ABOUT ME
CONTACT ME
ARTICLES
    

Bibliography
Bibliografia
Biomimicry, innovation inspired by Nature 
Janine M. Benyus, William Morrow & Co. Inc., New York, 1997, ISBN 0-688-13691-5

Guns, Germs, and Steel, the fates of human societies Jared Diamond, W.W. Norton & Co., New York, London, 1997, ISBN 0-393--03891-2

The origins of Virtue, human instincts and the evolution of cooperation Matt Ridley, Viking Penguin Books, New York, 1997, ISBN 0-670-87449-3

How the mind works Steven Pinker, W.W. Norton & Co. New York, London, 1997,
ISBN 0-393-04545-8

The symbolic Species, the co-evolution of language and the brain Terrence W. Deacon, W.W. Norton & Co., New York, 1997, 
ISBN 0393-03838-6

Darwin's dangerous idea, evolution and the meanings of life, Daniel C. Dennett, Little Brown & Co., New York, 1997

Verso l'ecotecnologia in architettura, Gabriella Peretti, BE-EMA Editrice, Milano, 1997,
ISBN 88-7143-1901

Il raffrescamento passivo degli edifici, Mario Grosso et al., Maggioli Editore, Rimini, 1997, 
ISBN 88-387-1081-3

Betrayal of Science and Reason, Paul R. Ehrlich & Anne H. Ehrlich, Island Press Shearwater Books, Washington D.C., 1996, 
ISBN 1-55963-483-9

The end of science John Horgan, Broadway Books, New York, 1996, 
ISBN 0-553-06174-7

Defending A.I. Research John McCarthy, CSLI Publications, Stanford California., 1996,
ISBN 1-57586-018-X

Emotional Intelligence Daniel Goleman, Bantam Books, New York, 1995, 
ISBN 0-553-09503-X

The sand dollar and the slide rule, drawing blueprints from Nature, Delta Willis, Addison-Wesley Publishing Company, Reading Massachusetts, 1994,
ISBN 0-201-63275-6

The culture of Nature Alexander Wilson, Blackwell Publishers, Cambridge Ma., 1992,
ISBN 1-55786-336-9

The third Chimpanzee, Jared Diamond, Harper Perennial, New York, 1992, 
ISBN 0-06-018307-1

Systems of Survival, Jane Jacobs, Hodder & Stoughton, London, 1992, 
ISBN 0-340-59177-3

Costing the Earth, Frances Cairncross, The Economist Books, London, 1991, 
ISBN 0-09-174918-2

Related Articles
Articoli in tema

Essay on Montale (Eugenio Montale and his times, available in English and Italian)

La Cultura di Torino

Utopia, Technology,
Future

TITLE: Beyond Sustainability in architectural design

TITOLO: Oltre la sostenibilità nell'architettura

WRITTEN BY: Lorenzo Matteoli

DATE: March 1998

TRANSLATION EDITED BY: Wendy Charnell

Nothing is easier than to admit in words the truth of the universal struggle for life or more difficult [ ...] than constantly to bear this conclusion in mind.
Charles Darwin, 1859 (The origins of species, Chapter III)

On the whole [...] it is only out of pride or gross ignorance, or cowardice, that we refuse to see in the present the lineaments of times to come.
Marguerite Yourcenar, 1951

Nulla e' piu' facile che ammettere a parole la verita' della lotta universale per la vita e nello stesso tempo piu' difficile di tenerne ben presenti nella mente le necessarie conclusioni.
Charles Darwin, 1859 (The origins of species, Chapter III)

In fondo e' solo per orgoglio o per grossolana ignoranza o codardia che ci rifiutiamo di vedere nel presente il delinearsi dei tempi a venire.
Marguerite Yourcenar, 1951
   

Abstract
The limits of Brundtland's concept of sustainability are indicated and the reasons for its difficult application to settlement planning and to design are perused. The basic knowledge needed for a more effective transfer of the concept to urban and architectural design is briefly discussed. The paper suggests a radical overhaul of the concept by engineering and technology based on nature as a tool rather than on nature as a limit. Examples are given and the trend of the engineering revolution is described. The consequences of the proposal on urban and architectural design are discussed along with the responsibilities of research and of the professions. The conclusion of the short essay is an invitation to search in natural sciences for knowledge and know-how and transfer them to integrate technology and architecture with authentic design.

The limits of Brundtland's concept
Sustainability, as defined by the Brundtland Committee in 1987, is a product of the humanistic (1) vision that dominated science from the Renaissance to the present day. The clear and fascinating statement does not hold up under a strict analysis: space and time limits make its practice very bleak and almost unsustainable (2).

Our Planet was born from a galactic bang ten billions years ago (3) with no man on board and will burst, deserted, in a fantastic stellar gnab some time in the next few billion years, or tomorrow. Our culture? the ticking of a few nanoseconds on the galactic clock.

The idea that our species of thinking, speaking, writing and technological mammals will sit on top of the Planetary system for eternity and that such a system has, as its sole function, the supply of our unending privileges, can be compared to the idea that the Eiffel Tower was built just to support the last crust of paint at its pinnacle.

The galactic nanosecond nevertheless is rather important to us (just as the Eiffel Tower to the last crust of paint): in fact its importance is total and comprehensive. It is the only thing we have been dealing with forever.

Our disastrous ability to interfere in uncontrollable ways with the environment of the Planet should not sanction the current assumption that we are out of Nature, distinct to the Planet, the function of which is to serve us unconditionally.

We are instead within Nature and an intrinsic part of Gaia, our interference due to reason, is a consequence of our very natural matrix. Because reason is within our nature and not anywhere else.

So much so that the qualifiers disastrous and uncontrollable are inaccurate or justified only by the vast extent to which we interfere.

We see the disaster through the filter of our presumption to be The Species at the center of the Universe, without the filter everything becomes naturally consistent: extinction is current in nature. No culture is eternal and at least one human species has already disappeared (Neanderthal).

Natural processes and cultures are neither sustainable nor unsustainable (4): they evolve. Evolutionary cycles of some systems and of some cultures may have different time spans, where the term indicates their permanence with precise identities, functions and place in the environment.

The assumption to be alien to Nature originated from the current, even if seldom declared, equation between our bodies and our minds: since we think we are aliens...

I do not want to open the ongoing debate here: let it only be stated that the assumption to be aliens is certainly wrong when applied to our bodies..

We may be exceptional and thinking mammals, but physically we are totally within the natural paradigm. For a few thousand years we achieved through rational design an outstanding technological power and, on account of a partial economic vision, we did not complete our transformation processes to achieve both economic and environmental consistency \. That was, possibly, a behavioural pattern dictated by a circumstantial response to the basic egotistical drive to preserve the species (6). The present suspicion is that a less circumstantial response to this drive cannot be contained within specific time and space windows: it must address global values over long time spans.

