ABOUT ME
CONTACT ME
ARTICLES
    

Bibliography
Biobliografia
Ahmed Rashid, Taliban, Yale Nota bene, Yale University Press, 2001.

James F. Hoge, Jr and Gideon Rose Editors, How did this happen?, Public Affairs, New York 2001.

Related Articles
Articoli in tema
Progetto di Pace
After September 11

 Note: most of the information for this comment has been retrieved from the web:

click here for more info

Nota: La maggior parte delle informazioni per questo commento sono state reperite su internet, questa URL e' un buon punto di partenza:

clicca qui

TITLE: 9.11 take 3

TITOLO:  9.11 terza puntata

WRITTEN BY: Lorenzo Matteoli

DATE: December 6th, 2001

TRANSLATION EDITED BY: Wendy Charnell

Overview

Three months have passed since the WTC attack. The war in Afghanistan has progressed from the "air" to the "ground" stage. Taleban and Muslim fundamentalist atrocities are now documented with solid evidence, certainly not beyond the reasonable doubt of the staunchest pacifist. To the Taleban atrocities we must now add those of the mujahidin, performed in strict compliance with the best Afghan tribal war canons and witnessed by USA and UK observers.

The existence of a number of well established world terrorist networks came as a surprise even to the well informed, like the USA and European intelligence agencies.

The dialogue between pacifists and those who think that the Afghan military intervention could not be eluded is impossible: In an ideal world there should be no wars; they have never been a solution to problems, but when the declared and nonnegotiable aim of one party is the physical annihilation of the other party, the biological project and the genetic program supersede any other rational path.

The pacifist platform necessarily implies an unacceptable self-immolation. There was no peaceful solution to Hitler's project in 1938 and there is no peaceful solution to the Al'Qaida project in 2001.

Bush is accused of waging a war which is useful for the survival of the energy-capital-industrial USA and Western system and necessary to secure Caspian-Persian Gulf oil resources for the next 40 years, which is true, even if Afghanistan is not directly involved in the oil geography. However, this does not overrule the criminal responsibility of Al'Qaida, nor make their atrocities any more acceptable or civilised. If Bush stands accused so should Europe and Italy since we share the same blind energy strategy. Moreover, it is difficult to believe that the chiefs of the various tribes and ethnic groups (Tchetcheni, Uzbeki, Tadjiki, Turkmeni, Hazari, Pashtun, Talibans etc.) are not perfectly aware of the implications of this war on the long term control on oil resources of the Persian Gulf-Caspian region.

It is clear that precisely this control and the control of the considerable amount of money that will land on Afghanistan for the postwar reconstruction is the problem. A solution must be found around the St. Petersberg negotiation table. Bush does not enjoy much sympathy from European countries which is not even enhanced by the authoritative commitment of Tony Blair or by the glorious banners of the United Kingdom waving in the Afghani deserts.

Mr Berlusconi's eagerness to gain a place in the honourable war is easily ridiculed by the Italian pacifists, ideologically ambiguous and void of any project. It is interesting to note that the comments in the Italian media were much more sober on Mr Schroder's failure to gather a strong majority for his decision to send soldiers to Afghanistan. If Berlusconi had had the same narrow victory in the Italian Parliament, the same political area that criticised him for the USA Day would have called for his resignation. As usual, if there is no government responsibility, it is easier to be passionately radical. It is interesting to note the lack of positive image that Berlusconi receives from a platform that is gratifying all the leaders of the Great Coalition.

War on global terrorism gave a powerful surge to international relationships bringing about partnerships which are ideologically and culturally arguable: understandable only in view of the specific emergency. A similar situation occurred in WW2 when, thanks to the diplomatic shrewdness of Winston Churchill, the US and the USSR were allied against Hitler. It took almost half a century of problems and confrontations to get rid of the consequences of that alliance.

The problem with war against terrorism is that everybody agrees, provided there is no specific identification of the "political aims" that are at present contained in the official definition of "terrorism" (killing of civilians for political aims). The Muslim fundamentalist terrorism trade mark supplied a timely solution to the problem. The political aims of the fundamentalist Muslims are the instrumental implementation of atrocious interpretations of the coranic "surah" in view of imposing their idea of a "new world order" . But the matter is not always that clear.

Another "holy cow" of present political correctness that has to be re-sized is the one about "Islam civilisation". Bush and the world media are always keen to emphasise: "It is not a war against Islam, it is a war against terrorism" because it's not politically safe to say that Islam countries are socially and institutionally backward when compared to Western countries, even if this is blatantly true with solid factual evidence available and sound historic reasoning. Nobody dares say that Islam countries are generally more prone to totalitarian modes of government that range from criminal dictatorship (Iraq, Afghanistan, Sudan) to paternalistic, more or less corrupt police regimes (Iran, Saudi Arabia, Kuwait, Egypt. Yemen, Emirates, Indonesia, Malaysia). Nobody seems to have sufficient cultural and ideological courage to say that the West has been freed from the poison of fundamentalist interpretations of the Christian and catholic doctrines, and of any other doctrine, through a dire, bloody and tough revolutionary process that lasted ten centuries, whereas Islam has never been touched by these "lay rinsing" processes, with the one exception of Turkey (thanks to General Ataturk). So it is not by chance that the West has succeeded (alas, not completely) in getting rid of bigoted deviant interpretations of the Christian-catholic doctrine. Ten centuries of religious persecution, massacres, inquisition tribunals, the arrogant violence of ignorant priests against thinkers and scientists, witch hunts, missionary intrusion, blood, tears and millions of lost lives are the price paid by the Celt civilisation for present day secularity (laicism): There is still much to be accomplished but it remains unique and unchallenged in the world. Frederick II Hohenstaufen's battle has not yet been won in Europe, but certainly the Islam world did not even begin to fight. There, religious doctrine is the State doctrine and the political hierarchy is its identical extension, just as in Stalinist Russia where the communist religion (party) dominated the Communist Government.

