unfolding of the present. But the present is so complex that its unfolding is always inscrutable. We perceive simple logic only in retrospect. The present is the simple unfolding of the past: so simple that is amazing. In the chaos of present circumstances, every now and then, we perceive a glimpse of things about to happen: a momentary window on the unfolding of the present that fades away when we look closely at it. In this essay I will try to analyse an interesting present-day "glimpse of things about to happen": the short-term future projection of oil availability. I will briefly comment on the available data, their uncertainty, the hypothetical assumptions, the possible geo-political outcomes and their consequences on everyday life. I must warn you that my essay will not satisfy your curiosity for a certain future, although it may help you to better understand what is happening and it may give you some hints on how to manage present circumstances in a more considerate way. In my conclusion I will try to connect the whole exercise with everyday life. Which, as you indeed should know, is the essence of life.

Diagram taken from Jay Hanson's "dieoff" site

The data
The Geneva files of Petroconsultants and the files of BP Amoco are the most authoritative and complete source of information on oil fields throughout the world. Everything is recorded: estimated reserves, proven reserves, discovery rates, wildcat drilling, drilling technologies, mining technologies, produced barrels of oil to date, pumping capacity of the rigs, types of crude, prospecting costs, mining costs, production costs, type of wells, depths, geology, etc. etc.

Colin J. Campbell and Jean Laherrere are two world-renowned geologists who have been working in the field for more than forty years. They are now specialised in oil field capacity assessment and "ultimate" oil reserves estimates for the major oil companies and for government authorities worldwide.

King Hubbert was a geologist-mathematician who since 1947 modelled on a Gaussian logistics curve (the Hubbert Bell) the relationship between the total capacity of an oilfield or system of fields, discovery rate, total production and peak production time. His prediction of the US production peak in 1970 (he predicted 1969) was the most important certification of the Hubbert Bell model.

The Hubbert model, applied to BP Amoco and Petroconsultants data with the evaluations and estimates of Colin J. Campbell and Jean Laherrere, yields a precise indication: world oil production will peak between 2008 and 2010 and after that will steadily decline at the rate of 3% per year until total depletion within the following 25 to 30 years.

Production cost of crude oil from depleting fields will increase considerably.

Oil production has already peaked in the US (1970), Mexico, Venezuela, Norway, and the United Kingdom. From the year 2004/2005 Persian Gulf production will cover more than 50% of total world demand to peak soon after and decline at the standard 3% rate per year.

The International Energy Agency in 1997 acknowledged Campbell's and Laherrere's estimates and reassessed its world oil reserves estimates, but has not issued any statement related to the world oil production peak.

Major oil companies are non-committal, but ENI Chairman Franco Bernabe, has spelled out their thoughts clearly in an interview with Forbes Magazine in 1998: "Enjoy it while it lasts"!

Bernabé's key concern is the reserve-to-production ratio the ratio of proven economically producible reserves to actual output of the non-OPEC oil companies. He looks at the world's 200 largest oil companies that are not owned by an oil-producing country, eliminating from his list such national companies as Saudi Arabia's Aramco and the Iraq National Oil Co. (a group which accounts for over 60% of the world's oil reserves). For his list of 200, Bernabé says, new reserves are failing to keep up with growing output. "From 1980 to 1997, their reserve-to-production ratio declined from 18 years to 12 years."

Bernabé thinks the figure will continue to decline. "Even to maintain this ratio at today's 2.5% annual increase in world production, this group would need to replace 140% of their reserves over the next five years," he says. This simply isn't in the cards.

"The amount of new discoveries in the world has dropped from a peak of 41 billion bbl. a year in 1962 to 5 billion to 6 billion bbl. a year now," he says. The peak of new discoveries was in the 1960s, with just half a dozen major fields found since then.

"The only really major new basin recently has been Africa's Gulf of Guinea, off Angola, Congo, Gabon and Nigeria. Even the new North Slope field in Alaska contains less oil than was once hoped.

"For the U.S. as a whole, the industry is spending 15% more than five years ago on upstream capital expenditure, but without seeing an increase in reserves," he says.

"The North Sea has accounted for over half of increased production in the last 15 years. But output there will start to decline in the next 2 to 3 years."

Bernabé points to what has been happening in the Norwegian sector. "They have announced that their planned increase in natural gas production to 100 billion cubic meters a year from 2000 to 2010 will now be trimmed to 80 billion cubic meters. The reason is that they can only keep oil production up by injecting gas into their wells," says Bernabé. The new field west of the Shetland Islands is also proving to be much harder to produce from than predicted.

"My forecast is that between 2000 and 2005 the world will be reaching peak production from our known fields, and after that, output will decline." But demand will keep growing, slowly but inexorably.

Does this mean that oil prices will stay down well after the turn of the millennium and then start to go up? Not necessarily. Once the markets recognize that production has peaked while demand continues to grow, prices could move up in advance of any actual shortages.

No other member of the oil sector has ever challenged this interview, Bernabé is a responsible manager and ENI is a credible source on oil matters. The interview was released in 1998 and has been confirmed by susequent events. What will happen when the markets perceive the coming oil peak is clear and we had a preview in March this year (2000) when the response to a production slump of 6% was a 300% increase in oil prices.

The problem is again clearly characterised in Campbell's presentation to the House of Commons on July 7th, 1999:

I will now explain what I think is a reasonable scenario

1) Oil demand will grow at 1.5% a year &endash; slightly below the IEA estimate of 1.8% &endash; until Swing Share reaches about 35% in 2001.

2) The Middle East countries will then have the confidence to impose much higher prices, realising that they have no competition. They may even get such confidence sooner.

For example, they might read an official report showing that Norway's production is set to halve by 2006. Norway is the world's second largest exporter. The impact on Swing Share is obvious.

3) I think prices may briefly soar to very high levels due to the working of the market that sets prices on the marginal barrel. I believe that the market itself may be manipulated by hedge funds and similar insiders, who are in a position to talk price up and down. They must have made huge fortunes when prices recently rose 80% over a few weeks. Most forecasts now predict falling stocks by the last quarter as the insiders talk price up again.

4) I think that a price shock around 2001, if not before, from Middle East control is inevitable and will probably trigger a stockmarket crash

5) I think that demand does become elastic above about $30/b, reacting to normal market forces, so higher prices may curb demand.

6). Nevertheless, I think it will be a time of great political and economic tension as Europe, America and Japan vie for access to Middle East oil. More missiles can be expected. The third world will be badly hit, being unable to afford imports. Agriculture is very dependent on oil.

7). But I expect that somehow a plateau of production, however volatile, will unfold around $30 a barrel. But the end of the plateau will soon come into sight.

8) It may have a fundamental impact on investment. Up til now, the investment community has believed in perpetual growth on which cycles are superimposed. The bottom of each cycle has been higher than its predecessor making capital appreciation the primary goal of investment. But the tensions of the oil shock and related events, including the colossal financial transfers to the Middle East, may create a new view.

After the many years of growth we may then experience a new downward trend, however cyclic. Share prices may sink to more realistic levels as the main focus will be on yield not growth. Capital will be destroyed.

9) The plateau has to come to an end by around 2008 when Swing Share will have passed 50% and the Swing countries in the Middle East will be approaching their depletion midpoint too. Production will then start its inevitable long term decline at about 3% a year. Increasing shortages will develop, and agriculture and transport will be seriously affected. The global market will come to an end because of high transport costs.

That is a scenario. There are of course many alternatives, but the range of possibility is limited given the resource constraints. These constraints are facts not scenarios. If by some miracle we could add 500 Gb of reserves &endash; more than half as much as produced so far &endash; it would delay peak by only ten years.

One indisputable fact stands out. Discovery peaked 30 years ago. It takes no feat of intellect to conclude that we now face the corresponding peak of production.

Colin J. Campbell concluded his presentation to the House of Commons suggesting that a Government body be charged with the task of planning the end of the oil interval and the transition strategies.

Diagram taken from Jay Hanson's "dieoff" site

Note on Peak delay and new "finds":

While I write this essay I read in the newspapers about the new oil field discovered in the Caspian Sea (Kashgan, Kazakhstan): allegedly 80 Gbbls. That would be the largest discovery in the last twenty years. Estimates are still uncertain. The effect on the production peak calculated according to the model of "Mathematical geology" vol. 32, January 2000, pgs 1-17 would be a delay of 6 months. According to Brian Fleay the delay would be of 18 months, but may be the two calculations have been made on different starting data. This post on EnergyResources (May 18th, 2000) by Rich Duncan gives a clear picture of the relationship between new oil discoveries and peak delay.

Richard Duncan & Walter Youngquist have done a study on the size of oil discoveries needed to postpone the peak year for cheap oil supply over the next decade. It is massive - 150 Gb (GB = billion barrels) from 2006 to 2007, 300 Gb to 2008, 350 Gb to 2009, but only 375 Gb to postpone the peak to 2022. The relationship is highly non-linear. The catch is the new discoveries have to start coming on line in 1998 - eight years before 2006. Coming on line after 2006 is just too late no matter how big the discoveries. And remember the rate of discovery during the 1990's has only been around 5-6 Gb per year.

Our World Oil Forecast #3 (i.e. forthcoming in K. Watt, 2000) analysis of the effectiveness of new discoveries in delaying the world oil peak are based on a series of simulations (using System Dynamics). (FYI: The simulations were done in early 1998.) In which: World oil production was forecast to peak in year 2006. There were two separate tests. Test #1 brought the new production on-stream on 1 January 1998 (i.e. 8 years BEFORE the peak). Test #2 brought the same amounts of new production on-stream in 1 January 2015 (i.e. 8 years AFTER the peak).

Test #1 Results: It took the new 1 January 1998 on-stream production (i.e. 8 years BEFORE the peak) that resulted from 148.4 Gb of new discoveries ('finds') to delay the peak by 1 year (i.e. from 2006 to 2007). It took the new on-stream production from 296.8 Gb of new finds to delay the peak by 2 years (i.e. from 2006 to 2008). Similarly, it took 347.7 Gb of new discoveries to delay the peak by 3 years (i.e. from 2006 to 2009). Our 4th and last simulation in Test #1 gave a real surprise. Namely: It took 373.1 Gb of new finds to delay the peak by 16 years (i.e. from 2006 to 2022). A highly non-linear function!