The genetic egotistical drive that we pursue is eventually drawn to virtue because it is only at the scale of the whole Planet that our genetic pursuit can succeed (7). This is the origin of our trans-generational consciousness: it is not due to moral or political commitment, it is not selfless generosity, it is a necessary altruism induced by the goal of the preservation of the species (8). When this will be the aknowledged paradigm we will witness the formidable changes that "conscious science" has been anxiously waiting for quite a while.

The processes that we call artificial are in fact processes that we did not carry through to relative completion (9), or which have been left unsolved by the adopted technology or on account of specific economic circumstances.

If this is actually the case, the present urgent problem of design (and of science in a wider meaning) is the completion of open processes. The question of who will pay, when and where (11), is a tough one, but I do not want to get into that problem here; what I will try to explore now is more related to the modes and means.

With this understanding one has to re-assess the enthusiasm for sustainability of the design profession over the last ten years. It may also be that thirty years of environmental doom promotion unleashed the frenzy that today calls for actions that go against any basic principle of current economy.

Of the many voices, suffice to quote Ian Tinbergen (Nobel Prize for Economy) who advocates the need to use resources bearing in mind the equal claim of an unlimited number of future generations. A challenge that induces some suspicion on its economic plausibility.

Something like: it's impossible, but we have got to do it or, to say the least, we have to behave as if we had such an obligation. A rigorous and right platform, that can be appreciated only as a religion or in terms of genetic preservation of the species (12). It is indeed meaningful that such a statement comes from a famous economist: Tinbergen is a just interpreter of the "selfish gene" or has a specific religious stance.

The assumption that the human species is above Nature may be referred back to Renaissance thinkers and philosophers (13). From that vision came the sectarian interpretation of Technology and the man-centered relationship to the Environment that eventually caused the present pathological deformation. For modern science Nature is not the system to which we belong, but some external third entity that we have to challenge and rule, against which we have to fight to continuously prove our supremacy. The commitment of science has always been to solve problems in terms of temporary engineering (14), ignoring long term, if not ultimate, consequences thus betraying in practice the genetic mandate.

The reaction of the green party is to consider humans as totally subject to Nature and that too is inconsistent with the genetic mandate and withholds any potential integrated solution (15).

To find effective, evolutionary answers we need a new vision.

The coming engineering revolution

If any control over the current catastrophe is to be gained it will come from a new scope for engineering and design culture: transformation processes must assume the environmental condition not as a limit, but as a tool.

Science has been studying nature to rule it through engineering and technology means which are only provisionally useful to human organization (17). What we need instead is to study nature to solve our processes using its own tools (18). That is a Copernican turn-around that requires great imagination and a totally unbiased design attitude. Objects of everyday life have to be revisited and re-set: cities, houses, food, transportation, information, economy, politics, thinking ...

A conceptual turn-around that shows on one side the amount of useless information that we have piled up along the rational route, and on the other side the insufficiency of the available environmental information and, at last, the gigantic enterprise in front of us.

Reason, which is our distinct feature and the one mainly responsible for the 2% difference of the human DNA, obliterated any other potential directing our evolution in its specific way.

If we want to exit the negative spiral of the present evolutionary stalemate and mend the rational error, we must close the processes we left open and reclaim, with a new vision of science and technology, the cohesion of our physical body with the environment and our intimate, irrational, effective belonging to nature. Let the body go and the mind will follow.

Sustainable design, with its limits and contradictions indicates the right direction, but we have to go beyond. It is nevertheless a useful exercise in the general ranking of traditional good design, that takes care of environmental conditions and pushes solutions to the limits of market cultural and economic acceptability. Not much more can be expected from the present design profession and industry: to ask for more one must set up the political and cultural conditions that make such a demand feasible.

Beyond Sustainability
The stage of Sustainability will become obsolete and assimilated by current practice leaving useful and positive contributions: environmentally conscious design tools will become more sophisticated; most of the present uncertainties and contradictions will be solved; some of the limits overcome. Optimal or sub-optimal reliable options will be defined and made available for any specific situation and for any given typology.

We will have commercially competitive technologies, materials and processes for gray water re-cycling, energy integration, solar thermal and solar P.V., environmental costs will be interiorized in the costs of services, materials and components. Governments will issue economic incentives to promote environmentally friendly technologies...

The problem will also be cleared of some moralistic innuendoes: the race towards final entropy is inevitable, the consumption of the Planet associated to human settlement can be shared more justly, but cannot be avoided. Our debt to future generations is balanced by our credit from the past ones, but remains a virtual debt.

The genetic imperative dictates our consciousness for future generations: that is what we must do for our own welfare. The ethical motivation is the transfer to future millennia of the illustrious protein molecule for the preservation of our species, and thus we might as well do it with compassion and fairness. That is also why developing countries cannot let their right to reasonable affluence be thrashed by the canons of Sustainability as imposed by industrialized countries: if we want the oxygen produced by rain-forests we better remunerate the countries that now survive through one way technological globalization by logging.

Sustainability and architectural design
Impact on design and architecture will be apparent and clearly recorded by history: after the categories proposed by Alexander Tzonis and Liane Lefaivre: Populism (1968), Call to order (1970), Neo-rigorism (1975), Sin-rigorism (1980), Critical regionalism (1980), The call to disorder (1985), Realism (1985), The eighth tendency (1992), we will have some stage of Authentic Architecture as anticipated by recent books. Architects will communicate values with the language of environmental consistency and the related technologies. All this is now happening and there is no need for prophets to foresee its further success. It is more interesting, instead, to speculate on some of the less apparent marks of Sustainability on the evolution of architectural design. The strongest emerging indication was the perception of the scientific insularity of building design and architecture. The curricula of our schools are sterile monocultural sequences: all the mouthwash on interdisciplinary curricula of the seventies did not amount to anything. Discipline integration has been rigorously contained within the fences of our gardens: we talk and share knowledge only in our clubs, wigwams and churches. Teaching is limited to the tools of the trade and we seem to re-invent hot water, and umbrellas over and over. Forget the wheels...

Architects meet architects, town planners meet town planners, technologists meet technologists. Very seldom are there seminars where designers meet town planners: usually to share mumbo-jumbo and professional bickering.

Ever heard of a seminar of biologists and architects? or architects and farmers? or of some symposium of architects and packaging experts, hydraulic engineers, surgeons, neurosurgeons, linguists, forestry experts, dental engineers, naval engineers, textile engineers ....? Never. Many will read these lines with great suspicion: what can we learn from or share with dental engineers, packaging experts or biologists? Maybe nothing, possibly a lot, in any case worth exploring. I think that monocultural insulation has been mainly responsible for the slow innovation which is peculiar to the field of building construction and architectural design.