If the pope were the head of the Republic, Italy would not be different from Iran. If the catholic religion were to be the only ideology to get into power, strict compliance with religious duties would be controlled by a catholic police and there would be a Ministry for the Defence of the Catholic Faith with the power to interfere with the private and intimate lives of all citizens, a terrifying thought, given the fact that my fellow countrymen are prone to the paradigm of totalitarianism. The Italians owe a great debt to the Savoia Family and to Camillo Benso Conte di Cavour. Islam has never gone through this harrowing secularisation process and the poison of fanaticism and bigotry is still strong in the social veins of that world, which authorises the judgement of backwardness that everybody implicitly issues, but that very few have the ideological clarity to spell out. The memory of Arab mathematics and Egyptian astronomy worsen the matter for that culture which, in the year 1000 AD, was certainly more advanced than that of the Celts. They did not take advantage of their advanced culture for the following ten centuries, entangling themselves in the mire of fundamentalist dogma. This very useful tool for inquisitive totalitarian government, grotesquely male-centred behavioural modes, and cruel and social patterns was a sound and preliminary condition for tragic deviations. The Talibans are just one of the examples.

www.secularislam.org

The vain fragility of the conformist opinion on this matter deserves some comment. Any slight suspicion of tough racial, social or cultural behaviour in the States, Italy, Germany or France is harshly and crudely criticised. However, despite the current barbarism of many institutional Islam practices, moralistic scandal would be aroused in the western Islam "politically correct" bigots, who would remind us of Averroe', Avicenna, of the Arab mathematicians and of the Egyptian astronomers of ten centuries ago. Currently, women are deprived of education and social standing, suffer the misery of beatings and sexual submission, not only to their husbands but also to other male relatives, 'adulterous' women are stoned to death and thieves have their right hands amputated.

Those who torture, massacre, exploit, oppress, and starve, in the name of any god or "culture", must be rejected by civilised fellowship and their victims must be protected. This behaviour is incomprehensible even on anthropological grounds in the tribes of Kalimantan and Amazon and is heinous when imposed by codes and standards derived from a deviated or instrumental fanatic interpretation of true, or allegedly true, prophetic messages or traditions.

The statement is a moral obligation to those who enjoy the privilege of a civilisation that has paid very dearly with ten centuries of struggling against the secular power of the popes and lay revolutions for the right to speak their minds without fear or intimidation. Silence and complacency under the guise of political shrewdness or wisdom are reproachable connivances. Thus, even those who speak out on account of simplicity or open-minded sincerity must be appreciated. Simple intuition is often necessary to solve complex and deep problems, too intricate to be untangled by excessive articulation and analysis. Quite often throughout history, straightforward simplification revealed blatant truths and described "things that are as they are" ("ea quae sunt sic ut sunt" Frederick II Hohenstaufen in the prologue of the "Art of Falconry").

Hyper intelligence and sophisticated sensitivity to complexity can beguile even the smartest mind. The Emperor is Naked!

Politics is where problems are faced: silence through fear is an easy way out, connivance and shameful responsibility: who does not remember the guilty silence of Pious XII?

So the aggression of the media against Berlusconi after his obvious statements in Berlin and his subsequent denial have both been examples of poor ethical behaviour: the media conforming to the trite politically correct paradigm; Berlusconi ambiguously babbling and unable to support his line for fear of the petulant and arrogant conformity.

The war will be long, cruel and expensive. Its development and extension will induce harsh divisions within the great Coalition. The pacifist drama, with its inevitable difficulty of choices, will be a problem for governments and the armies at the Front. The instrumental participation by the coalition of those countries that only pursue their own peculiar "fight against terrorism", will face many countries in the West and in the East with trade-offs, often well beyond the limits of decency. Strange alliances (China, Russia, USA, UK, Pakistan, India, Indonesia, Saudi Arabia, Kuwait, Emirates, Egypt, Israel, Italy, France, Germany) will be unable to deal with the violent contradictions imposed by the war against global terrorism. Many friends will be lost in the journey, many allies will find themselves on both fronts. Even now, the position of the Saudis is an embarrassment. Bush's jingoistic rhetoric will become less and less palatable.

The core problem will be to acknowledge and face the historic motives of national-terrorist deviations, many of which are understandable, historically originated by specific political responsibilities. To punish terrorism without admitting those original political responsibilities and without opening an effective course of negotiation would not make a lot of sense. This is the challenge which true allies have to confront. But there are political responsibilities which must be accepted and faced: The delay with which the problem is tackled is a huge responsibility of all the western intelligence agencies, the time and the freedom granted to the chiefs of Al'Qaida to set up the international terrorist networks are the consequence of an unbelievable operational intelligence blunder. The embarrassment of disturbing the sensitivity of Arab friends (Saudi Arabia, Emirates, Egypt); the difficulty of aligning with the Russians on their problem with Tchetchen terrorism; the cover up of the incredible mistakes of the CIA and of the US Department of State with the Taleban and with Pakistan; the embarrassment in acknowledging India and Pakistan's problems in Kashmir. All these "mistakes" stem from the obsolete paradigm that rules the way in which the Department of State reads non American events: a paradigm apparently unchanged since the cold war.

While the US was investing political attention in President Clinton's sexual exploits and millions of dollars to fight Bill Gates ambiguous monopoly, and while Italy, France and Germany were investing police and magistrates in monumental investigations into political corruption the Muslim fundamentalists were busy setting up the Al'Qaida networks in the States and in Europe, financing the deed with tax evasion and possibly with public funds devoted to the promotion of multiethnicity. After September eleven, in just two months of inquiries, thousands of suspects have been mustered and questioned by different police agencies around the World. If the same inquiries had been made six months earlier, some of the terrorist attacks could have been prevented, and the international terrorist network could have been blocked at source. That is the political mistake: The electoral benefits of front page/prime time sex and corruption scandals had more appeal than the inquiries on Al'Qaida cells. Presidential blow jobs don't hurt many people, corrupt politicians steal money. Terrorists kill by the thousands, steal, and deprive nations of their freedom for decades. Sorting out priorities is an important political responsibility, grossly neglected under the pressure of the media oriented system.

If political responsibilities, with less conformist complacency, had faced the origins of national-terrorism movements ten or twenty years ago (Palestine, Afghanistan, Ireland, Euskalleria, Kashmir, Iraq, Iran, Ceylon, Sumatra, Maluku, Kalimantan, Solomons, Papua New Guinea, Philippine, Chiapas..) today we would not be in this emergency situation and there would not be the opportunities to lure frustrated youths into subversive schemes, with the offer of financial rewards or distorted idealism.

The war in Afghanistan
After three months the situation in Afghanistan almost defies description:

The Northern Alliance that initially comprised ten thousand fighters, armed with only old kalashnikov machine guns, is today a thirty thousand strong army, well equipped with the latest Russian technologies, (tanks, bombs and antitank shoulder grenades). The integration has allegedly been achieved with troops from the Uzbekistan and Turkmenistan regular armies. With the cover of heavy US bombing, the Northern Alliance today controls 90% of the territory and verbally opposes any ground involvement of foreign troops. It is difficult to know the actual undisclosed agreements.

While in Bonn, the Afghani delegates discussed complex political solutions and struggled to find some kind of agreement on a "list of names". In Kabul the Alliance Uzbeki commander, Doshtun, does not seem to be very happy to yield his effective control of the field to any virtual political entity. He will have to comply if he wishes to share the huge amount of money that the US, Europe and the UN will be pouring into the reconstruction of Afghanistan but he will comply on his own terms and in his own time.

