ABOUT ME
CONTACT ME
ARTICLES

 


TITOLO: Cityfutures Conclusions

WRITTEN BY: Lorenzo Matteoli

DATE: February 2009

 

Final report of the General Rapporteur
International Conference on
Cityfutures 2009
Milano MADE Expo/SITdA
February 4th & 5th 2009
Lorenzo Matteol
i

 

At the conclusion of the Conference, I summarized the situation as sketched by our keynote speakers and by the debates of the round tables,  in three “images”
The first image is that of Pessimism:
We will not make it.  The “transition” will not set in.  The political system will not understand the emergency and we will head towards a slow decline of the city.
The city, with the disappearance of industry and tertiary activities and jobs, will lose its status.  Metropolitan regions, no longer functional or safe, will be abandoned by those who can. Without transportation, basic services, such as energy, water, food, communication, safety or health, the criminal element will take over.
The vast metropolitan regions of the economic “South” will be more resilient because they are already organized  with less intensive energy paradigms.  Cities of the economic “North” will be more fragile, given their high energy intensity and dependence on energy-demanding structures and systems. The first to be abandoned will be high-rise buildings, made uninhabitable because of the difficulties of heating or cooling them and by the unavailability of vertical transportation equipment. CBDs and great shopping malls will follow suit.
It will not be a smooth decline.  Economic power centres will resist and will set up defence actions commandeering energy supplies from weaker and less protected areas. There will be clashes between factions with possible military intervention, followed by the flight to more sustainable, less hostile country regions.
Some metropolitan regions, after the first clash with ultimate unsustainability, will set up emergency rescue operations, recovering a marginal functionality after  many casualties and expensive sacrifices. The social pattern of life in the city will be radically different.  This is where we should learn something from present day marginal urban settlements (favelas and slums).

The second image is that of Optimism:
Culture and political leadership will understand the danger and anticipate the emergency with long-term strategies that will prepare the cities in manageable terms.  Technologies for the elimination of waste, energy-saving codes and practices will have cut the energy dependence by 20-30% and technical innovation will have resulted in further significant cuts. Eventually, alternative sources (solar, wind geothermal) will guarantee operational functionality and services to the streamlined urban systems and networks.  Life in the city will be radically different.
Low temperature solar thermal will substitute 70-80% of the energy which is converted today for ambient heating and domestic hot water supply.  Passive cooling technologies will substitute 60-70% of the fossil fuels used in buildings for HVAC. The twenty years the Transition Period will have shaped metropolitan regions for the subsequent step to almost total fossil fuel independence.
Millions of square meters of solar or PV panels integrated in the external skins of buildings will cover roofs and facades as well as any other available built layer.   City mobility will be fuelled by PV electricity. Vehicles will be connected by a sophisticated information network to supply the storage system that will manage urban peak demand.   Rainwater will be used extensively, collected in huge seasonal storage reservoirs that will provide processing, purification and filtration for multiple usage and to avoid pollution of the supporting rivers.  Road surfaces will be used for solar thermal collection and large wind generators, integrated in high-rise buildings, will supply a consistent percentage of their electrical energy-demand, using the grid as a storage and balancing means. Buildings will be heated with low temperature geothermal heat and heat pumps or with deep geothermal energy combined with the production of electricity.
This will be the city in the years 2070-2080,  where our grandchildren will live.

Understanding of the problem will promote innovative procedures throughout the building construction process and to all the wider related industrial systems.  Innovation, pressed by the need for each component, part, system or process to eliminate waste, save or substitute a consistent percentage of the energy converted today, will gradually achieve a reduction of 20-40% of present day consumption.
The need to change the existing built environment through strategically aimed maintenance programs will have promoted massive financial investments with consequences on monetary, financial and credit structures. A de facto integration of environmental and energy values into the economic system will ensue. This can be a strong potential suggestion for a new “Bretton Woods Round”.
The present economic and financial crisis, after an initial attempt at restoration through the recapitalisation of banks and re-funding of the automotive industry, will find new solutions, financing and promoting strategic maintenance campaigns of the built environment at various levels: single dwellings, single buildings, city blocks, services and networks.
The “New Bretton Woods”, after a controversial stage of confrontation between conformity and financial innovation,  between the rich North and the poor South of the World, will define a compromise to adopt the environmental value as the new “standard”.
The environmental and energy efficiency of countries will represent the value of their currencies, and this will dramatically change the present unequal exchange and the punishing relationship  between growth and environment, solving what today seems to be an insoluble conflict.

The third image.
The difference between the two images has been defined by Jaime Lerner with his statement: “You have got to have a dream, you have got to know your dream!”
Reasonable utopia, the daily relentless effort to implement (impossible?) long term strategies, is the key for shifting from the image of pessimism to the image of optimism.   Reasonable utopia is my third image.
The problem today is to convey this conceptual vision to the political decision- makers. To achieve this, we need more than passion and commitment.  We must have qualitative and quantitative documentation to prove the viability of the suggested course.  Nobody will risk his political platform on strategies which are not soundly supported by evidence. 
Which of  the three images will prevail?  Maybe none of them, but perhaps a fourth or fifth made up of a complex combination of the various elements which will depend on geographic and local cultural conditions.  
Certainly,  the elements for all the plausible images are intimately embedded in the current situation, as we are living it.

Cityfutures 2009 - Emerging indications:
Each drafted, designed and constructed building will last for many decades, and will be operating under conditions which may radically change in the future.  The  total  duration of the building’s life must become a defining design condition, involving a revision of the “life cycle costing” concept or of the current conditions related to “durability”.
A strategic maintenance program  must be part of the initial design and covered by the contract of the construction process.   This is a difficult culture to implement; we are bound to short-term thinking by cultural and genetic imprinting, which is not easy to change.
Our keynote speakers clearly described the need for an holistic approach to  environmental and energy problems of the city.  Successful cities are the outcome of comprehensive cooperation between all stakeholders (Lawrence).  Pollution is reduced when the whole city  operates smoothly.  It is not enough to have low emission cars (Schipper).  The quality of life is enhanced  in better cities (Zheng and Kunihiro).  Urban futures can be designed (Kunihiro and Lerner), eco-sustainable architecture is “the” architecture:  There is no other, (Tombazis, Oliveira Fernandes). Technology that uses nature as a tool and not as a challenge (DeLuca) can help us in solving the present conflict between environment and human settlement.
The texture of the city must be conceived with a new vision and much can be learned from nature (DeLuca) and from marginal informal settlements (Tiwari) which need a specific new technological approach.  Following the “dream” will lead to the transition.  “Cities are the solution and not the problem”. (Lerner).