If one compares the importance and the flow of technical innovation in other fields of technology and of industrial transformation (aviation, electronics, information technology, biology, chemistry, communications, energy, surgery, genetic engineering, agriculture, fishing ...) with what actually changed in building construction, the gap is shocking. Take any item: a tennis racquet, a pair of shoes or ski boots, a camera, a radio, a bicycle and compare it with the same item of twenty years ago. Sometimes it will be difficult even to recognize the object things have changed so much. Take now any building component: a window, a handle, a gutter, a wall...very few changes, if any at all. Often we find the oddity of the same objects manufactured with new materials in the same old shapes: so strong is the conservation that rules our thinking processes.

In building there have not been races, commercial competition was absorbed by real estate values and property speculation and, in particular, there has not been interdisciplinary cross fertilization: the external environment was the "bad guy" and the technical solution always ruled over nature. Building construction is the symbol of man dominion over hostile nature.

The designer of ski boots would not survive on the market if he could not cooperate with chemical engineers, experts of resin injection moulding, tooling engineers, orthopedists, skin surgeons, ski coaches, ski designers, ski athletes ...

Architects would be barely able to talk about the weather with a biologist, but they design the container of the most important of the biological systems. How many architects have an idea of how our skin operates, our eyes, our ears, bones or stomach?

I am not listing these organs just because the house interacts with all of them (which alone would be a good reason) but because their modus operandi and their structure are fantastic examples of sophisticated adaptive technologies. The design of a knee or of the maxillo-facial bone system are the result of a few million years evolutionary experience of the "blind watchmaker", and that is true of many other situations: the eyes of the fly, the wings of bees and birds, the flight control and navigation system of a mosquito.

Spiders are sophisticated builders of tensile structures, but much more sophisticated organic biochemistry engineers: the ability to align the protein molecules through their spinnerets transforming a shapeless sludge into a top of the line silk thread is a secret that, when successfully copied could lead to a revolution. They operate the transformation with no heat, no pressure, no fuel starting from dead bodies of flies and crickets and producing a thread of physical and mechanical properties that are unsurpassed by any man-made product. Maybe when we started learning with our rational mind we forgot a huge heritage of natural know-how that was embedded in our DNA, or somewhere in our memory.

We took the rational shortcut of the evolutionary path and we gained, technically, millions of years over other orders and genera, but today we have to pay some debt or worse...

When we speak of advanced technologies we generally speak of intelligent components and systems: the intelligent car, the intelligent house, the intelligent HVAC system... compared to natural systems our way to achieve intelligent behaviours of components looks rather dumb: stuff the thing with sensors and electronic circuitry to command a few electromagnetic activators...

Windows are the only intelligent component of the building envelope and that only because one can open them and can put movable screens inside and outside of them. Pretty elementary if you compare it to the sophisticated adaptive system of our skin that is capable of continuous response to environmental changes controlling local surface temperature and humidity to minimize the energy needed to keep our body at the constant internal temperature of 37 degrees 'C.

If we look around, there are many examples of direct environmental response in nature: most of them unknown to the design profession. African termites build clay castles that maintain the internal temperature at 21.1 'C just by design. A tree, which we consider totally deprived of any intelligence, with its roots, leaves, cells is a complex adaptive system much more intelligent and flexible than any man designed technology: lifts tons of water without any pumping system and transforms carbon dioxide into oxygen fueling the process with light; when locally attacked by fungi or parasites immediately seals off the point of attack to protect the system from any further damage.

Domestic flies have a microscopic flight control system that beats any avionics technology: they move in the three dimensional space with micro movements and continuously compensate their speed and lift with the speed of the target and of the wind, they have gears in the wings that allow them precision flight in turbulent conditions, at the tip of their legs tiny pads (pulvillus) of microscopic fibers interact with the molecular structure of smooth surfaces (glass, metals) allowing them to walk clinging to ceilings and windows.

These few examples clearly show the distance between what we are able to design and what nature has achieved in the few million years of evolution.

Observation of Nature has been, and still is, the primary source of scientific knowledge, but transfer of natural methods and techniques and their control by humans have not been served with the same attention, perhaps on account of our assumption of being a distinct set.

A lot of natural phenomena are well known to the biologist and to the entomologist, but the connection with engineering and technology is lacking clearly on account of a gap in communication between the disciplines. In the field of building construction this is even more true for the strong anthropological roots of the activity.

The tools we have today to study natural processes and transformations are much more powerful than the tools available to the Renaissance scientist (19), but the gap between knowledge and possible applications is wider: one wonders what Leonardo da Vinci would have achieved if he had observed the flight of birds with modern equipment (20).

Sustainability and industry
All this talk and theoretical questioning may make some people nervous. Industrial managers and production engineers need solutions and do not care about problems. They have to get things going, make ends meet, pay back invested capital and usually have not the time for verbal rambling. Sometimes, usually too late, they discover that on account of some theoretical rambling their very existence is put in jeopardy, their markets disappear and their technologies made obsolete. Industrial processes and transformations do not change in a matter of days, but their change is continuous, sometimes slow and sometimes it's a surprising blitz. The products are not the same, the processes are not the same, markets and their motivations are not the same.

It is important to be aware of change and of its trends and to input daily design and daily updating of methods and processes with consistent information. Every industrial process receives information from a vast territory upstream and feeds conditions to downstream regions: any change can have consequences, either as a feed-back or as a feed-forward, on techniques, markets, and on the environment. Attention to trends and reaction to them is a vital structure of technological evolution and a precise responsibility of industrial management.

To put the environment into the design brief and Nature as a tool in the thinking paradigm seem to be two insurance policies worth paying for.

Authentic architecture
After this elaboration it may be of interest to briefly consider the problem of formal research in architecture and the primitive situation of its relationship with technology and design. The efforts of the Modern Movement and of the subsequent evolution of Architecture, seem to be a difficult and frustrating struggle to give inaccessible practical answers to poetically perceived questions.

As if architects had reached an invisible, unbreakable wall: the conflict between technology and imagination that post-renaissance logic cannot resolve.

Some intuitions seem right, but not thoroughly developed: like the structures of Pier Luigi Nervi or Otto Frei. A few moments in the struggle are fascinating and yield mysteriously beautiful architecture like the organic architecture of Alvar Aalto, the neat cut of Tadao Ando and the expressions of Isozaki. Other moments, like the experience of Frank Gehry, denounce the complete absence of any technological wisdom from the conceptual moment (21): these buildings should be assisted by the structural sophistication of the diatoms and their envelope should have the intelligence of organic or vegetal skins and not the brutality of layers of metals, even if expensive and rare, or aggregates of stones, even if rich and polished. The question is, who is responsible for the gap: is the intuition beyond engineering capability, or engineering and technology miss the scope?