According to some commentators, the present development of the war in Afghanistan is a victory for Russia who, without getting its hands dirty, benefits from the success of the mujahidin more than any other member of the "coalition" and can now deal, on its own terms, with the Tchetchen terrorists. But it is not so simple. In any situation involving Arab cultures and diplomacy there are "face" and "substance" problems that have to be properly dealt with. Usually, official statements are false (to save face) compared to the actual agreements that are never made public.

Doshtun is one of the most shrewd and cynical of the Afghani warlords as was evidenced when he allowed a few hundred Al'Qaida prisoners into the Mazar y Sharif fort without searching them. The consequent rebellion justified the massacre carried out immediately after, witnessed by powerless US and UK agents. It will not be easy to deal with the commander Doshtun and his demands in the future development of the reconstruction process.

It is difficult to predict how the mujahidin will behave in the aftermath of the war: They are not great allies of Russia who has always been suspicious of them, but nor are they available for an association with the Americans, who have more recently become suspicious of them. The Pashtun hate them to the point that four years ago they preferred the Talibans. They are divided into various ethnical groups involved in a deadly ever-changing game of alliances. It is, in any event, a loose cannon capable of seriously damaging the normalisation process and of making its management very difficult.

The UN, with the cooperation of Europe and the US, is trying to set up an interim intertribal government with the hope of importing it, "ready made", into Afghanistan. The chance to negotiate with Doshtun and with the other warlords is dependent on how the funds for the reconstruction will be managed. Hoping not to see large chunks of them bounce back on Swiss tightly guarded anonymous accounts.

Afghan Talibans who can make it, surrender by the hundreds or shift field (turn-turbans) crossing the lines during the night. Those who can't make it are killed by the Al'Qaida mercenaries (Saudis, Pakistanis, Egyptians, Iraqis, Yemenis). Non Afghan Taleban mercenaries belong to different ethnic groups with different behavioural patterns. The Yemeni tend to surrender, while the Pakistanis, Saudis and Egyptians are hardliners and follow Mullah Omar's battle cry: stand to your post, win or die. They probably know they would die anyway, according to the Afghan war code of conduct for "foreign mercenaries". Some of the Taleban top brass (sic: not much brass on their uniforms) have surrendered while others are making a difficult choice. Osama Ben Laden has not appeared in Al Jazeera journals and everybody seems to be pursuing him, hoping to claim all, or part, of the 25 million US$ ransom that Bush has placed on his head, 'dead or alive'.

In this chaotic situation, one must not forget the hundreds of civilian Afghani citizens killed by not very intelligent bombs, uncontrolled bandits, the slaughter of unarmed (or "armed") prisoners and the emergence of the coming winter that will probably claim thousands of lives.

War media coverage has claimed the life of ten press and TV reporters, (the heaviest toll in the last ten years of war reporting),

some of them killed in cold blood by loose gangs of Talibans. The Americans, (with the British, Australians, Canadians, French, Germans and Italians) are relentlessly bombarding all the caves that could host Osama and do not seem to have other goals for the time being. Bush and the CIA do not comment about unconfirmed rumors of possible extension of the war against terror to Iraq and Sudan. There is no information available on the Saudi and Pakistani involvement in Al'Qaida, that appears to be extensive and massive, with considerable embarrassment of the Ibn Saud dynasty and of president Musharraf. Less important, but still of political significance, is the presence of Egyptians among the Al'Qaida mercenaries. Should somebody have had prior knowledge?

The joyful response of the people in Kabul after the liberation seems to be the only positive and clear sign out of all this confusion and chaos: this war had to be waged. Any hope for the future depends now on how the war will be finished.

Notwithstanding a gloomy future, dangers and tragic uncertainties ahead, the people of Kabul rushed to the streets, re-opened the movie theatres, restored the TV station, turned on their radios and tape players and smiled again. Women threw away the burka and children began to play again, eventually even flying the blasphemous kites. Even a small spark of hope, peace and normality is enough to ignite the desire for a better future and "project". Again we see the old historic sequence repeating itself: freedom arises from blood, tears, massacres, tragedy and unbearable sacrifices. After thousands of years we do not seem to have learned anything better.

Was there an alternative? Have there ever been conditions for peaceful negotiation with the Talibans and the Al'Qaida mercenaries? When exactly was the opportunity for a different, less tragic, course of action lost? How did the dialogue between the Arab and Western World become a conflict, and why? Is it just the US policy on the Israel-Palestine issue, or just the Arab policy on the same issue? Do oil interests diminish the meaning of the war to free Afghanistan from the brutality of the Taliban regime? Or is it because of oil interests that Afghanistan could be freed?

The answers to these questions hold the key to solving the aftermath of the war in Afghanistan and possibly also other problems.

On analysis of the behaviour of Bush, Blair, Chirac and Schroder, one may suspect other reasons for waging the war. Their fear is palpable though there is no evidence to support such an allegation.

In the meanwhile - Oil
It is now commonplace to say that the war in Afghanistan is an "oil war". One of the stated goals of Al'Qaida is the control of oil resources in the region from the Caspian Sea to the Persian Gulf. There are UNOCAL projects to build a pipeline through Afghanistan from Turkmenistan to Pakistan. There were negotiations between the US and the Talibans on the matter to obtain the political stability needed to proceed with the investment. Not all the experts agree on the importance of Afghanistan in the oil/natural gas access and transportation strategies and the whole problem can be summarised in a few words: The US want to secure an institutional presence in the region in view of a possible unfriendly shift by Saudi Arabia and they want to rid the region of the Taliban-supported terrorist networks. These networks threaten anything from the coup to the oil blackmail or general destabilisation. Anywhere in the world.

Assumptions are made more serious by the possible monocratic control on oil that the region will have after the world peak of oil production, predicted to take place in 2005.

The WTC attack in this scenario has been a deadly blow to the Al'Qaida strategy because of the radical US reaction that followed that will eventually lead to the annihilation of world-wide active terrorist networks. The need to keep the threat of future terrorism under control will design the institutional framework in every country for decades to come with special laws, tribunals, procedures, pervasive control on information, on interpersonal communication, travel, expenses and perceivable limits to personal freedom. Oil will become a difficult commodity to obtain, increasingly indispensable to the industrial structure of the West; Terror motivated by fundamental fanaticism will become the cheapest and most powerful tool to control that commodity. The possibility that terrorist organizations may obtain nuclear devices or mass destruction devices are all too real and cannot be easily dismissed. (The US is at present under a state of maximum alert just on account of this type of attack). The list of active terrorist organizations is sufficient evidence that the probabilities of such an attack are very high.

http://www.state.gov/s/ct/rls/
pgtrpt/2000/index.cfm?docid=2450

Again any alternative strategy on oil and any strong energy saving policy, appear to be the only credible alternatives to an indefinite future state of terrorist emergency.

after-september-eleven.html

Regrettably it will take a long time before the "more of the same" logic and the obsolete 1980 paradigms are overrun by the US and European Governments.