These are an abstract of the contributions of the keynote speakers : in the general scheme of governance, vision and technology. The mandate to the next Cityfutures Conference is to deal specifically with the “tools”:   qualify and quantify strategies and operational technologies and prove their feasibility and technical viability.  Also, to set out the time schedule, and financial, economic and social challenges.  To get Governments involved, we must define the operational means for the implementation of the “vision”.
There are two common mistakes:   By those who have the vision, but lack the tools for its implementation, and by those who have the tools but lack the vision.

Setting Out a Strategy:
A strategy to transition must establish the market conditions by which profit will be made from investing in energy, waste control, savings and alternatives. Today, energy rationalization investments are financially punished.
Tax incentives, zero interest-rate financing, green loans, technical assistance and privileged contractual framework, are some of the tools used in countries that have made the choice to promote the transition.   Incentives to support high energy return projects and technologies can be related to the amount of energy substituted or unused. Future options must not be jeopardized by initial measures.  Each step must be defined within a comprehensive strategic long-term program. For instance, heavy insulation of the external envelope will require consistent downsizing of the heating system. This principle applies to all scales of intervention, from the single building to the city and the metropolitan region.
Heating of residential buildings is frequently inconsistent with heat demand scheduling. Many buildings or rooms are heated when not in use. Substitution of obsolete equipment will have to service space/time requirements of heat demand and the control technology should be capable of fine-tuning delivery within the optimal capacity of the system. The strategic adaptation sequence of heating equipment should be coordinated with the long-the term project, when the building will be mainly heated by solar thermal power, with a very flexible back-up system.

Financial, Monetary and Employment Implications:
Tax incentives and special low-interest loans have to be supported by Governments, but they will yield a return both in terms of reduced energy expenditure and better environmental quality. These scopes justify the use of public funds, with a consequent higher  employment rate. In Europe this should be the direct responsibility of the Commission in Brussels. The European Commission, without the constraints of short-term electoral deadlines, could adopt stronger strategies compared to the options available to single Governments.

 

A List of Priorities:
The top priority items should be the ones which allow maximum return of energy and minimum capital investment, thus codes and standards that promote environmental and energy wisdom should be given the highest priority.   For example, closing congested CBDs to private traffic or road-pricing, codes for environmentally friendly packaging, recycling and selective waste disposal. Other high priority measures would be the substitution of incandescent light bulbs with low energy lighting technologies. Also, upgrading heating equipment: incentives for the disposal of and substitution of old burners and heat exchangers would be more significant than the incentives for car wreckage. These measures would be a good method of jump-starting the economy after the global crisis and, at the same time, achieve consistent energy savings, environmental quality returns with the added bonus of more jobs. A research project to quantify these options could yield valuable information.

The Demolition of Obsolete Buildings:
One of the problems of the future of cities is the demolition of obsolete buildings and the clearing of obsolete parts of the city.  Whole sections of some cities in Italy and in other European countries built in the fifties, sixties and seventies are no longer functional.  Maintenance has become too expensive and the minimum standards cannot be restored. These sections of the cities could be recovered for more useful urban functions. We must overcome the psychological resistance, typical of the Italian culture:  Demolition is not in our genes, we are builders.  It is not by chance that the  name of the Roman Emperor, Pontifex Maximus,  means “The greatest bridge builder”.
Research and Innovation:
Energy and environmental conditions of the future city will be radically different from those of the present day and the transition will require a strong political will and new conceptual design.  The catalogue of new materials, components and systems for the city “forest” has to be redesigned from scratch, and the challenge is difficult to  define in terms of thought and investment.  In fact, the redesign has to be made for a context which is, as yet, unknown. It is necessary to analyse the conditions of the future situation of energy and environmental consistence to use them as a basic assumption for the project.
This is a peculiar responsibility of technology because the other “design” disciplines (industrial, architectural, town planning and urban design) have never seriously dealt with the problem of energy and environmental futures.   This is clearly evident when one sees current building production of items that seem to be designed on the assumption of a limitless availability of energy and infinite environmental space. On the other hand, technology has been exploring the field of scarcity and environmental limits for the last thirty five years.
All the building design professions have to go through a radical renovation process: curricula have to be changed, with new disciplines and competences added to current faculty profiles if we really want to walk the talk of holistic design.   Schools are now preparing a class of obsolete professionals.

The Problem of Technology:
Insularity is the problem of architectural technology:  Technologists stay within the traditional  boundaries of their discipline, which is limited to conceptual and practical tools for the present building construction process.  This is a severely limiting constraint because innovation can only stem from an interdisciplinary culture. Many years ago, giving a lecture on innovation, I showed how much ski boots had changed during a period of thirty years (from 1930 to 1960) as compared to windows or other components of the building envelope.   This is still true.
Today, a modern ski boot reminds me of that of thirty years ago only because it is designed to contain one foot.   The rest is different:  materials, structure, sole, thermal insulation, binding technology and design, ski fastening technology, interface  with foot anatomy, skin and bone structure.  The same applies to many other sports accessories, like a tennis racquet, a ski or baseball glove and even more obvious is the difference between an old car and a new one, or between an old bicycle and a contemporary one.
The reason for the difference is that sports accessories, cars and bicycles have been continuously redesigned under the pressure of competition and racing, such continuous renovation process being assisted by many disciplines.  For the ski boot, the design teams cooperated with orthopaedists, medical doctors, physiologists, materials, mechanical and structural engineers, experts on resins and plastics, industrial process engineers and… last but not least… athletes and “test pilots”.  Such a variety of expertise is rarely involved in the design of a building component.
Building technologists mix with other building technologists and they seldom wander off their disciplinary field. I have never seen a workshop of architectural technologists with packaging experts, dentists, space and satellite designers, biologists, agricultural engineers…bus drivers or scaffolding engineers.
This is not paradoxical.  The Biomimicry Institute experience opened an important window on a totally new disciplinary scenario, considering nature not as something that must be dominated, challenged or controlled, but as a “mentor” (Janine’s word) from which to learn how to manage the conflict between human settlement and the environment in a different way.
It is impossible to teach technology with so many diverse competences, but the limit to building construction innovation is clear.  For our design professionals it is difficult to go beyond the barrier between “telling how to do it…” and “actually doing it”, between “talking the walk” and “walking the walk”.
This is why seminars and workshops limited to building technologists usually fail to suggest innovative solutions. 