I see no answer to the question today and I take it as a conclusion to my exercise and as an indication of things to do: search in natural sciences for knowledge and know-how and transfer them to integrate technology and architecture with authentic design.

Lorenzo Matteoli

Notes

1) The term anthropocentric could be used, but this term is ideologically contaminated by recent use and bears a negative connotation that in the specific instance has to be avoided.

2) The most serious limit is the economy: present macroeconomy conventions assume environment and resources are unlimited, thus their costs and prices only cover extraction, transportation expenditures and profit. No single economy can cover the environmental costs if it has to compete on the global markets with economies that ignore them. This limit alone is a severe constraint to the feasibility of Brundtland's definition.

3) This is the approximate datation of the big bang according to Friedman-Lemaitre, whereas man appeared on Earth according to L.L. Cavalli-Sforza/J.L. Mountain in Central Africa 7 million years ago (Kenyapithecus Africanus), moved to Europe 500 thousand years ago (Johnatan Cape), and only 13 thousand years ago arrived to North America through the Bering Strait (frozen) according to J.M. Adovasio. Organic life on Earth started three billion years ago. If the total life of Earth would cover 24 hours, man's presence would be 30 seconds of that day. The twenty centuries after Christ would blink off in 8 thousandths of a second.

4) A statement that again leads to the fragility of Brundtland's concept.

5) Contrived through human art or effort and not by natural causes detached from human agency (Webster's third new international dictionary)

6) Clearly a mistake in the evolutionary path: when species make mistakes usually they are bound to extinction. In this case the mistake could be the betrayal by reason: the thinking ability that brought us to believe to be distinct is the cause of our destruction.

7) Richard Dawkins: " We are survival machines, robots, blindly programmed to preserve those selfish molecules called genes: this is a reality that never ceases to make me wonder, I have known it for years, but I never got completely accustomed ..."

8) Since it is genetic altruism and necessary, it might be worthwhile to practice it with compassion: at least for the sake of elegance.

9) The more complete a process the minimum energy required in the entropy balance.

10) Each question implies a complex debate and contributes to the destabilization of the Brundtland concept: from the point of view of evolution these questions are irrelevant. From a politico-economic point of view they are vital.

11) I personally believe in reasonable Utopia and am convinced that many if not all great achievements in history where a result of the Utopian vision of the very few. (see Utopia and Environs, L. Matteoli 1995 in www.Geocities.com/Athens/3019/).

12) The negative connotation of the term is appropriate here.

13) This way of thinking often commanded technical solutions to wrong problems or invented non existing problems to apply whatever technical solution available.

14) A qualified representative of this line is Paul Ehrlich whose strong denouncement has to be appreciated while asserting his lack of proposal; on the opposite side of the debate John McCarthy supports a tough hyper-technological solution.

15) The scientific debate on this topic is very lively: the general feeling is that both parties bet on the improbability of the others' more than on the probability of their own thesis. WEB sites on global warming and on oil resources and reserves and on food, are a good example of the obscurity of the whole matter.

16) Difficult to find examples: organic waste composting could be one. The best theoretic reference are Prigogine models for the understanding of steady state balance derived from reversible thermodynamic processes

17) To complete an example proposed later in the paper: men too can climb on glass surfaces like flies, but rubber suction caps are a primitive solution compared to intermolecular pulvillus.

18) Negative as far as the man centered vision is concerned: from a wider point of view there's nothing negative in the extinction of a species.

19) Suffice to think at high speed photography or to infrared photography, X rays, tracers such as helium bubbles to trace the wake left by birds in the air. This method showed why Canadian Geese fly in formation: they use the vortex at the tip of the other bird's wing to minimize the effort ...

20) Leonardo had no intuition of the effect of wing geometry to generate lift: according to what he could see, motion and lift were the result of wing flapping.

21) To avoid ambiguities: Gehry's technology is sophisticated, but totally subject to his design position: it is a technology designed to solve his formal concept, not a technology born with or suggestive of the formal intuition. In Nervi's and Frei's designs the relationship between form and structure is quite different.

Aknowledgements
Following a long time habit the draft of this exercise was circulated to the group of friends with whom we currently exchange ideas and the last edition takes into account their comments and crits: some of them severe, all of them enlightening. The initial ideas have not changed (more or less), but clarity was greatly enhanced. Nowadays this habit of mine is made easy and good fun by the e.mail. I must thank: Andrea Aparo, Angela Alessi, Federico Butera, Bruno Caudana, Gianvi Fracastoro, Andrea Ketoff, Antonella Marucco, Roberto Pagani, Lorenza Matteoli, Al Messina, Gabriella Peretti. Thanks Mates ! LM

 

Sommario
Vengono indicati i limiti del concetto di sostenibilità come posto dalla Commissione Brundtland nel 1987 e vengono quindi sinteticamente espressi i motivi che ne rendono difficile l'applicazione al progetto urbanistico e di architettura. Dalla critica vengono rapidamente desunti gli elementi conoscitivi che devono essere svolti per un trasferimento più efficace del concetto al progetto urbano e architettonico.

Il saggio propone quindi il superamento radicale del concetto di sostenibilità mediante una ingegneria e una tecnologia che usino la natura non come limite o condizione, ma come strumento. Vengono riportati esempi e viene descritta la struttura della rivoluzione progettuale conseguente. La conclusione suggerisce di cercare nelle scienze naturali le conoscenze necessarie e trasferirle, in prospettiva storica, ad integrare tecnologia e architettura nello svolgimento di un progetto autentico.

I limiti del concetto di Brundtland
Il concetto di sostenibilità definito dalla Commissione Brundtland nel 1987 è un prodotto della visione umanistica che ha dominato la Scienza dal Rinascimento ai nostri giorni. Il concetto, limpido e affascinante nell'enunciato, non regge ad una analisi rigorosa: i limiti spaziali, temporali ed economici sono tali da rendere la sua pratica molto relativa e quasi... insostenibile.

Il nostro Pianeta è nato in un bang galattico 10 miliardi di anni fa circa deserto di uomini e si schianterà, deserto di uomini, in un fantasmagorico gnab stellare fra qualche milione di milioni di milioni di anni. O domani. La nostra cultura? una scintilla di un nanosecondo per l'orologio delle galassie.

L'idea che la nostra specie di mammiferi pensanti, parlanti, scriventi e tecnologici, sieda in cima al sistema planetario per l'eternità e che il sistema abbia come solo scopo quello di garantirci un eterno privilegio, può essere paragonata all'idea che la Torre Eiffel abbia come unico scopo quello di sostenere l'ultima crosta di vernice alla sua sommità.