Test #2 Results: The same amounts of new production (as above) were brought on stream on 1 January 2015 (i.e. 8 years AFTER the peak). RESULTS = NO PEAK DELAY WHATSOEVER. All the new finds did was slow the rate of world oil production decline.

Our World Oil Forecast #3 concludes:

D. Conclusion of the Peak Delay Tests

The headline of this section asked, "Can we delay the world oil peak?" Our response is, "Yes, new oil reserves gradually brought on-stream well before the 2006 base-line peak can delay it, but only by a few days per billion barrels of new reserves. However, we find that even large increments of new reserves brought on-stream after the projected 2006 peak are not likely to have any effect whatsoever on delaying the world oil peak. Although we cannot precisely predict when the peak will occur, we are assured that it is not a 'moving target'. In fact the world peak is probably now fixed by the most recent production trends of the top 42 oil-producing nations included in this study (i.e. Table 68.1)." (ed. K. Watt, 2000)

BOTTOM LINE: If the 'base-line' world oil peak occurs before, say, 2010 (i.e. the world peak without new Caspian finds), then there is little chance that new Caspian finds of even (sic) 300 Gb (i.e. about the total EUR of Saudi Arabia) will delay the world oil peak by even one year. At best, such massive amounts of new discoveries will only slow decline of world production. TOO LITTLE, TOO LATE! We believe that simulation methods are necessary to give the full and correct picture of the world oil peak and 'peak delay'. Simple mathematics can not capture the complexity.

All good wishes, Rich Duncan

Challenging the data
Campbell's and Laherrere's model based on Hubbert's logistic bell is challenged by Michael Lynch, an oil economist and a teacher at MIT. According to Lynch, the model perfectly matches oil dynamics in the US from 1930 to 1970, but its extension to the world is not acceptable, given the scarcity of reliable data. In 1973, during the first oil crunch, the doom and gloom party forecast a barrel of oil at US$100, which never happened. Estimated reserves were at the time 700 Gbbls. Today estimated reserves are larger even though we have been burning 600 Gbbls of oil since 1973. Empirical data are more important than mathematical models, says Lynch, who, on the basis of empirical data, actually foresaw the low prices in 1997/1999.

The basic input data of the mathematical model are production/demand and the volume of new oil fields. While production follows the curve with good approximation, new oil finds are more or less random and must be mathematically processed in order to yield a "curve". The discovery curve peak time is related to the production peak time by a delay but the actual determination of the relationship is made difficult by random discoveries. New finds are a consequence of prospecting investments and these are a function of the market price of oil, as is consumption.

The interference of politics, economics and technology on oil prospecting, finds, demand and production, is a weak point for the assumption of Hubbert's bell as a valid and cogent argument. The logistics curve and its maths are sound tools for the modelling of "natural" events (ie. growth and decline of biological cultures, growth and decline of species in environmental pockets etc.), but less convincing when one deals with "artificial" dynamic processes. The world oil (demand, production, consumption, discoveries) may be regarded as a "natural" dynamic process in the long term (200-300 years), but within the term of 30 to 40 years, elements of disturbance are too strong. Hubbert's bell, based on partial or accidental data, must be considered with careful critical attention. It is a good tool to represent mature processes (in an advanced stage of development), but the precision of the final course of a "young" process is less reliable.

Another argument of the optimistic party is the fact that modern drilling and production technology (horizontal bores, pressurised hot vapour injection, deep oceanic drilling etc.) allow for more thorough mining of oil fields. It is a good argument: volumes of crude that could not be reached, or that could be reached at high production costs, have become accessible and can be produced at a more competitive price. Nevertheless, sophisticated mining technology cannot modify the ultimate capacity of oilfields: it can influence the profile of the decline curve and the price of marginal oil.

One last argument against the "end of Oil Interval theory" is that doom forecasting never got it right: Malthus (1766), Meadows & Meadows Limits to Growth (1962), Ozbekhan (1970), and many others, have been describing some end of resources which never occurred. The same end of Oil Interval date is continuously adjourned as the deadline gets nearer.

This is a classic millenaristic proclivity (recently rehearsed with the Y2K bug): as if Man, intimately conscious of the End, exorcises it with periodic doom forecasting.

I would be more cautious in making fun of the whole of the doom and gloom party: every prediction has the same precision as the data on which it is based. Geological prospecting tools today are much more precise than those available to Hubbert thirty or forty years ago. Three-dimensional, high resolution seismic mapping leaves no doubt of the size and location of oilfields and present day knowledge of the geological origin of hydrocarbons allows very precise geographical mapping of the big fields around the world. All of which increases prospecting successes and consistently reduces wild cat drilling to a minimum. (Current stats give one drill out of two as a strike).

Malthus (1766-1834) was unlucky because he could not foresee " Colonel" Edwin Drake's lucky strike in Titusville, Pennsylvania on the 27th of August, 1859: but he was basically right and demographic/industrial/agricultural growth in the limited physical environment has jeopardised planetary balance.

Meadows and Meadows (Limits to Growth) missed by a few decades: that may be the difficulty of evaluating Hubbert's bell with the data of the sixties and seventies. Nevertheless, we see the "limits" of the Club of Rome in the marginal situation of great metropolitan areas in Africa or Central America, or in the tragedy of many African countries, (Somalia, Eritrea, Rwanda, Sierra Leone, Nigeriaä).

If mistakes have been made in the past, it does not necessarily mean that they will always be repeated in the future, at least, not in the same way.

The price game
The behaviour of OPEC members deserves attention: why do they not organize a solid cartel anticipating oil production peak and decline? They could easily push the price up by factors (3, 4, 10 times) which would largely compensate for diminishing sales. Paul Krugmann's rule that not pumping oil from the ground is a form of strategic long-term investment would make the strategy credible; but financial markets in the States over the last four years have disrupted the whole picture. Return on investment has been an unbelievable steady 20-24% for the last four years. If one sold oil at 10$ a barrel and invested the money in the market one would have broken even with the sale at 25$ after four years. After twenty years at that rate one would have got 738$ from the 10$ invested. So the decision of the Sheikhs to pump oil, glut the market, sell at 10$ a bbl and invest was a smart one! That is a first answer to a very reasonable question. Another point is that OPEC countries are not certain of the total amount of their reserves. A high price of oil could promote prospecting and finds in other geographical areas, jeopardising their monopolistic control of the market in the near future (Caspian Sea, Gulf of Mexico, Polar Oceans). Some of the OPEC countries (if not all of them) are hugely invested in USA and Europe. Damaging those markets with a disruptive price of oil could seriously damage their own economies. For other countries, crude oil is the only resource. They could not sustain any reduction of the export quota as in 1973 or 1983, not to mention a steady decline in demand due to strategic conservation, energy saving or alternative energy technologies induced by the price hike, a constraint that is made even more severe by their international debt servicing deadlines. This is the context in which the big game of capacity and ultimate reserves assessments and statements is played. OPEC countries do not want to induce any concern that could promote energy conservation or energy alternatives or prospecting investments in other regions. Thus they "politically" inflate their statements on reserves. Western countries (ie. the US) do not want the OPEC members to feel too sure about their potential monopoly. Thus they "politically" inflate the ultimate reserves statements for the rest of the world. This can be clearly read in the last USGS report by Thomas Ahlbrandt where tar sand and oil shales (notorious energy sinks) are shown in a very positive way along with deep water and potential polar finds. All parties, for different motivations, inflate the numbers in an apparently irrational way.

The American political position seems to be frozen. The markets rising over the last four consecutive years have reached levels, which are embarrassing for Greenspan himself. Very little cash is invested in risky adventures when the yield of investment on the financial market is so rewarding. So the approach is "We will cross that bridge when we come to it". The major oil companies are getting ready for the drilling campaign: everybody is building huge oceanic rigs (in Chinese yards), which will be ready for the moment when the oil price will pay for the investment of drilling in expensive basins. Nobody moved until the barrel was sold at US$10. Some attention has been stirred by the price of the barrel at 30$. Operations will commence to search for the last black gush when the barrel reaches US$40. They will drill for oil that will reach the market at US$50 or US$100, but not before10 years. The peak will not be delayed, the slope of the damned bell may be slightly modified (see Duncan/Youngquist note on peak delay & new finds). But if the financial markets remain rewarding, with the barrel at US$30, the Sheikhs will keep pumping in an effort to delay the heavy investment needed by prospecting campaigns. So the question is: the markets will be rewarding to keep the Sheikhs pumping, or is it the large availability of oil that keeps the markets rewarding?

Paradoxically
Let us assume that the pessimistic experts (Hubbert, Laherrere, Campbell, Ivanhoe, Fleay, Duncan, Bernabe, Daly, Petroconsultantsä) are wrong. The upper crust of the Earth is actually floating on a sea of oil as if sloshing on a waterbed. Nobody knows the size of the oceans that were turned into oil 200 million years ago. One would wonder what all the money spent on geologists has been worthä but for the sake of the argument this is a paradox to show another deadline, possibly tougher than oil production peak and depletion. If we have unlimited oil we certainly do not have unlimited space to burn it. The joy ride ends because of two simultaneous shortages: one is oil; the other is environmental space to burn it. The unchallenged data is that the Oil Interval will end when the markets perceive the importance of the information. Possible shifts of one, two or ten years are technically irrelevant.

The IEA reassessment
The International Energy Agency in 1997 re-assessed its evaluation of oil reserves (ultimate). It is of interest to consider why a powerful Institution decided to change a platform that was a firm assumption since its foundation. Until 1997, every increment of the original capacity of an oil field was considered as a new field and, accordingly, the total capacity was calculated as the sum of the original capacity plus the increment. The correct way to calculate the new total capacity is to "backdate" the increment to the beginning of production. The oil available is considerably less, because the increment is also subject to a curve with a peak and a decline and that curve starts at the beginning of production. This method, that was proved correct by Colin Campbell, was accepted by IEA in 1997 and consistently changed their official estimate of the ultimate world oil reserves. Few people outside the specific field are aware of this important change.