Quantifying the Problem and the Solution:
We know that cities will have to cut 40% of their oil dependence in the next 20 years and 70% in the next 30 years.
This means millions of tons of oil that must be substituted  by rationalization, savings and alternative sources. The technologies will be  solar thermal collectors, solar PV panels, wind generators, storage means, heat pumps, heat exchangers, geothermal low and high temperatures, mobility infrastructure and vehicles. The landscape of the cities will change. The cultural paradigm of settlements in metropolitan regions will change.  Employment, residential and work patterns and the life of city dwellers will change. We must know how much, how many, what kind, how heavy, how large, where and when.
The financial challenge of the operation will be massive with consequences on currency rates, long term interests and risks, on profit and mark ups, on capital returns, all of which are extremely difficult to forecast without a comprehensive scenario or plan. The calendar of the operation will be defining the political geography of the Planet.
A course of action must be designed.  Cultural, political, professional and industrial responsibilities must be  described.  Cadres must be formed. The whole process must be invented from scratch.

For the Record:
It may be possible to design a city  that will operate without oil and in perfect environmental balance, but if agriculture and animal husbandry will not solve the problem of producing food without oil, having cities that can operate without oil will be meaningless. This topic belongs to another international conference: …Foodfutures.    Anybody out there?

Formation and information:
 “Future”, like “history” must be part of the curricula in our engineering and architectural schools and it is odd that this need has been completely ignored.  It is not that you can teach “future” or that just by adding it to the curricula it will be understood, but just thinking about the future makes it easier to deal with the present.
I am particularly interested in the problem of formation.   Today, the problems described do not seem to receive a great deal of attention in our schools and universities. While such demanding problems loom on the horizon, something odd is happening in the design profession, where everybody seems to be playing with mindless tricks (leaning towers, flaccid skyscrapers) a simulated travesty of “design” in the equivocal ideological framework called “deconstructivism”.   A condemnation of this deviation by the responsible cultural leadership of the Architectural Design Community is long overdue. This area of the profession has enjoyed unjustified success due to the ignorance and intellectual gullibility of public clients  (city commissioners, mayors etc.).  The consequences for the community will be expensive with cities defaced by unmanageable eco-monsters and quick decay of the structures. Public clients must be protected from this.   Information to the public is the other “pitfall”,  manipulated by the media unprepared to process what the corporate lobbies deal out. Uninformed public opinion is the main barrier to the promotion of a strategic transition.  On all the key issues: energy, environment, oil depletion, hydrogen, nuclear, solar thermal, solar PV, biomass, wind…the public is manipulated with partial, inaccurate and often incorrect data, resulting in a biased response.


Social, physical, economic and cultural sustainability.

…The presentations were, of course, more comprehensive and the suggestions were broader and more elaborate.  