Il nanosecondo galattico è però abbastanza importante per noi (come la Torre Eiffel per la crosta di vernice): anzi riveste una importanza totale e avvolgente. Di quello unicamente ci occupiamo da sempre.

L'abilità disastrosa di interferire in modo scontrollato con l'ambiente e con il sistema planetario non deve legittimare l'assunzione corrente che noi siamo fuori dalla Natura e altri rispetto al Pianeta che ha la sola funzione di servirci senza condizioni. Siamo invece nella Natura, parte integrante e inscindibile di Gaia, il nostro interferire, provocato dalla ragione, è conseguenza della nostra matrice naturale. Perché la ragione è nella nostra natura e non altrove. Tanto che l'uso che ho fatto degli aggettivi disastroso e scontrollato è da ritenersi improprio, o solo motivabile quantitativamente dalla potenza degli strumenti con i quali interferiamo. Il disastro lo vediamo attraverso il filtro della nostra presunzione di essere la Specie al centro dell'Universo, tolto il filtro tutto diventa naturalmente conseguente: l'estinzione è un fenomeno corrente nel processo naturale. Nessuna cultura è eterna e almeno una specie umana si è già estinta (Neanderthal).

I processi naturali e le culture quindi non sono nè sostenibili nè insostenibili : si evolvono. I cicli evolutivi di alcuni subsistemi e di alcune culture sono caratterizzati da maggiore o minore durata, dove con il termine si intende la loro permanenza, con distinta identità, funzioni e collocazione, nel contesto complessivo.

L'idea che la specie di Cro-Magnon sia altro rispetto alla Natura ha indotto la definizione di artificiale come altro, o contrapposto, rispetto a naturale. Chiamiamo quindi artificiali i processi di trasformazione (e le relative tecnologie) inventati e disegnati dagli uomini e li distinguiamo dagli altri processi di trasformazione operanti sul Pianeta che chiamiamo naturali. Una distinzione difficile da collocare e che ha indotto successive fittizie distinzioni e, alla fine, ha comportato un regime di antagonismo e di contrapposizione equivoco. La presunzione di alterità è stata originata dalla identificazione che viene correntemente fatta, e mai esplicitamente dichiarata, tra la nostra realtà fisica organica (corpus in latino) e la nostra capacità di pensare (animus in latino): siccome pensiamo siamo altri rispetto alla natura. Non è il caso di aprire in questa sede un dibattito che tormenta le coscienze da sempre: è legittimo però affermare che la presunzione di alterità è certamente tale per quanto concerne il nostro essere fisico. Per quanto strani, eccezionali e pensanti, fisicamente non siamo per nulla altro rispetto alla natura e nemmeno al di fuori dei suoi schemi, solo che da qualche migliaio di anni a questa parte, a seguito della potenza tecnologica acquisita attraverso la razionalità e a seguito di una visione economica parziale, non abbiamo pensato di completare i nostri processi di trasformazione per assicurarne la congruenza economica e ambientale complessiva. Un comportamento dettato da una interpretazione contingente (razionale?) dello stimolo egoistico fondamentale di tutela della specie . Il sospetto attuale è che la risposta a questo stimolo non possa essere limitata a specifiche condizioni geografiche e temporali: ha una valenza globale. La spinta egoistica che ci condiziona geneticamente è costretta alla virtù perchè solo in sede planetaria il nostro egoismo genetico trova garanzie. Questa l'origine della nostra preoccupazione transgenerazionale e planetaria: non è impegno politico morale, non è generosità disinteressata, si tratta di un comportamento altruistico necessario e indotto dalla matrice genetica fondamentale e ha come scopo la preservazione della specie . Quando diventerà un modello conforme si innescheranno i poderosi cambiamenti epocali che da tempo "the conscious science" attende.

I processi che chiamiamo artificiali sono processi di trasformazione relativamente incompleti , o il cui completamento è stato lasciato temporaneamente irrisolto dalla tecnologia adottata nella (o per effetto della) economia contingente.

Se questa ipotesi è giusta il problema, attuale e urgente, della progettazione (e in senso più lato della scienza) è quello della chiusura dei processi di trasformazione incompleti. La domanda, drammatica e legittima, è a quali costi, in quali tempi, in quali geografie e a spese di chi e di cosa , ma non è di questo che mi voglio occupare in questa sede.

Alla luce di queste considerazioni va ridimensionato il fervore con il quale nell'ultimo decennio la cultura della tecnologia e del progetto si è impegnata sul concetto di sostenibilità. Forse una quasi trentennale campagna di promozione della catastrofe ambientale planetaria in essere o presunta ha innescato la passione sostenibilista i cui vati chiedono oggi di operare contro i più elementari e fondamentali principi della economia vigente.

Fra le tante voci basta citare quella di Ian Tinbergen (Premio Nobel per l'Economia) che sostiene la necessità sfruttare le risorse del Pianeta avendo in mente un numero illimitato di future generazioni con eguale diritto. Una sfida che non può essere formulata senza qualche sospetto sulla sua fondamentale economica plausibilità. Qualcosa come: è impossibile, ma dobbiamo farlo o, comunque, dobbiamo comportarci come se avessimo l'obbligo di farlo. Una posizione corretta e rigorosa, ma apprezzabile solo in termini religiosi oppure di conservazione genetica della specie. Il fatto che questa sia la posizione di un economista di grande fama è significativo: Tinbergen ha chiaramente interpretato il messaggio del "selfish gene", oppure lo sente attraverso una sua fede religiosa.

La presunzione della superiorità della specie umana sulla Natura si può far risalire al pensiero Rinascimentale, è da quella visione che abbiamo derivato la interpretazione settaria e antropocentrica della nostra relazione con l'ambiente che, alla fine, è responsabile dell'attuale deformazione patologica. La Natura è vista dalla cultura scientifica moderna non come sistema al quale apparteniamo, ma come sistema esterno, altro, come sistema da dominare, vincere, contro il quale lottare per affermare o verificare la nostra supremazia.

L'impegno dell'etica scientifica è sempre stato quello di risolvere tecnicamente, e in linea di pura ingegneria congiunturale, ogni problema , cosa che ha impedito di vederne le conseguenze a lungo termine, se non ultime e, quindi, di individuare soluzioni consistenti con l'ambiente naturale complessivo e con l'effettivo dettato genetico che in pratica è stato ignorato (o tradito?).

La reazione dei verdi ambientalisti considera l'uomo totalmente soggetto alla natura ed è quindi in contrasto con il mandato genetico e incapace di soluzioni dialettiche integrate. Per trovare risposte di segno evolutivo è necessario un radicale cambiamento di prospettiva.