(From MBendi Energy news)
"It now appears that the world capacity limits were about breached at the end of 2000, and oil prices began to soar when it became clear that the historic trend of growth at about 2% could not be maintained. As in all previous cases, the high prices triggered economic recession, although there may have been other contributory factors. A highly inflated stockmarket, built on the cheap energy supply of the past and illusions of perpetual growth was evidently due for a radical readjustment. The demand for oil plummeted, falling 5% between 2000 and 2001 according to the Oil & Gas Journal, and prices accordingly crumbled. "

The consequences
When the market perceives the implications of this explanation the end of the Oil Interval will begin. Production will start declining after the peak in 2010, but there may be preliminary meaningful "crunches": one of them just passed in March this year. The position on what will happen may be very roughly organized in four main paradigms:

1. Optimistic: No problems, the market will take care of everything. Alternative technologies will be available and found, alternative energies will be granted. Everything will be under control and operating smoothly.

2. Reasonably optimistic/pessimistic: There will be difficulties and they will be geographically specific, according to the different local political and technical situations. Depending upon management of the transition, that specific government responsibilities are able to deploy, problems will be solved with greater or lesser pain.

3. Pessimistic: The hike of oil prices will crush the system. Alternatives will not be available, timely or sufficient. Agriculture will not be able to feed the 8 billion inhabitants of the Planet. After a violent unstable initial stage in some regions, political control will be recovered and technical means will be found to eventually set in a rough transition course. The social costs will be huge; the values of the Cro Magnon Civilisation will barely be preserved. World population will plummet within three generations to 1.5 billion.

4. Planetary catastrophe: No specific scenario can be proposed. There will be a high risk of nuclear conflict, the human cost horrendous. The planet will set on a new paradigm after a catastrophic population reduction to a few hundred million people. Annihilation of civilisation as we know it will eventuate and there will be a return to primitive social patterns. (Olduvai Theory by Rich Duncan).

There is little to support the optimistic platform but faith. Numbers on available reserves cannot be eluded, major oil companies are investing in alternative energies and technologies. Most of them consider the problem to have no solution and thus not to be a problem, according to a well known management theory. Any alternative technology or system of technologies to substitute hydrocarbons requires at least 50 years to be deployed so that it can cover a significant quota of present consumption and of its growth. It took more than one century to substitute coal with oil after 1859, notwithstanding the great advantages of oil compared to coal. Huge financial and energy investments are needed to put into operation credible alternatives: billions of square meters of thermal solar panels to substitute low enthalpy conversions (typical of the residential sector) or of PhotoVoltaic panels, millions of wind generators, restructuring of distribution grids to accommodate a diffuse energy harnessing system. Also, the hypothesis of extensive use of nuclear power for the production of electric energy is questionable for the energy/capital content. (Any comparison and estimate of energy technologies should be made in proper unified energy standards: eMergy units, to avoid the deceit of money calculations applied to energy, see HT Odum). What will be particularly difficult to substitute will be the fuel for transportation and agriculture and for oil based fertilisers. (See Brian Fleay) Hydrogen, for the time being, is totally dependent on fossil fuels: It is either produced from natural gas or with fossil fuel-generated electricity (electrolysis of water). It will be an alternative fuel for transportation only in a world abundantly supplied with solar originated electricity. It will always be a negative eMergy fuel because it will give back much less energy than the energy needed to produce it. But that could be justified by the high priority of transportation. Ethanol is also heavily subsidised by the agricultural process for its production and is also eMergy negative. One of the consequences of ethanol would be the conflict between food and energy agricultures. In a starving world the decision to invest vast land extensions to produce energy will not be an easy one. Some solution may come from genetic processing of plants, but that will be controversial. Two other implications of ethanol have to be borne in mind: the potential to help developing nations to free themselves from fuel dependency and the positive effect on climate of large cultivated regions, which will also be powerful CO2 sinks. The optimistic attitude (1), which dominates the international political agenda, is not in touch with reality, even if it smacks of clear-cut pragmatism. It is the attitude that will drive us straight to the scenario D (planetary catastrophe) and to extinction. Scenario (4) is of no interest except as a reference for violent science fiction movies (Mad Max paradigm). Great semi-fiction books of the seventies were The coming Middle Ages and Greggio e pericoloso (Crude and dangerous) by Roberto Vacca. Positions (2) and (3) suggest interesting elaboration, not because a solution may be found (postponing the end of the Oil Interval), but to set up management and design tools that could make the transition less cruel and unfair.

Elements for the design of "transition"
The first thing to do is to radically reform classical economics so that they take into account the finite environment. A lot of the items that economists simplify or ignore as "externalities" are in fact critical factors intimately connected to exchanges and to transformation processes at all levels:

A. Energy and its qualitative complexity, its limited availability, its physical laws, its potential to substitute manpower and to boost agricultural efficiencies, its political guarantee value, its "futures" and the financial consequences on currencies and exchanges;

B. Environmental pollution, soil decay, fertility decay of agricultural topsoils, salinization, disruption of water tables, deserts created by overgrazing, monoculture and intensive cultivation, dependency on fertilisers and pesticides;

C. Water shortage, air pollution and climate change.

These are just a few of the items that classical economics ignores as "externals" to the basic abstract assumptions that fix exchange values. Added to which there are ideological and cultural elements that need to be assessed in a completely different way:

A. The social and cultural volition of economic subjects: the formation of collective desires that overcome personal and private interest. The correct representation of the selfish gene that moves socially induced reactions and ethical tensions could bring about a Copernican revolution in the paradigm of classical disciplinary economics.

B. Cultural formation and information fallout on individual behavioral patterns and on social models at various levels (from the community to the nation).

C. Substitution of the GNP with complex indicators and parameters for the measurement of the Quality of Life of ecological health. The value of a currency is not only represented by active economic resources, but also by environmental and social costs that will have to be paid in the short or long term.

This is a radical re-thinking of the discipline. An understanding culture has to be set out to win the strong resistance and stern attitude which is so typical of the temples and prelates of classical disciplinary economics where any attempt to challenge the GNP as the only global index has always been met with outright scepticism. We need to put aside the "fallacy of misplaced concreteness" as Alfred North Whitehead defined the mistaken absolute certainty, disguised with realistic words, that is so peculiar to classical disciplinary economics. Make abstract simplifications, forget about them and believe that what is left is the real world and impose it as such. Very important attempts to reassess the terms of the discipline are in the making (Hermann E. Daly, John B. Cobb Jr, Robert Costanza, H.T. Odum), but that will take time: maybe one or two academic generations. When the right information of a finite Planet and of finite resources reaches the economy and the right exchange values are fixed, a powerful flow of money and of entrepreneurial /industrial professional competence will deal with the problems. It is not possible to foresee a "new paradigm" if it does not have solid economic motivation, which is impossible if the discipline is based on false assumptions. This is why the responsibilities of Institutions in charge of energy and environment have to be recalled: in Italy the ENEA (Ente Nazionale Energie Alternative) is the most important. For years it has been managed and directed with total respect for the "fallacy of misplaced concreteness". A different, less arrogant policy in the seventies and eighties would see the country in less precarious conditions in the present strategic emergency. ENEA has been dominated for a long time, and still is in fact, by a nuclear monoculture that was condemned on macroeconomic grounds, not to mention energy and environmental strategy. The true transition is not to a new short-term resource (uranium) strongly subsidised by another short-term resource (fossil fuels), but to flowing sustainable energies.

International responsibilities belong to the IEA (International Energy Agency) for energy and to the World Bank and International Monetary Fund for their part in the delay of the disciplinary economics reassessment: the World Bank and the International Monetary Fund deal with financial issues that reach far beyond the future of oil and structure the way we destroy our natural capital:

"In the [third] area, balance-of-payments accounting, the export of depleted natural capital - wether petroleum or timber cut beyond sustainable yield - is entered in the current account, and thus treated entirely as an income. This is an accounting error. Some portions of those nonsustainable exports should be treated as the sale of a capital asset, and entered on capital account. If this were properly done, some countries would see their apparent balance-of-trade surplus converted into a true deficit, one that is being financed by drawdown and transfer abroad of their stock of natural capital. Reclassifying btransactions in a way that converts a country's balance of trade from a surplus to a deficit would trigger a whole different set of International Monetary Fund recommendations and actions. This reform of balance-of-trade-payments accounting should be the initial focus of the IMF's new interest in environmentally sustainable development. The World Bank should warmly encourage the managers and staff of its sister institution to get busy on this - it does not come naturally to them." (from Hermann Daly "Beyond Growth" chapter 5, page 89).

Technological feasibility
The catalogue of alternative energy technologies is rich on both the supply and demand side (energy systems integration, first and second-degree efficiencies, process streamliningä). The rational sequence: (1) eliminate waste, (2) save, (3) introduce alternatives, has to be respected with intelligence. Given the long lead time required by alternative technology "spin in", it may be wise to anticipate them and run the risk of putting alternative energy on systems that are not yet optimal. The following is a list of options with some tentative numbers. The overall strategy will organise these options in systems that may vary in different regions, according to the specific climate, social, physical and technical environment. Energy and environmental criteria should always inform the market.

The transition will last 30 to 40 years. Marginal oil, natural gas and coal will support it, eventually phasing out. The present abundance of natural gas will disappear when that specific fossil fuel takes the full load of electricity production and transportation. It will take a long time before transportation hydrogen is supplied by solar-originated electricity; natural-gas-originated hydrogen is the intermediate stage of that specific transition. The nuclear lobby, with the fear of oil depletion, will try to force their technology, but it would be an expensive mistake: nuclear power is short term and heavily oil dependent for its construction. The same energy invested in conservation strategies or in low enthalpy solar (or in tidal, wind, solar PV, OTEC) would yield a higher energy return in a shorter time. The most serious constraint of a nuclear choice would be the highly polarised structure of the distribution grid that is very expensive to convert to serve a diffuse integrated energy harnessing model (solar PV + wind-gen + grid + hydrogen production as a storage).

And here is my short catalogue of transition steps:

A. Substitution with solar thermal of all low enthalpy oil/natural-gas/electricity conversions: in an industrialised country with a temperate climate, that is roughly 25% of the total energy conversion. In terms of square meters it would mean approximately 5 square meters of current low efficiency solar collectors or 2.5 square meters of high yield collectors (heat pipe in vacuum glass tube) per person. For what it's worth, the US dollar (year 2000) number could be 1,250.00 to 1,400.00 per person to be spent over a period of time of 10-15 years. (The money estimate is meaningless: any comparison of evaluation should be in unified energy standards like the eMergy units proposed by H.T. Odum)

B. Substitution with solar PV or wind electric of 15% of present electric supply. Given the previous substitution this could almost cover 90-100% of residential electricity.