Bibliography

AAVV editors Malcolm Moor and John Rowland (2008) Urban Design Futures, London & New York, Routledge.
AAVV, (2007) Competitive Cities in the Global Economy, OECD Publishing
Bauman, Zygmunt (2000) Liquid Modernity. Cambridge
Bauman, Zygmunt (2006) Liquid Times: Living in an Age of Uncertainty. Cambridge
Bianchini, F and Parkinson, M, (1993) Cultural Policy and Urban Regeneration: The West European Experience, Manchester: Manchester University Press.
Bianchini, F and Ghilardi Santacatterina, L (1997) Culture and Neighbourhoods: A comparative Report, Strasbourg: Council of Europe.
Benyus, Janine (1997) Biomimicry, Innovation inspired by Nature, New York, William Morrow and Company.
Borja, J and Castells, M (1997) Local and Global: Management of Cities in the Information Age, London: Earthscan Publications Ltd.
Butera Federico, (2007) Dalla caverna alla casa ecologica, storia del comfort e dell’energia, Palermo Edizioni Ambiente.
Butera Federico, (1979) Quale energia per quale società, le basi scientifiche per una politica energetica alternativa, Milano Editore G. Mazzotta
Calthorpe, P (1993), The Next American Metropolis: Ecology, Community and the American Dream, Princeton: Princeton Architectural Press.
Cantell, T (1999) Helsinki and a Vision of Place, Helsinki, City of Helsinki Urban Facts.
Caro Robert (1974), The power broker: Robert Moses and the Fall of New York, New York, Random House.
Costanza, R. ed. (1991) Ecological Economics: the Science and Management of Sustainability, New York: Columbia University Press (proceedings of World Bank Conference held in Washington DC 1991)
Daly, H. (1996) Beyond Growth: the economics of sustainable growth, Boston: Beacon Press.
Daly, H., Cobb, J.B. (1989-1994) For the common good: redirecting the economy toward Community, the Environment and a Sustainable Future, Boston: Beacon Press.
Droege, Peter (2006) The renewable City, Wiley & Sons Ltd, Chichester, West Sussex, England.
Droege, Peter (editor) (2008) Urban Energy Transition. From fossil fuel to Renewable Power, Amsterdam, Elsevier.
Duany, A and Plater-Zyberk, with Kreiger, A (1991) Town and Town Making Principles, New York: Rizzoli.
Ehrlich, P.R., Ehrlich, A (1996) The Betrayal of Science and Reason: how Antienvironmental Rhetoric Threatens our Future, Washington DC: Island Press European Business Network for Social Cohesion (1996) Corporate Initiatives: 100 Case Studies, Brussels.
Friedmann, T. (1999) The Lexus and the Olive Tree, London: Harper Collins Publishers .
Gaffikin, F and Morissey, M (1999) City Visions: Imagining Place, Enfranchising People, London: Pluto Press.
Garreau Joel, (1992) Edge City, life on the new frntier. Toronto, First Anchor Books Edition.
Geddes Robert editor (1997) Cities in our future, Growth and Form, Environmental Health and Social Equity, Washington DC, Covelo Calif., Island Press .
Germanà, Maria Luisa (2005) Architettura responsabile, gli strumenti della tecnologia. Palermo, Dario Flaccovio srl, Editore.
Gaffikin, F and Morissey, M (1999) City Visions: Imagining Place, Enfranchising People, London: Pluto Press.
Gilbert, R, Stevenson, D, Girardet, H and Stern, R (1996) Making Cities Work: The Role of Local Authorities in the Urban Environment, London: Earthscan Publications Ltd.
Hall, P (1998) Cities in Civilisation, London: Weidenfeld.
Hall, P (1995) The roots of Urban Innovation: culture, technology and the Urban Order", in Urban Futures, n. 19, pp 41-52.
Hall, Peter and Pfeiffer Ulrich, (2000) Urban Future 21, A Global Agenda for twentyfirst century cities. London & New York, Spon Press, Taylor and Francis Group.
Hawken, P, Lovins, A, Hunter-Lovins, L (1999) Natural Capitalism: Creating the New Industrial revolution, Boston, New York, London: Little Brown and Company.
Hopkins, Ellwood (1994) The Life Cycle of Urban innovations, Working Paper 2, UNDP/UNCHS/World Bank .
Hough, M. (1984) City Form and natural processes: towards a new urban vernacular, London and New York: Routledge.
Hubbert, M.K. (1993) Exponential Growth as a Transient Phenomenon in Human History, in Daly and Townsend Eds. Valuing the Earth: Economics, Ecology, Ethics, Cambridge Mass.: MIT Press. Jacobs, J (1992) Systems of survival: a dialogue on the moral foundations of commerce and politics, London Sydney, Auckland: Hodder & Stoughton .
Kelbaugh, D (1997), Common Place: toward Neighbourhood and Regional Design, Seattle and London: University of Washington Press.
Kostof, S, (1991), The City Shaped: Urban Patterns and Meanings Through History, London: Thames & Hudson Ltd.
Krugman, P (1998) Pop Internationalism, Cambridge Ma. MIT Press.
Krugman, P (1994) Peddling Prosperity: Economic Sense and Nonsense in the Age of Diminished Expectations, New York and London: W.W. Norton & Company.
Krugman, P (1998) The Accidental Theorist and other dispatches from the Dismal Science, New York and London: W.W. Norton & Company.
Landry, Charles (2000), The creative city: a toolkit for urban innovators, London: Earthscan Publications Ltd.
Lynch, Kevin (1981), Good City Form, Cambridge & London, Massachusetts Institute of Technology.
Lynch, Kevin (1960), The Image of the City, Cambridge & London, Massachusetts Institute of Technology.
Macchi-Cassia, Cesare et. al. (2008) X Milano, Milano, Hoepli Editore.
Meadows, Donella, Meadows, Dennis, Randers Jorgen (1992) Beyond the Limits: confronting global collapse, envisioning a sustainable future, White River Junction, Vermont: Chelsea Green Publishing Company.
Matteoli Lorenzo et al, (1978) Azione Ambiente, Torino, Edizioni Cortina.
Matteoli Lorenzo (1987) Riflessioni per il referendum (nucleare), edizione interna alla Facoltà di Architettura di Torino.
Matteoli Lorenzo, (2002) Cityfutures, http://matteoli.iinet.net.au/html/Articles/cityfutures.html
Matteoli Lorenzo, (1998), The concept of Culture, http://matteoli.iinet.net.au/html/Articles/ConceptOfCulture.html
Matteoli Lorenzo, (1988), Forma urbana e cultura insediata,
http://matteoli.iinet.net.au/html/Articles/FormaUrbanaeCulturaEngItal.html
Mumford Lewis, (1961) The City in History, Its Origins, Its Transformations, Its Prospects, San Diego, New York, London, a Harvest Book, Harcourt Inc.
Mumford Lewis, (1938) (1970) The Culture of Cities, San Diego, New York, London, a Harvest Book, Harcourt Inc.
Nespor Stefano; de Cesaris Alda Lucia (2008), Codice dell'Ambiente, Milano, Giuffrè
Newman, Peter; Kenworthy, Jeffrey (1999,) Sustainability and Cities : Overcoming Automobile Dependence .
Pacey, Arnold (1983) The Culture of Technology, MIT Press
Pieterse, Edgar, (2008), CityFutures, confronting the crisis of urban development, London and New York, Zed Books
Portney, Kent E. (2003), Taking Sustainable Cities Seriously, Cambridge & London, Massachusetts Institute of Technology.
Power, Anne and Mumford (1999) The slow death of Great Cities? Urban Abandonment or Urban Renewal? Joseph Rowntree Foundation, Brussels.
Rogers, R., Gumuchdjian, P (1997) Cities for a Small Planet, London: Faber &Faber Ltd.
Marco Romano, (2005) (1993)L’estetica della città europea, Torino, Einaudi
Marco Romano, (2003) Costruire le città, Milano, Skira,
Rosenfeld, A et al, (1996) Policies to reduce heat islands: Magnitudes of benefits and incentives to achieve them, LBL-38679, Lawrence Berkeley national Laboratory, Berkeley, Ca 94720.
Rubin, A.R., (1982) Effects of extreme water conservation on the characteristics and Treatability of Septic Tank Effluent, Proceedings of Third National Symposium on Individual and Small Community Sewage Systems, Am. Soc. Ag. Engs., St. Joseph MI 64501.
Schanzenbacher, B and Mills, E., (1997) Climate Change from an Insurance Perspective, Update, Dec. Institute for Business and Home Safety, UN Environmental Program. Urban Pilot Project Annual Report (1996, 1997) Joseph Rowntree Foundation, Brussels.
Sinopoli, Nicola (2002), La tecnologia invisibile. Il processo di produzione dell’architettura e le sue regie. Franco Angeli.
Toepfer Law, http://www.iuscomp.org/gla/statutes/KrW-AbfG.htm, Gesetz zur Förderung der Kreislaufwirtschaft und Sicherung der umnweltverträglichen Beseitigung von Abfällen. 1994
Tombazis, Alexandros et al., (2002), Monograph “Tombazis and Associates Architects. Less is Beautiful” by L’Arca Edizioni (English)
Tombazis, Alexandros et al., (2005), Monograph “A. N. Tombazis” by Libro editions (Greek),
Tombazis, Alexandros, (2007), “Letter to a young architect” by Libro editions (English-Greek and Greek-Rumanian)
Wilson, A. (1992), The Culture of Nature: North American Landscape from Disney to the Exxon Valdez, Cambridge MA and Oxford UK: Blackwell .
Von Weizsacker, E, Lovins, A B and Lovins, L H (1998) Factor 4: Doubling Wealth and Halving Resource Use, London: Earthscan Publications Ltd.
Yergin, D. (1991) The Prize: the Epic Quest for Oil Money and Power, London: Simon and Schuster.
Youngquist, W. (1997) Geodestinies: the inevitable control of Earth resources over Nations and Individuals, Portland Oregon: The National Book Company.