La rivoluzione dell'ingegneria prossima ventura
Se ci sono linee risolventi alla dinamica catastrofica , queste impongono un nuovo scopo alla ingegneria e alla cultura del progetto: la concezione dei processi di trasformazione deve assumere il dato ambientale non come limite da rispettare, ma come strumento da utilizzare.

Fino ad oggi la scienza ha studiato la natura e ha cercato di vincerla, dominarla, risolverla tecnicamente in termini solo congiunturalmente economici e utili all'organizzazione antropica . Bisogna invece studiare la natura, per risolvere i processi di trasformazione antropica, utilizzando i suoi stessi strumenti.

Si tratta di un capovolgimento copernicano che implica un grande sforzo di fantasia e una nuova spregiudicatezza progettuale. Gli oggetti e la struttura della quotidianità vanno rivisitati in modo radicale, tutto è diverso: le città, le case, l'alimentazione, l'agricoltura, l'industria, i trasporti, l'informazione, l'economia, la politica, il pensiero. Un capovolgimento concettuale che mette in luce, da una parte, la quantità di conoscenze e vincoli inutili che abbiamo accumulato nel percorso razionale e, dall'altra, la insufficienza di conoscenze ambientali utili disponibili e, infine, l'enorme sforzo che deve essere fatto.

La ragione che distingue la specie umana, nascosta in quel marginale 2% di diversità genetica rispetto agli altri primati, ha cassato altre potenzialità orientando diversamente il processo evolutivo. Se vogliamo uscire dalla spirale negativa che caratterizza la attuale fase evolutiva e correggere l'errore "razionale" commesso, dobbiamo chiudere i processi lasciati incompleti e recuperare, con una diversa concezione della scienza, dell'ingegneria e della tecnologia, la congruenza del nostro sistema fisico con il sistema ambientale, la nostra intima, irrazionale ed efficacie, appartenenza alla natura. L'animus seguirà .

Il progetto sostenibile con i suoi limiti e le sue contraddizioni indica la giusta direzione, ma va superato. Si tratta di un utile esercizio e si inquadra nella categoria tradizionale e ben consolidata del progetto ben fatto, del progetto che tiene effettivamente conto dei vincoli ambientali nella loro estesa accezione e che spinge, al limite dell'accettabilità culturale del mercato, la sua economia. Non si può chiedere molto di più alla professione e alla industria corrente: per chiedere di più è necessario istruire le condizioni culturali e politiche perché questa richiesta sia praticabile.

Oltre la sostenibilità
La fase della sostenibilità farà quindi il suo tempo e verrà assorbita dalla prassi corrente lasciando contributi utili e positivi: gli strumenti per il progetto ambientalmente consistente saranno più sofisticati e completi, molte delle attuali incertezze e contraddizioni etiche saranno risolte, qualcuno dei limiti superato. Per ogni specifica situazione e per ogni tipologia le scelte tecnologiche complessivamente sub-ottimali saranno definite in termini più affidabili e accurati. Saranno messe a punto tecnologie, materiali e processi di trasformazione commercialmente competitivi per la soluzione efficacie di molti problemi: riciclaggio delle acque grigie, integrazione energetica, energy cascading, solare termico e solare fotovoltaico. I costi ambientali saranno interiorizzati nei costi dei materiali, dei componenti e dei servizi. I governi istituiranno incentivi economici per promuovere le tecnologie ambientalmente consistenti...

Il problema verrà anche chiarito da alcune ombre moralistiche che adesso lo appesantiscono: la corsa verso il massimo entropico è ineludibile, il consumo di Pianeta naturalmente associato all'insediamento degli uomini potrà essere ridotto e ripartito in modo più equo, ma non eliminato, il nostro debito nei confronti di future generazioni si bilancia con i nostri crediti, inesigibili, nei confronti delle generazioni passate, ma resta un debito virtuale. La nostra virtù nei confronti del benessere di generazioni future è un preciso dettato dell'imperativo genetico: così dobbiamo fare per il nostro stesso benessere. La motivazione etica è la conservazione della specie, la trasmissione della fatidica molecola di proteina ai futuri millenni.

Sempre per questo motivo i Paesi del Terzo Mondo non possono vedere aggredito a lungo il loro diritto alla evoluzione dalla imposizione della sostenibilità secondo i canoni dei Paesi industrializzati: se vorremo utilizzare l'ossigeno prodotto dalle foreste equatoriali dovremo pagarne il giusto prezzo, compensando equamente i Paesi che oggi sono costretti ad abbatterle per sopravvivere nell'economia tecnologica esiziale della globalizzazione a senso unico.

La sostenibilità e il progetto di architettura
L'impatto sul progetto e sull'architettura sarà evidente e registrato dalla cronaca e dalla storia: dopo le categorie proposte da Alexander Tzonis e Liane Lefaivre e quelle a suo tempo indicate da Charles Jencks: Populism (1968), Le rappel a l'ordre (1970), Neo-rigorism (1975), Skin-rigorism (1980), Critical regionalism (1980), The call to disorder (1985), Realism (1985), The eighth tendency 1992), avremo una fase di Architettura Autentica come anticipata in alcune recenti pubblicazioni (cfr G. Peretti, Verso l'ecotecnologia in Architettura). Gli architetti comunicheranno i valori attraverso gli strumenti della consistenza ambientale e delle sue tecnologie (cfr di M. Grosso Raffrescamento passivo degli edifici.). Questa naturale evoluzione delle cose è già leggibile nel presente e non ci vogliono profeti per vederne la futura ulteriore affermazione.

Non serve speculare ulteriormente su questo argomento, più interessante è invece, in questa sede, cercare di vedere quali conseguenze, meno ovvie, potrà avere la esperienza della sostenibilità sullo svolgimento della ricerca progettuale nell'industria e in architettura.

La indicazione più chiara emersa è stata quella dell'isolamento scientifico che caratterizza il nostro campo. I curricula delle nostre scuole sono sterilmente monoculturali: tutti i discorsi sulla interdisciplinarietà degli anni '70 non hanno sortito a nulla. L'integrazione disciplinare è stata mantenuta rigorosamente all'interno della parrocchia: parliamo solo all'interno dei nostri circoli, clubs e chiesuole. Insegnamo solo gli strumenti del nostro mestiere e sembriamo continuamente re-inventare ombrelli e acqua calda. Nemmeno ruote.

Gli architetti si incontrano con architetti, urbanisti con urbanisti, tecnologi con tecnologi (dell'architettura). In rare occasioni ci sono seminari dove progettisti architetti incontrano urbanisti: occasioni nelle quali si assiste in genere alla ermetica impermeabilità di linguaggi e culture.