C. Substitution with new-hydro (tidal, OTEC, waves, microhydro) of 5% of present oil originated electricity supply

D. Cancellation of useless usage

E. Optimisation of system and appliance efficiencies

F. Substitution of fossil fuels in transportation with solar-originated hydrogen

G. Intermediate temporary servicing of transition with natural gas, marginal oil and coal

Many activities that are unable to "adapt" will be phased out. Cultural and social attention to the process will have to be keen. Stages, phases, sequences, interferences and social interactions, eMergy estimates and everything else need to be worked out. I am perfectly aware that whenever you "get down to numbers" a horde of "accountants" will jump on you. I also know perfectly well that from my breakdown to an effective region-specific energy model spanning over the forty years of transition, there are at least 50 thousand US dollars of grant or several million (according to the academic status of the applying Institution). In history "accountants" have huge responsibilities and, most often, have been wrong.

My "numbers" are merely tentative to provoke thought. Nothing more. So, no need for climbing. It's a flat field!

Topics for discussion
The room for discussion on numbers percentages, modelling problems, interactions, technologies is unlimited. The end of the happy unlimited energy/resources/environment interval is out of the question. It may be a planetary tragedy, but not necessarily so. It may in fact be a great opportunity, if we do not miss it. The transition process could certainly be less impervious if a radical change in planetary population trends occured. At the present growth rate the demographic "bomb" will have dire consequences for many regions of the world and will prevent any chance of a new paradigm for them. The difficulty for the outlined "reasonable utopia" is a political and cultural one. It is definitely not a technological problem. There is no scarcity awareness. There is no political vision, no strategies, no laws or international recommendations, no professional tools to manage scarcity, no environmentally consistent economic theory, no university curricula. Everything is based on one hundred years of affluence, assumed abundance and environmental waste. The only tool, which is constantly referred to, is the "market": a very effective, blind, brutal tool, a structure of cruel privilege in favour of the haves against the have-nots. Moreover the imperfect tool is fed with wrong data and false information.

Conclusion
We are building cities, highways, houses, industries, tunnels, and bridges on the assumption of undisputed oil availability for the next hundred years or more. Boeing and Airbus are designing and selling planes that will fly on fossil fuels for 30 to 40 years. GM designs and sells cars that will operate for at least twenty years on petrol for which no one knows the cost, or on gas or on hydrogen that is of equally uncertain availability and oil dependent. The whole asset of the globalised planet is based on the availability of cheap oil for at least 100 years. The present 6 billion people will be 8 billion in less then ten years. Two billion of them live below the poverty line. Millions starve to death every year. Agriculture is strictly oil dependent. Every year millions of hectares of old growth forests are clear felled with devastating effects on global climate change, flash floods and desertification. Millions of hectares of fertile soil are lost every year to salinity or erosion. Most of this happens as a consequence of an economic discipline that does not acknowledge simple evidence: the exchange value of environmental resources. The urge for political action is dramatic. Do not be misled by the plain presentation of my proposals: we are talking about the greatest challenge ever thrown to the Cro Magnon with a very slim chance of success and huge anthropological and planetary risks. The next thirty years will be "interesting times" as in the Chinese curse: May you live in interesting times.

The alternative is extinction. With the economic reform, a vast organization and design work needs to be implemented in a very short time to start the transition to the "Natural Capitalism" envisioned by Lovins and Hunter. There are thirty tough years between the chrematistic, insane and sick present capitalism and the "natural" one described by Amory Lovins: the great challenge of transition. The challenge is to transform an economic, political and industrial system roughly shaped by environmental devastation and by waste into a system structured by environmental respect and based on smart interaction with "scarcity". On one side extinction. On the other side, possibly, a new renaissance.

The cultural and political mandate is to defend the values of civilisation, planetary solidarity and international democracy against the pressure of national selfishness, totalitarianism, sectarianism and elitism. Technology is important, but it is the dreamers that change the world.

If the Cro Magnon win they will dream again, but only if they dream will they win.

Lorenzo Matteoli
Scarborough, Western Australia, 
8 Aprile, 2000

NOTE:
You are free to copy, use, integrate, transcript, insert, appropriate parts of this text or the whole of it, if you quote me I will appreciate, if you do not quote me ... enjoy. We do not own ideas, they own us. [lm]

Credits: I have to thank the members of the mailing lists

RunningOnEmpty@egroups.com and EnergyResources@egroups.com that in the last few months provoked me into writing this essay. I tried to respond to the position of the lists that I found extremely stimulating, creative and constructive in their radical pessimistic rigour. I must thank Wendy Charnell for the English editing of the essay. LM

 

Il futuro
La curiosita' sul futuro, o il desiderio di certezze, sono stati nella storia dell'uomo una costante drammatica. Sulla curiosita' si sono costruite le fortune millenarie di tutte le religioni e sulla impossibilita' di soddisfarla si e' costruito il potere finanziario delle Societa' di Assicurazione. Il futuro e' lo svolgimento del presente: il piu' banale, il piu' logico, il piu' semplice. Ma la complessita' del presente e' tale per cui il suo svolgimento e' sempre imperscrutabile. La banalita' e la semplicita' si riconoscono solo guardando indietro. Il presente e' il banale, semplice svolgimento del passato: cosi' banale da sorprenderci sempre. Nel marasma congiunturale ogni tanto appaiono degli squarci che danno la sensazione ingannevole di rivelare qualcosa: una momentanea finestra sullo svolgimento del presente che immancabilmente si chiude appena tentiamo di approfondire e documentare. In questo esercizio cerchero' di analizzare uno squarcio rivelatore molto attuale: quello fornito dalla proiezione nel futuro di breve medio termine della disponibilita' di petrolio. I dati disponibili, gli elementi della loro incertezza, le assunzioni ipotetiche e i possibili significati geo-politici e sulla vita quotidiana. E' bene avvertire fin d'ora che il mio esercizio non fornira' certezze e non risolvera' la curiosita' storica sul futuro: forse suggerira' qualche linea di comportamento per una gestione meno accidentale della congiuntura e per una sua comprensione meno superficiale. Nelle conclusioni cerchero' anche di suggerire quali sono i collegamenti di questo esercizio con la quotidianita' e con il campo specifico del "diritto".

Il dato
Gli archivi Ginevrini della Petroconsultants insieme a quelli della BP Amoco costituiscono la fonte piu' autorevole e completa per quanto concerne i giacimenti di petrolio in tutto il mondo, riserve, capacita' presunte, barili di greggio estratti ad oggi, capacita' estrattiva degli impianti di pompaggio, tipi di greggio, costi di estrazione, tipologia e profondita' dei pozzi etc. etc.

Colin J. Campbell e Jean Laherrere sono due geologi che hanno lavorato per 40 anni in tutto il mondo con molte compagnie e che si sono specializzati nella valutazione delle capacita' dei giacimenti e delle riserve "ultime" di greggio nel mondo.

King Hubbert e' stato un geologo/matematico che fin dal 1947 ha modellato su una curva logistica Gaussiana la relazione tra capacita' complessiva di un sistema di giacimenti, i volumi correntemente estratti e l'andamento dei ritrovamenti di nuovi giacimenti.

La modellazione di Hubbert applicata ai dati di Petroconsultants e BP Amoco con le valutazioni di Campbell e Laherrere da' una indicazione abbastanza precisa: la produzione di greggio arrivera' al suo massimo tra il 2008 e il 2010 e quindi calera' in ragione del 3% all'anno fino al totale esaurimento della risorsa nell'arco dei successivi 25-30 anni. Il costo di estrazione del greggio verso la fine della capacita' dei giacimenti aumentera' sensibilmente. Il picco di produzione e' gia' stato raggiunto dagli Stati Uniti, dal Messico dal Venezuela dalla Norvegia e dal Regno Unito, a partire dal 2004/2005 gli Stati del Golfo Persico controlleranno piu' del 50% della produzione di greggio nel mondo e quindi anche per quel bacino iniziera' il calo del 3% all'anno. La IEA (International Energy Agency) nel 1997, sulla base delle indicazioni di Campbell e Laherrere, ha modificato le sue ipotesi di previsione e, in modo riservato e implicito, riconosce la validita' del modello di Hubbert, Campbell e Laherrere ma non si pronuncia sull'intorno temporale del picco di produzione. La posizione delle grandi compagnie petrolifere e' espressa molto bene dal presidente dell'ENI Bernabe' che in una intervista a Forbes (luglio 1998) nota nel mondo, ma poco conosciuta in Italia forse perche' rilasciata in inglese dice: "divertitevi fin che ce ne e'".

Per la lista di 200 compagnie petrolifere che non appartengono al Governo di un Paese produttore, dice Bernabe', le nuove riserve non tengono il passo con l'incremento di produzione. " Dal 1980 al 1997, il rapporto riserve/produzione e' sceso da 18 a 12 anni." Bernabe' pensa che questa cifra continuera' a diminuire. "[Queste 200 compagnie] solo per mantenere costante il rapporto riserve/produzione al ritmo dell'incremento annuo del 2.5% dovrebbero rimpiazzare il 140% delle riserve nell'arco dei prossimi 5 anni. Semplicemente impossibile!" Il volume totale del nuovo petrolio scoperto nel mondo e' passato da 41 miliardi di barili nel 1962 a 6 miliardi di barili nel 1997, dice Bernabe'. Il picco delle nuove scoperte fu nel 1960: da allora sono stati trovati solo mezza dozzina di grandi bacini. ää. La mia previsione e' che il picco di produzione mondiale dei bacini attualmente conosciuti verra' raggiunto fra il 2000 e il 2005, dopodiche' la produzione comincera' a diminuire." E la domanda continuera' ad aumentare, lentamente, ma inesorabilmente. Questo significa che il petrolio restera' a basso prezzo fino dopo l'inizio del nuovo millennio e che solo dopo iniziera' a crescere? "Non necessariamente. Quando i mercati si renderanno conto che la offerta scende e che la domanda continua a salire i prezzi potrebbero salire anticipando lo scompenso tra domanda e offerta."