Conclusione del Relatore Generale
alla Conferenza Internazionale
Cityfutures 2009.
Milano MADE Expo/SITdA
4 e 5 Febbraio 2009
Lorenzo Matteoli

 

 

Concludendo i lavori dopo la seconda giornata di Cityfutures 2009 ho sintetizzato in tre “figure” la situazione delineata dai diversi relatori e dalle tavole rotonde:

La prima figura è quella del pessimismo.
Non ce la faremo, la transizione non si innescherà, la politica non comprenderà l’emergenza e ci avvieremo verso il lento irreversibile declino della città. I modi saranno diversi a seconda della geografia specifica. La città fondata come residenza per i lavoratori dell’industria e poi diventata la residenza dei lavoratori del terziario e quaternario, con la decadenza dell’industria e del terziario perde la ragione di essere e inizia l’abbandono dei territori metropolitani non più funzionali e non più sicuri. Trasporti bloccati, disoccupazione sistemica, criminalità dominante, impossibilità di fornire gli abitanti con servizi essenziali: energia, acqua, cibo, comunicazioni, sicurezza, sanità.  Le grandi aree metropolitane del “Sud” economico avranno una maggiore resilienza perchè già ora sono organizzate su moduli energetici molto meno intensi, le città del “Nord” economico saranno invece più fragili data la loro maggiore intensità energetica e forte dipendenza da strutture e impianti energivori. I primi ad essere abbandonati saranno i grandi edifici multipiano, resi inagibili dalla impossibilità di riscaldarli o raffrescarli, e dal blocco dei trasporti verticali. I centri d’affari (CBD),  i grandi palazzi per uffici e i grandi centri commerciali seguiranno.
La fase di declino non sarà senza conflitto: i centri di potere economico tenteranno operazioni di difesa e di privilegio sequestrando flussi energetici dalle aree meno potenti e tutelate. Ci saranno scontri fra le diverse fazioni e presidi militari. Poi l’abbandono e la fuga verso periferie più “sostenibili”, meno ostili
Alcune aree metropolitane, dopo l’evidenza drammatica delle conseguenze dell’insostenibilità, metteranno in atto azioni di salvataggio congiunturale recuperando una funzionalità marginale dopo un periodo di sacrificio penoso e costosissimo.

La seconda figura è quella dell’ottimismo.
La cultura e la politica comprenderanno il pericolo in tempo e interventi strategici innescati con grande anticipo avranno predisposto le città in termini sostenibili: l’eliminazione degli sprechi avrà ridotto il fabbisogno di energia del 20% e 30% e l’innovazione tecnologica avrà consentito di guadagnare altre significative percentuali, sui sistemi razionalizzati  tecnologie e fonti alternative garantiranno funzionalità e servizi. Il solare termico a bassa entalpia sostituirà il 70-80% dell’energia oggi bruciata  per riscaldare gli edifici, tecniche e tecnologie attive/passive di raffrescamento sostituiranno il 60-70% dell’energia oggi impiegata per il condizionamento e la ventilazione degli edifici. La transizione avvenuta in venti anni avrà predisposto le grandi conurbazioni per il passaggio successivo verso la totale indipendenza dai combustibili fossili. Le croste urbane coperte da milioni di metri quadrati di collettori solari termici e fotovoltaici, attrezzate con sistemi di trasporto elettrici che fungeranno da accumulo  attraverso una sofisticata informatizzazione, utilizzeranno l’acqua piovana in grandi bacini di  accumulo stagionale dotati di filtri e vasche di sedimentazione per ridurre l’inquinamento delle aste fluviali di supporto. Le superfici tecniche delle strade saranno utilizzate per la captazione di energia solare e grandi generatori eolici integrati sugli edifici alti forniranno energia elettrica al sistema urbano. Il riscaldamento degli edifici verrà parzialmente risolto con geotermia a bassa entalpia associata a pompe di calore, oppure con geotermia profonda associata alla produzione combinata di energia elettrica. Parliamo della città del 2070-2080.
La comprensione del problema avrà innescato procedure innovative in tutto il sistema dell’industria delle costruzioni e del suo vasto indotto a valle e a monte dell’episodio costruttivo. La innovazione strutturata dalla necessità che ogni componente, sistema, parte o processo riduca lo spreco ed elimini domanda energetica in ragione del 20-30-40% e venga quindi sostituito con altro componente, parte o sistema.
La necessità di radicale modifica dei tessuti costruiti esistenti mediante processi manutentivi strategicamente indirizzati avrà innescato investimenti enormi nell’indotto edilizio (di nuovo a monte e a valle dell’evento costruttivo)  provocando rivoluzioni nel paradigma finanziario e del credito con schemi che associano nell’economia complessiva i valori ambientali e l’energia.
La attuale grande crisi dell’economia e della finanza dopo un iniziale tentativo di restauro mediante misure di ricapitalizzazione delle banche e di supporto alla filiera industriale dell’auto troverà linee risolventi nel finanziamento e nella promozione di grandi campagne per la manutenzione strategica delle “croste urbane” alle diverse scale infrastrutturale, dei servizi e residenziale.
La “nuova Bretton Woods” dopo una fase di dura controversia e antagonismo tra il modello conforme e quello innovativo, tra centro e periferia del mondo, sceglierà la strada rivoluzionaria di assumere il valore ambientale come nuovo “tallone”.
Il valore delle monete rappresenterà l’efficienza ambientale ed energetica delle economie titolari e questo faciliterà enormemente la coerenza fra i regimi di scambio commerciale e l’ambiente, superando quello che oggi sembra essere un conflitto insolubile.

La terza figura.
La differenza fra le due “figure” che ho illustrato è proprio quella che Jaime Lerner ha definito con la battuta: “You have got to have a dream, you have got to know your dream!”

L’utopia ragionevole, quella che si applica al fare quotidiano con la competenza e la visione del futuro che questa quotidianità informa è lo snodo che ci consentirà di passare dalla prima figura alla seconda figura. L’utopia ragionevole è la mia  “terza figura”.