The price of oil is subject to a cycle induced by the oligopolistic peculiarity of its market. Oil producing countries must pump at maximum production rates to pay back their investment and to supply the desperate need for cash flow of their debt-ridden economies and are very rigidly bound to the rates of demand. A small reduction in demand makes the price of the barrel plummet. The very moment at which demand increases again, on account of the low price, the cost of the barrel rises again.

The range of the variations is usually 60-50%. During the low price phase the economies of the weaker countries are massacred.

At this moment a price war is going on. Some of the OPEC countries are exerting pressure to cut production in order to keep the price of the barrel high. Russia is increasing production to expand its markets and to respond to their urgent need for cash. There may also be some retaliation against the Saudis who, years ago, massacred the Russian economy by pumping a lot of oil and decreasing the price of the barrel.

What follows is the data on oil prices in the US related to the quantity supplied (source Eric Thurston energy resources list):

Date

MM of barrels

US $ Price per bbl

18-Jul

314.8

24.06

20-Jul

316.2

22.72

27-Jul

315.1

23.68

17-Aug

301.8

24.78

24-Aug

304.5

24.53

31-Aug

302.5

25.05

7-Sep

303.3

25.39

14-Sep

302.7

26.32

21-Sep

305.9

25.18

28-Sep

307.5

20.84

5-Oct

307.4

20.33

12-Oct

303.0

20.15

19-Oct

305.8

19.15

26-Oct

308.3

18.77

2-Nov

311.9

18.10

9-Nov

311.7

17.39

23-Nov

307.3

15.80

15.80 US$ to the barrel is a historical low even when compared to the 3.00 US$ pre-crisis 1973 (in terms of 1973 constant dollar value). This oil price cycle will remain until peak production is reached and the maximum production capacity will irreparably fall below demand (allegedly in 2005-2007). The price per barrel will rise with no theoretical limit and with no "swing production" available to moderate the hike.

Crude & Dangerous

By that time a solid military presence in the Caspian Sea-Gulf region will secure the supply to the West until the end of the slow catastrophe that will follow. This entails the need for the region to have a healthy, happy and satisfied population, interested only in the conservation of the statu quo. Which should be the first priority now for any interested party.

What happens today in Afghanistan will pale in significance when compared to what will go on then in the rest of the World.

Utopian alternative.

A powerful world energy saving strategy, associated with a strong oil substitution strategy, set out today and vigorously implemented, could delay the peak production year for some time and help in preparing an easier transition to the new energy/environmental paradigm. Such a strategy could be induced by imposing a price per barrel of 100.00 $ US to affluent countries (lower in purchasing power terms than the 27.00 US$ of 1973 post crisis price). The resulting huge margins could be invested to support the agricultural reconstruction of the poor regions of the World &endash; a project to be entrusted neither to the IMF nor to the World Bank.

Most authors are very sceptical about this scenario, not so much for its technical feasibility as for want of the political vision and determination required for its implementation.

Personally, I am very curious. 

Lorenzo Matteoli
Scarborough, Western Australia
December 8th, 2001

Overview

Sono passati tre mesi dall'attacco al WTC, la guerra in Afghanistan ha superato la fase "aerea" ed è entrata nella fase "terrestre". Le atrocità dei "talebani" e dell'ala estrema del fondamentalismo islamico si stanno configurando in modo documentale, ma sicuramente non oltre ogni possibile dubbio del più convinto pacifista. Alle atrocità dei Talebani si aggiungono ora quelle dei mujahidin svolte secondo i consolidati canoni delle guerre tribali Afghane e con la testimonianza impotente degli osservatori USA. L'esistenza di una molteplicità di "reti" terroristiche mondiali mature e fortemente insediate è dimostrata e il dato ha sorpreso anche chi avrebbe dovuto essere informato. Come i servizi segreti americani e italiani.

La dialettica tra pacifisti e sostenitori della ineludibilitý dell'intervento in Afghanistan Ë impossibile: in un mondo ideale non ci dovrebbero essere guerre e la guerra non Ë mai stato uno strumento per la soluzione dei problemi, ma quando l'obbiettivo dichiarato e non negoziabile di una parte Ë la eliminazione fisica dell'altra parte il progetto biologico e il programma genetico superano qualunque possibile diverso razionale percorso. La linea "pacifista" coincide necessariamente con quella inaccettabile della autoimmolazione. Non c'era soluzione pacifica all'ipotesi di Hitler nel 1938, non c'Ë soluzione pacifica all'ipotesi di Al'Qaida nel 2001.

Le accuse a Bush di fare una guerra "utile" alla sopravvivenza del sistema energetico-capitalistico-industriale USA e Occidentale e necessaria a garantire per i prossimi 40 anni la risorsa petrolifera contenuta nella regione Caspio-Golfo Persico sono fondate, anche se l'Afghanistan non ha un ruolo diretto nella geografia del petrolio. Ma questo non diminuisce la responsabilitý criminale di Al'Qaida e dei Talebani, nË rende le loro atrocitý e i loro progetti gradevoli e civili. L'accusa a Bush dovrebbe essere equilibrata da una eguale e simmetrica accusa nei confronti di molti altri protagonisti fra i quali certamente l'Europa e quindi anche l'Italia. » difficile pensare che i capi (ufficiali e ufficiosi) dei vari nazionalismi e delle varie sette Tchetcheno, Uzbeko, Tadjiko, Turkmeno, Hazaro, Pashtun, Talebano etc. etc. non siano perfettamente al corrente delle implicazioni della guerra sul controllo nel lungo termine delle risorse petrolifere del bacino Caspio-Golfo. Come Ë impensabile che questo controllo, insieme alla spartizione a breve termine dei miliardi di dollari per la "ricostruzione", non sia l'oggetto vero e la vera difficoltý ai tavoli delle trattative per il dopoguerra Afghano iniziate in Germania sotto l'egida delle NU e dell'Europa. La scarsa digeribilitý di Bush per la cultura Europea non Ë moderata dal vedere l'attivismo di un "labour" come Tony Blair schierare le Special Forces con gli storici gonfaloni liberal della gloria Britannica nei deserti Afghani. L'affanno di Berlusconi per partecipare onorevolmente alla guerra al terrorismo globale viene ridicolizzato in nome di un pacifismo italiano conforme ideologicamente ambiguo e privo di progetto, mentre pił calmi sono i commenti sulla fatica di Schroder nel racimolare un voto favorevole all'interventio tedesco: se Berlusconi avesse fatto la figura di Schroder nel Parlamento Italiano sarebbe stato costretto alle dimissioni da quella stessa area che lo critica per l'USA Day. Come sempre quando non si hanno responsabilitý di governo Ë facile assumere atteggiamenti appassionatamente radicali. Con il che resta quasi incomprensibile la incapacitý di Berlusconi di guadagnare una immagine positiva da una posizione che sta gratificando politicamente quasi tutti i leader della "grande Coalizione".