Questa intervista non ha ricevuto smentite da altri rappresentanti dl settore petrolifero, Bernabe' e' un soggetto responsabile e l'ENI una fonte credibile sul tema specifico. L'intervista era del 1998 e gli avvenimenti fino ad oggi non hanno smentito la previsione. Cosa succedera' quando i "mercati" prenderanno coscienza del dato di fatto e' evidente e ne abbiamo avuto un "anticipo" nel marzo 2000 quando a fronte di un calo della produzione del 6% il costo del greggio sui mercati mondiali e' triplicato (+300%). La definizione del problema e' chiara nella presentazione di Campbell alla House of Commons del 7 Luglio 1999 dalla quale riporto il passo conclusivo:

Verso il 2008, quando la quota di compensazione (Swing Share) dei Paesi del Golfo Persico avra' raggiunto il 50% e anche quei giacimenti avranno raggiunto il picco di produzione, iniziera' il calo produttivo inevitabile e costante del 3% all'anno. La carenza di combustibile mettera' in crisi trasporti e agricoltura. Il mercato "globale" finira' per i costi di trasporto insostenibili. ä Questo e' uno scenario, ci sono alternative, ma i limiti di manovra sono stretti a causa della scarsa disponibilita' di risorse che e' un fatto e non uno scenario. Se per un qualche miracolo potessimo aggiungere 500Gb di riserve (piu' della meta' di tutto il greggio estratto fino ad oggi) il picco e l'inizio del calo di produzione sarebbero ritardati solo di dieci anni.

La presentazione di Colin J. Campbell al Parlamento inglese si conclude con la raccomandazione di istruire quanto prima una responsabilita' di governo per impostare la gestione della fine dell'Oil Interval, e per progettare le strategie della transizione.

Nota sul rinvio del "picco" per effetto di nuovi ritrovamenti
Mentre scrivo questo articolo leggo sui giornali di nuovi ritrovamenti di petrolio nel Mar Caspio (Kashgan, Kazakhstan): si parla di 80 Gb. Sarebbe il ritrovamento piu' vasto degli ultimi venti anni, anche se le stime sono ancora incerte. Gli effetti di questo ritrovamento sul picco di produzione calcolato secondo il modello di Albert Bartlett (Dpt. Of Physics, University of Colorado) pubblicato da "Mathematical Geology" vol. 32, Gennaio 2000, pag. 1-17 sarebbero di un rinvio di 6 mesi. Secondo Brian Fleay (cfr bibliografia) il rinvio sarebbe di 18 mesi. Non e' possibile confrontare i due calcoli perche' mancano le ipotesi iniziali sulle stime della capacita' assunte dai due ricercatori. Riporto di seguito un intervento del 18 di Maggio di Rich Duncan sulla lista Energy Resources 2000, che fornisce un quadro abbastanza chiaro sulla relazione tra nuovi ritrovamenti di petrolio e rinvio del picco di produzione.

Richard Duncan e Walter Youngquist (cfr bibl.) hanno svolto uno studio sulla dimensione di nuovi ritrovamenti nel prossimo decennio necessaria per posticipare la data del picco produttivo di petrolio a basso costo. Si tratta di una quantita' enorme - 150 Gb (un Gb = un miliardo di barili, un barile = 166 litri) per rinviare il picco dal 2006 al 2007, 300 Gb se vogliamo arrivare al 2008, 350 Gb per agguantare il 2009, ma solo 375 Gb per il rinvio fino al 2022. La relazione si scosta molto dalla linearita'. Purtroppo le nuove scoperte devono diventare disponibili al consumo nel 1998 - otto anni prima del 2006. Tutto quello che arriva dopo, indipendentemente dalle dimensioni, arriva tardi. Nel valutare questi numeri e' bene ricordare che i ritrovamenti di nuovi giacimenti negli anni 90 non hanno mai superato i 6 Gb all'anno.

La nostra analisi World Oil Forecast # 3 (che uscira' in K.Watt 2000) sulla efficacia delle nuove scoperte agli effetti del rinvio del picco di produzione si basa su una serie di simulazioni (fatte con System Dynamics) all'inizio del 1998. Nel modello il picco produttivo era ipotizzato all'anno 2006. Abbiamo fatto due prove. Nella prova #1 la nuova produzione era disponibile nel Gennaio del 1998 (cioe' 8 anni prima del picco). Nella prova #2 la nuova produzione era disponibile nel Gennaio del 2015 (cioe' 8 anni dopo il picco)

Risultati della prova #1: 148.4 GB di nuovi ritrovamenti in linea operativa dal gennaio 1998 (8 anni prima del picco) rinviano il picco di produzione di un anno (dal 2006 al 2007). 296.8 GB di nuovi ritrovamenti in linea operativa dal gennaio 1998) rinviano il picco di produzione fino al 2008. Ci vogliono 347.7 Gb di nuove scoperte per arrivare fino al 2009 (rinvio di tre anni). La sorpresa viene con il quarto giro di dati sulla Prova #1: ci vogliono 373.1 Gb di nuovi ritrovamenti per ritardare il picco di 16 anni (cioe' dal 2006 al 2022). Una funzione assolutamente non lineare!

Risultati della prova #2: le stesse quantita' di petrolio portate in linea operativa nel gennaio 2015 (cioe' 8 anni dopo il picco) non hanno alcuna efficacia. L'effetto si limita a una riduzione del declino produttivo.

La nostra World Oil Forecast #3 quindi porta alle seguenti conclusioni:

D. Conclusione delle prove sul rinvio del picco di produzione

La domanda era: "E' possibile rinviare il picco di produzione del petrolio?" la nostra risposta e' "Si, nuove riserve di petrolio portate in linea operativa molto prima del 2006, anno del picco ipotizzato, possono rinviarlo, ma solo di alcuni giorni per ogni Gb di nuove scoperte. Tutto quello che si trova dopo non serve. Anche se non siamo in grado di prevedere con precisione l'anno di picco possiamo essere certi che non si tratta di una scadenza dotata di molta mobilita'. In effetti il picco mondiale di produzione e' attualmente fissato dai trends produttivi dei 42 paesi produttori inclusi in questo studio (i.e. Tabella 68.1). (ed. K. Watt, 2000)

Finale: se il picco produttivo mondiale avviene prima del 2010 (attuale prevsione senza il ritrovamento del Mar Caspio) ci sono poche possibilita' che nuovi ritrovamenti anche di 300 Gb (cioe' quasi quanto la Riserva Stimata Ultima dell'Arabia Saudita) possano rinviare il picco nemmeno di un anno. Al meglio questi ipotetici enormi nuovi ritrovamenti rallenteranno il declino. Troppo poco, troppo tardi. Riteniamo che siano necessari metodi di simulazione sofisticati per rappresentare in modo corretto la dinamica del picco produttivo e dei possibili rinvii. La semplice matematica non puo' catturare la complessita' del problema.

Molti buoni auguri!
Rich Duncan

La contestazione del dato
Il modello di Campbell e Laherrere impostato sulle gaussiane di Hubbert viene contestato da Michael Lynch, economista del petrolio e docente al Massachusetts Institute of Technology: e' vero che la corrispondenza della campana di Hubbert con gli andamenti della produzione di greggio negli Stati Uniti dal 1930 al 1970 e' perfetta, ma la estensione del modello al sistema mondiale dei giacimenti, data la relativa carenza di dati affidabili a livello mondiale, non e' accettabile. Nel 1973 quando ci fu la prima crisi petrolifera la previsione del costo al barile fu che in breve tempo avrebbe raggiunto i 100$ (si fermo' a 27$ per poi scendere con alterne vicende fino agli 11$ dell'inizio del 1999): le riserve stimate allora erano di 700 miliardi di barili. Oggi le riserve stimate sono superiori nonostante dal '73 al 2000 sia siano gia' bruciati 600 miliardi di barili. Piu' che le curve logistiche e i modelli teorici conta il dato empirico, dice Lynch, che, sulla base del dato empirico ha previsto la caduta dei costi del greggio negli anni 1997/1999.

Gli elementi fondamentali della campana di Hubbert sono la produzione/domanda corrente e il volume dei nuovi ritrovamenti. Mentre la produzione segue con relativa approssimazione la crescita prevista dal modello, i nuovi ritrovamenti, sempre piu' rari, sono accidentali. Il massimo nella curva dei ritrovamenti determina l'altezza e la collocazione del picco di produzione della campana di Hubbert ed e' difficile da localizzare data l'accidentalita' con la quale nuovi bacini petroliferi vengono scoperti. La scoperta di nuovi bacini e' determinata dagli investimenti e questi sono una funzione del prezzo di mercato del greggio, cosi' come i consumi. La interferenza di fattori politici, economici e tecnici su consumi, domanda, offerta, prospezione e scoperta di nuovi bacini, costituisce il punto debole della assunzione a valore esatto della curva logistica di Hubbert che, mentre descrive bene fenomeni "naturali" (i.e. crescita e declino di colture biologiche), e' meno adatta alla rappresentazione di fenomeni "artificiali". La dinamica mondiale del petrolio (domanda, offerta, consumo, scoperte) diventa un fenomeno "naturale" sul lungo termine (200-300 anni) ma nell'arco dei 20/30 anni e' molto disturbata dalla congiuntura politica, economica e tecnologica. La campana tracciata sulla base di dati parziali e' quindi da valutare con riserva: rappresenta bene un fenomeno in avanzato stato di completamento, ma prevede con scarsa precisione il percorso finale di un fenomeno allo stato intermedio. Un altro argomento corrente della linea "ottimista" e' quello delle tecnologie estrattive che consentono lo sfruttamento piu' radicale dei giacimenti (trivellazione orizzontale, pompaggio di vapore ad alta temperatura, coltura di giacimenti in acque profonde etc.). Si tratta di un buon argomento, nel senso che volumi di greggio inaccessibili, o che non potevano essere estratti se non a costi molto elevati sono oggi accessibili o possono essere estratti a costi piu' competitivi. Le tecnologie di trivellazione e di coltura dei giacimenti non possono pero' modificarne la capacita' ultima e la rivalutazione di capacita' di un giacimento deve essere "retrodatata"all'inizio del suo sfruttamento per consentire una previsione corretta della sua capacita' "ultima". Vi e' una terza linea di contestazione della tesi Hubbertiana di "fine dell'Oil Interval": da Malthus in poi (passando per Meadows & Meadows et al. del Club di Roma con il classico Limits to growth) si continuano a fare previsioni di fine delle risorse che regolarmente non si verificano. Le stesse previsioni di fine dell'Oil Interval vengono continuamente aggiornate da vent'anni a questa parte, rinviando la data fatidica man mano che questa si avvicina. Si tratta di una tendenza classica (millenarismo) recentemente verificatasi anche con il ridicolo episodio dell'Y2K Bug: l'uomo prevede sempre la sua fine perche' intimamente sa che prima o poi questa fine ci sara'. E' pero' opportuno essere prudenti nel ridicolizzare gli errori di Malthus, Hubbert, Meadows, Peccei et al.: ogni previsione ha la stessa imprecisione degli strumenti conoscitivi sui quali si basa. A questo proposito e' bene tenere presente che la strumentazione per la prospezione geologica disponibile oggi e' molto piu' sofisticata di quella di ventanni fa: la mappatura geologica sismica tridimensionale ad elevata risoluzione fornisce dati molto piu' esatti rispetto a quelli disponibili a King Hubbert e la conoscenza attuale della dinamica di formazione geologica dei grandi giacimenti di idrocarburi consente di individuare in modo piu' esatto le aree geografiche dei probabili bacini riducendo notevolmente la potenzialita' di ricerche fuori dalle zone ad elevata probabilita' geologica.