Il problema di oggi è quello di far passare questa visione dall’avanguardia concettuale,  un’avanguardia a dire il vero vecchiotta perchè oggi ha già più di trent’anni di vita, al campo della politica e dei suoi attori. Per fare questo non basta la nostra passione e la nostra convinzione: ci vogliono documenti qualitativi e quantitativi che illustrino la fattibilità del percorso. Nessun attore politico può rischiare la sua carriera su strategie che non siano solidamente confortate da supporto conoscitivo e documentale, né questa è cosa che si possa esigere.

Quale delle tre figure vincerà? Forse nessuna delle tre, ma una quarta o quinta figura composta da una complessa combinazione degli elementi delle tre figure, che dipenderà dalle diverse condizioni delle geografie politiche specifiche e delle culture locali. Una cosa è relativamente sicura: gli elementi di tutte le plausibili figure sono presenti e consolidati nelle attuali situazioni di tutto il Pianeta. Li stiamo vivendo.

Indicazioni emergenti da Cityfutures 2009
Questo primo convegno Cityfutures ha aperto il dibattito: molti di coloro che hanno presenziato si sono posti per la prima volta in termini espliciti il problema del “futuro”.  Un problema ambiguo ed equivoco,  che le professioni del “progetto”  hanno sempre affrontato implicitamente, senza mai averne piena contezza. Ogni casa disegnata, progettata e costruita  o palazzo o infrastruttura dura cinquanta, cento  anni e spesso anche di più, ma viene progettata sulle condizioni  attuali, come se queste dovessero rimanere immutate per tutta la ipotetica durata di vita del manufatto. È tempo di cambiare: nell’ipotesi progettuale deve essere inserita la condizione oggettiva della probabile durata del manufatto nelle effettive condizioni energetiche e ambientali che saranno il contesto di questa probabile durata. Un concetto più complesso e impegnativo del “life cycle costing”, o delle correnti posizioni sulla prestazione di “durabilità”.
La manutenzione “strategica” va inserita nel progetto e nelle norme contrattuali che presiedono alla realizzazione del progetto: una cosa che oggi non avviene, data la configurazione delle tipologie contrattuali che governano la produzione di beni edilizi e in genere di beni infrastrutturali.
Stranamente, perchè ogni architetto sa che il manufatto che disegna durerà cinquanta o cento anni e forse di più. Siamo congiunturali e contingenti per condizione culturale e genetica, una condizione che va radicalmente modificata. Ma non sono gli architetti che dominano la matrice della normativa contrattuale.

Le relazioni hanno rappresentato bene la necessità di un approccio olistico al problema ambientale ed energetico della città. La città sostenibile si produce quando tutte le parti in causa operano in modo informato e coordinato (Lawrence), l’inquinamento si riduce quando la città funziona e non basta fare automobili ecologiche (Schipper), la città che funziona produce qualità di vita (Zheng e Kunihiro), i futuri urbani delle grandi città si possono disegnare e volere (Kunhiro e Lerner), la città non è un problema è una soluzione (Lerner), l’architettura ecosensibile è “la” architettura e non ce ne sono altre (Tombazis, Oliveira Fernandes) la tecnologia che assume la natura come strumento e non come problema (DeLuca) ci può aiutare ad uscire da un atteggiamento “post-rinascimentale”, quello della fiducia assoluta in una scienza presunta come ineludibile ed esatta che, nella sua astrazione, è arrivata ad essere antagonista ambientale e provocatrice di problemi piuttosto che risolutrice. Il tessuto della città deve essere letto in termini nuovi e molto abbiamo da imparare sia dalla natura (DeLuca) che dagli insediamenti marginali (Tiwari) per i quali vanno studiate da zero tecnologie e tecniche radicalmente diverse dalla attuale conformità. Un luogo di forte contenuto potenziale per l’innovazione. Conoscere e volere il “sogno” è lo strumento primo per innescare il processo virtuoso della transizione, le città come soluzione e non come problema (Lerner).
Ecco la sintesi dei contributi dei relatori: tutte posizioni di apertura del dibattito correttamente orientate sullo schema generale della governabilità, della visione e delle tecnologie. A questa apertura va adesso aggiunta una forte dose di “futuro”: il mandato dei prossimi Cityfutures che dovranno occuparsi da vicino e intimamente degli strumenti: quantificare e qualificare le strategie e le tecnologie di intervento, dimostrandone la fattibilità tecnica, i tempi e l’impegno finanziario, economico e sociale. Solo in questo modo si potrà ottenere l’interesse della responsabilità politica alla quale, dopo la visione, va fornita la linea tecnica e normativa per la sua realizzazione e gestione.
Secondo una mia consolidata opinione due sono gli errori che si commettono sistematicamente: quelli di coloro che hanno la visione e non dispongono degli strumenti conoscitivi per realizzarla, e quelli di coloro che dispongono di strumenti tecnici e conoscitivi e non hanno la visione che ne richieda l’applicazione.
Avere testa e non avere gambe, avere gambe e non avere testa. Non sono mai riuscito a capire quale delle due condizioni sia la peggiore.

L’innesco di una strategia 
Una strategia per l’innesco della transizione deve istruire le condizioni economiche della convenienza per il mercato ad investire in eliminazione degli sprechi, risparmio e alternative. Investire in risparmio energetico deve diventare economicamente vantaggioso e premiante dove oggi, fatte salve pochissime opzioni tecnologiche, chi investe in razionalizzazione energetica viene economicamente punito.
Incentivazione fiscale, finanziamenti a tasso zero, assistenza tecnica, forme contrattuali privilegiate, sono alcune delle misure correntemente applicate nei paesi che hanno fatto la scelta di promuovere la transizione. Gli incentivi  possono essere messi in relazione alla quantità di energia fossile sostituita o risparmiata e in questo modo si privilegeranno gli interventi a massimo ritorno energetico. Per evitare che  gli interventi iniziali compromettano interventi futuri o spingano i sistemi di impianto a lavorare in condizioni marginali è necessario che gli interventi vengano definiti sulla base di un programma strategico se non completo almeno di lungo termine. Un programma di forte isolamento degli involucri, ad esempio, deve essere accompagnato in modo congruente con un programma di adeguamento impiantistico per evitare di trovarsi con un impianto sovradimensionato e quindi non ottimale. Questo criterio deve informare gli interventi a tutte le scale: dal singolo edificio al comparto urbano alla regione metropolitana.
Il riscaldamento degli edifici residenziali è oggi genericamente caratterizzato da un modello di erogazione del calore che riscontra in modo molto approssimativo il profilo della domanda di calore: nei programmi strategici di manutenzione e di sostituzione degli impianti obsoleti sarà bene considerare attentamente i modelli della domanda spazio-temporale di calore e cercare di rispondere con impianti capaci di modulare l’erogazione in modo congruente senza che debbano operare al di fuori del campo delle capacità ottimali. La flessibilità e il controllo monitorato dell’erogazione (spazio e tempo) sono aree di forte potenziale per l’innovazione tecnologica degli impianti  e dei sistemi di interfaccia con la domanda.
La sequenza strategica dell’aggiornamento impiantistico dovrebbe essere coordinata con il programma complessivo fino alla sua conclusione, che dovrebbe vedere l’edificio riscaldato prevalentemente da energia solare con un impianto ausiliario di supporto.