La guerra al terrorismo globale ha catalizzato la dinamica dei rapporti internazionali provocando associazioni ideologicamente e culturalmente discutibili, chiare unicamente nell'ottica dell'emergenza. Non si puÚ dimenticare il parallelo con l'alleanza USA-USSR per sconfiggere Hitler che risolse la Seconda Guerra Mondiale. Ne si puÚ dimenticare la semisecolare difficoltý che il "liberarsi" da quella alleanza Ë costato all'Occidente dal 1945 al 1989 e oltre.

Il guaio della guerra contro il terrorismo Ë che tutti sono d'accordo fin che non si definiscono gli "scopi politici" che attualmente entrano nella definizione generale di terrorismo (uccisione di civili a scopi politici). La specifica marca del terrorismo fondamentalista islamico ha congiunturalmente risolto il problema: gli scopi politici immediati dei fondamentalisti sono l'applicazione strumentale e fanatica di atroci interpretazioni delle "surah" coraniche avendo in mente l'imposizione di una loro repellente idea di "nuovo oprdine mondiale". Ma non sempre il problema Ë cosÏ limpido.

Un altro "pallone" della political correctness che deve essere sgonfiato Ë quello sulla "civiltý dell'Islam". In Italia non si puÚ dire che i Paesi del mondo Islamico sono pił arretrati dei Paesi Occidentali quando questa Ë una banale evidenza supportata da solidissime ragioni storiche. Nessuno si puÚ azzardare a dire che gli stati islamici sono genericamente e tendenzialmente pił esposti a forme di governo totalitarie che vanno dalla dittatura criminale terroristica (Iraq, Sudan, Afghanistan) al paternalismo poliziesco pił o meno blando e pił o meno corrotto (Iran, Arabia Saudita, Kuwait, Egitto), di quanto non lo siano le democrazie occidentali. Nessuno ha acquisito ancora la libertý critica per affermare che ci sono buone e duramente conquistate ragioni storiche che hanno liberato l'occidente dal veleno delle interpretazioni fondamentaliste dei dettati cristiano e cattolico e che questi processi di "lavaggio laico" non hanno toccato il medioriente islamico se non con qualche grande eccezione (la Turchia di Ataturk). Non Ë un caso se l'occidente Ë riuscito (e purtroppo non del tutto) a liberarsi del fanatismo delle interpretazioni devianti della cultura cristiano-cattolica: dieci secoli di massacri, roghi, inquisizioni, arroganza e prevaricazione di preti ignoranti nei confronti di pensatori e scienziati, imposizione missionaria, rivoluzioni e milioni di morti sono stati pagati dalle culture del Celti per il risultato di "laicismo" attuale. Ancora modesto, peraltro unico e insuperato nel mondo. E molta strada resta da fare. La battaglia di Federico II Hohenstaufen non Ë ancora vinta in Europa, ma certamente non Ë stata mai nemmeno iniziata nel mondo islamico dove il dettato religioso coincide con la Costituzione o con lo Statuto di governo e dove spesso le due gerarchie politica e religiosa sono quasi identicamente sovrapposte. Come nella Russia di Stalin la religione comunista del Partito dominava il Governo Comunista. 

www.secularislam.org

Se il papa fosse il presidente della Repubblica l'Italia non sarebbe molto diversa dall'Iran. Se la religione cattolica fosse lo strumento unico e ineludibile per arrivare al potere, gli adempimenti catechistici sarebbero oggetto di controllo della polizia cattolica e ci sarebbe un Ministero per la Difesa della Fede con poteri terribili di interferenza nella vita privata e intima dei cittadini-soggetti-fedeli. Il solo pensiero fa venire la pelle d'oca conoscendo la disponibilitý italiana ai moduli del potere totalitario. Il debito dell'Italia alla Casa Savoia e a Cavour sotto questo aspetto Ë ancora da saldare: un credito che forse gli stessi titolari ignoravano di avere.

L'Islam non ha affrontato questo tormentato processo di laicizzazione e il veleno del fanatismo pił o meno strumentale Ë ancora forte nelle vene sociali di quel mondo: questo autorizza e giustifica il giudizio di arretratezza che ognuno formula implicitamente, ma che solo alcuni hanno la chiarezza ideologica di esprimere e di articolare criticamente ad alta voce. Il ricordo della filosofia e della matematica araba e della astronomia degli Egiziani sono solo una aggravante per quella cultura che nel 1000 DC era certamente pił avanzata di quella dei Celti. Di quel vantaggio non seppe avvalersi per dieci secoli successivi e anzi si avvolse sempre pił nel dogmatismo fondamentalista: utilissimo strumento di comando inquisitivo, assurdamente maschilista, inutilmente crudele e totalitario. Solida premessa per deviazioni tragiche. I talebani sono solo uno dei tanti esempi. La fragilitý ridicola della opinione conforme italiana su questo argomento merita un commento: nessun dubbio nel criticare pesantemente gli Stati Uniti, la Francia, l'Inghilterra, l'Italia o la Germania per qualunque sospetto di "durezza razziale, culturale o sociale", ma se si accenna alla arretratezza e all'oscura barbarie delle pratiche istituzionali islamiche si scatenano gli scandalizzati moralisti dell'italislam per ricordare AverroË, Avicenna, la matematica araba e l'astronomia egiziana.

Chi tortura, massacra, sfrutta, opprime, affama, in nome di qualunque dio o "cultura", va respinto dal consorzio civile. La sua azione va impedita con tutti i mezzi e le sue vittime vanno tutelate. Questi comportamenti, nemmeno comprensibili antropologicamente nelle tribu' del Borneo o dell'Amazzonia, sono odiosi quando imposti da codici e norme frutto di deviata o strumentale interpretazione fanatica di messaggi profetici o di tradizioni culturali vere o presunte.

E' un dovere affermarlo per chi gode del privilegio di una civiltý che ha pagato caro in dieci secoli di confronti con il potere secolare dei papi e di sanguinose rivoluzioni laiche il diritto di esprimersi senza paura. Il silenzio o la compiacenza passati per correttezza o astuzia politica sono in questi casi riprovevole responsabilitý. In questo senso anche chi denuncia per sensibilitý intuitiva, per ingenuitý o simplismo politico Ë apprezzabile. Categorie intuitive e semplici sono spesso necessarie per risolvere problemi complessi e ideologicamente troppo profondi per essere svolti dalla critica acculturata e disponibile agli eccessi di articolazione. Spesso nello svolgersi della storia c'Ë stato bisogno di grossolanitý e di brutale semplificazione per vedere macroscopiche veritý e descrivere le cose che sono come sono ("ea quae sunt sic ut sunt" Federico II Hohenstaufen, nel prologo del De Arte venandi cum avibus). La grande e articolata sensibilitý alla complessitý puÚ impedire la visione immediata e banale e accecare anche le menti pił belle. L'imperatore Ë nudo!