Malthus (1766-1834) sbaglio' perche non poteva prevedere la conseguenze della scoperta del petrolio del "Colonnello" Edwin L. Drake (Titusville, Pennsylvania 27.8.1859) e l'inizio dell'Oil Interval: ma aveva ragione e lo sviluppo demografico/industriale/agricolo infinito in un sistema fisico finito sta oggi mettendo in crisi il pianeta. Meadows & Meadows hanno sbagliato di qualche anno: giusto la difficolta' della valutazione della campana di Hubbert con i dati incerti degli anni 60 e 70. I limiti allo sviluppo del Club di Roma si leggono oggi chiaramente nelle situazioni marginali delle grandi aree metropolitane e in Africa. Il fatto di avere sbagliato nel passato, ammesso e non concesso che sia vero, e' un argomento molto debole per sostenere che si sbagliera' sempre, allo stesso modo, nel futuro.

Gli elementi di disturbo
Il comportamento degli stati produttori potrebbe essere oggetto di curiosita': per quale ragione non si compattano in un cartello rigoroso anticipando la riduzione delle quote di estrazione e promuovendo un incremento per fattori del prezzo del greggio (3, 4, 10 volte) che compenserebbe abbondantemente il ridotto volume di vendita? La regola di Paul Krugmann che non estrarre il greggio e' una forma di investimento strategico di lungo termine, renderebbe credibile questo comportamento: ma i mercati finanziari recenti negli Stati Uniti hanno sconvolto il quadro. Negli ultimi 4 anni il denaro negli Stati Uniti ha reso intorno al 20-24% e quindi quattro anni fa vendere a 10$ al barile il petrolio era come venderlo a 25$ dopo 4 anni oppure a 738 dollari dopo 20 anni! Giusta quindi la decisione degli Sceicchi di vendere subito, affogando il mercato nel petrolio, e investire lucrativamente. Questa e' una prima risposta alla ragionevole domanda. Un'altra e piu' banale risposta e' che gli stessi Paesi produttori non sono sicuri dell'esatto ammontare delle loro riserve e non possono escludere che un aumento eccessivo del prezzo potrebbe aumentare/accelerare la probabilita' di vasti ritrovamenti in aree geografiche fuori dal loro controllo (Mar Caspio, Golfo del Messico, Oceani Polari Artico e Antartico). Alcuni paesi produttori sono inoltre strettamente legati alle economie occidentali (USA ed Europa) da investimenti e interessi di capitale incrociato: un turbamento di quei mercati provocherebbe danni seri alle loro stesse economie. Per altri paesi (Costa d'Avorio, Nigeria, Iraq, Iran, Messico, Venezuela) il greggio rappresenta l'unica risorsa: per questi paesi non e' tollerabile nemmeno l'ipotesi di una reazione dei mercati consumatori simile a quella del 1973 e del 1983 (forte riduzione mediante conservazione energetica a breve termine e alternative energetiche a medio lungo termine). Questo vincolo e' ulteriormente confermato dalle ineludibili scadenze del loro debito internazionale. In questo dilemma si inquadra il gioco delle previsioni delle capacita' dei giacimenti e delle riserve geologiche che sono tutte "strumentali": i paesi arabi non vogliono indurre preoccupazione che potrebbe innescare strategie di conservazione energetica e promuovere investimenti nella prospezione di nuovi bacini e tendono a gonfiare le cifre delle riserve previste. I paesi consumatori (sostanzialmente gli Stati Uniti) non vogliono lasciare ai produttori la leva contrattuale e negoziale che potrebbero avere dichiarando riserve basse e marginali e quindi gonfiano le previsioni delle riserve disponibili nel resto del mondo (cfr ultimo rapporto di Thomas Ahlbrandt dell'USGS dove vengono valutati in modo eccessivamente positivo le sabbie e gli scisti petroliferi notoriamente trattabili solo a elevatissimi costi energetici). Tutti, quindi, per motivi diversi, spingono le previsioni verso l'alto con un atteggiamento apparentemente irrazionale. La posizione Americana sembra congelata: nessuno vuole smuovere le acque in un momento quasi incredibile dei mercati azionari che sono in rialzo continuo da piu' di 4 anni e hanno raggiunto valori imbarazzanti per lo stesso Greenspan. La battuta sussurrata e': "We will build that bridge when we come to that river". Le grandi compagnie si stanno attrezzando per la prossima campagna di perforazioni con immensi "Rigs" oceanici che fanno costruire in cantieri cinesi: appena il prezzo del greggio sale le ricerche di giacimenti costosi da coltivare (Mar Caspio, Golfo del Messico, Fossa di Timor, Mari Artici e Antartici) saranno premianti. Nessuno si e' mosso per tutto il tempo nel quale il greggio e' rimasto a 10 dollari al barile, 30 dollari hanno messo in preallarme gli operatori, a 40 dollari scatteranno le grandi manovre per la ricerca dell'ultimo "schizzo nero". Si perforera' per cercare greggio che sara' probabilmente venduto a 100, e forse di piu', dollari al barile fra 10 anni. Ma se i mercati finanziari resteranno lucrativi anche con il petrolio a 30$ al barile gli Sceicchi continueranno a pompare petrolio scoraggiando l'enorme investimento iniziale richiesto da nuove prospezioni. E' lecita quindi la domanda: i mercati restano lucrativi per indurre gli Sceicchi a fornire petrolio, oppure e' la disponibilita' di petrolio che rende i mercati lucrativi?

Una ipotesi paradossale
Supponiamo che tutti gli esperti pessimisti (Laherrere, Campbell, Ivanhoe, Daly, Duncan, HubbertäPetroconsultants, Bernabe') abbiano torto e che la crosta terrestre galleggi su un mare di petrolio: in fondo la dimensione degli oceani trasformati in bacini petroliferi 200 milioni di anni fa non e' nota e le riserve potrebbero essere ancora immense, anche se e' difficile ingannare gli strumenti della moderna prospezione geologica. E' una ipotesi paradossale, ma vale la pena esprimerla perche' indica immediatamente un'altra scadenza forse piu' rigorosa della fine delle riserve di combustibili fossili: se in linea assurda fosse vero che non ci sono limiti alla disponibilita' di greggio, lo spazio dove bruciare altro greggio ha sicuramente un limite fisico preciso e misurabile che imporrebbe la transizione in termini di analoga, se non maggiore, urgenza. La ricreazione finisce per la fine simultanea di due importanti risorse: incerta o discutibile (se si vuole) quella del petrolio, sicura e ineludibile quella dello spazio dove bruciarne ancora. Un dato resta incontestato: quando i mercati assorbiranno la portata della informazione iniziera' la fine dell'Oil Interval. I dettagli e lo scarto "tecnico" di qualche anno contano poco.

La nuova posizione dell'IEA
Nel 1997 la IEA (International Energy Agency) ha modificato la sua posizione sulle riserve complessive (ultimate reserves). E' interessante la ragione per la quale un organismo cosi' potente e importante modifica una linea che aveva assunto e difeso fin dalla sua fondazione. Fino al 1997 ogni aumento della capacita' originariamente prevista di un bacino veniva considerato come un nuovo giacimento. La capacita' totale del giacimento veniva ricalcolata come somma della capacita' inizialmente valutata e della capacita' aggiuntiva successivamente scoperta. La procedura di valutazione corretta e' invece quella della "retrodatazione" (backdating) della nuova capacita' alla data di inizio dello sfruttamento del giacimento. In tal modo tutta la capacita' complessiva e' soggetta alle fasi di crescita iniziale della produzione, picco e declino e la quantita' di greggio totale disponibile e' ben diversa dalla somma delle due capacita' parziali. Questa ipotesi, dimostrata corretta da Campbell, e' stata accolta nel 1997 dall'IEA e ha sostanzialmente modificato la valutazione delle riserve totali disponibili nel mondo. Pochi operatori fuori dal campo specifico ne sono al corrente.

Le conseguenze
Quando i mercati percepiranno le implicazioni di quanto brevemente illustrato iniziera', nei fatti, la "fine dell'Oil Interval": cio' avverra' piu' o meno nel 2010 con l'inizio del declino produttivo. Sulla prefigurazione degli scenari per il dopo-petrolio le posizioni si possono rudemente ridurre a quattro:

A. Ottimista: non succedera' nulla, si troveranno tecnologie ed energie sostitutive e tutto funzionera' senza drammi ne' problemi;

B. Ragionevole ottimismo/pessimismo: ci sarannno difficolta' e saranno diverse e specifiche per le diverse situazioni tecnopolitiche e geografiche, i problemi saranno risolti con tensione e sacrificio diverso a seconda della gestione della transizione che si sara' in grado di svolgere;

C. Pessimista: gli aumenti del greggio metteranno in crisi il sistema, le alternative non saranno sufficienti e nemmeno tempestive, l'agricoltura non sara' in grado di produrre il cibo per la popolazione mondiale di 8 miliardi di soggetti: dopo una fase iniziale di violenta instabilita' si troveranno linee politiche, organizzative e tecnologiche capaci di innescare una transizione. Il costo sociale sara' enorme, ma i valori fondamentali della specie dei Cro Magnon saranno preservati. La popolazione mondiale crollera' in tre generazioni a circa un miliardo e mezzo di abitanti;

D. Catastrofe planetaria: nessuno scenario ipotizzabile, rischio di guerre nucleari, costo umano immenso. Il pianeta arrivera' al nuovo paradigma dopo una riduzione catastrofica della popolazione mondiale dagli 8 miliardi alle poche centinaia di milioni di abitanti. Probabilita' di annullamento della civilizzazione e ritorno a moduli primitivi (Olduvai Theory di Duncan).