Implicazioni finanziarie monetarie e occupazionali.
Sia l’incentivazione fiscale che l’erogazione di prestiti agevolati gravano sul bilancio dello Stato e assorbono risparmio, nello stesso tempo provocano un ritorno energetico e ambientale che andranno considerati, insieme alla maggiore occupazione, per informare la manovra di bilancio e l’eventuale assistenza monetaristica, questo, nel quadro del mercato dell’Euro, comporta una responsabilità delle Autorità di Bruxelles che potrebbero assumere l’iniziativa dell’innesco strategico. La Commissione Europea, non essendo condizionata da scadenze elettorali di breve termine, potrebbe  adottare strategie di profilo più forte di quanto non possano fare i Governi nazionali.

Un elenco di priorità
L’area di forte priorità è quella delle norme che inducono comportamenti energeticamente e ambientalmente coerenti a costi o investimenti pubblici o privati contenuti. La chiusura dei centri urbani al traffico privato, norme di regolamentazione degli imballaggi e delle confezioni di articoli commerciali, l’implementazione rigorosa delle raccolte differenziate. L’istituzione di standard energetici e ambientali vincolanti e rigorosi.
Di forte priorità e di relativa semplice implementazione sono la sostituzione con tecnologie a basso consumo energetico dei corpi illuminanti. L’aggiornamento degli impianti di riscaldamento: la rottamazione delle vecchie caldaie inefficienti sarebbe molto più significativa della rottamazione di automobili, sia per la riduzione dell’inquinamento urbano che per la riduzione dei consumi di energia fossile. Le due misure costituirebbero nello stesso tempo uno strumento di forte spinta per la ripresa economica consentendo contemporaneamente ritorno energetico, recupero ambientale, incremento occupazionale. Un forte progetto di ricerche per la quantificazione di queste ipotesi potrebbe essere molto utile per l’informazione della responsabilità di governo.

Abbattere edifici obsoleti.
Uno dei problemi del futuro delle città è quello della demolizione di parti di città obsolete che hanno oramai raggiunto il limite della funzionalità economica. Interi quartieri costruiti negli anni 50 e 60 in molte città non sono più funzionali, la manutenzione troppo costosa, le condizioni minime di abitabilità non più recuperabili. Questi edifici occupano parti di città che potrebbero invece essere riqualificate a nuove e più consistenti funzioni urbane. Si tratta di superare una resistenza psicologica che è tipica della cultura Italiana: abbattere è contro la nostra natura di costruttori. Non per nulla uno dei titoli degli imperatori romani nell’antica Roma era quella del Massimo Costruttore di Ponti (Pontifex Maximus). Solo per citare un esempio si veda l’esperienza del sindaco di Brescia che cerca di demolire due torri residenziali costruite negli anni 60 e oggi ridotte in condizioni di abitabilità marginale. Si tratta di una operazione politicamente rischiosa, costosa, socialmente ostica ma non eludibile.

Ricerca e innovazione
Le condizioni energetiche e ambientali della città del futuro saranno profondamente diverse da quelle attuali e la fase di transizione richiederà progetto e volontà politica. Quasi tutte le tecnologie attualmente correnti saranno in crisi e dovranno essere ri-disegnate e ri-concepite nelle nuove condizioni di contesto.
Il catalogo dei nuovi materiali, dei componenti e dei sistemi per la città “bosco” è tutto da inventare e si richiede uno sforzo di investimento e di pensiero sotto molti aspetti difficile da definire, sia come portata, sia sotto il profilo metodologico. Infatti si deve “inventare” per un contesto che non conosciamo, se non in modo molto approssimativo e presunto. Prima di tutto è necessario esplorare e analizzare le condizioni contestuali della perfetta coerenza energetica e ambientale per poterle poi utilizzare come ipotesi di progetto. Una responsabilità specifica della tecnologia perchè le altre discipline del progetto insediativo (composizione, pianificazione urbana, disegno urbano) non si sono mai occupate seriamente dell’integrazione di un futuro energetico e ambientale diverso da quello attuale nelle loro ipotesi di lavoro: basta guardare i progetti che vengono attualmente realizzati che, fatti salvi rarissimi casi, sono basati sull’assunzione di eterna disponibilità energetica e infinito spazio ambientale. La tecnologia invece, da almeno 35 anni tenta seriamente di esplorare il campo.