Si è mai sentito parlare di un seminario fra architetti e biologi? o fra architetti e agricoltori? oppure di un simposio fra architetti ed esperti di tecniche di imballaggio? architetti e ingegneri idraulici, chirurghi, neurochirurghi, linguisti, tecnici forestali, ingegneri navali, odontotecnici, ingegneri tessili etc. etc. ...?

Mai. Molti leggeranno queste ipotesi con forte sospetto: cosa abbiamo da imparare dagli ingegneri tessili? o dagli odontotecnici? Magari nulla, magari molto, ma come fai a saperlo se nemmeno gli parli ?

A mio avviso l'isolamento monoculturale è responsabile primo della lentezza che da sempre caratterizza l'innovazione nel campo della costruzione edile e della concezione architettonica progettuale. Se si confrontano il ritmo e la portata delle innovazioni tecniche e concettuali che hanno connotato altri campi della tecnologia e della produzione industriale (aviazione, elettronica, tecniche informatiche, botanica, biologia, chimica, comunicazioni, energia, chirurgia, ingegneria genetica e bioingegneria, agricoltura, pesca, ingegneria tessile, stampa....) con quello che invece è cambiato nella costruzione edile e nella architettura l'evidenza del ritardo è macroscopica. Prendete un qualunque oggetto: una racchetta da tennis, un paio di scarpe o di scarponi da sci, una macchina fotografica, una radio, una bicicletta e paragonatelo al suo omologo di trenta o venti anni fa. Spesso ci sono addirittura problemi di riconoscimento tanto sono cambiate le cose. Prendete invece un componente edilizio qualunque: una finestra, una maniglia, un muro, una grondaia: pochissimi cambiamenti se alcuno. Spesso si assiste alla contraddizione di oggetti prodotti con materiali nuovi ricopiando le forme degli stessi oggetti prodotti con materiali antichi: tale è la forza della permanenza formale nei nostri processi di pensiero. Nell'edilizia non ci sono state gare sportive, non c'è stata la pressione di un mercato competitivo, ma, specialmente non c'è stata la ricaduta positiva della fertilizzazione incrociata transdisciplinare e l'artificio tecnico ha dominato la natura. L'edilizia è l'emblema del dominio antropico antagonista sull'ambiente.

Il progettista di scarponi da sci non sopravvive nel mercato se non è in grado di collaborare con ingegneri chimici, esperti di resine e di materie plastiche, stampisti e attrezzisti, ortopedici, medici della pelle, medici sportivi, atleti, allenatori, ingegneri meccanici, tecnologi dello sci, tessitori, ingegneri tessili... etc. Gli architetti non saprebbero nemmeno parlare a un biologo e progettano il contenitore del più complesso sistema di processi biologici. Quanti architetti sanno come funziona la nostra pelle, come funzionano le orecchie, gli occhi, la struttura ossea o l'apparato digerente? E non suggerisco questi organi solo perché la casa interferisce con ognuno di loro, che sarebbe di per se già una buona ragione, ma perché il loro modo di funzionare e la loro struttura sono eccezionali esempi di tecnologie molto sofisticate e adattive. Nel disegno di un ginocchio, o del sistema osseo maxillo-facciale ci sono alcuni milioni di anni di esperienza evolutiva. Le stesse considerazioni si possono fare per infiniti altri organismi: gli occhi delle mosche, le ali dei coleotteri e degli uccelli, il sistema di controllo del volo di un'ape o di una zanzara. I ragni sono costruttori di sofisticate strutture tese, ma sono ancora più abili tecnici di processi biochimici: il processo attraverso il quale allineano le molecole di proteina attraverso le loro filiere, trasformando un brodo informe in un filo sottilissimo dalle caratteristiche elastoplastiche e meccaniche eccezionali è ancora oggi un segreto che se si riuscisse a capire potrebbe comportare una rivoluzione tecnolgica di enorme portata. Il ragno controlla un processo di trasformanzione molecolare senza calore, senza pressione, senza energia. Parte dai corpi di mosche e di zanzare morte e, come prodotto finale, arriva a un filo che nessuna tecnologia inventata dagli uomini riesce ad imitare.

Acquisita la capacità di apprendere e operare razionalmente, qualche milione di anni fa, forse abbiamo perso un patrimonio di conoscenze e di abilità naturali che erano profondamente inscritte altrove nel nostro DNA o in qualche piega della nostra memoria fisiologica. Abbiamo preso la scorciatoia razionale del percorso evolutivo bruciando, tecnicamente, per centinaia di migliaia di anni altre specie e ordini, ma oggi dobbiamo pagare qualche debito.

Quando parliamo di tecnologie avanzate in genere parliamo di componenti o sistemi intelligenti: la casa intelligente, la finestra intelligente, il riscaldamento intelligente. A fronte degli organismi naturali il nostro modo di fare cose intelligenti sembra molto grossolano e primitivo: si riempie il sistema di sensori e di processori elettronici per comandare mediante attivatori meccanici o elettromeccanici i diversi dispositivi.

L'unico componente intelligente nell'involucro esterno degli edifici sono le finestre: unicamente perché si possono aprire e chiudere e perché si possono attrezzare con schermi esterni e interni. Tutto sommato una cosa banale rispetto al sofisticato sistema adattivo della nostra pelle che è in grado di cambiare di temperatura e di umidità in modi diversi per diverse parti del corpo reagendo e rispondendo continuamente alle sollecitazioni ambientali per ridurre al minimo il consumo di energia necessaria al riscaldamento e al raffrescamento del nostro corpo. Se ci guardiamo intorno gli esempi di controllo ambientale diretto presenti nella Natura sono molti e quasi tutti sconosciuti dai progettisti di case e dagli ingegneri.

Le termiti Africane costruiscono castelli di argilla che al loro interno mantengono una temperatura costante di 21.1 gradi centigradi, senza bruciare combustibile, senza termocoppie, senza processori, pompe o altro marchingegno.

Un albero, un organismo da noi ritenuto privo di qualunque intelligenza, con le sue foglie, le radici e le sue cellule costituisce un sistema molto più intelligente e ambientalmente adattivo di qualunque marchingegno realizzato dall'uomo. Un albero solleva tonnellate di acqua per decine di metri senza l'ausilio di pompe, inoltre trasforma l'anidride carbonica in ossigeno utilizzando la luce come combustibile: una trasformazione che richiede pesante attrezzatura di caldaie e pentoloni nel mondo della più sofisticata tecnologia industriale.