Non ci sono molti argomenti, tranne la fede, per confortare gli ottimisti: i numeri relativi alle riserve disponibili sono poco eludibili e le stesse grandi compagnie stanno investendo in energie alternative oppure considerano il problema senza soluzione e quindi un non-problema. Qualunque tecnologia o sistema di tecnologie sostitutive degli idrocarburi necessita di almeno 50 anni prima di poter coprire in termini significativi l'attuale fabbisogno e la sua crescita esponenziale. Ci sono voluti a suo tempo piu' di cento anni per sostituire il carbone con il petrolio nonostante gli enormi vantaggi di questo combustibile. La messa in funzione di alternative credibili richiede enormi investimenti in termini di energia e capitale: miliardi di metri quadrati di collettori solari termici per sostituire conversioni a bassa entalpia (tipiche della residenza), oppure i milioni di eliche eoliche e di pannelli fotovoltaici. Anche l'ipotesi di pesante nuclearizzazione della produzione di energia elettrica non si salva a calcoli precisi in termini eMergetici (eMergy = contenuto di energia solare primaria di un oggetto un metodo messo a punto da H.T. Odum per evitare l'inganno di calcoli in denaro applicati all'energia). Quello che in particolare e' difficile da sostituire e' il greggio impiegato nei trasporti e nell'agricoltura (benzina, diesel e fertilizzanti). L'idrogeno e' per il momento una fonte di energia totalmente sovvenzionata dal petrolio e solo in un mondo ricco di energia elettrica di origine solare potra' essere prodotto in modo effettivamente alternativo, rimanendo, comunque, un combustibile che restituisce meno energia di quella necessaria per la sua produzione (scissione elettrolitica della molecola di acqua). L'etanolo e' fortemente sovvenzionato da fertilizzanti (di origine petrolchimica) e comunque la sua produzione non e' energeticamente un processo "attivo": ci vuole piu' energia per produrlo di quanta non ne restituisca. Restera' da risolvere il conflitto tra una agricoltura che sara' a mala pena in grado di alimentare la popolazione mondiale e una cultura non alimentare che assorbira' milioni di ettari di terreno agricolo. Una soluzione di questa contraddizione potra' forse venire dalla manipolazione genetica delle piante per la produzione di etanolo e potra' dispiacere a molti. Non vanno sottovalutate due altre implicazioni dell'ipotesi "etanolo": il possibile riscatto dalla dipendenza energetica di vaste regioni geografiche di attuale sottosviluppo, il positivo effetto di vaste aree vegetali (milioni di ettari) sulle dinamiche climatiche per effetto della evapotraspirazione e dell'assorbimento di CO2

L'atteggiamento ottimista della posizone A, che e' quello attualmente implicitamente dominante nella politica mondiale, nonostante le apparenze pragmatiche, e' astratto dalla realta' ed e' in sostanza quello che ci condurra' alla ipotesi D (catastrofe planetaria incontrollabile) e al rischio di estinzione. La posizione D (catastrofe planetaria incontrollabile) ha interesse unicamente come ipotesi ispiratrice di cinematografia commerciale (Mad Max e simili) e di letteratura fantascientifica di colore piu' o meno violento. Grande titolo anticipatore fu quello di Roberto Vacca "il Medioevo prossimo venturo" della fine degli anni 70 che ho scelto di rievocare nel mio titolo. Invece all'interno delle posizioni B e C ci sono spazi interessanti da esplorare, non tanto in quanto sia possibile "risolvere" il problema, rinviare la fine dell'Oil Interval, ma piuttosto per la possibilita' di istruirne la gestione e il "progetto" per renderlo meno crudele e meno ingiusto.

Elementi per un progetto della transizione
La prima cosa da fare e' istruire una radicale riforma dell'economia "classica" inserendo in questa la condizione finita dell'ambiente che ospita i processi economici. Molti fenomeni e processi che gli economisti gestiscono sbrigativamente con il termine di "esternalita'" sono in realta' fattori determinanti sempre piu' forti e intimi nelle dinamiche di scambio e nei processi di trasformazione a tutte le scale:

A. L'energia e la sua complessita' qualitativa, la sua disponibilita' limitata, la sua capacita' sostitutiva di manodopera e di rendimenti agricoli, il suo valore di garanzia politica, i suoi "futuri" e le relative implicazioni finanziarie e sui tassi di scambio delle monete.

B. L'inquinamento ambientale, il degrado dei suoli, il calo delle rese dei terreni agricoli, il dilavamento degli strati fertili, la salinificazione dei terreni, gli abbassamenti delle falde acquifere, i processi di desertificazione indotti da overgrazing, da sfruttamento agricolo eccessivo e da monoculture, la dipendenza da fertilizzanti e da pesticidi.

C. La carenza di acqua e l'inquinamento dell'aria, la modifica del clima

Questi sono solo alcuni degli elementi fisici che l'economia classica trascura in quanto "esterni" agli assunti fondamentali che costituiscono l'astrazione teorica in base alla quale vengono modellati i grandi valori di scambio. Vi sono poi elementi ideologici e culturali che vanno valutati in modo affatto diverso da quanto non si sia fatto fino ad oggi:

A. La volizione "sociale" o "culturale" dei soggetti economici: ossia il formarsi di volonta' collettive altruistiche che superano l'interesse personale e privato. Una corretta rappresentazione del "selfish gene" che tenga presenti gli elementi di connotazione sociale che ne determinano reazioni e tensioni etiche potrebbe provocare una rivoluzione copernicana nell'economia classica e nel suo paradigma

B. Gli effetti della informazione e della formazione culturale sui comportamenti di individui e di gruppi sociali e nazionali.

C. L'introduzione di parametri piu' complessi del PNL come misuratori economici e di benessere come l'Indice della Qualita' Fisica della Vita o indicatori della "salute ecologica". Il valore di una moneta dipende non solo dalle risorse "attive" della sua economia, ma anche dalle voci passive dei costi ambientali e sociali in scadenza a breve o lungo termine.

Si tratta di una totale revisione delle categorie che oggi stanno alla base della disciplina per la quale va predisposta, come condizione preliminare ed esclusiva, una comprensione culturale capace di vincere la forte e rigida conservazione che connota i templi e i sacerdoti della economia classica dove qualunque proposta di aggredire la significativita' del PNL come unico indice rappresentativo sintetico globale, e' stata fino ad oggi trattata con aperto scetticismo. Il lavoro da fare e' quello di smantellare la "fallacy of misplaced concreteness": come Alfred North Whitehead ha definito la erronea e assoluta sicurezza verniciata di concreto realismo che caratterizza il verbo economico classico. Fare astrazioni semplificanti, dimenticarsene e credere che il modello astratto e semplificato sia la realta' e imporla come tale. Tentativi importanti e significativi di ri-fondare in termini meno astratti la disciplina sono in corso (Hermann E. Daly, John B. Cobb Jr, Robert Costanza, H.T. Odum), ma richiederanno tempi lunghi: una o due generazioni accademiche? Quando l'economia, informata della dimensione finita di risorse e ambiente, li valutasse correttamente, si innescherebbe un flusso di denaro e di professionalita' industriale sui problemi che verrebbero affrontati seriamente. Non e' possibile pretendere un nuovo "paradigma" se questo non ha solide radici e motivazioni economiche e cio' non e' possibile fino a quando i fondamenti dell'economia classica sono basati su assunti errati. In questo senso vanno denunciate le responsabilita' gravi degli enti preposti alla gestione energetica e ambientale, per l'Italia uno li rappresenta tutti: l'ENEA che per anni e' stato diretto e gestito con criteri rigorosamente subalterni alla "fallacy of misplaced concreteness". Una gestione diversa e meno arrogante di quell'ente negli anni 70/80 vedrebbe oggi il Paese in condizioni meno precarie a fronte dei problemi in scadenza e in emergenza strategica. L'ENEA fu dominato a suo tempo da una monocultura nucleare che era gia' allora sconfitta per la inadeguatezza macroeconomica prima ancora che per quella energetica, ambientale e strategica: la vera transizione non e' il passaggio ad una altra risorsa a termine (uranio) fortemente dipendente da un'altra risorsa a termine (petrolio), ma il passaggio alle risorse di flusso e la modifica della cultura ambientale. Le responsabilita' internazionali sono della IEA (International Energy Agency) per quanto concerne l'energia e della banca Mondiale e dell'IMF per quanto concerne il ritardo nell'adeguamento teorico della economia classica.