La "politica" Ë il luogo dove i problemi si affrontano: Ë una facile evasione tacere pavimentali veritý per paura, pudore o contingente utilitý elettorale. Prima o poi i silenzi diventano equivoci, connivenza e impudica corresponsabilitý: chi non ricorda il silenzio colpevole del papa Pio XII? In questo senso, sia la corale aggressione dei media per le semplici battute di Berlusconi a Berlino, che il suo successivo balbettamento e ambiguo diniego sono stati esempi di comportamenti egualmente scadenti: i giornalisti conformi al modello pił trito di political correctness, Berlusconi intimidito e incapace di sostenere dialetticamente le sue battute, per paura di "perdere" il consenso della conformitý petulante e spocchiosa.

La guerra sarý ancora lunga e costosa, il suo svolgimento e la sua estensione comporteranno conflitti e divisioni dure all'interno della coalizione, il dramma pacifista di fronte alla obbiettiva difficoltý di scelte critiche porrý seri problemi ai governi e agli eserciti impegnati. Le strumentalizzazioni di chi aderisce alla "coalizione" per vedere legittimato il suo specifico modo di leggere e combattere il suo specifico "terrorismo" costringeranno molti dei paesi aderenti sia in occidente che in oriente a compromessi ai limti della decenza e spesso ben oltre. Le alleanze ampie e strane (Cina, Russia, USA, Pakistan, Arabia Saudita, Egitto, Inghilterra, Francia, Italia, Germania, Indonesia) non potranno reggere alle contraddizioni violente che la lotta al terrorismo globale imporrý. Molti compagni si perderanno durante il viaggio, molti "alleati" si troveranno schierati su due fronti opposti. Giý adesso l'Arabia Saudita Ë in condizioni di forte imbarazzo. La retorica di Bush giý oggi ai limiti della sopportabilitý diventerý ancora meno palatabile.

Il problema nodale sarý riconoscere e affrontare i motivi storici delle deviazioni nazional-terroristiche: molti dei quali sono comprensibili. Originati storicamente da precise responsabilitý politiche. Punire il terrorismo senza dare atto delle originali responsabilitý politiche e senza aprire un percorso dialettico negoziale efficace non avrebbe molto senso. Su questo difficile terreno si dovranno verificare i "veri" alleati.

Il ritardo con il quale si Ë intervenuti Ë una enorme responsabilitý di tutti i servizi di intelligence occidentali, il tempo e la libertý che si sono lasciato ai capi di Al'Qaida per strutturare la rete internazionale sono il risultato di un errore enorme di matrice "operativa". Ma vanno ricordate le responsabilitý "politiche" del ritardo: difficoltý di urtare la sensibilitý di paesi "amici" come l'Arabia Saudita, l'Egitto, gli Emirati, impossibilitý di riconoscere nel terrorismo Tchetcheno una linea omologa a quella sostenuta dai Russi, difficoltý di riconoscere gli incredibili errori commessi dalla CIA con i Talebani e con il Pakistan, difficoltý di individuare nel conflitto Pakistan-India i sintomi di quello che stava effettivamente succedendo in Kashmir. Tutto sempre dettato dalla ipotesi canonica che ha orientato la lettura degli eventi non Americani del Dipartimento di Stato USA che non Ë ancora oggi uscito dagli schemi della guerra fredda da Stalin a Kruschev.

Mentre l'America distraeva attenzione politica e milioni di dollari per indagare sugli amori ancillari di Clinton e per contestare ambigui monopoli a Bill Gates, Al'Qaida si installava e strutturava attraverso gli Stati Uniti. Mentre la Francia, l'Italia e la Germania investivano le loro polizie e magistrature per indagare sulla corruzione ambientale proiettata a "monumento storico" i centri di studi islamici impostavano la rete di supporto Europea di Al'Qaida, magari utilizzando fondi comunali per l'incentivazione della "multiculturalitý" e finanziandosi con l'evasione fiscale delle cooperative di extracomunitari. Dopo l'11 settembre in due mesi di indagini finalizzate centinaia (forse migliaia) di sospetti sono arrestati e indagati: se quelle indagini fossero state fatte prima forse si sarebbero prevenuti molti attentati e bloccato sul nascere il consolidamento della rete internazionale. Ecco l'errore "politico": rendono di pił in termini di immagine, di potere e di voti le indagini a quattro colonne sulla corruzione e sulle tangenti delle indagini sulle cellule di Al'Qaida. I corrotti rubano, i terroristi rubano, uccidono e minacciano la libertý di milioni di individui per decine di anni a venire.

Se il pensiero "politico" avesse affrontato i problemi "matrice" dei movimenti nazional-terroristici dieci, venti anni fa (Palestina, Afghanistan, Irlanda, Euskalleria, Kashmir, Iraq, Iran, Ceylon, Sumatra, Maluku, Kalimantan, Solomon, Papua New Guinea, Filippine...) non saremmo oggi in situazione di crisi emergenziale costante e non ci sarebbero migliaia di focolari di innesco per giovani frustrati e disposti, per ideale o per denaro, a qualunque avventura e a qualunque manipolazione e strumentalitý.

La guerra in Afghanistan
Dopo tre mesi la situazione in Afghanistan Ë al limite della descrivibilitý:

L'Alleanza del Nord Ë passata da dieci mila unitý malamente attrezzate a trentamila unitý armatissime e completamente equipaggiate con tecnologie Russe (tanks, bombe, missili e granate antitank a spalla). L'integrazione pare sia avvenuta con truppe degli eserciti regolari dell'Uzbekistan, Tadjikistan e Turkmenistan. Sfruttando la pesante azione di bombardamento USA e Inglese l'Alleanza del Nord controlla oggi il 90% del territorio e rifiuta, per il momento e solo ufficialmente, l'intervento terrestre di Americani, Inglese e Francesi.

Mentre a Bonn le fazioni Afghane discutono su complicate configurazioni politiche e improbabili "nomenklature", a Kabul e Kandahar il comandante Uzbeko Doshtun controlla il territorio e non sembra disposto a cedere il suo attuale potere effettivo a nessuna virtualitý politica astratta. Dovrý farlo se vorrý raccogliere la carrettata di miliardi di dollari che USA ed Europa sono disposti a spendere per la ricostruzione. Lo farý nei modi e nei tempi che detterý.