Il problema della tecnologia
Il problema della tecnologia dell’architettura è quello dell’isolamento disciplinare: i tecnologi si muovono sempre all’interno di un settore conoscitivo e applicativo circoscritto e definito dal costruire tradizionale. Un limite punitivo perchè l’innovazione è frutto di una cultura transdisciplinare e transettoriale. Molti anni fa facevo l’esempio di come si erano rinnovati negli ultimi 30 anni (parlavo allora del trentennio dal 1930 al 1960) gli scarponi da sci e paragonavo questo cambiamento a quello avvenuto nelle finestre, o in altri componenti dell’involucro esterno degli edifici. La riflessione è ancora valida.
Oggi un moderno scarpone da sci ricorda quello di trenta anni fa solo perché è disegnato per contenere un piede. Tutto il resto è diverso: materiali, struttura, suole, isolamento termico, tecnologia di chiusura e fissaggio al piede e allo sci, disegno e materiali di interfaccia con l’anatomia, la struttura ossea e la pelle del piede…. Una figura analoga la si può descrivere se si prende come esempio una racchetta da tennis, uno sci, un guanto da baseball e qualunque altro accessorio per la pratica di uno sport. Ancora più evidente è la figura quando si prende come esempio l’automobile, o anche la più modesta, ma oggi molto sofisticata bicicletta.
La ragione della differenza è che gli attrezzi sportivi, le auto e le biciclette, sono stati ridisegnati continuamente e sistematicamente sotto la pressione della competizione e dell’agonismo sportivo. Non solo ma, proprio per questa ragione, il continuo studio è stato assistito da molte discipline: nel caso dello scarpone, ad esempio, la presenza nel team progettuale di ortopedici, medici, fisiologi, tecnici dei materiali, ingegneri meccanici e strutturali, chimici delle resine, tecnologi dei processi industriali  delle materie plastiche…e, ultimi ma fondamentali, atleti e collaudatori.
Difficilmente una tale molteplicità di competenze si interessa o viene investita dal compito progettuale di un componente edilizio.
I tecnologi frequentano tecnologi, e molto raramente guardano al di fuori del loro campo disciplinare. Non si è mai organizzato un convegno o un seminario tra tecnologi dell’architettura e dentisti, odontotecnici, tecnici dell’imballaggio, magazzinieri, ingegneri stradali o esperti di missilistica e di stazioni spaziali, biologi, dottori in scienze naturali, agronomi…
Non si legga l’osservazione solo come una battuta paradossale: la presentazione a Cityfutures 2009 dell’esperienza di Biomimicry (Denise DeLuca, Janine Benyus) ha aperto una finestra importante su uno scenario disciplinare e di metodo assolutamente nuovo, che andrebbe coltivato con grande attenzione per l’enorme potenzialità che implica, sia per la scoperta di nuove tecnologie e materiali, sia per il “modo di pensare” che capovolge la cultura rinascimentale della natura vista come luogo da “vincere” e da “dominare” per proporre invece la natura come “maestro” come strumento per risolvere, in termini e tecniche consistenti, i problemi dell’insediamento antropico.
Non è possibile dotare l’attuale insegnamento della disciplina con competenze così diverse, ma il limite all’innovazione nel campo dell’edilizia si sente fortissimo. Si tratta di un limite conoscitivo per cui le nostre professioni progettuali difficilmente sanno superare la barriera del “dir come si faccia”…e tra il dire e il fare, sappiamo bene per antica saggezza proverbiale, quanta distanza ci sia.
Assistere ai seminari di solo tecnologi che si sforzano di indicare linee innovative o soluzioni innovative è irritante e i risultati sono puntualmente sempre limitati al campo del “dir come si faccia”.

La quantificazione dei problemi
Sappiamo che le città dovranno ridurre gradualmente del 40% in 20 anni e del 70% in 30 anni il loro fabbisogno di fossile.
Si tratta di milioni di tonnellate di greggio che vanno sostituite con razionalizzazione, risparmio, alternative. Le tecnologie: collettori solari termici, collettori fotovoltaici, generatori eolici, masse di accumulo, pompe di calore e masse di scambio, struttura della mobilità, veicoli, cambieranno il volto delle città. Il modello culturale di uso dei territori metropolitani, l’occupazione, la distribuzione delle residenze…cambieranno la vita degli abitanti delle città.
L’impegno finanziario per questa operazione sarà di dimensione mai sperimentata prima con conseguenze sui valori di scambio delle monete, sui margini di profitto, sui ritorni di capitale difficili da modellare senza uno schema progettuale anche di grande scala. I tempi della operazione saranno determinanti per la geografia politica del Pianeta.
Va tracciato un percorso, devono essere descritte le responsabilità culturali, politiche, professionali, industriali, devono essere formati in quadri. È tutto da inventare.
Questi sono solo dei flash nel buio del futuro che ci attende e che dovremo gestire.

Un problema da citare: il cibo.
Una città si potrà forse far funzionare senza petrolio e in condizioni di assoluto rispetto ambientale, ma se l’agricoltura e la zootecnia non risolvono il problema di produrre cibo senza petrolio, avere città funzionanti sarà un problema irrilevante. Ma questo tema appartiene a un’altra conferenza internazionale. Foodfutures.

Formazione e informazione
Un atteggiamento didattico sistematico sul “futuro” (come si è fatto per la “storia”)  deve essere introdotto nei curricula delle nostre scuole di ingegneria e di architettura e fa specie il fatto che ad oggi questa necessità sia stata completamente disattesa. Questo non perché si possa insegnare il futuro o perché l’attenzione al futuro consenta di prevederlo o di disegnarlo: roba da cartomanti, astrologi, indovini e ciarlatani, ma perché pensare al futuro serve per muoversi meglio nel presente.
La responsabilità della formazione mi interessa in modo particolare: nel panorama attuale della didattica che dovrebbe occuparsene i problemi evocati non sembrano avere un grande riscontro: le scuole dormono su programmi antichi.
In proposito deve essere denunciato il corrente sbandamento del progetto di architettura: ci si occupa di divertimenti formali a dir poco sciocchini (torri storte, grattacieli flaccidi) travestiti da grande introspezione di pensiero sotto l’ambiguo contenitore ideologico del “decostruttivismo”. Un puerile trasferimento dalla ricerca linguistica grammaticale all’architettura, privo di qualunque valenza sostanziale. Una denuncia più dura e seria di questa deviazione da parte della critica e delle responsabilità di guida culturale del Progetto di Architettura è dovuta da tempo ed in grave ritardo. Questa situazione professionale gode di preoccupante e immeritato successo presso le committenze pubbliche a causa della loro ignoranza e subalternità intellettuale. Le conseguenze sui costi che la comunità paga e dovrà pagare sono pesanti, per non parlare del danno ambientale di città riempite di strampalati ecomostri. Per questo bisogna proteggere le committenze dal fascino pericoloso e costoso dello “star system”. Avvertirle almeno è un dovere.

L’informazione è l’altro grande “buco nero”: viene genericamente gestita da media sensibili alla strumentalizzazione e poco preparati criticamente per vagliare quanto viene ammannito da gruppi di potere o da lobby corporative.
Una pubblica opinione male informata è l’ostacolo principale a una corretta impostazione strategica della “transizione”. Su tutti gli argomenti “chiave” del problema: energia, ambiente, nucleare, carbone, petrolio, idrogeno, solare termico, solare fotovoltaico, eolico…, il pubblico viene drogato con dati parziali, imprecisi, se non decisamente errati. L’elenco delle manipolazioni richiederebbe un enorme librone: vale solo la pena citare il problema … per memoria.

 

 

 

Il Colosseo a Roma venne progettato per naumachie e lotte di gladiatori ed esiste ancora oggi, quando da molti secoli non si svolgono più spettacoli di quel genere.