" Nella terza area, la contabilita' della bilancia dei pagamenti, la esportazione di capitale naturale - sia petrolio o legname tagliato oltre le rese sostenibili - viene inserita nei conti correnti e trattata come entrata. Si tratta di un errore contabile. Alcune quote di queste esportazioni non sostenibili dovrebbero venire considerate come vendita di patrimonio capitale e contabilizzate come tali. Se cosi' si facesse, alcuni paesi vedrebbero la loro bilancia dei pagamenti apparentemente attiva passare al passivo, una passivita' finanziata dalla diminuizione e dal trasferimento all'estero della loro riserva di capitale naturale. La riclassificazione delle transazioni in modo tale per cui la bilancia dei pagamenti da attiva diventa passiva innescherebbe una azione e raccomandazioni dell'International Monetary Fund completamente diverse. La riforma della contabilita' delle bilance dei pagamenti dovrebbe essere una priorita' significativa del nuovo interesse dell'IMF nello sviluppo sostenibile. La Banca Mondiale dovrebbe caldamente raccomandare i dirigenti e lo staff della loro organizzazione sorella ad attivarsi in questo senso - ma non e' una cosa che gli viene molto naturale". (da Hermann Daly "Beyond Growth" capitolo 5, pagina 89)

La fattibilita' tecnologica
Il catalogo di tecnologie alternative (al petrolio) e' ampio sia sul versante dell'offerta di energia che sul versante della domanda (integrazioni sistemiche, modifiche di processi e aumento dei rendimenti di primo e secondo ordine). La sequenza canonica: eliminazione degli sprechi, risparmio, alternative dovra' essere rispettata criticamente. Dati i lunghi tempi richiesti dalle alternative queste vanno anticipate al massimo anche a rischio di mettere energia alternativa su un modello che spreca e che non risparmia. Di seguito elenco alcune opzioni con qualche cifra di vago riferimento quantitativo. La strategia di insieme o di sistema vedra' queste opzioni attuate con criteri molto articolati ed eventualmente lasciati ad una economia di mercato correttamente informata dai valori "energetici e ambientali" e specificamente riferita alle diverse situazioni geografiche La fase di transizione piu' difficile, che durera' dai trenta ai quaranta anni, sara' supportata dal greggio marginale, dal gas naturale e dal carbone. La lobby nucleare tentera' di imporre la tecnologia sull'onda del terrore provocato dalla fine del greggio, ma sarebbe una soluzione di breve termine e molto costosa energeticamente. Il nucleare dipende pesantemente dal greggio per la sua costruzione e restituisce l'energia investita in molti anni a fronte di ritorni immediati delle tecnologie di conservazione e di molte alternative di flusso (solare termico e PV, vento, idro, maree, onde, OTEC). Il vincolo piu' difficile da risolvere di un forte investimento nucleare sarebbe la struttura della rete che verrebbe ulteriormente polarizzata e sarebbe difficile da convertire al modello diffuso necessario per il solare PV, l'eolico e le fuel cells decentrate.

Ed ecco il breve elenco di potenziali tecnologie con le quali operare la transizione:

A. Sostituzione con energia solare a bassa entalpia di tutte o del massimo di utenze attualmente servite dal petrolio: per avere un ordine di grandezza si tratta di circa il 25% della conversione globale in un paese industrializzato. In termini di metri quadrati si tratta di circa 5 metri quadrati di collettori a basso rendimento o 3 metri quadrati di collettori ad elevato rendimento (tubo di calore sotto vuoto con superficie selettiva) per abitante di un paese in clima temperato. In termini di denaro corrente la cifra potrebbe variare da US$1250-1400 (2000) per abitante da spendere in un arco di tempo di 15-20 anni. La valutazione in denaro attuale peraltro ha poco senso: tutte le comparazioni energetiche andrebbero fatte in una contabilita' unificata basata su unita' di energia solare: cfr il concetto di Emergy di H. T. Odum.

B. Sostituzione con energia elettrica di origine solare fotovoltaica ed eolica diffusa del 15% dell'utenza elettrica.

C. Sostituzione con energia elettrica di orgine neo-idroelettrica (tidal, OTEC, waves) del 5% del flusso elettrico di orgine termica attuale.

In considerazione dei diversi rendimenti queste sostituzioni corrisponderebbero alla sostituzione di circa 2/3 di primario fossile attualmente convertito in energia elettrica

D. Eliminazione di utenze inutili e dannose: 15%.

E. Aumento delle efficienze di sistema e di impianto: 10%

F. Sostituzione dei combustibili fossili nei trasporti con idrogeno prodotto da energia elettrica Photovoltaica (18%).

G. Supplenze di breve termine e transitorie con greggio marginale e gas naturale.

A questo punto avremmo un sistema energetico ambientale dove i combustibili fossili, preziosissimi, coprirebbero solo conversioni non sostituibili da fonti alternative (aereotrasporti, conversioni ad elevata entalpia). Il costo del greggio costringera' in tempi brevi alla revisione delle tecnologie, o il paradigma socio-culturale che istruisce la domanda per quei servizi che non riescono ad adattarsi sara' messo in crisi.

Nota: mi rendo perfettamente conto che la fornitura di queste semplici ipotesi numeriche mi espone alla aggressione dei "ragionieri". Ricordo solo che nella storia, da qualche decina di secoli, i "ragionieri" hanno sempre avuto torto ed enormi responsabilita'. Il termine corretto sarebbe "scoliasti": ma e' uno snobismo montaliano che avrebbe poca comprensione. I numeri sono forniti per provocare la riflessione sulla effettiva portata della sfida

Discussione
Sui numeri proposti, e sulle lacune del modello, si possono avere discussioni infinite:

E. dimensione della risorsa "ultima"

F. tempi del "picco di produzione"

G. percentuale del declino annuale nella produzione di greggio

H. strategie della transizione

I. risorse disponibili per la transizione

J. paradigma economico della transizione

K. geografia della transizione

L. tempi della sostituzione tecnologica

M. reperibilita' delle superfici per i collettori solari

N. reperibilita' del capitale

O. difficolta' di operare in regime di carenza dei combustibili fossili

P. contenuto di eMergia delle tecnologie alternative e della loro manutenzione e aggiornamento

Q. difficolta' di adattare le reti elettriche attuali strutturate da produzione centralizzata e utenza diffusa

Sul fatto che il felice intervallo delle risorse energetiche e/o ambientali illimitate e gratuite sia finito, invece, c'e' poco da discutere. Il processo di transizione potrebbe venire facilitato dal calo demografico in atto in nei paesi industrializzati ma ancora lontano per i paesi del terzo mondo che vedrebbe l'economia del Pianeta complessivamente alleggerita da fabbisogno di cibo ed energia. La crescita demografica incontrollata rappresenta una premessa non risolvibile per qualunque ipotesi di modifica del "paradigma". La difficolta' dell'ipotesi di "ragionevole utopia" delineata e' di carattere politico culturale e non tecnologico: manca la coscienza della scarsita' prossima ventura, mancano le strategie, le leggi e le norme a livello nazionale e internazionale, mancano gli strumenti professionali per affrontare la scarsita', mancano i rudimenti di una teoria economica efficace e coerente con la realta', mancano i curricula universitari che sono tutti solidamente radicati in 60 anni di affluenza, di presunta abbondanza energetica e scialo ambientale. L'unico strumento al quale ci si appella e' quello del "mercato": che e' strumento certamente efficace, sicuramente brutale e struttura di crudele privilegio per pochi. Se questo non bastasse, lo strumento viene ulteriormente deformato con la informazione di dati falsificati. La vera rivoluzione non e' certamente quella tecnologica.

Conclusione
Stiamo costruendo citta', autostrade, case, industrie, tunnels, ponti che assumono come ipotesi certa la disponibilita' di petrolio e derivati per i prossimi 100 anni e forse di piu'. La Boeing e l'Airbus disegnano e vendono aerei che voleranno consumando milioni di metri cubi di kerosene per i prossimi 40 anni, la General Motors disegna e vende automobili che funzioneranno utilmente per almeno venti anni consumando benzina che potrebbe costare 30 $US al litro, o idrogeno che se non prodotto in modo innovativo (solare) potrebbe costare anche di piu'. L'assetto attuale del Pianeta "globalizzato" si basa sulla disponibilita' di petrolio a basso prezzo per almeno 100 anni, almeno 4 miliardi di abitanti del Pianeta sperano di arrivare nella loro vita o in quella dei figli a un minimo di "affluenza". Due miliardi di abitanti vive in condizioni di mera sussistenza. Decine di milioni di uomini muoiono di fame ogni giorno. L'agricoltura dipende quasi esclusivamente da combustibili e fertilizzanti di origine fossile. Ogni anno una superficie di foreste equivalente all'estensione dell'Austria viene rasa al suolo, un kilogrammo di humus viene dilavato e mineralizzato per ogni tre kilogrammi di cereali prodotti, milioni di ettari di terreno agricolo sono persi ogni anno per fenomeni di salinificazione e desertificazione. Ogni venti giorni la popolazione mondiale aumenta di 3 milioni di individui. Il 40% degli abitanti del Pianeta consuma il 70% della produzione corrente di petrolio. Tutto questo per effetto di una disciplina economica astratta che non riconosce la piu' banale delle evidenze: il valore di scambio della risorsa ambientale.

Lo spazio per un intervento politico sovranazionale responsabile e competente e' enorme, l'urgenza drammatica.

Nello schematico racconto proposto tutto sembra facile e sereno. Si tratta in realta' della sfida piu' grande mai affrontata dalla specie dei Cro Magnon con margini di riuscita strettissimi e sicuri enormi sacrifici di scala planetaria e antropologica. I prossimi trenta anni saranno tempi "interessanti" nel senso della antica maledizione cinese (che tu possa vivere in tempi interessanti). L'alternativa al successo e' l'ipotesi della catastrofe planetaria. Insieme alla riforma dell'economia un enorme lavoro di progettazione e di organizzazione tecnoloogica deve essere predisposto e svolto in tempi molto brevi per istruire le condizioni di innesco del Natural Capitalism proposto da Lovins e Hunter. Dal capitalismo crematistico malsano e deforme attuale a quello "naturale" di Amory Lovins ci separano trenta anni durissimi e affascinanti: la grande sfida della "transizione".

La sfida e' trasformare un sistema economico, tecnologico, politico industriale rozzamente strutturato dalla devastazione ambientale e dallo spreco in un sistema strutturato dal rigoroso rispetto ambientale e dalla "scarsita'". Da una parte l'estinzione della specie nell'arco di qualche decade, dall'altra un vero, nuovo rinascimento.

Culturalmente e politicamente dovranno essere difesi i valori di solidarieta' democratica internazionale a fronte di pressioni nazionali, totalitarie, settarie e di elites fortissime, il pericolo di atteggiamenti disperati dei paesi dotati di armi nucleari e' enorme.

Se i Cro Magnon vinceranno potranno ancora sognare, ma solo se saranno capaci di sognare potranno vincere.

Lorenzo Matteoli
Scarborough, Western Australia, 
8 Aprile, 2000

NOTA:
Ognuno e' libero di copiare, trascrivere, usare come meglio credo questo testo o sue parti. Se citerete la fonte ringrazio, se non la citerete...mi fa piacere lo stesso. Le idee non hanno padroni : siamo noi che apparteniamo a loro. [lm]

Credito: devo ringraziare i membri delle mailing lists:

RunningOnEmpty@egroups.com ed EnergyResources@egroups.com che in questi ultimi mesi hanno provocato questa mia riflessione. Il mio esercizio vuole essere un tentativo di rispondere con obbiettivita' alla posizione della lista che ho trovato fortemente stimolante, creativa e costruttiva nel suo appassionato, rigoroso e radicale pessimismo. LM