Secondo alcuni osservatori lo svolgimento attuale del confuso conflitto Ë una implicita vittoria della Russia che raccoglie i benefici della vittorie dei mujahidin pił di ogni altro partecipante alla "coalizione", e che si vede le mani libere per trattare i suoi problemi di terrorismo in Tchetchnia. Non cosÏ semplice: in ogni vertenza o problema con il mondo arabo ci sono aspetti di "faccia" e di "sostanza" che vanno tenuti presenti. Spesso le dichiarazioni ufficiali sono platealmente false rispetto alle intese effettive che non vengono mai rese pubbliche.

Doshtun Ë il pił scaltro e cinico dei signori della guerra sulle scene Afghane come ha dimostrato facendo entrare nel forte di Mazar y Sharif tre camion di mercenari Al'Qaida Yemeniti armati senza perquisirli in modo che il loro successivo tentativo di ribellione giustificasse il massacro, puntualmente eseguito alla presenza di impotenti militari americani e inglesi. Non sarý facile liberarsi di lui e sottrarsi alle sue pretese nel quadro politico della "ricostruzione" postbellica.

Come si muoveranno i mujahidin nella situazione post bellica (se mai ce ne sarý una) Ë difficile dire: non sono amici dei Russi che li sospettano da sempre, ma non sono nemmeno disponibili ad alleanze con gli Americani che cominciano a sospettarli da qualche settimana. Sono odiati dai Pashtun (la tribu' dominante nel Sud) che a suo tempo preferirono i Talebani. Al loro interno sono divisi in varie componenti e bande a seconda delle etnie (Uzbeki, Tchetcheni, Tadjiki, Hazari, Turkmeni) in un gioco di alleanze fra i vari "comandanti" mortalmente dinamico. Nel complesso si tratta di un "loose cannon" in grado di provocare non pochi danni e di ritardare per molti anni il processo di normalizzazione..

Le Nazioni Unite con la collaborazione dell'Europa cercano di impostare (con la riunione a Bonn) una ipotesi di governo provvisorio "intertribale" che sperano di paracadutare (imporre) confezionato a Kabul. La possibilitý di negoziare con Doshtun e gli altri "capi" dell'Alleanza del Nord Ë pił che altro presunta e affidata al condizionamento che i fondi per la "ricostruzione" consentiranno.

I Talebani Afghani che ci riescono si arrendono a centinaia o cambiano campo, quelli che non ci riescono vengono massacrati dalle milizie mercenarie Saudite e Pakistane di Al'Qaida. I Talebani mercenari non Afghani sono divisi in gruppi etnici con comportamenti diversi: ambiguamente disposti alla resa gli Yemeniti, votati alla resistenza fino all'ultimo uomo (con diverse sfumature di convinzione) i Sauditi, i Pakistani e gli Egiziani. Alcuni capi Talebani Afghani si sono arresi altri si apprestano alla resistenza ad oltranza e lanciano appelli alle truppe disperse e disperate. Osama Bin Laden non Ë pił apparso sugli schermi di Al Jazeera e viene inseguito da tutti. Ognuno con la speranza di prendere la taglia da 25 milioni di dollari che Bush gli ha posto in capo.

Nel quadro confuso non vanno dimenticate le centinaia di civili che vengono bombardati per errore, gli episodi di incontrollato banditismo su tutto il territorio, i massacri di prigionieri disarmati e di prigionieri armati, la emergenza catastrofica dell'inverno alle porte.

La copertura della guerra da parte dei media Ë giý costata la vita a 10 giornalisti e tecnici TV: per la professione il bilancio pił pesante degli ultimi dieci anni di conflitti.

Gli Americani (Inglesi, Australiani, Francesi, Canadesi, Italiani e Tedeschi) perseguono pervicacemente il programma di distruggere tutte le caverne nelle quali si puÚ nascondere Osama Bin Laden e non hanno apparentemente per il momento altri scopi. Bush e la Cia lasciano filtrare intenzioni e piani di estendere il conflitto all'Iraq e al Sudan.

Non si hanno informazioni del coinvolgimento Saudita e del Pakistan in Al'Qaida che perÚ sembra massiccio e imbarazzante per la dinastia dei Saud, per Musharraf e per gli Americani. Lo stesso vale anche se con minore importanza per l'Egitto. Nessuno se ne era mai accorto?

Da questo quadro non limpido un solo segnale, ma chiarissimo e forte, indica che la guerra si doveva fare e lascia qualche speranza per il futuro: la reazione di gioia esplosiva degli abitanti di Kabul "liberata". Nonostante il futuro per loro sia pieno di pericoli e di incertezze tragiche gli Afghani di Kabul hanno riaperto i cinema, riattivato le televisioni, acceso le radioline e i giranastri e ripreso a sorridere. Le donne hanno scoperto il volto e i bambini hanno ripreso a giocare, magari facendo volare gli aquiloni blasfemi. L'ipotesi di libertý difficile e contrastata che intravedono oltre il tunnel Ë sufficiente ad alimentare la molla vitale del "progetto".

Ancora una volta vediamo svolgersi una sequenza canonica della storia: la libertý che di nuovo nasce da tragedie, massacri, sangue e sacrifici disumani.

C'era una alternativa diversa? C'erano le condizioni per un negoziato pacifico con i Taliban e con i mercenari di Al'Qaida?

Quando esattamente si sono perse le opportunitý per uno svolgimento diverso da quello tragico attuale? Quale Ë stato il percorso storico attraverso il quale il dialogo tra mondo arabo e mondo occidentale Ë diventato conflitto? Bastano le responsabilitý della politica USA-Israele-Palestina per giustificare l'avvelenamento dei rapporti fra mondo arabo e occidente? Ci sono responsabilitý della politica estera pan-araba nel problema Palestinese simmetriche a quelle USA? I risvolti di interesse petrolifero diminuiscono il significato della liberazione dell'Afghanistan dalla brutaltý dei talebani? Oppure proprio grazie ai risvolti di interesse petrolifero Ë stato possibile affrontare la guerra di liberazione?

Nelle risposte a queste domande la chiave per risolvere il "dopoguerra Afghano", e forse non solo quel problema.

Si possono sospettare altre ragioni per fare la guerra analizzando bene il comportamento preoccupato di Blair, Bush, Chirac, Shroder: attraverso la retorica jingoistica si sente una intima terribile preoccupazione, si sente la paura. Ma non ci sono altri elementi di supporto documentale per i sospetti.