Le mosche, una presenza banale nella nostra vita quotidiana, hanno un microscopico sistema di controllo del volo incredibilmente più sofisticato di quello del più moderno elicottero: si muovono nelle tre dimensioni dello spazio con spostamenti micrometrici e compensano la velocità del vento e quella del loro obbiettivo, hanno un sistema alare che consente di operare su diverse frequenze, e in cima alle zampe un cuscinetto soffice di fibre microscopiche che, interagendo con la struttura molecolare dei materiali più lisci (vetro, acciaio, plastica), consente loro di camminare su superfici verticali o appese a superfici orizzontali con enorme disinvoltura.

Questi pochi esempi sono sufficienti a farci intravedere la distanza fra quello che dovremmo ricercare e quello che dovremmo disegnare, rispetto a ciò che effettivamente disegnamo e ricerchiamo come architetti e costruttori.

L'osservazione e lo studio della Natura sono stati, e sono tuttora, le fondamentali metodologie di apprendimento, il trasferimento dei metodi e delle tecniche naturali e il loro controllo da parte degli uomini non hanno però avuto la stessa attenzione a seguito, forse, della nostra presunzione di alterità.

Molti fenomeni naturali sono noti al biologo e all'entomologo, ma manca qualunque raccordo per il trasferimento all'ingegneria e alla tecnologia a causa di una evidente lacuna nel sistema di comunicazione fra le discipline. Una lacuna che, nel campo della costruzione edile e della sua concezione, è molto più sentita che in altri settori per la forte radicazione antropologica di questa attività.

Gli strumenti oggi disponibili per studiare i processi e le trasformazioni naturali sono incomparabilmente più potenti di quelli che avevano i ricercatori rinascimentali, ma la distanza tra le conoscenze e le possibili applicazioni invece di diminuire è ancora aumentata.

Lo studio del volo degli uccelli fatto da Leonardo con il solo ausilio dell'osservazione a vista condotto con la strumentazione disponibile oggi fornisce indicazioni assai più precise.

La sostenibilità e la progettazione industriale
Tutti questi discorsi possono innervosire gli operatori di impresa: gente che vuole soluzioni e non problemi, che deve mandare avanti la baracca e che deve produrre e vendere per pareggiare i bilanci e che in genere non ha molto tempo da perdere in discorsi teorici. Salvo accorgersi, in genere troppo tardi, che a seguito di qualche discorso teorico la loro stessa esistenza viene messa in discussione, il loro mercato ... cancellato, le loro tecnologie superate.

Le trasformazioni e i processi industriali non cambiano in pochi giorni né in poche settimane, ma comunque cambiano continuamente, talvolta lentamente e talvolta con velocità sorprendente. Gli oggetti prodotti non sono gli stessi, i processi e le tecnologie di produzione non sono le stesse, i mercati e le motivazioni dei mercati non sono le stesse. La cosa importante è capire la tendenza del cambiamento e inserire nella progettazione quotidiana, nella quotidiana revisione di metodi e sistemi le condizioni conseguenti. Il cambiamento e l'evoluzione nel medio lungo termine sarà diversa da quella che sarebbe avvenuta (o non avvenuta) se la percezione della tendenza fosse stata diversa e altre le indicazioni conseguenti. Ogni processo industriale insiste su una molteplicità di condizioni a monte e informa una molteplicità di condizioni a valle e ogni cambiamento può quindi determinare sia come feed-back che come feed-forward vaste conseguenze tecniche, commerciali, ambientali.

Il compito dell'impresa è quindi quello dell'attenzione critica e attiva alle tendenze in atto e alle loro dinamiche evolutive e della reimpostazione continua delle loro ipotesi progettuali, dei loro processi tecnici e di analisi dei mercati.

Inserire la condizione ambientale nelle ipotesi di progetto, ma, più importante ancora, inserire la condizione dettata da un nuovo atteggiamento nei confronti della natura intesa questa come strumento e non come limite, sembrano due buone polizze assicurative per una saggia gestione industriale il cui premio vale la pena pagare.

L'architettura autentica
Alla luce di queste considerazioni può essere, infine, interessante analizzare il senso della ricerca formale nel campo dell'architettura e il rapporto grezzo fra tecnologia e disegno che oggi ne è la struttura. Guardando complessivamente lo sforzo di indagine del Movimento Moderno e delle evoluzioni successive del progetto di Architettura si ha la sensazione di un dibattito difficile e frustrante, alla ricerca di significati intuibili poeticamente, ma praticamente inaccessibili. Come se gli architetti fossero giunti a una strana barriera insuperabile e nello stesso tempo invisibile: un conflitto non risolvibile, nella logica scientifica post-rinascimentale, tra la strumentazione tecnologica e l'immaginazione compositiva. Alcune intuizioni sembrano corrette, ma non svolte se non sporadicamente come l'intuizione strutturale di Pier Luigi Nervi, quella di Buckminster Fuller o di Otto Frei. Alcune fasi del dibattito danno luogo a oggetti affascinanti e misteriosamente belli, come l'architettura di Alvar Aalto, la raffinatezza di Tadao Ando e di Isozaki. Altre fasi, come l'esperienza di Frank Gehry, denunciano l'assenza totale dalla intuizione compositiva di una adeguata strumentazione strutturale e tecnologica : sono edifici che dovrebbero essere assistiti dalla capacità strutturale delle diatomee e da soluzioni dell'involucro vegetali e organiche non da inerti stratificazioni di metalli, ancorchè rari e costosi, o di pietre per quanto raffinate.

E' lecito domandarsi dove sia lo strappo: è l'architetto che intuisce oltre la possibilità oggettiva dell'ingegneria e della tecnologia, o sono l'ingegneria e la tecnologia a mancare l'obbiettivo ?

Non vedo oggi risposte a questa domanda che assumo, quindi, come conclusiva del mio esercizio e indicativa delle cose da fare: cercare nelle scienze naturali le conoscenze e trasferirle adeguatamente per integrare tecnologia e architettura nello svolgimento di un progetto autentico.

Nota: Secondo una mia abitudine, una bozza di questo esercizio è stata sottoposta al gruppo di amici e interlocutori con i quali di queste cose si discorre "istituzionalmente" e l'ultima redazione risente dei loro commenti e critiche, alcune dure, e tutte illuminanti. Le idee di partenza sono rimaste, ma l'articolazione, la chiarezza e l'argomentazione sono molto migliorate. In questi tempi la mia prassi è resa assai più facile, e divertente per me, dalla posta elettronica.

Lorenzo Matteoli

Devo ringraziare:
Andrea Aparo, Federico Butera, Bruno Caudana, Gianvi Fracastoro, Andrea Ketoff, Antonella Marucco, Roberto Pagani, Lorenza Matteoli, Al Messina, Gabriella Peretti. Thanks Mates ! lm