Nel frattempo il petrolio
» divenuto oramai un luogo comune sostenere che la guerra in Afghanistan Ë una guerra per il petrolio. Uno degli scopi dichiarati di Osama Bin Laden e di Al'Qaida Ë il controllo delle risorse petrolifere del bacino geografico dal Caspio al Golfo, ci sono progetti di UNOCAL per un oleodotto (o gasdotto?) trans-Afghano dal Turkmenistan al Pakistan, c'erano trattative tra gli Stati Uniti e i Talebani per avere le garanzie di stabilitý politica che consentissero l'investimento infrastrutturale. Non tutti gli esperti sono d'accordo sulla "centralitý" dell'Afghanistan nelle strategie di accesso e di movimentazione di petrolio e di gas naturale e la questione probabilmente si puÚ condensare nel concetto molto semplice: gli Stati Uniti vogliono consolidare una loro presenza istituzionale o militare nella regione in previsione delle difficoltý che una successione "unfriendly" in Arabia Saudita potrebbe significare e vogliono "ripulire" la regione dalle documentate presenze di reti terroristiche che perseguono scopi che vanno dalla generica destabilizzazione, al ricatto petrolifero, e al colpo di stato.

Questo in previsione del monopolio sulle risorse mondiali di petrolio e gas naturale che la regione Caspio-Golfo avrý a partire dai prossimi anni (se non giý attualmente).

L'attacco al WTC in questo quadro Ë stato un colpo gravissimo inferto al "disegno" strategico di Al'Qaida perchË ha provocato la reazione drastica e radicale degli Stati Uniti che molto probabilmente segnerý la fine per molte delle reti terroristiche attive nel mondo

La necessitý di controllare future insorgenze terroristiche determinerý il quadro istituzionale in tutti i paesi del mondo per molti decenni a venire con leggi speciali, procedure emergenziali, riduzione della libertý personale, tribunali speciali. Il petrolio diventerý sempre pił ambito e necessario all'economia occidentale e la "leva" terroristica motivata dal fanatismo fondamentalista islamico sarý sempre pił forte e sempre pił accessibile economicamente per chiunque la voglia usare strumentalmente.

L'eventualitý molto probabile che i terroristi si possano appropriare di strumenti di aggressione nucleare o para-nucleare (dirty bombs) o di armi biologiche per stermini di massa sono effettive e drammaticamente attuali (gli Stati Uniti sono oggi in stato di massimo allarme proprio per ipotesi di questo tipo di attacco). Basta consultare l'elenco delle organizzazioni terroristiche attive per capire che la probabilitý che un gesto fanatico maturi in quel contesto sono elevatissime.

http://www.state.gov/s/ct/rls/pgtrpt
/2000/index.cfm?docid=2450

Questo indica ancora una volta la strategia di alternativa al petrolio come una delle poche credibili alternative allo stato di emergenza terroristica perenne futuro.

after-september-eleven.html

Purtroppo prima che la logica del "more of the same" e i paradigmi degli anni 80 vengano dismessi dalla cultura di governo degli Stati Uniti e dell'Europa ci vorranno ancora diversi anni.

Il prezzo del petrolio Ë soggetto a una dinamica ciclica dovuta dalla caratteristica oligopolistica del suo mercato: i paesi produttori devono produrre ai livelli della loro massima capacitý per ripagare gli investimenti e per sostenere le loro esigenze di cash flow e sono legati in modo rigido alla domanda. Se la domanda scende di pochi punti al di sotto della offerta il prezzo del barile crolla. Appena la domanda aumenta, incoraggiata dal costo basso, il prezzo al barile recupera (50%-60%). Durante le fasi di basso costo petrolifero si distruggono le economie dei paesi pił deboli (Africani, Centro e Sud America, Norvegia).

In questo momento si sta svolgendo una guerra dei prezzi: alcuni paesi OPEC vorrebbero tagliare la produzione per sostenere il prezzo mentre la Russia aumenta la sua produzione per acquisire mercati e per far fronte alla sua disperata necessitý di cash e anche come ritorsione per l'analoga politica Saudiana che a suo tempo provocÚ il dissesto economico della ex Unione Sovietica.

Ecco l'andamento dei prezzi del barile (negli SU) dal 18 luglio 2001 al 23 novembre 2001 a fronte della domanda (fonte Eric Thurston energyresources list):

Date

MM of barrels

US $ Price per bbl

18-Jul

314.8

24.06

20-Jul

316.2

22.72

27-Jul

315.1

23.68

17-Aug

301.8

24.78

24-Aug

304.5

24.53

31-Aug

302.5

25.05

7-Sep

303.3

25.39

14-Sep

302.7

26.32

21-Sep

305.9

25.18

28-Sep

307.5

20.84

5-Oct

307.4

20.33

12-Oct

303.0

20.15

19-Oct

305.8

19.15

26-Oct

308.3

18.77

2-Nov

311.9

18.10

9-Nov

311.7

17.39

23-Nov

307.3

15.80

15.80 $ al barile sono un minimo storico anche rispetto ai 3.00 $ al barile precrisi del 1973.

Il ciclo del petrolio avrý questa caratteristica fino a quando i paesi produttori saranno costretti a produrre al massimo della capacitý per la loro incapacitý di fissare dei limiti a se stessi (fragilitý dei cartelli).

Gli economisti della scuola tradizionale ritengono che questo andamento si possa proiettare indefinitamente nel futuro.

Non cosÏ.

L'aumento del prezzo al barile non avrý limiti teorici quando la capacitý (2005-2007) produttiva avrý raggiunto il "peak" e la produzione dovrý di necessitý scendere sotto il livello di domanda senza possibilitý di risalite.

Crude & dangerous

A quel punto una solida presenza militare nella regione Caspio-Golfo tutelerý l'Occidente fino alla fine della successiva lenta catastrofe e quello che succede oggi in Afghanistan sarý considerato un romanzo rosa.

Alternativa utopica (o no?)
Una forte strategia mondiale di risparmio prima, e di sostituzione poi, del petrolio impostata e iniziata oggi potrebbe servire a ritardare di qualche anno il picco di produzione e, forse, a facilitare il superamento della fase catastrofica e l'innesco di un nuovo paradigma ambientale. La strategia potrebbe essere innescata dalla imposizione ai paesi affluenti di un prezzo per il barile di 100.00 $ US che sarebbe comunque inferiore o eguale in termini di purchasing power della moneta ai 27.00 $ US del 1973. Gli enormi margini di liquiditý risultanti dovrebbero sostenere una campagna di ristrutturazione agricola delle regioni povere del pianeta. Possibilmente non affidata alle logiche della Banca Mondiale e dell'IMF.

Su questa plausibilitý molti autori sono scettici, non tanto per la difficoltý tecnica dell'ipotesi, quanto per la incapacitý politica di sostenerla. Personalmente sono curioso.

Lorenzo Matteoli
Scarborough, Western Australia
Dicembre 6, 2001